Esport

League of Legends LEC: Daniele Jiizuké Di Mauro a caccia dell'Europa

L'azzurro Jiizuké, unico in Europa in forza ai transalpini Vitality, tenterà la scalata ai Playoff del LEC, i primi dell'era delle franchigie.

speciale League of Legends LEC: Daniele Jiizuké Di Mauro a caccia dell'Europa
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Partono oggi, venerdì 29 marzo, i playoff del League of Legends European Championship 2019, i primi dell'era della franchigia. Delle 10 squadre partecipanti le prime solo le prime sei classificate della stagione regolare accedono ai playoff, quest'anno con una nuova formula. G2 Esports e Origen, prima e seconda, si sfideranno direttamente il 6 aprile nel Round 2 dei playoff con il vincitore che volerà direttamente in finale. Il perdente, invece, dovrà sfidare una delle quattro squadre tra Fnatic, Vitality, Splyce e SK Gaming: dopo essersi scontrate nel Round 1, le vincenti si affrontano nel Round 2 per determinare chi approderà alla semifinale contro la perdente tra G2 Esports e Origen. Un formato indubbiamente più complicato ma che fornisce più garanzie alle squadre che si sono piazzate più in alto durante la stagione.

    Fnatic: dalle ceneri una nuova fenice

    Al termine della regular season a brillare sono stati indubbiamente i Fnatic, reduci da 8 vittorie consecutive nelle ultime 8 partite di campionato disputate. Una rincorsa iniziata alla decima giornata per recuperare quando di negativo era stato fatto nelle settimane precedenti, rischiando addirittura di non partecipare ai playoff. A conferma dell'ottimo stato di forma dei Fnatic anche i Power Ranking che piazzano i Fnatic al primo posto con 1.565 punti, 100 in più dei secondi rappresentati dagli Origen. Seguono poi G2, Splyce, SK e, infine, i Vitality dell'italiano Daniele "Jiizuké" Di Mauro. Vedendo i Power Ranking conclusivi sembra quasi che il campionato voglia raccontare una storia ben precisa ma il grafico delle ultime 5 giornate, limitato ai primi sei, fornisce molti più dettagli.

    Nero Vitality

    Ciò che racconta il grafico sottostante riguarda in particolare il declino dei Vitality, squadra che per ovvi motivi ci interessa affettuosamente. Il team di Jiizuké, complice alcuni problemi di salute del nostro connazionale che lo hanno tenuto fuori dalle competizioni per un'intera settimana, è palesemente in uno stato di declino sotto il profilo delle prestazioni e dei risultati.

    Per lungo tempo seconda forza del campionato dietro i G2, i Vitality dalla 12esima giornata hanno iniziato un trend decrescente che li ha portati a tre sconfitte consecutive negli ultimi tre match per un totale di 5 nelle ultime sette partite. Arrivati a un picco di 1.295 punti, hanno chiuso con 1.089, ovvero con 200 punti in meno. Decisamente troppo poco per aspirare a superare i Fnatic, avversari nel Round 1 dei playoff. Da una parte la squadra più in forma del momento, dall'altra la squadra che ha mostrato più difficoltà negli ultimi tempi.

    Nemesis: una scommessa vinta

    I Fnatic sembrano aver risolto i problemi iniziali di comunicazione, terminati in particolare quando il jungler Broxah ha iniziato a fidarsi del nuovo midlaner Nemesis, a lungo fuori dai meccanismi della squadra vice-campione del mondo. Il centrale è risalito anche nella classifica del rapporto KDA tra uccisioni, morti e assist, chiudendo in Top5 (escludendo Orome che ha disputato una singola partita) con 5,44, primo della squadra e primo midlaner dell'intero campionato.

    Decisamente più in basso l'italiano Jiizuké con il suo modesto 2,27, sotto l'esordiente Abbedagge dello Schalke04 o il coreano Pirean degli SK Gaming con 2,82. L'unico a salvarsi del team francese è il portoghese Attila, presente in Top10 con il suo 4,17 di KDA. L'altra nota positiva è Cabochard, il toplaner, inserito tra i migliori cinque giocatori della competizione per il suo ruolo: 66,3% di partecipazione alle uccisioni e 858 oro in più del toplaner nemico in media dopo 15 minuti.

    Contro ogni pronostico

    Nonostante alcuni singoli riescano a brillare, non è il momento migliore per i Vitality che nell'ultima settimana hanno perso contro gli SK Gaming ma in particolare contro  gli Excel, fanalino di coda del campionato che sottolinea le difficoltà enormi mostrare nell'ultimo periodo. Risultati che sono costati al team francese il primo posto come peggior team della Week9 con -132 punti nel Power Ranking, punteggio secondo solo a quello di -147 dei Fnatic alla prima giornata, ormai due mesi fa. E squadre come Origen, Splyce e SK Gaming si sono rifatte sotto, scavalcando i Vitality nelle prime posizioni.

    "Ho vissuto di più in questi tre anni che in tutto il resto della mia vita. Le nostre intere esistenze raccontano la storia del destino contro di noi ma noi ne conquisteremo i favori." - Daniele "Jiizuké" Di Mauro.

    Parole di sfida, dirette ma necessarie per far capire ai Fnatic che, seppur ormai favoriti, non è detto che alla fine siano loro a spuntarla. I Vitality ci hanno sempre abituato a risultati inaspettati, nel bene e nel male. La Bo5 contro i campioni d'Europa 2018 potrebbe scatenare i desideri più reconditi del coach, Jakob "YamatoCannon" Mebdi, sempre lucido nel trovare soluzioni irrazionali a problematiche all'apparenza districatissime.

    Splyce e SK: un nuovo ciclo?

    L'altra partita da dentro o fuori sarà invece tra Splyce e SK Gaming, entrambe piacevoli sorprese di questa stagione. I Power Ranking assoluti vedono favoriti gli Splyce con 1.281 punti contro i 1.111 degli SK Gaming. Eppure il grafico del rendimento giornata dopo giornata premia indubbiamente gli SK: rispetto a quanto atteso alla vigilia del campionato, la squadra appena ritornata, finalmente, sul palcoscenico principale di League of Legends è a tutti gli effetti il team che è migliorato di più: +121,09% rispetto alle attese, superiore persino a Splyce e Origen. Partiti con molta umiltà e tre esordienti ex-Mad Lions, gli SK hanno costruito un team solido e destinato a grandi successi se avranno la pazienza di continuare a giocare come sanno.

    L'appuntamento è dunque per stasera, a partire dalle 18:00 con lo scontro più importante per noi italiani e che ci riguarda da vicino: per Daniele Di Mauro sarà il turno di mostrare nuovamente il proprio valore rifilando una sonora sconfitta ai Fnatic. Si prosegue il giorno dopo con Splyce conto SK Gaming: due realtà che meriterebbero di stare indubbiamente in Top4.

    Che voto dai a: League of Legends

    Media Voto Utenti
    Voti: 107
    7.3
    nd