Kratos, Dante e Bayonetta: tutti contro Thanos, la sfida definitiva

Gli eroi dei videogiochi sfidano Thanos, il gigantesco titano visto in Avengers Infinity War ed EndGame: chi vincerà?

Articolo a cura di

Giusto qualche giorno fa, approfittando degli strascichi del ciclone Avengers: Endgame, gli uomini di Santa Monica Studio hanno affidato alla rete un proclama di un certo peso, suggerendo via Twitter che la forza di Kratos è superiore a quella del titano Thanos. Una dichiarazione forte, che ci ha subito riportato alla mente i tempi delle medie, teatro di alcuni tra i migliori conflitti immaginari nati tra le maglie dell'universo nerd. Ed ecco che, accanto a loschi traffici di CD (sì, c'è della vecchiaia diffusa) dai contenuti altamente equivoci, trovavano spazio sfide tanto improbabili quanto stimolanti, che spesso scaturivano in battibecchi portati avanti con la sobrietà di uno scaricatore di porto.

Messi in archivio con la pubertà i vari "Superman vs Goku" o "Wolverine vs Batman", è quindi il momento di pestare duro sul tasto "revival" e lanciarci in un'insana rivisitazione dello scontro più emblematico degli ultimi tempi, quello contro il Titano Pazzo creato da Jim Starlin, contestualmente schierato contro il non plus ultra del panorama videoludico. Un paio di note prima di procedere: tenete a mente che il Thanos preso in considerazione per questo articolo è quello fumettistico e lo stesso non contiene neanche una briciola di serietà. Che la battaglia abbia inizio.

Kratos

Considerando lo spunto di questa assurda scazzottata interdimensionale, era impossibile non aprire le danze con il caro vecchio Kratos, un cinereo ammasso di muscoli e cattiveria con una comprovato talento per il deicidio. Già vincitore del premio "padre dell'anno 2018", il Fantasma di Sparta porta in tasca un curriculum fatto di morti eccellenti, dal dio della guerra in persona al signore dei titani Cronos. Oltre a possedere una delle barbe più maestose nella storia dei videogiochi, questo avatar del testosterone ha dalla sua una possanza praticamente senza limiti, amplificata in maniera esponenziale da una rabbia cieca e indomabile.

Pur potendo contare su decenni di addestramento e un armadio pieno di artefatti leggendari, appare però improbabile che il nostro spartano preferito sia effettivamente in grado di tenere testa al Titano Pazzo, anche qualora questi decidesse di non fare uso del Guanto dell'Infinito. D'altronde Thanos è uno stratega geniale e un combattente esperto, dotato di poteri incommensurabili e di una forza così formidabile da far sembrare Atlante un lanciatore di coriandoli in pensione. Malgrado tutto, però, è fuor di dubbio che il buon Kratos riuscirebbe quantomeno a piazzare qualche buon colpo, prima di abbracciare il suolo mugugnando un ultimo "Boy!".

Asura

Per quanto concettualmente vicini a quelli del succitato semidio spartano, i poteri di Asura tendono ad avere una portata che sconfina nell'intergalattico. Con tutto il rispetto per il protagonista di God of War, infatti, in termini di pura virulenza muscolare Asura sta a Kratos come Cerbero sta a Pierugo, lo shitsu della signorina Silvani. Nella sua forma finale, denominata Asura il Distruttore, il colosso di Capcom si è dimostrato capace di ridurre in polvere interi sistemi stellari, manifestando un potenziale distruttivo sostanzialmente illimitato.

Per raggiungere questo stato di inarrestabile furia, il nostro amico a sei braccia avrebbe comunque bisogno di accumulare mantra e rodimento, offrendo a Thanos tutto il tempo per valutare le capacità dell'avversario e optare quindi per un approccio un po' più deciso. È quindi probabile che, preso atto della minaccia, il titano decida di utilizzare il suo guanto dorato per sospingere Asura fuori dai confini dell'esistenza, e non necessariamente con uno schiocco di dita. Due a zero, palla al centro.

Bayonetta & Dante

Oltre a rappresentare uno dei crossover più stimolanti - anche in termini puramente tantrici - di sempre, questa feroce accoppiata è in grado di riversare sul campo di battaglia una mole di abilità mistiche di proporzioni ciclopiche, paragonabile solo alla tamarragine cumulativa dei due personaggi. Dando per scontato che il titano sia in grado di resistere all'incontenibile sex appeal del duo, un'impresa di per sé incredibile, è chiaro che non si tratta di un combattimento da prendere sottogamba.

L'arsenale della coppia include armi magiche, evocazioni/trasformazioni demoniache, incantesimi assortiti, senza considerare le notevoli capacità fisiche in dote a entrambi i personaggi, caratterizzati da un'agilità fuori parametro.

Tra distorsioni temporali e scatti supersonici, Dante e Bayonetta cercherebbero di sopraffare Thanos mettendo in scena una lunga serie di combo ad alta velocità, ma il gigante viola è un osso durissimo ed è difficile che il confronto si protragga a lungo. Anche in questo caso, il nemico si troverebbe costretto a usare i poteri del guanto dell'infinito, con conseguenze decisamente grame per i nostri beniamini.

Doomguy, Serious Sam, William Blazkowicz e Duke Nukem

Per quanto facciamo fatica a esprimere a parole l'amore che proviamo per questo manipolo di campioni della virilità (affettuosamente ribattezzato "Team Ignoranza"), è chiaro che nessuno di loro rappresenta una minaccia concreta per Thanos, che potrebbe annientarli facilmente anche senza l'ausilio delle Gemme dell'Infinito.

Anzi, è piuttosto plausibile che l'ipertrofico quartetto finisca nel novero dei "danni collaterali" generati dai restanti scontri, ma non prima di aver sparato sul nemico il peso dell'Andrea Doria in proiettili. Segue una settimana di lutto globale obbligatorio, accompagnata dalla versione metal di "Hymn to the Fallen" di John Williams sparata a cannone in mondovisione.

Sephiroth

Dopo aver lungamente ragionato sulla possibilità di lasciare che Thanos porti a termine il suo piano genocida, Sephiroth affronterebbe il Titano Pazzo spinto dal desiderio di stabilire il proprio primato su qualsiasi altra forma di vita. Questo non prima di aver evocato dalle oscurità cosmiche un Meteor diretto verso le terga violacee dell'avversario, successivamente distratto da una selva di sciabolate alla velocità del pensiero.

Per quanto temibile sia l'ex SOLDIER, immaginiamo Thanos reagire al suo tornado di incantesimi e colpi all'arma bianca con la stessa inquietudine di un livornese alla sagra del cacciucco. Un aplomb che costringerebbe lo spadaccino ad assumere le fattezze di Safer-Sephiroth e scagliare contro l'avversario una devastante Supernova, accolta da Thanos con un sorrisetto e l'improvviso luccichio di almeno un paio di Gemme dell'Infinito. Dopo aver ridotto in frattaglie l'avversario e trasformato in bolle di sapone la sua meteora, il titano rivolgerebbe lo sguardo altrove preparandosi a schioccare le dita, ignaro di ciò che l'aspetta.

Kirby

A questo punto è probabile che vi stiate chiedendo cosa c'entri Kirby con questo catalogo di pezzi da 90 della distruzione. Folli. Dietro quell'aspetto innocuo da marshmallow con le scarpe si nasconde infatti una creatura vorace, spinta da una fame che non conosce riposo, capace di trasformare i poteri di nemici e alleati in nutrimento per la sua sacrilega ambizione. Sì, se Thanos è un mostro freddo e calcolatore, il batuffolo di Nintendo è un caotico agglomerato di famelica infamia.

Dopo aver assistito - sorridente - alla debacle degli alleati, Kirby farebbe quindi man bassa dei loro freschi cadaveri, raggiungendo un livello di combattimento che al confronto Goku Ultra Istinto è la signora Fletcher in vacanza a Capri. L'assalto a sorpresa del demone rosa sarebbe ovviamente diretto al braccio sinistro di Thanos, ma il Guanto dell'Infinito potrebbe rivelarsi un boccone fin troppo piccante perfino per questo insaziabile abominio. Con la mano intrappolata tra le fauci della sua degna nemesi, il titano non potrebbe far altro che tentare - inutilmente - di liberarsi dalla presa di Kirby, bloccato in un pericolosissimo stallo...

The Prince

Proveniente da una bizzarra dimensione alternativa, dominata da capricciosi regnanti pangalattici, il Principe ha ricevuto da suo padre, il Re di tutto il Cosmo, il compito di forgiare nuove stelle per rimpiazzare quelle annientate durante una notte di bagordi alcolici. Un incarico che dovrebbe fornire un quadro piuttosto chiaro delle capacità di questa razza aliena e imperscrutabile, nonché dotata di un peculiare senso estetico.

Durante la grande battaglia, il Principe avrebbe continuato a far rotolare il suo Katamari fino a comporre una sfera di proporzioni siderali e, approfittando dell'impasse generato dallo scontro tra Thanos e Kirby, si sarebbe poi avvicinato alla Terra dando un senso tutto nuovo al termine "ineluttabile".

Bloccato in una morsa adamantina, il titano viola finirebbe quindi travolto dal Katamari assieme all'intero pianeta, e lanciato verso i confini dell'universo in un eterno moto rotatorio. Conseguenze emetiche a parte, si tratterebbe di un finale quasi poetico: Thanos, che voleva cancellare dall'esistenza metà della popolazione universale, condannato a rotolare nell'oscurità dello spazio indissolubilmente legato a ogni altro essere vivente. Scorrono i titoli di coda, la gente si abbraccia. Schermata nera: nel buio della sala risuonano le parole "It's-a Me...".

Vista la natura fantasiosa di questo verboso frammento di follia, non possiamo che chiudere le danze con la domanda: e voi chi schierereste contro il Titano Pazzo della Marvel? Com'è composto il vostro "dream team"?

Che voto dai a: Avengers: Endgame

Media Voto Utenti
Voti: 298
8.5
nd