WildRift

League of Legends Wild Rift: come si gioca su PC?

In molti potrebbero trovare ostico adattarsi ai controlli touch della declinazione mobile di League of Legends. Si può giocare con mouse e tastiera?

speciale League of Legends Wild Rift: come si gioca su PC?
Articolo a cura di
Disponibile per
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Stadia
  • Dalla release della beta, lo scorso dicembre (ecco la nostra anteprima di Lol Wild Rift), League of Legends Wild Rift continua a rimanere saldamente tra le prime posizioni dei titoli più giocati su dispositivi mobile. Un successo che si inserisce appieno nell'esplosione del fenomeno del gaming "tascabile", di cui abbiamo già parlato in passato (vi consigliamo di recuperare il nostro speciale sull'ascesa del mobile gaming) ricordando non solo del giro di investimenti e guadagni generati dagli smartphone, ma anche dell'avvento dei grandi publisher.

    Questi ultimi, come EA, Ubisoft, Konami, sono ovviamente sempre più attratti da un mercato (delle App) che genera oltre cento miliardi di Dollari l'anno.

    L'ascesa del gaming mobile...e delle sue alternative

    Alla fine, per molti utenti i cellulari (o il tablet) sono diventati comodi strumenti alternativi attraverso cui ritagliarsi del tempo per lo svago e, quindi, anche per giocare. Spesso, infatti, non è possibile avere sotto mano console o PC per godersi in santa pace una sessione di gioco o una partitina mordi e fuggi. Per questo l'idea di Riot Games (che peraltro già vanta Legends of Runeterra e TFT in versione tascabile) di comprimere l'essenza di League of Legends in un'applicazione fruibile "on the go" risulta assolutamente vincente, soprattutto se si guarda con attenzione ai mercati asiatici.

    Come sappiamo, l'accoppiata MOBA-device portatili in Oriente (Cina, Corea del Sud, Sudest asiatico principalmente) è un vero e proprio fenomeno di massa che non conosce ceto sociale o barriere economiche.

    Il fiorire di applicazioni del genere si spiega un po' per l'impossibilità per molti di avere un PC in casa, un po' per la grande presa che quel particolare genere strategico ha su ogni fascia d'età. In Occidente, al contrario, pensare di trascorrere anche mezz'ora chini sul cellulare per dedicarsi a un singolo match non rientra proprio nel nostro modo di intendere il gaming "da taschino".

    Per questo, in molti ricorrono frequentemente agli emulatori PC i quali consentono non solo di provare applicazioni che magari non sarebbe possibile installare a causa di device obsoleti, ma anche di "bypassare" - per i meno avvezzi - l'assenza di controlli fisici e godersi in comodità i giochi più impegnativi.

    Lo diciamo sin da subito: utilizzare emulatori non è una pratica illegale. Gameloop, ad esempio, è un emulatore prodotto da una società acquistata e controllata dal colosso Tencent. Inoltre, diversi sviluppatori hanno, più o meno espressamente, avvallato la pratica cercando semplicemente di separare chi gioca effettivamente su mobile e chi, invece, utilizza controller o mouse e tastiera.

    In Call of Duty Mobile (così come in PUBG Mobile), ad esempio, nel caso in cui il giocatore stia utilizzando un PC, il sistema di gioco propone un alert in cui viene ricordato che il matchmaking avviene "alla pari", ovvero con altri giocatori dotati di controller e device esterni.

    In Wild Rift, al momento, il team di sviluppo non si è ancora pronunciato in merito. Stando a quanto ci hanno detto in occasione della nostra intervista agli sviluppatori di League of Legends Wild Rift, gli sviluppatori stanno monitorando da vicino la situazione ma, a stretto giro, non prevedono di adottare misure importanti.

    Ecco quello che ci hanno dichiarato: "non siamo eccessivamente preoccupati in questo momento. Il gioco è stato sviluppato per controller e touchscreen e abbiamo visto per la gran parte i giocatori eccellere con qualsiasi dispositivo in cui si trovano più a loro agio. Non abbiamo ancora notato un vantaggio o uno svantaggio competitivo abissale, ma stiamo tenendo d'occhio la situazione e per ora tutte le opzioni rimangono sul tavolo".

    Se c'è già su PC...

    League of Legends Wild Rift è un'applicazione che è stata progettata da zero per renderla compatibile e fruibile con quasi tutti i dispositivi mobile Android e iOS. Ciò ha permesso a Riot Games di studiare una mappatura dei comandi che fosse pienamente funzionale (come dimostrato dalla nostra prova) su uno schermo touch di pochi centimetri.

    Di conseguenza, anche chi non ha grande dimestichezza con i MOBA tascabili è comunque in grado di abituarsi in pochissimo tempo alle meccaniche e al sistema di controllo proposte da Wild Rift . Ad ogni modo, c'è chi proprio non riesce ad adattarsi al gioco portatile ma non vuole rinunciare a provare l'applicazione del momento. Per chi ancora se lo stesse chiedendo, ricordiamo che Wild Rift non è una riproposizione in scala 1:1 di League of Legends. Quindi, l'obiezione di chi sostiene che tanto vale giocare direttamente a LoL su PC non regge fino in fondo.

    La prova con BlueStacks

    Per la nostra prova con mouse e tastiera abbiamo deciso di utilizzare BlueStacks (da poco è stata pubblicata la Beta di BlueStacks 5), uno degli emulatori più famosi e utilizzati al mondo. Ce ne sono molti altri (come Gameloop), ovviamente, e potete scegliere quello che più vi aggrada.

    Ci sono anche diverse possibilità di continuare a giocare su cellulare (o tablet) con annesse mouse e tastiera, ma questa è un'altra storia, basata su applicazioni di "key mapping". Ad ogni modo, una volta installato l'emulatore basta semplicemente accedere con un account Google. Una volta effettuato l'accesso è possibile scaricare qualsiasi gioco Google Play Store, esattamente come accade in ambiente mobile.

    Una volta trovato e scaricato League of Legends Wild Rift potete avviarlo inserendo le vostre credenziali Google, Riot Games o Facebook, a seconda di ciò che avete usato per registrarvi all'app. Il consiglio è comunque quello di utilizzare (o creare) un account Riot Games. Molto più comodo, per i progressi di gioco e le future ricompense cross-piattaforma.

    Per quanto riguarda le prestazioni dell'applicazione, invece, dovete sapere che gli emulatori tendono chiaramente a riservarsi una parte delle risorse del PC. La quantità di risorse, per così dire, "accantonate", saranno pari alle caratteristiche tecniche del dispositivo che andrete ad "emulare". Nelle impostazioni, come potete vedere dalle immagini, è possibile agire sulla RAM, sulla CPU, sulla tipologia di device per aumentarne o ridurne le capacità, modulando l'esperienza di gioco sulla potenza del PC. Wild Rift, può esser così lasciato libero di correre ed esprimere tutto il suo carattere.

    BlueStacks, inoltre, propone un ventaglio particolarmente ampio di opzioni di personalizzazione riguardo alla mappatura dei comandi. Oltre alla possibilità di salvare Macro e script, l'emulatore permette di scegliere la configurazione che più si adatta al vostro modo di giocare. C'è, ad esempio, la mappatura tipica dei MOBA su PC, ovvero con il movimento del campione demandato principalmente al mouse, l'attacco normale alla barra spaziatrice e l'associazione delle abilità alla classica combinazione di tasti "Q-E-F-R".

    Oppure, esiste anche la possibilità si usare per il movimento i tradizionali "WASD" e demandare il l'uso delle skill ad altri tasti. Ad ogni modo, il giocatore può personalizzare ogni singola icona a schermo e associarla al comando che ritiene più comodo.

    Per il resto, League of Legends Wild Rift funziona esattamente come il fratello maggiore e, come quest'ultimo, necessita di più che altro - e indipendentemente dal device - di un discreto grado di abilità (e resistenza allo stress) per esser padroneggiato.

    Insomma, se avete un bruciante desiderio di provare Wild Rift ma non possedete un mobile device all'altezza, oppure preferite la sempre verde accoppiata mouse e tastiera, potete sempre puntare su un emulatore per godervi la nuova scommessa targata Riot Games.

    Quanto attendi: League of Legends Wild Rift

    Hype
    Hype totali: 23
    77%
    nd