LudoNarraCon: la fiera virtuale di Steam dedicata ai giochi narrativi

Nei giorni scorsi si è tenuta sui lidi di Steam LudoNarraCon, una manifestazione a tema ludonarrativo: scopriamo i giochi più interessanti.

speciale LudoNarraCon: la fiera virtuale di Steam dedicata ai giochi narrativi
Articolo a cura di

Nei giorni scorsi, sul portale di Steam è stato possibile "visitare" virtualmente una fiera videoludica molto particolare: la LudoNarraCon. Si è trattato di una manifestazione a tema ludonarrativo dedicata, come intuibile dal nome, a tutte quelle produzioni che si pongono l'obiettivo di intrigare il giocatore con storie, racconti e mondi fantastici. Più di ogni altra cosa, la fiera ideata dal gruppo di Fellow Traveller ha cercato di mostrare al mondo il potenziale delle esperienze interattive narrative, e le nuove prospettive creative del settore indipendente.
La sua particolarità è stata quella di essere una manifestazione totalmente virtuale, durante la quale la home di Steam è stata costantemente arricchita da panel, dibattiti, prove e streaming dei creativi e degli scrittori dietro numerosissimi videogiochi e studi di sviluppo. Abbiamo avuto la possibilità di testare alcune demo dei giochi in mostra, e questi sono i titoli che ci sono sembrati più promettenti e interessanti!

Genesis Noir

In Genesis Noir, dovremo impedire il Big Bang per salvare il nostro amore: come e perché non ci è dato sapere. In un trionfo estetico e sonoro, tra sonorità jazz e moderne che si fondono alla perfezione con una regia perfettamente curata e al contempo parzialmente sottomessa al volere del giocatore, l'opera di Feral Cat Den si presenta da subito come un titolo prorompente e dall'indubbia forza evocativa e artistica.

La parola che meglio di tutte le altre però caratterizza l'opera è "sinestesia". Tramite le interazioni tattili con i tasti del gioco e con la loro peculiarità, gli autori cercano di costruire un percorso ludico che ci faccia sentire protagonisti della vicenda, non tramite scelte di dialogo o risposte multiple, ma tramite un'identificazione con ciò che il nostro avatar sta mettendo in scena.

Nella demo provata, ci troveremo ad esempio ad affrontare una sfida jazz con un sassofonista di strada, che ci chiederà di ripetere la sua sonata, e poi farà lo stesso con noi: nella cornice di una messa in scena dallo stile esaltante e visivamente potente, ci troveremo a interagire con dei tasti riprodotti in modo tale da ricordare una tastiera (strumento del nostro avatar), avviando un processo di immedesimazione che ci farà sentire davvero nel luogo di questo peculiare scontro.

Come da esempio, tantissimi casi diversi si susseguono durante la breve ma ricca demo disponibile, e non possono che lasciar estasiati in ogni loro frame. Dopo la prova, Genesis Noir è diventato immediatamente uno dei titoli che attendiamo con maggior interesse di questo inverno.

The Church in the Darkness

America Latina, anni '70. Un preoccupato cittadino statunitense, in cerca del nipote di cui non ha più notizie da qualche mese, si infiltra in un piccolo accampamento di rifugiati e critici dell'imperialismo americano. Sin dal silenzioso ingresso nella struttura, faremo la conoscenza di figure e personaggi che ci spingeranno a prendere delle scelte radicali riguardo alla violenza, alla politica e alla morale.

In questo luogo, rifugio di un culto a metà tra l'estremismo socialista e quello cattolico, interagiremo con numerosi NPC che ci daranno informazioni e indicazioni su cosa sta accadendo esattamente nel culto, e che dovremo saper interpretare se vorremo ritrovare nostro nipote. Questo è il contesto intorno al quale gli sviluppatori di The Church in the Darkness hanno deciso di mettere in scena la loro opera, fortemente incentrata sugli sviluppi narrativi delle conseguenze delle nostre azioni.

All'inizio di ogni partita (l'obiettivo è trovare il nipote del o della protagonista) la personalità dei capi dell'accampamento verrà modificata casualmente: potremo trovarci ad affrontare violenti capibanda, ferventi credenti o rifugiati terrorizzati dalla nostra violenza. Inoltre, le nostre azioni potrebbero generare un ulteriore cambiamento nella loro personalità: uccidere delle guardie li renderà particolarmente violenti, mentre lasciarci scoprire durante una pacifica infiltrazione ci garantirà "solo" una visita alle celle dell'accampamento.

L'obiettivo dell'opera è quello di offrire al giocatore un contesto che si presenta come neutro rispetto ad alcuni temi decisamente sensibili, e chiede a chi gioca di dare una sua interpretazione dei concetti e delle idee espresse dai personaggi, anche a seconda del tipo di personalità e di vicende che ci troveremo ad affrontare di volta in volta. A metà dunque tra un roguelike narrativo e uno stealth isometrico, The Church in the Darkness promette numerose ore di gioco, interessanti prospettive ludiche e un'originale messa in scena.

Mutazione

Impossibile descrivere Mutazione tramite una definizione di genere o un paragone diretto. Nell'opera Die Gute Fabrik emergono vari elementi ludici, tra accenni di strutture gestionali a tradizionali esplorazioni tipiche delle avventure grafiche, passando per sistemi di dialogo a risposta multipla a metà strada tra Oxenfree e Night in the Woods.

La deliziosa direzione artistica, che alterna saturazioni profonde dei colori e un character design accennato ma mai banale, descrive un mondo post apocalittico in cui al grande e oscuro segreto dietro alla violenta devastazione subita dal villaggio della protagonista si alternano semplici ma intriganti scambi di gossip, informazioni e curiosità sulla "fauna" (è il caso di dirlo, dato che interagiremo con molti essere antropomorfi dai tratti animaleschi) locale.

Toni da indagine investigativa si alternano al romanzo rosa con fluidità e ritmo, senza mai sembrare fuori luogo o eccessivamente dissonanti tra di loro. In questo quadro narrativo di scelte multiple e indagini, si inserisce la gestione di particolari e assurdi giardini magici, eredità del nostro caro Nonno e strumento di miglioramento e potenziamento del villaggio. Anche solo per l'originalità della formula di gioco e del concept, Mutazione sarà un titolo da tenere d'occhio.