Esport

Intel Extreme Masters 2018: eSport in VR con la finale del torneo di Echo Arena

Il più grande palco degli eSport mondiali accende nuovamente i riflettori, questa volta ospitando anche i primi tornei competitivi dedicati ai giochi VR.

speciale Intel Extreme Masters 2018: eSport in VR con la finale del torneo di Echo Arena
Articolo a cura di
Tommaso Tommaso "Todd" Montagnoli è un maniaco e devoto videogiocatore da più di vent'anni, feroce appassionato di RPG, strategici e tutto il resto. Le poche ore che non spende giocando le passa fra fumetti, cinema, brit rock e snowboard. Lo trovate su Facebook, Twitter e su MORLU TOTAL GAMING.

Per il mondo intero, il primo weekend di marzo rappresenta spesso anche il primo spiraglio di primavera: le giornate si fanno più lunghe e finalmente ci si libera dalla fredda morsa dell'inverno (anche se quest'anno sembra tutt'altro). Per un appassionato di eSport, invece, il mese di marzo significa una cosa sola: Intel Extreme Masters, ovvero la manifestazione più importante e longeva dedicata al mondo del gaming agonistico. Siamo giunti infatti alla dodicesima edizione, e secondo le previsioni è lecito aspettarsi cifre da record su tutti i fronti. Nel 2017, i partecipanti alla manifestazione organizzata con orgoglio da INTEL e ESL sono stati più di 173.000, ma con i recenti sviluppi del settore (ed anche con il rinnovato interesse da parte dei media tradizionali), questa edizione può veramente aspirare ad un ulteriore salto di qualità.
Gli occhi del mondo sono già tutti puntati sul main stage della Spodek Arena, che ospiterà gran parte dei match e le attesissime finali dei titoli più seguiti (programmate per sabato e domenica), ma ovviamente non finisce qui. Perché la manifestazione non è solo "stadio e showroom", è anche qualcosa di più; un punto di incontro fra i grandi protagonisti del mondo tech ed anche un vero e proprio palco per la presentazione di nuove tecnologie. Gli IEM incarnano con fierezza tutta la volontà di innovazione che c'è nel settore del gaming, anticipando spesso quelli che saranno i trend futuri, ed in questa ottica, il 2018 ha un valore estremamente particolare. Non è un mistero che la VR abbia già ottenuto una sua vetrina qui a Katowice, ma questo sarà la prima volta dove assisteremo anche ai primi tornei in grande stile. Un trampolino di lancio importantissimo per tutti i produttori di hardware VR, e fra gli altri, c'è anche Oculus Rift, che si posiziona in prima fila con l'intento di promuovere due titoli competitivi che stanno già riscuotendo un grande successo fra il pubblico. È stata proprio la società fondata da Palmer Luckey ad invitarci quest'anno e ciò significa che, mentre voi leggete questo articolo, noi di Everyeye saremo già in viaggio verso la Polonia per seguire l'evento dal vivo: aspettatevi dunque un coverage a 360° sulla nostra sezione eSport, e preparatevi a scoprire una VR come non la avete mai vista...

VR Rising

Come dicevamo poc'anzi, IEM non ospita unicamente gli ormai consolidatissimi Counter Strike e Starcraft II, ma anche un gran numero di altri titoli (gran debutto previsto per PUBG), e fra questi ci sono anche due importanti promesse appartenenti alla scena VR. Si tratta di The Unspoken e Echo Arena, e nel caso non li conosciate, niente paura: siamo qui apposta per fare le presentazioni. Il primo è un titolo estremamente particolare ed originalissimo del suo concept, sviluppato da Insomniac Games in collaborazione con Oculus VR.

Si tratta di un competitivo 1v1, ambientato in quello che potrebbe sembrare un setting contemporaneo, se non fosse per il fatto che esiste la magia. E ovviamente, esistono anche i duelli a base di magia. Ogni giocatore impersona un mago, e dovrà affrontare il suo avversario in scontri "all'ultima fireball" in giro per le svariate arene di Chicago. C'è un sistema di spostamento basato sul teletrasporto, la possibilità di deflettere i colpi, ed anche tomi e tomi di spell da concatenare in infinite tipologie di combo. La tattica è indispensabile, e ciò lo rende perfetto per gli eSports, ma oltre a questo si tratta di un'esperienza estremamente particolare, caratterizzata da una enorme fisicità. Si impara velocemente, quasi d'istinto, ma a livello competitivo il gioco raggiunge una complessità davvero notevole, unica nel suo genere, e allo stesso tempo incredibilmente spettacolare da guardare. Sul palco degli IEM si affronteranno i migliori giocatori del mondo, divisi in lega EU e Nord America.
Il secondo titolo ha un seguito ancora più grande, e di sicuro ne avrete già sentito parlare: Echo Arena è il Best VR Game dello scorso E3, sviluppato dai Ready at Dawn (team Californiano famosissimo soprattutto per The Order 1886), e pubblicato dagli studi Oculus. In realtà, Echo Arena nasce come spin off PvP dell'acclamato titolo single player Lone Echo, uscito per Oculus Rift nel luglio 2017. Echo Arena è un eSport di tipo full-contact, come una specie di palla a mano a gravità zero (in caso ve lo stiate chiedendo sì, somiglia un po' anche al Blitzball).

Due squadre si affrontano in una arena di medie dimensioni dai connotati hi-tech: un disco metallico simile ad un frisbee va conquistato e in seguito lanciato dentro la porta avversaria. Ovviamente non è così semplice, dal momento che il team avversario farà letteralmente di tutto per ostacolarci. Bisogna in primis dominare l'assenza di gravità, sfruttare l'inerzia e lanciarci facendo sponda sui nostri compagni, e non mancano anche i colpi diretti. Divertentissimo da giocare e avvincente da guardare. Interessante è poi l'utilizzo dei controller Oculus Touch, che riesce perfettamente a simulare la prensilità delle mani del giocatore, e permettendo così tutta una serie di azioni elaborate come la possibilità di afferrare realmente il disco, aggrapparsi ai compagni e perfino alle superfici. A livelli PRO ne escono sempre scontri tenutissimi, incredibilmente dinamici e veloci, che con la guida di un buon caster diventano subito immediati anche ai nuovi arrivati. Echo Arena sta già avendo un grande successo, ed è merito anche della sua inclusione nel pacchetto software compreso nel kit Oculus Rift. Qui agli IEM 2018 avranno luogo le finali mondiali, anche in questo caso divise in leghe EU e Nord America.

Intel Extreme Masters Gli Intel Extreme Masters giungono alla dodicesima edizione e grazie alla diffusione ancora più grande del fenomeno eSportivo, si preparano a infrangere ogni record di partecipazione e di audience (nonché di montepremi). I fan di tutto il mondo stanno raggiungendo la tranquilla Katowice, nel cuore della Slesia Polacca, che per l'occasione si illumina a festa ed ospita un gran numero di eventi a tema gaming. Showfloor dedicato all'expo hi-tech, conferenze, feste notturne ed ovviamente tutte le finali dei titoli più seguiti di sempre. CS:GO e Starcraft II sono ovviamente il piatto forte, ma in questa edizione ci aspettiamo molto anche dal mondo VR, che per la prima volta esordisce con tornei ufficiali dedicati a due titoli molto apprezzati dall'utenza. The Unspoken e ECHO ARENA avranno finalmente la possibilità di mostrarsi al grande pubblico, ed avranno anche l'imponente responsabilità di fare da "aprifila" per una nuova generazione di eSport. Insomma, gli IEM 2018 si preannunciano più interessanti che mai, e se volete rimanere aggiornati su tutte le novità in diretta da Katowice, non dovete far altro che rimanere sulle pagine di Everyeye.it...