La Lore di Destiny 2: cosa sappiamo dell'Oscurità?

Approfondiamo la storia di Destiny 2 parlando di Luce e Oscurità, di tutti i personaggi e le forze coinvolte in una battaglia senza tempo.

speciale La Lore di Destiny 2: cosa sappiamo dell'Oscurità?
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • Tutti gli sforzi che abbiamo compiuto, e ancora oggi compiamo, nell'universo di Destiny sono volti a un unico grande obiettivo: sconfiggere le forze dell'Oscurità e far trionfare la Luce. Tutto molto semplice, da una parte il Bene, personificato da noi Guardiani e dal Viaggiatore, dall'altra il Male che si incarna in molteplici forme. Al di là dello schema dualistico tipico di numerosi universi narrativi (qualcuno ha detto Guerre Stellari?), l'Oscurità in Destiny risulta tutt'altro che ben delineata, e ci sono numerose zone d'ombra riguardo il temibile nemico della Luce. Vediamo dunque di esaminare gli indizi e le informazioni che abbiamo riguardo le "forze oscure".

    I vermi e la Corruzione

    Quando riflettiamo circa la natura dell'Oscurità come antitesi totale della Luce, il pensiero corre subito all'Alveare e ai suoi abominevoli dèi, i Vermi. Grazie ai Libri del Dolore, capolavoro indiscusso dell'impianto loristico di Destiny, sappiamo che i Vermi provano un odio totale nei confronti della Luce, intesa come forza creatrice e portatrice di vita, e del Viaggiatore. Ciò lo colloca in totale antitesi con la Logica della Spada, filosofia basata sulla morte e distruzione come strumenti di potere.

    "La fonte di queste armi è il Viaggiatore, l'illusione stellare del Cielo. Il loro effetto è impercettibile, ma devastante." - Grimorio, Oscurità, I Libri del Dolore XV, Prede Destinate.

    Il Viaggiatore viene appunto definito come "illusione stellare del Cielo", fonte di un potere mendace che erge la vita a massima espressione dell'Universo. Lo stesso Viaggiatore, ben conscio dei poteri e della pericolosità dei Vermi, aveva rinchiuso queste spietate creature negli abissi del Profondo, sorvegliati da un'immensa bestia plasmata dallo stesso Viaggiatore, il Leviatano (da non confondere con l'omonima nave dell'imperatore Calus) che verrà poi ucciso grazie all'intervento di Oryx e delle Sorelle Eir e Yul, finendo divorato dai vermi.

    Ma torniamo al topic dell'articolo ossia l'Oscurità: i Vermi sono legati all'Oscurità? La risposta è sì, attraverso il Profondo, ma probabilmente non sono l'Oscurità in senso stretto. Akka, Eir, Yul, Xol e Ur sono creature dalle capacità incredibili, guidati da una crudeltà insaziabile che, molto probabilmente, attingono all'Oscurità e ne sfruttano alcuni aspetti.

    Uno di questi è indubbiamente la Corruzione che Oryx apprende attingendo ai poteri del misterioso Profondo dopo aver ucciso niente meno che il verme Akka. La Corruzione, a livello "fisico", altri non è che un'alterazione molecolare di un essere vivente, il quale muta ottenendo nuove capacità e perde il proprio libero arbitrio salvo rare eccezioni, quali la mente Quria, Vex corrotto da Oryx, il leader principe Malok, presente in un assalto di Destiny 1, e Riven - l'ultima Ahamkara.

    Con l'uscita dell'espansione I Rinnegati abbiamo potuto osservare ancor più da vicino quanto sia potente la Corruzione che è stata in grado di infettare un'intera città (la Città Sognante) e di alterare una creatura potente come il già menzionato Riven.

    Persino le Tecnidi insonni nulla hanno potuto contro la Corruzione, salvo poi esserne liberata dai nostri guardiani, senza tuttavia ben spiegare come questa liberazione sia stata possibile. La Corruzione, traendo le sue origini dal Profondo, appare intimamente connessa all'Oscurità in quanto forza paracausale, ossia che sfugge alle leggi della fisica, in un certo qual modo simile alla Luce, in grado di plasmare i mondi e le natura degli esseri che infonde con il suo potere.

    Creature Oleose

    La Corruzione non è l'unica "forza" ascrivibile al regno dell'Oscurità. Nell'articolo dedicato al passato del Ramingo, il misterioso organizzatore di Azzardo, vi abbiamo parlato di uno strano incontro tra alcuni guardiani e delle creature oleose capaci di sopprimere la Luce: "La differenza era che stavolta lo Spettro del malcapitato non riuscì a rianimarlo. Si scoprì che una di queste creature era nei pressi, e bastava esserle abbastanza vicini, anche da dentro il rifugio, affinché silenziasse la luce di quel povero bastardo".

    Queste creature informi sfruttavano naturalmente i poteri dell'Oscurità per bloccare una delle capacità più celebri della Luce, ossia la rianimazione dei Guardiani per mezzo dei loro Spettri. Un fatto indubbiamente allarmante. L'origine di queste creature oscure resta al momento totalmente ignota anche se qualcosa di simile viene descritto da un altro famoso guardiano che ha viaggiato in lungo e in largo: Cayde-6.

    Questi ha infatti incontrato, e poi disegnato, alcune bizzarre creature oleose portatrici di un potere oscuro. Anche il mentore dell'Avanguardia non fu in grado di comprendere la provenienza di queste bizzarre entità. Che siano in qualche modo connesse con le temibili Navi a Piramide apparse nella sequenza finale di Destiny 2? Chissà, per ora il mistero rimane.

    Prima di passare alla prossima caratteristica dell'Oscurità, soffermiamoci un'ultima volta sull'aspetto nero e oleoso di questi esseri. In Destiny abbiamo visto qualcosa di simile, precisamente nella missione finale del primo capitolo, quando distruggiamo il Cuore del Giardino Nero dopo aver sconfitto orde di Vex adoranti.

    Il Cuore appare come una grossa ameba nera e oleosa che pulsa, qualcosa di così bizzarro e insondabile che persino i Vex non riescono a comprenderlo, optando per una venerazione di stampo religioso. Quest'approccio dei Vex, macchine capaci di simulare quasi ogni cosa, dimostra come il Cuore del Giardino Nero fosse qualcosa di paracausale, che sfugge completamente alla comprensione dei Vex, esattamente come la Luce. II Cuore del Giardino Nero e le misteriose creature condividono quindi un'origine comune? È plausibile, ma non possiamo esserne certi.

    Il Principe Uldren e gli Infami

    Torniamo un attimo a parlare della lore introdotta con I Rinnegati, portando l'attenzione su Uldren Sov e gli Infami. Il fratello della Regina appare, nel corso delle cinematiche della campagna di I Rinnegati, come infuso di un potere oscuro che si manifesta sulla sua pelle e nei suoi occhi, i quali assumono una tinta nera.

    Durante la missione finale della campagna, Uldren, spinto dal desiderio di liberare "Mara" - che altri non è che Riven capace di plagiare la mente del Principe - usa questo misterioso potere oscuro (che fuoriesce dai suoi occhi a mò di raggio) in combinazione con la Luce derivante da un frammento del Viaggiatore per aprire l'ingresso della Città Sognante.

    Sappiamo benissimo come gli Insonni, a partire da Mara Sov, siano nati dall'incontro di Luce e Oscurità che fanno indissolubilmente parte della natura di questa razza, per cui non c'è da stupirsi se Uldren usa la combinazione di queste due forze per accedere alla Città Sognante. Ma chi ha infuso Uldren di quel potere oscuro? Si tratta di una forma di Corruzione oppure è l'ennesimo aspetto dell'Oscurità? Ancora una volta è difficile rispondere.

    Nel contesto di I Rinnegati troviamo un'altra fazione, oltre ai Corrotti, che è mutata grazie all'uso di un principio oscuro: gli Infami. Creati dal Fanatico, gli Infami sono Caduti deceduti che vengono poi rianimati grazie alla somministrazione di Etere corrotto (abbiamo approfondito in un altro articolo il Fanatico e l'ascesa dei Baroni). L'Etere è una sostanza vitale per i Caduti, ma quello usato per creare gli Infami risulta addirittura mortale per un caduto ancora in vita, come appurato da Variks il Fedele nel corso di alcuni esperimenti condotti nella Prigione degli Anziani.

    L'Etere corrotto è stato quindi alterato attraverso una forza connessa all'Oscurità? È altamente probabile visto che tale sostanza presenta un potere paracausale (rianimare i morti). Ma chi ha creato il primo Etere corrotto impiegato poi dal Fanatico? Fikrul sostiene che sia stato Uldren a donargli tale abilità; forse il Principe ha sfruttato il potere oscuro di cui parlavamo poche righe sopra, ma se così fosse torniamo alla domanda: "Chi ha donato ad Uldren quella capacità?"

    Guardiani Decaduti

    Concludiamo la nostra analisi dei vari aspetti dell'Oscurità menzionando alcuni guardiani che potrebbe averne sfruttato il potere: le ombre di Yor. Questo gruppo di guardiani decaduti ha seguito gli insegnamenti di Dredgen Yor, il celebre creatore dell'Aculeo. Questi, dopo esser stato un grande e potente guardiano noto come Rezyl Azzir, intraprese un cammino oscuro che lo portò ad avvicinarsi alla magia dell'Alveare. Abbandonando l'identità di Azzir, Dredgen Yor cominciò ad eliminare guardiani per trarre potere dalla loro Luce, uccidendoli usando l'Aculeo, un'Arma del Dolore creata sfruttando le pratiche oscure dell'Alveare.

    Potrebbero istigare l'Oscurità, lasciandosi corrompere dalla Luce. -Grimorio, Leggende e Misteri, Le ombre di Yor.

    Yor era quindi "passato al lato oscuro"? Probabilmente non sfruttava l'Oscurità al posto della Luce, ma avvicinandosi alle pratiche e ai rituali dell'Alveare assunse comportamenti ascrivibili alle forze oscure. Dopo la morte di Yor per mano dell'Uomo con la Pistola d'oro, alias Shin Malphur, un gruppo di guardiani decaduti noti come Ombre di Yor cercò di portare avanti gli insegnamenti del primo Yor.

    In realtà, si è poi scoperto che le Ombre di Yor furono una creazione dello stesso Shin Malphur per scovare e poi uccidere guardiani interessati a pratiche eretiche. Una domanda resta sul campo: i Guardiani possono sfruttare l'Oscurità come fonte di potere? Impossibile dirlo con certezza, non ci resta quindi che attendere, con fissi in mente quei rumor che parlando di "sottoclassi oscure" che dovrebbero essere introdotte in Destiny 3.

    Dopo queste molteplici analisi, è ora di tornare al quesito d'apertura: cosa sappiamo dell'Oscurità? Abbiamo per le mani molti indizi e altrettante ipotesi, ma la natura intrinseca dall'Oscurità continua a sfuggirci. Alcune fazioni (Alveare, Corrotti e Infami) sembrano profondamente connesse all'Oscurità, altre invece come i Caduti e i Cabal sembrano esserci semplicemente ostili per motivi di razzia o conquista, senza essere mossi da una forza paracausale ignota.

    Lo stesso imperatore dei Cabal, il potente Calus, potrebbe aver visto l'Oscurità più pura e ciò lo avrebbe profondamente allarmato. Calus, infatti, parla di un'inevitabile e imminente nullificazione totale per mano di una forza inarrestabile che alberga, al momento, ai confini dell'Universo. Che si tratti delle celebri Navi a piramide? Forse con l'uscita di Ombre dal Profondo ci verrà svelato qualcosa di nuovo in merito all'Oscurità, del resto Eris ha pronunciato questa frase nel trailer di presentazione: "L'Oscurità è più vicina di quanto credi!".

    Che voto dai a: Destiny 2 Ombre dal Profondo

    Media Voto Utenti
    Voti: 32
    7.7
    nd