WildRift

LoL Wild Rift: migliori campioni di febbraio, eSport e la Belva Lunare

La nuova scommessa di Riot Games continua ad arricchirsi di nuovi contenuti. Ecco la tier list di febbraio e le novità su League of Legends Wild Rift.

speciale LoL Wild Rift: migliori campioni di febbraio, eSport e la Belva Lunare
Articolo a cura di
Disponibile per
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Stadia
  • Sin dalla sua uscita, all'inizio di dicembre, League of Legends Wild Rift non ha mai smesso di arricchirsi di nuovi contenuti. Campioni, eventi a tema, patch correttive e diverse migliorie che hanno sicuramente inciso in positivo sull'esperienza dei milioni di giocatori sparsi in tutto il globo. Nel corso dei mesi abbiamo seguito da vicino la sua evoluzione, analizzato i migliori campioni (ecco il nostro speciale sui campioni di LoL Wild Rift) e approfondito la storia di League of Legends (qui il nostro altro speciale sulla storia di Legue of Legends). Ora, a seguito del nuovo aggiornamento, diamo un rapido sguardo all'evento speciale dedicato al Capodanno cinese, alle novità riguardanti l'esport e, soprattutto, alla tier list (ovvero ai migliori combattenti) del meta attuale.

    La tier list di febbraio (secondo noi)

    Iniziamo proprio dall'ultimo punto: la lista dei migliori campioni di febbraio. Noi ne abbiamo scelti una manciata (i cosiddetti Tier S, o God Tier) e li abbiamo suddivisi per ruolo. Per quanto riguarda la Top Lane (o Baron Lane, come vi abbiamo spiegato nel nostro speciale dedicato alle corsie di LoL Wild Rift) i più efficaci campioni per il ruolo rimangono Garen; Malphite; Pantheon e Darius.

    In Mid Lane, questo febbraio, troviamo in pole position Lux, Katarina, Zed e Akali. La giungla, invece, è il terreno di caccia preferito di Master Yi, Graves, Lee Sin, Vi e Diana. In Bot Lane (o Dragon Lane) dominano Tristana; Jhin; la neo entrata Xayah e Kai'Sa. Infine, una categoria a parte per i Support, in cui spiccano Lulu, Blitzcrank, Nami, Alistar, Rakan (altra novità del roster) e il sempreverde Braum.

    Le novità esport 2021, si guarda a Est

    Gli appassionati del gaming competitivo, di sicuro, sono in fremente attesa di riceve informazioni sulla nascita e lo sviluppo del promesso ecosistema esport di Wild Rift.

    Purtroppo, dopo le iniziali dichiarazioni d'intenti, le notizie latitano. Nulla di preoccupante: è necessario portare un po' di pazienza, visto che il titolo è uscito appena tre mesi fa ed è ancora in piena fase beta. Una giustificazione che possiamo circoscrivere evidentemente ai mercati occidentali, visto che in Oriente è già in procinto di iniziare una stagione competitiva piuttosto ricca e intensa.

    La divisione del Sudest asiatico di Riot Games ha infatti rivelato ufficialmente il primo torneo per League of Legends: Wild Rift nella regione. Il Wild Rift SEA Icon Series è considerato addirittura "un passo fondamentale" per la fondazione della scena esport nell'intera regione e sicuramente sarà un ottimo modo per tutti di godersi le competizioni iniziali e osservare i primi professionisti della disciplina.I dettagli, a riguardo, sono stati rivelati solo sulla pre-season.

    Cinque weekend con tornei addirittura in sette paesi: Filippine, Vietnam, Thailandia, Taiwan, Malesia, Indonesia e Singapore. Il torneo inizierà ufficialmente il 26 febbraio.Dopo la pre-season, partirà la "Wild Rift Icon Series: Summer Season". Sarà un evento della durata di otto settimane e sarà aperto a tutte le squadre dei sette paesi. Addirittura, nelle Filippine, il partner di Riot Games - ossia Mineski - nel corso delle due stagioni del 2021 (ovvero la già citata Summer Season e la successiva Fall Season) metterà in palio l'equivalente di 208.000 Dollari per le migliori squadre della nazione.

    Il prize pool verrà suddiviso poi tra i team qualificati, in base ai punti guadagnati nelle fasi a gironi e nei playoff. Le migliori squadre di ogni paese, poi, passeranno ai "tornei inter-regionali" per competere per il titolo dei primi campioni del Sudest asiatico. Il format appare ben studiato e, nel caso in cui dovesse avere successo, potrebbe essere sfruttato per dare un decisivo impulso alla formazione di una scena esport occidentale (europea e statunitense, soprattutto).

    Il Capodanno cinese, l'anno del Bue

    Come sapete - e come probabilmente avrete visto aggiornando l'applicazione - in concomitanza con il Capodanno cinese Wild Rift si è vestito a festa con un nuovo evento stagionale, ricco di ricompense.

    La celebrazione è già iniziata da un po' (lo scorso 4 febbraio), ma non temete, perché terminerà il 3 marzo, quindi avete ancora qualche giorno per continuare a potenziare le reliquie lunari, portare a termine le missioni e spendere i Lunar Tokens per riscattare le ricompense. Noi possiamo darvi qualche veloce consiglio per guadagnare gettoni più in fretta e sbloccare le ricompense dal negozio.

    Prima di tutto, se volete iniziare da qualcosa di facile, provate a selezionare nel Quartier Generale le Pistole Lunari di Miss Fortune, che garantiscono punti indipendentemente dalla vittoria o dalla sconfitta. Successivamente buttatevi sull'Ascia Lunare utilissima per il farming (con la missione da 3 punti che pone come condizione la vittoria in meno di 15 minuti). Lasciate, invece, per ultima la Spada Lunare, molto più difficile da potenziare, perché si lega a uccisioni e soprattutto mette in palio 5 punti per il premio MVP/SVP.

    Ad ogni modo, non preoccupatevi per la vostra abilità in game e non abbiate ansia da prestazione: se volete solo farmare un po' di gettoni in maniera semplice, non dovete far altro che gettarvi nella competizione con i bot (sia a difficoltà media che principiante) e completerete così tutte le missioni in breve tempo. Vi ricordiamo che oltre a pose e boost, nel negozio - per 300 gettoni lunari (a testa) - potete sbloccare i due nuovi campioni: Xayah e Rakan, quindi non lasciatevi sfuggire quest'occasione!

    Quanto attendi: League of Legends Wild Rift

    Hype
    Hype totali: 23
    77%
    nd