Esport

League of Legends: Riot Games presenta il nuovo campione, Lillia

Riot Games svela ufficialmente il nuovo campione per il proprio MOBA. Si tratta di un jungler molto particolare. Ecco a voi la cerbiatta Lillia.

speciale League of Legends: Riot Games presenta il nuovo campione, Lillia
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Il nuovo anno di Riot Games è davvero impegnativo. Dopo aver rimpolpato finalmente il proprio portfolio con IP coronate da grande successo come VALORANT, Teamfight Tactics e Legends of Runeterra, il colosso statunitense non ha alcuna intenzione di fermarsi e, per la seconda parte di questo 2020, sembra avere in previsione un bel po' di interessanti novità anche per il suo prodotto di punta.

    Il pool di campioni del MOBA più famoso al mondo, League of Legends, si amplierà ancora, proponendo in breve tempo ai giocatori, addirittura due nuovi combattenti. Evento, peraltro, di per sé abbastanza singolare. Ad ogni modo, la prima di queste aggiunte probabilmente l'avrete già incrociata grazie ai leak trapelati in rete. Possiamo confermarvi, grazie alla presentazione in anteprima a cui abbiamo assistito, che gli indizi che circolano si sono rivelati assolutamente attendibili. Il nuovo campione si chiama Lillia, cerbiatta, professione jungler. Possiamo inoltre anticiparvi sin d'ora che il suo reveal rappresenta solamente il primo di una serie di importanti annunci, legati all'evento denominato "Spirit Blossom", che incendieranno la lunga estate targata Riot Games.

    Le origini di Lillia, l'acchiappasogni

    Stando al background fornito dagli sviluppatori, Lillia non è altro che l'incarnazione di un sogno di un albero magico della regione di Ionia. L'albero raccoglie i sogni all'interno dei suoi fiori e, quando sbocciano, li libera sotto forma di magia, per nutrire la foresta in cui dimora. Poi, una notte, anche l'albero ha fatto un sogno. Ma invece di sbocciare, il bocciolo è caduto al suolo e si è trasformato in Lillia, la cui missione ora è quella di prendersi cura della propria madre e della foresta, imbrigliando i sogni attraverso un bastone ricavato proprio dall'albero che l'ha generata.

    "Appena abbiamo deciso che Lillia sarebbe stata un campione legato ai sogni, ho inserito il sonno tra le sue abilità," ha dichiarato il designer dei campioni Dan "Riot Maxw3ll" Emmons. "È stato un elemento centrale di questo personaggio fin dall'inizio, perché non avrebbe mai potuto essere la cerbiatta dei sogni se non avesse avuto l'abilità di far addormentare i nemici. Ma è cambiata in molti modi nel corso del tempo."

    Grazie alla sua passiva (che all'inizio, per stessa ammissione del team, era troppo forte), Lillia come vedremo applica la polvere dei sogni a tutto ciò che colpisce con le sue abilità, permettendole di cullare i nemici sino a farli addormentare con la sua suprema. Questa polvere infligge anche una percentuale di salute massima come danni nel tempo e questo aspetto ha costituito una sfida interessante durante la fase di sviluppo.

    Così come ha rappresentato un'impresa non indifferente riuscire a caratterizzare a tutto tondo un campione così particolare, dal comparto sonoro al background narrativo, dal puro gameplay all'estetica. "Lillia è dolce e delicata, come molti dei campioni dalla natura fatata di LoL come Lulu, Ivern e Neeko," ha spiegato Riot DummerWitz. "Ma non volevo che Lillia avesse solo i suoni di una fatina, perché non le avrebbe reso giustizia. Non è uno spirito delle lucciole e delle farfalle. È un'entità dei sogni. Ama i sogni creati dalle persone e sa che i sogni degli umani non sono semplici. Anche quando sono felici, possono essere surreali e agrodolci, strani o pieni di emozioni confuse. Volevo che i suoi effetti sonori catturassero questi elementi."

    Per farlo, Riot Dummerwitz ha utilizzato come fonte per gli effetti sonori di Lillia dei materiali che confondono le emozioni e provengono da una posizione distante. Quando attacca con il suo bastone, potete sentire risa e pianti, ma da lontano, come se fossero in qualche luogo intangibile. È distante, surreale e non si capisce se siano suoni allegri o tristi.

    "Volevo creare una dissonanza emotiva tra il suo aspetto dolce e delicato e l'inquietante ambiguità dei sogni," afferma Riot Dummerwitz. "E volevo fare in modo che Lillia non avesse suoni simili a niente di già esistente su LoL." Il concept art lead Gem "Lonewingy" Lim, invece, si è occupato di immaginare - anzi, per stare in tema, sognare - l'aspetto che questo nuovo campione dovesse avere. Secondo quanto dichiarato, gli artisti di Riot hanno provato diversi approcci.

    L'evoluzione, la dicotomia

    "Ho disegnato tre diverse versioni di Lillia", ha dichiarato Lonewingy. "In una era una timida sacerdotessa con un lato omicida. Nella successiva, una timida cerbiatta fatata il cui umore poteva cambiare le stagioni. E l'ultima... Ah! Era una sciamana/esorcista con un... lato oscuro. Ma fondamentalmente tutte le versioni erano caratterizzate da una dicotomia.

    La cerbiatta fatata sembrò la più appropriata al resto del team per il suo aspetto unico. E poi era una cerbiatta, il che è perfetto per un campione da giungla, visto che, come tutti sappiamo, i cervi vivono nella giungla
    ".

    "...abbiamo iniziato a pensare a possibili dicotomie. Fisico vs spirituale. Giorno vs notte. Nessuno di questi elementi può davvero cambiare nella Landa degli evocatori, quindi sarebbe stato difficile integrarli nel gameplay in modo significativo."

    Il giorno e la notte sono così diventati sogno e incubo e Lillia passava da un picchiatore da squadra (sogni) ad assassina (incubi) ogni cinque minuti, indipendentemente da tutto. Questi due stili di gioco dovevano essere abbastanza diversi in modo che i giocatori di entrambe le squadre modificassero il proprio stile in base a Lillia: separarsi durante la forma da picchiatore e raggrupparsi quando era un'assassina.

    L'idea era che i compagni di squadra di Lillia potessero decidere se mirare al controllo degli obiettivi o al combattimento a squadre a seconda della forma che stava per arrivare, a differenza di Kayn, che si dedica a una sola forma per tutta la partita.
    Al team sembrava che l'idea fosse interessante, ma c'era un piccolo problema: non piaceva ai giocatori.

    "Dopo il primo playtest, abbiamo ricevuto un sacco di feedback e ai giocatori proprio non piaceva," ricorda Riot Maxw3ll. "Stavo cercando di dare un alto impatto strategico al cambiamento di forma, ma di rendere allo stesso tempo semplici le meccaniche. E credo che il prezzo per far funzionare entrambi questi aspetti fosse troppo alto. Il risultato era un kit che non piaceva ai giocatori e così abbiamo dovuto ricominciare da capo."

    "Dopo l'arrivo del feedback, ci siamo chiesti se avremmo conservato qualcosa di quella versione", racconta Interlocutioner. "Ora è solo una cerbiatta? I sogni ancora funzionano? Questo è stato il momento in cui abbiamo ripiegato su uno degli aspetti che più ci piaceva di Lillia, cioè la sua timidezza.

    "Volevo davvero che Lillia trasmettesse l'idea di essere una cerbiatta timida e impacciata. È stata una grossa sfida. Come si fa a rendere attiva la timidezza?" si è chiesto Riot Maxw3ll. "In particolare, volevo che fosse vulnerabile alle invasioni a inizio partita. Se qualcuno incontra per caso questa cerbiatta nella foresta, dovrebbe essere spaventata e scappare via perché ancora non è in grado di combattere.

    E la sua velocità di movimento le dà la possibilità di farlo."Lillia inizia ogni partita come un bocciolo: insicura ed esitante. Ma, raccogliendo i sogni, sboccia in qualcosa di completamente diverso. La sua fiducia in se stessa cresce, parla con voce più forte e comincia a saltellare per tutta la Landa, facendo addormentare gli altri campioni e raccogliendo i loro sogni.

    "Abbiamo affrontato molte sfide nello sviluppo di Lillia
    ", ricorda Interlocutioner. "Modificare il suo kit, collegarlo al Fiore spirituale... Tutti elementi che si sono sommati nel tempo. La gente ci chiede: "da dove viene l'idea di Lillia? È così particolare." La vera risposta è che non c'era altra scelta. Era l'unico modo per andare avanti. Spero solo che tutte queste difficoltà passino in secondo piano e che sbocci per diventare un bellissimo fiore, amato dai giocatori."

    Le abilità di Lillia

    Il nuovo campione della Landa, come abbiamo visto, ha subìto un lungo processo evolutivo che l'ha portata verso la forma finale che i giocatori troveranno live. Le sue abilità peculiari sembrano rispecchiare appieno la sfaccettata natura di questa cerbiatta, in costante equilibrio tra realtà e sogno.
    Eccole.

    Passiva - Bastone dei sogni
    Le abilità di Lillia applicano Polvere dei sogni, che infligge una parte della salute massima del bersaglio come danni magici per la sua durata.

    Q - Colpi in fiore
    Lillia agita il bastone in aria e infligge danni magici ai nemici vicini e danni puri a quelli sul bordo esterno del cerchio. Quando va a segno con questo attacco, ottiene anche velocità di movimento.

    W- Attenzione! Scusa!
    Lillia carica un potente attacco con il suo bastone, infliggendo danni magici ai nemici. I nemici vicini al punto di impatto subiscono più danni.

    E - Seme turbinante
    Lillia lancia un Seme turbinante davanti a sé, infliggendo danni magici ai nemici e rallentandoli per la durata. Se il Seme manca il bersaglio, continua a rotolare finché non colpisce un nemico o il terreno.

    R - Ninnananna melodica
    Lillia lancia una Ninnananna sui nemici e chi è affetto da Polvere dei sogni viene progressivamente rallentato fino ad addormentarsi per un certo periodo di tempo. I nemici svegliati dai danni subiscono danni magici aggiuntivi.

    Ora Lillia dovrà dimostrare tutto il suo valore sul campo, perché non basta proporsi come una interessante aggiunta al "parco jungler" del titolo, ma anche riuscire a emergere e a ritagliarsi un posto nelle scelte dei giocatori.

    Che voto dai a: League of Legends

    Media Voto Utenti
    Voti: 125
    7.4
    nd