Judgment e Lost Judgment: come girano su PC e Steam Deck?

Il richiamo degli aspiranti detective da PC non è passato inosservato: ecco la nostra prova di Judgment e di Lost Judgment su RTX 3060 e Steam Deck.

Judgment e Lost Judgment: come girano su PC e Steam Deck?
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Xbox Series X
  • SEGA e RGG Studio, alla fine, hanno sorpreso tutti con l'annuncio di Judgment e Lost Judgment per PC. Lo spin-off di Yakuza e il suo seguito sono approdati finalmente su Steam e questo ci ha permesso di saggiarne il valore tecnico sia su macchina con Windows 11 che su Steam Deck, l'handheld di Valve ormai divenuto standard per il segmento per via delle profonde ottimizzazioni che solitamente caratterizzano i titoli verificati presenti sulla piattaforma. I due titoli, in particolare, risultano supportati con spunta verde e quindi "perfetti per Steam Deck". Un buon punto di partenza, ma cerchiamo di capire un po' meglio il livello di questo doppio porting, disponibile in bundle unico nella Judgment Collection oppure separatamente per titoli, ma attenzione: l'espansione di Lost Judgment "I dossier di Kaito" è inclusa nel prezzo solo nella collezione completa.

    Bentornati a Kamurocho

    A darci il bentornato - e per qualcuno il benvenuto - nel primo capitolo della serie è la classica sequenza di introduzione. Una rapida successione ci introduce all'ormai storico pedinamento iniziale e basta relativamente poco per rendersi conto che ci troviamo sostanzialmente di fronte al medesimo prodotto confezionato e servito poco più di un anno fa su next-gen, ma con un impatto visivo che giova maggiormente dell'eventuale maggior potenziale di calcolo fornito dall'ecosistema PC.

    Ne abbiamo già parlato nella nostra recensione di Judgment rimasterizzato per PS5, ma in linea generale il materiale a disposizione è lo stesso di questo taglio del gioco, con tutte le migliorie e le rinunce del caso. Nella nostra prova PC ci siamo appoggiati a un sistema preassemblato di fascia media, composto da un processore Intel Core i5-12400F e da una RTX 3060, il tutto accompagnato da 32 GB di memoria DDR4 a 3200 MHz. Il titolo gira sostanzialmente bene alle risoluzioni target, prediligendo chiaramente il FullHD pur non rinunciando a fornire una discreta stabilità anche a 1440p. Con una configurazione come quella illustrata è possibile giocare a Judgment con preset massimo in termini di qualità a una media di 83 FPS in FullHD, 58 a 1440p e 30 stabili in 4K.

    Al netto di una evidente buona ottimizzazione del comparto tecnico, una nota molto positiva arriva dalle impostazioni, dove sono presenti anche gli scaler AMD FidelityFX Super Resolution 1.0 - FSR per gli amici - e, con l'ultimo aggiornamento, anche 2.1.

    Entrambe pienamente compatibili anche con schede video del team verde, queste tecnologie sono presenti come voci separate nel menu e ognuna delle due prevede anche uno slider per la nitidezza. Si potrà, quindi, scegliere se optare per un boost più importante tramite FSR 1.0 oppure per una qualità superiore dell'immagine con la seconda che, ricordiamo, a partire dalla 2.0 diventa uno scaler a vettori temporali e quindi generalmente più preciso nella ricomposizione delle immagini.
    Presente, infine, uno slider che permette di impostare una risoluzione di rendering personalizzata. Troviamo piuttosto ricco il comparto impostazioni per un titolo che fino a solo una settimana fa era ad appannaggio esclusivo del segmento console e cloud.

    Risulta più che gradevole la possibilità di rimappare i controlli a proprio piacimento sulla base dei vari scenari di gioco, dal classico roaming ai pedinamenti, passando per le fasi di combattimento. Buono con mouse e tastiera - certamente un'opzione in più - ma la scelta ideale rimane quella di avventurarsi nel business delle agenzie investigative tramite controller.

    Si tratta di un porting tutto sommato gradevole, con il giusto livello di migliorie sul fronte estetico, dalle texture alla ricchezza delle ambientazioni. La città è più viva che mai e gli scorci notturni regalano interessanti giochi di neon e smog in una versione che ci ha messo tanto, forse troppo tempo ad arrivare nelle mani dei giocatori PC.

    Lost Judgment si riconferma un gioiello

    Il secondo capitolo della serie si riconferma come il capitolo della maturità, sia dal punto di vista narrativo che di gioco. Torniamo, quindi, a Isezaki Ijincho, un contesto diametralmente opposto rispetto a quello di Judgment.

    Ripercorrerlo in rapida successione grazie alla Collection di Steam permette di sperimentare ancora di più il cambio di marcia che ha reso Lost Judgment, più che il primo, il simbolo della serie e non più soltanto una costola di Yakuza. Tre forme anziché due, per un combat system più appagante, eterogeneo e impegnativo. Inoltre, anche l'intera struttura dell'impianto investigativo è stata rimodellata per essere più snella, rapida e dinamica ma comunque preponderante e che risulta, pur apprezzandone l'impegno, l'anello debole dell'intero gameplay. A livello di impostazioni di gioco, questo porting non differisce molto dal primo capitolo, offrendo grosso modo le stesse opzioni sia su schermo che grafica, a partire dalla presenza di FSR 1.0 e FSR 2.1.
    Non manca, infine, il ridimensionamento della risoluzione di rendering e il gioco, a livelli puramente estetici, non stravolge più di tanto l'esperienza seppur prendendo leggermente le distanze dalla produzione per PS5.

    Al banco di prova, Lost Judgment produce sostanzialmente gli stessi numeri a tutte le risoluzioni, con circa 80 FPS in FullHD, 55 a 1440p e poco meno di 30 a risoluzione 4K, con quest'ultima che rende propedeutico l'utilizzo di uno degli scaler per una giocabilità accettabile (consigliamo sempre la 2.1 laddove possibile per via di un output migliore in termini qualitativi).

    Indagando fuori da casa

    Se avete superato tutti i vostri dubbi dopo aver letto la nostra disamina sui difetti di Steam Deck, allora probabilmente vi interesserà sapere come si gioca sul gioiellino di Valve a questa sorpresona di SEGA.

    Sul primo capitolo non nutrivamo grossi dubbi, vista anche l'età anagrafica del gioco di partenza nonostante si tratti di un derivato della rimasterizzazione della scorsa primavera. Tutto sommato, si può puntare anche ai massimi settaggi grafici con risoluzione nativa ottenendo la bellezza di 30 FPS generalmente stabili. L'altra faccia della medaglia è, ovviamente, un consumo piuttosto importante della batteria, che scende a poco più di un'ora e venti minuti in queste condizioni, partendo dal 100%. Abilitando FSR 2.1 è possibile salire fino a 35 con preset Qualità e 45 con Performance, pur mantenendo la stessa percentuale di utilizzo della GPU (96-99%) e quindi anche l'autonomia. Se a questo punto impostiamo un limite al framerate fino a 30, l'utilizzo scende più o meno all'82%, guadagnando altri 20 minuti di gioco.

    Navigando fra i settaggi e sfruttando il fatto che su un display così piccolo il massimo della qualità visiva potrebbe non essere una priorità, proviamo a impostare il preset su Medio, sempre in maniera nativa.

    Questo preset prevede FSR 1.0 su Ultra Qualità di default, ma l'abbiamo disattivato. Si parte dal 93% di GPU con poco meno di due ore di batteria. Cappando a 30 FPS l'utilizzo scende anche qui intorno all'80% e poco meno, con un'autonomia che, però, schizza finalmente sopra le due ore. Con qualche ulteriore rinuncia e accettando di scendere a patti con la minore nitidezza generale dell'FSR 2.1, potrete anche superare le due ore e mezza con un cap a 30 FPS e preset Qualità: in questo caso ne risulta un utilizzo della GPU di appena il 55%, che diventa dell'85% sbloccando il framerate e un'autonomia che in questo caso torna sull'ora e mezza. Passando a Lost Judgment, le indagini sulle sue performance in mobilità ci parlano di 35 FPS in un'ora e venti minuti, che diventano un'ora e quaranta minuti bloccando a 20 con preset "Altissimo".

    Rinunciando al massimo della qualità e puntando tutto su medio (anche qui è necessario disattivare FSR 1.0, attivo di default), si raggiunge una media di 48 fotogrammi al secondo per un'ora e mezza circa di autonomia. Con il solito cap a 30 FPS si inizia a bussare alla soglia delle due ore ma non è ancora sufficiente. A questo punto, attiviamo FSR 2.1 per ottenere 60 FPS fissi in game per un'ora e venti di durata della batteria.

    Ora si che, bloccando tutto a 30, si riescono a raggiungere e superare le due ore di gameplay. In generale, anche su Steam Deck i due giochi ripropongono le stesse sensazioni, pur ribadendo a ogni singola prova lo stupore di poter giocare in locale - e non in cloud gaming - a titoli assolutamente attuali in qualunque posto. Un plauso ai ragazzi di RGG e SEGA per l'ottimo porting che ha reso possibili simili prestazioni senza particolari rinunce anche su questa macchina, ma soprattutto per la straordinaria opera di adattamento a livello di comandi.

    Lost Judgment Judgment e Lost Judgment sono e resteranno dei capisaldi del genere investigativo, complice un impianto narrativo - vera e propria colonna vertebrale della produzone - solido per entrambi e con particolare menzione per il secondo per via delle delicate tematiche affrontate in tema di violenza giovanile e bullismo. Entrambi risultano ancora perfettamente adeguati ai tempi, nonostante il primo dei due abbia ormai sulla schiena tre anni di onorato servizio e una remaster current gen da cui attinge per mostrare i muscoli su PC e reggere il confronto con il suo successore. Ci troviamo di fronte a un prodotto di assoluto valore, proposto a un prezzo che per singolo titolo potrebbe far storcere il naso, soprattutto per via dell’assenza di un bundle comprensivo dell’espansione con Kaito per Lost Judgment. Tuttavia, non manca un’opzione molto ghiotta per chi intende recuperare tutto il materiale da zero, grazie alla Judgment Collection che consente di risparmiare ben 31,20 euro sul pacchetto omnicomprensivo, per un costo finale di 98,77 euro. Tecnicamente perfetto, brilla anche in termini di ottimizzazione e di opzioni grafiche disponibili. Ottima la presenza di AMD FSR 2.1, così come la possibilità di giocare a un titolo contrassegnato come “perfetto” per Steam Deck sin dal day one.

    Che voto dai a: Lost Judgment

    Media Voto Utenti
    Voti: 15
    7.1
    nd