Inside Xbox: tre nuove IP e il trionfo del Game Pass alla conferenza X019

Il fan fest inglese di Microsoft ha portato sul palco una serie di interessanti annunci e ha ampliato a dismisura l'offerta del Game Pass su Xbox One e PC.

Inside Xbox X019
Live: Xbox One
Articolo a cura di

Aleggiava un'aria più elettrica del solito intorno all'Inside Xbox che avrebbe aperto la Fan Fest di Londra. Si erano infatti susseguite molte indiscrezioni: alcune volevano Obsidian al lavoro su un nuovo progetto, mentre altre vociferavano l'arrivo di The Witcher 3 nel sempre più rampante Game Pass. Microsoft era dunque chiamata al compito di allestire un evento che riuscisse a stuzzicare gli appetiti della fanbase, capace di dare segnali promettenti per quanto riguarda la sua line-up dell'anno a venire. Rispettando le aspettative, questo Inside Xbox è stato senza dubbio un appuntamento di spessore, scandito da annunci alquanto interessanti e da promettenti prospettive per il futuro della Casa di Redmond, soprattutto in ottica dell'ampliamento del catalogo Game Pass. Senza ulteriori indugi, è tempo di riassumere i momenti cardine dell'X019 londinese.

Da Everwild a West of Dead, passando per Grounded

Dopo un breve trailer dedicato a Fortnite Capitolo 2, lo sponsor ufficiale dell'evento, i fan di Star Wars hanno potuto ammirare un ispirato spot dedicato al nuovo gioco di Respawn Entertainment, a poche ore dal lancio e dalla recensione di Jedi Fallen Order. L'inside Xbox si è aperto proprio tra le armature degli Stormtrooper, insieme al creative director del gioco Stig Asmussen, consapevole di aver donato al mercato videoludico il miglior gioco di Guerre Stellari degli ultimi anni.

Dopo questo breve momento e i saluti di rito, il vessillo degli studi interni di Microsoft è stato affidato a Rare, che ha presentato al mondo la sua nuova proprietà intellettuale: Everwild, nel cui evocativo trailer si avverte in parte l'influenza dello Studio Ghibli. Il video ha mostrato un trio di personaggi impegnato a esplorare un luogo totalmente immerso nella natura e abitato da creature misteriose. Alcuni animali, superati i timori iniziali, hanno interagito amorevolmente con i tre protagonisti, mentre altri esemplari si sono dimostrati al contrario ben più minacciosi.

Stando alle dichiarazioni del team, Everwild sarà un adventure open world in cui è prevista una forma - ancora poco chiara - di collaborazione tra gli utenti all'interno di un mondo condiviso. Attualmente non ci è dato sapere altro della produzione, se non che si tratterà di un progetto sviluppato da un team differente rispetto a quello che si è occupato di Sea of Thieves.

Calato il sipario su Everwild, il capo degli Xbox Game Studios, Matt Booty, ha chiarito un importante obiettivo dell'evento: l'intento di mostrare altre due nuove proprietà intellettuali. Come prevedibile, subito dopo è scesa in campo Obsidian, pronta a presentare la sua ultima opera: il pubblico ha così intravisto alcuni stralci di gameplay di Grounded, un titolo in tono "minore" che sta impegnando una piccola parte del team responsabile di The Outer Worlds.

Il gioco sarà un survival game di stampo story-driven, da giocare in solitaria o in cooperativa, in cui un gruppo di teenager è vittima di un esperimento che lo ristringe alle minute dimensioni di un insetto, e dovrà per questo sopravvivere ad ondate di formiche, blatte ed altre "gigantesche" avversità naturali. Per ulteriori dettagli in merito, vi rimandiamo alla nostra anteprima di Grounded.

Senza allentare in alcun modo il rapidissimo ritmo dell'evento, a Obsidian ha fatto seguito un'altra World Premiere, questa volta multipiattaforma. Si tratta di West of Dead, un twin stick shooter con un sistema di coperture e stage procedurali, ambientato nel Wyoming del 1888 e incentrato sulla misteriosa figura di William Mason: uno scheletro dalla testa infuocata, interpretato nientemeno che dall'attore Ron Perlman (Hellboy, Sons of Anarchy). Il gioco di Raw Fury, studio impegnato come publisher anche su The Last Night, è previsto il prossimo anno su PC e tutte le console esistenti, ma già da ora è disponile per Xbox One in formato open beta.

Piccole, grandi World Premiere

Con la rapidità di chi ha tanto da raccontare, Microsoft ci riporta tra i mari di Sea of Thieves tramite l'update The Seabound Soul, in arrivo il 20 novembre, e poi ci catapulta di nuovo sulla terra ferma con l'annuncio dell'approdo di Rust su Xbox One nel 2020. Giunge in seguito il turno di un'altra World Premiere, indubbiamente meno intrigante di quelle che l'hanno preceduta: stiamo parlando del racing KartDriver Rift, che sarà scaricabile gratuitamente su PC e sulla console di Microsoft nel corso dell'anno venturo. Con i riflettori puntati sul kart game di Nexon, l'Inside Xbox ha subito un piccolo calo di ritmo, concedendo troppo spazio ad un titolo sì colorato e brioso, ma non certo particolarmente esaltante da meritare un minutaggio così esteso.

Dai tracciati dei racing game si passa alle arene da combattimento: Bleeding Edge rivela la sua data di uscita, prevista per il 24 marzo, una release anticipata da una beta che sarà disponibile un mese prima, per la precisione dal 14 febbraio. L'action multiplayer di Ninja Theory riesce a convincere sul fronte del character design, ma lascia ancora qualche dubbio sulla freschezza di una formula ludica che forse giunge fuori tempo massimo, in un mercato ormai fin troppo saturo di titoli similari. Per saperne di più, vi invitiamo a leggere la nostra ultima prova di Bleeding Edge.

Fortunatamente, l'Inside Xbox ha ripreso subito velocità, grazie alle World Premiere sia di Planet Coaster Console Edition, il gestionale dedicato alla costruzione di folli ottovolanti, sia soprattutto di Tell My Why, esclusiva Microsoft a cura di Dontnod Entertainment, lo studio noto per Life is Strange e Vampyr.

La nuova IP pare riprendere gli stilemi dell'avventura grafica a episodi tanto cara al team francese, in cui dovremo compiere diverse scelte che altereranno lo sviluppo della storia, la quale seguirà le vicende dei fratelli Tayler e Madison, uniti da un legame speciale. In attesa di scoprire maggiori dettagli sulla trama, non nascondiamo un pizzico di apprensione per l'operato dei Dontnod, i quali stanno forse riproponendo con eccessiva frequenza la stessa tipologia di produzioni (basti pensare che all'appello manca ancora Twin Mirror, un'altra avventura grafica in arrivo nel 2020), col rischio di ridurre l'attenzione del pubblico e perdere parte della freschezza e della qualità che li ha caratterizzati fino ad oggi.

A incuriosire senza riserve è invece il peculiare rhythm game The Artful Escape, che si ripresenta sulla scena dopo un lunghissimo periodo di silenzio con la sua travolgente carica di stile e vivacità: a supporto del progetto non poteva che esserci Annapurna, un publisher in grado di proporre titoli sempre originali e fuori dagli schemi, come dimostra anche l'annuncio del promettente Last Stop, un'avventura a cura dei creatori dell'apprezzato Virginia. Al termine di questa gustosa carrellata, è stato dedicato uno spazio a Project xCloud: la tecnologia in sviluppo presso la Casa di Redmond prevederà il supporto a tutti i joypad bluetooth in commercio, compreso il Dualshock 4 della concorrenza, sarà disponibile nel 2020 anche su Windows 10, vanterà la partecipazione di Electronic Arts e sarà gratuito per tutti gli abbonati al Game Pass. Spostandoci brevemente sul sempre crescente programma di Microsoft, è stato reso noto che Yakuza 0, Kiwami e Kiwami 2 verranno inseriti nel catalogo del servizio.

Prima del tanto atteso reveal dell'approdo di Halo Reach nella Master Chief Collection, è stato mostrato Drake Hollow: benché il trailer non abbia chiarito a sufficienza quali sono le meccaniche cardine del progetto, si tratta di un survival che prevederà anche la cooperativa tra quattro giocatori, contraddistinto da uno stile visivo abbastanza accattivante. Successivamente, i riflettori sono stati puntati sull'ottimo gameplay trailer di Microsoft Flight Simulator, seguito da uno degli annunci più sperati - e rumoreggiati - dell'evento: Age of Empires 4 è ufficialmente realtà, e per ingannare il tempo prima del suo arrivo potrete trascorrere un quantitativo impressionante di ore in compagnia del secondo capitolo, da poco giunto in edizione rimasterizzata, che abbiamo analizzato nella nostra recensione di Age of Empires 2 Definitive Edition. Sul palco londinese è stato chiarito che il quarto episodio della serie sarà ambientato nell'era medievale e vanterà civiltà come gli Inglesi e i Mongoli.

Dai campi di battaglia della guerra antica si passa ai terreni di guerriglia moderna con CrossfireX, shooter tattico sullo stile di Counter Strike che vanta addirittura la collaborazione di Remedy (gli autori di Max Payne e di Control) come partner nella realizzazione della campagna. E per questo motivo la nostra curiosità verso la produzione si è fatta magicamente più intensa.

Immancabile, in ogni caso, il momento dedicato al Game Pass, dopo "l'antipasto" a base di Yakuza. Questa volta, a parlare è direttamente Square Enix, che porterà sul servizio ben nove capitoli di Final Fantasy, mentre le raccolte di Kingdom Hearts, accompagnate dal terzo capitolo, approderanno su Xbox. Sono stati successivamente annunciati i nuovi arrivi sul catalogo: tra i più interessanti già a disposizione degli abbonati, è doveroso segnalare Rage 2, Remnant From The Ashes e The Talos Principle; durante le vacanze natalizie, invece, gli utenti potranno usufruire di giochi come Darksiders 3, The Witcher 3, My Friend Pedro e molto altro ancora, in un flusso inesauribile che testimonia l'incredibile attenzione riposta da Microsoft in un servizio che, al giorno d'oggi, non conosce eguali.

In conclusione, dopo un rapido mash-up incentrato sul programma ID@Xbox, il capo divisione Phil Spencer è salito sul palcoscenico per fornirci il suo punto di vista sull'evento e salutare il pubblico con Wastelands 3. A questo punto la palla è passata a Brian Fargo di InXile Entertainment che, dopo aver chiarito come questo capitolo rappresenti la sublimazione dell'intera serie, ha lanciato un nuovo trailer della sua opera, condito dalla data di uscita, ossia il 19 maggio 2020.

Scheda Xbox One Nonostante l’assenza dei progetti più imponenti e importanti per il futuro di Microsoft, questo Inside Xbox è stato scandito da una mole di contenuti di rilievo, che ha reso lo show uno dei più interessanti tra i recenti Fan Fest. Tante World Premiere, molte incentrate su produzioni a cura di team di tutto rispetto come Rare, Obsidian e Dontnod; un Game Pass che appare sempre più la punta di diamante delle strategia di Phil Spencer e soci, a cui si affiancano degli ottimi segnali su servizi sperimentali come il Project xCloud. In definitiva, l'XO19 è stato un evento notevole, con un ritmo quasi sempre impeccabile, che ha dato prova di un maggior coinvolgimento da parte dei team acquisiti dalla Casa di Redmond, in attesa della tanto agognata next gen.