Mass Effect: i libri e i fumetti per approfondire la Space Opera di Bioware

Una guida all'universo espanso di Mass Effect per scoprire tutti i retroscena e le storie alternative dei personaggi legati a Shepard.

Mass Effect: i libri e i fumetti per approfondire la Space Opera di Bioware
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Xbox Series X
  • Come avviene per gran parte dei media franchise, la galassia di Mass Effect è composta da svariate opere trasversali che nel corso degli anni hanno accompagnato le gesta videoludiche del comandante Shepard. Tra libri, fumetti e persino un film animato, il brand nato dall'acclamata trilogia di BioWare (a tal proposito, la nostra recensione di Mass Effect Legendary Edition dista poco meno di un Portale Galattico da voi) ha ormai il suo personale "universo espanso" e in questo articolo vogliamo portarvi alla scoperta di tutto il materiale parallelo ai videogiochi della serie.

    Dalle pagine dei romanzi al grande schermo

    La portata narrativa della saga di BioWare ha sin da subito ispirato gli autori del panorama letterario italiano nella composizione di alcuni romanzi ispirati alle gesta di Shepard e dei suoi compagni in giro per la Via Lattea. Già nel 2007, poco dopo la release del primo storico capitolo della trilogia originale, negli USA vide la luce un libro che in Italia arrivò soltanto nel 2009. Parliamo di Mass Effect: Revelation di Drew Karpyshyn (lo trovate in vendita su Amazon), un vero e proprio prologo alle vicende della serie principale. Protagonista è niente meno che il capitano David Anderson: il romanzo racconta di come il prode eroe dell'Alleanza dei Sistemi umana, durante la sua gioventù, fu inviato in missione in un laboratorio top secret per salvare una scienziata sparita dall'edificio, e di come incontrò il temibile Saren, colui che venti anni dopo sarebbe diventato la prima e terribile minaccia per tutte le specie della Galassia. Revelation è, in sostanza, il racconto del doloroso passato del mentore di Shepard, una vicenda che viene appena accennata nelle fasi iniziali del primo episodio del 2007.

    L'anno successivo è sempre Karpyshyn a firmare un nuovo romanzo intitolato Mass Effect: Ascension. La storia si colloca tra gli eventi di ME e Mass Effect 2 e segue le avventure della scienziata Kahlee Sanders, la stessa coinvolta nella missione di Anderson in Revelation. In questo libro scopriamo che Kahlee ha lasciato l'Alleanza per entrare nel Progetto Ascension, una speciale ricerca nata allo scopo di aiutare i bambini biotici a controllare i propri poteri.

    Già in questo racconto emerge l'organizzazione Cerberus, intenzionata ad appropriarsi degli infanti bionici per condurre su di loro brutali esperimenti. La storia di Sanders porterà poi la protagonista a visitare gli angoli più remoti della Galassia fino a scoprire la Flotta Migrante dei quarian, che la aiuterà nello scontro finale con i suoi nemici.

    La trilogia di Karpyshyn si chiude con Mass Effect: Retribution, che narra eventi successivi al secondo episodio della trilogia e porta a conclusione la storia di Kahlee Sanders e la sua crociata contro Cerberus.

    Quando il suo amico, l'ex agente Cerberus Paul Grayson, scompare misteriosamente, la donna si rivolge ad un vecchio alleato per combattere l'Uomo Misterioso e salvare Grayson dalla corruzione mentale provocata dalla tecnologia dei Razziatori: il capitano Anderson. Con Mass Effect: Deception inizia, nel 2012, un nuovo ciclo di romanzi per l'universo espanso. Curato da William C. Dietz, il libro vede ancora tra i protagonisti Kahlee Sanders e Anderson, ma apre un nuovo arco narrativo e affronta le conseguenze di quanto accaduto a Paul Grayson negli episodi precedenti. Senza entrare eccessivamente nel merito per evitarvi spoiler sulla trama, c'è però da segnalare che Deception fu al centro di numerose controversie a causa di parecchi errori di continuity che, di fatto, resero il romanzo non canonico. Tra le discrepanze figurano svariate disattenzioni sulla lore, come la conformazione delle ambasciate nella Cittadella (la presenza, per esempio, di una rappresentanza della comunità Batarian) o diverse sviste sullo status quo delle razze abitanti nella Via Lattea. In seguito alle lamentele da parte della community di Mass Effect, BioWare promise che gli errori sarebbero stati corretti nelle successive edizioni del libro.

    Con Deception si chiuse temporaneamente, nel 2012, la parentesi dedicata ai romanzi del franchise, seppur non nel migliore dei modi. L'universo espanso proseguì tuttavia sul grande schermo con Mass Effect: Paragon Lost (su Amazon in DVD e Blu-Ray), un lungometraggio di animazione diretto da Atsushi Takeuchi.

    L'opera è una co-produzione tra Stati Uniti e Giappone ed è stato realizzato dallo studio nipponico di Production I.G in collaborazione con BioWare. La storia si colloca contemporaneamente agli eventi del secondo capitolo della trilogia ed è incentrata su James Vega e sulla sua famosa missione su Fehl Prime, la colonia umana che fu attaccata dai Collettori.

    I romanzi ispirati al brand tornarono nel 2017, quando BioWare avallò la pubblicazione di alcuni libri volti ad espandere l'universo narrativo di Mass Effect: Andromeda (se non l'avete ancora letta, potete anche teletrasportarvi verso larecensione di Mass Effect Andromeda). Il primo si intitola Nexus Uprising ed è scritto da Jason M. Hough e K.C. Alexander. La storia si concentra su Sloane Kelly, direttore della sicurezza del Nexus, e racconta in sostanza i primi passi dell'Iniziativa Andromeda prima che l'alter ego protagonista del videogioco si risvegli dalla criostasi.

    Successivamente arrivò Mass Effect Andromeda: Initiation, scritto da N.K.Jemisin e Mac Walters, un'opera che si concentra sull'agente Cora Harper e sulle sue avventure prima di imbarcarsi al fianco di Ryder nell'Iniziativa Andromeda. Infine arrivò Mass Effect Andromeda: Annihilation, scritto da Catherynne M. Valente e pubblicato negli Stati Uniti nel 2018. Il romanzo racconta il tragico viaggio della flotta quarian verso la Galassia di Andromeda, fornendo spiegazioni sulla loro assenza nel videogioco BioWare. Pur senza svelarvi troppo sulla trama, vi basti sapere che la storia si concentra sui passeggeri a bordo dell'arca quarian Keelah Si'yah e di un tremendo patogeno mortale che si manifesta a bordo della navicella spaziale.

    L'universo a fumetti

    La produzione fumettistica legata a Mass Effect è un po' più ricca di quella letteraria. Si parte da Mass Effect: Redemption, miniserie in 4 albi scritta da Mac Walters (uno degli sceneggiatori di ME2) e John Jackson Miller, mentre i disegni sono curati da Omar Francia. La trama si colloca circa due anni prima le vicende del secondo capitolo e più precisamente poco dopo la distruzione della Normandy SR-1. Protagonista del racconto è Liara T'Soni, che si dirige verso i Sistemi Terminus per ottenere informazioni sul destino del comandante Shepard, disperso dopo l'attacco alla nave: gli eventi di questo fumetto, in sostanza, fanno da apripista a quelli di Mass Effect 2, poiché vediamo in che modo i protagonisti ottengono il corpo di Shepard prima che se ne impossessi l'Uomo Misterioso.

    Si prosegue con Mass Effect: Evolution, realizzata dagli stessi autori di Redemption allo scopo di creare un ulteriore sequel del secondo episodio: la miniserie in 4 volumi racconta infatti le origini dell'Uomo Misterioso e dell'organizzazione Cerberus, e inizia durante la Guerra del Primo Contatto avvenuta tra umani e turian.

    Il trio composto da Walters, Miller e Francia ha poi realizzato Mass Effect: Invasion, altra miniserie ambientata dopo il secondo episodio e incentrata su Aria T'Loak, regina dei Pirati di Omega.

    Tra i tie-in dedicati a Mass Effect 3, invece, c'è Homeworlds, altra serie a fumetti dedicata al passato di alcuni dei principali comprimari del gioco. Si parte, nel primo albo, da James Vega, e si narra di come il giovane abbia deciso di arruolarsi nell'Alleanza su suggerimento di suo zio; il secondo volume è dedicato invece a Tali'Zorah e racconta come la quarian sia entrata in possesso della registrazione che incastrò Saren nel primo capitolo.

    Il numero 3 si concentra invece su Garrus Vakarian e sulla sua storia dopo la morte di Shepard in ME2, mentre il quarto ci mostra il viaggio di Liara sul pianeta degli Hanar alla scoperta di informazioni sui Razziatori (che le verranno poi rubate dall'Uomo Misterioso).
    La quinta serie a fumetti ispirata al franchise BioWare è Foundation, alla cui guida troviamo nuovamente Mac Walters. La saga è composta di 11 volumi, ciascuno dei quali è incentrato su un diverso personaggio della serie. Il filo conduttore di queste storie è la presenza più o meno costante di Rasa, l'antagonista di uno dei DLC di Mass Effect 3; la storia, inoltre, ci racconta anche alcuni retroscena legati alla villain, incluso il suo reclutamento in Cerberus. Nella produzione del franchise figurano anche diversi mini-fumetti di circa 8 pagine ciascuno. Mass Effect Incursion torna nuovamente alle origini di ME2, raccontandoci ciò che accade prima che i Collettori distruggano la Normandy. Portagonista è nuovamente Aria T'Loak; Inquisition ci porta invece dopo il finale di ME2, concentrandosi sulla storia del Capitano Bailey; Convinction, infine, ci riporta dalle parti di James Vega e ci spiega il suo coinvolgimento nel processo sulla Terra al comandante Shepard.

    Per chiudere segnaliamo altre due interessanti opere brevi: il primo è Mass Effect Blasto Eternity is Forever un fumetto composto di un solo numero che segue le vicende di uno Spettro hanar comparso in diversi film presenti nell'universo narrativo del brand.

    Il secondo, ben più intrigante del suo predecessore, è Mass Effect: He Who Laughs Best, un one-shot che racconta le origini di Joker. La storia ci narra dunque del passato dell'iconico pilota della SSV Normandy prima degli eventi di Mass Effect, vicende che vengono appena accennate dal personaggio nel corso della saga videoludica.

    Che voto dai a: Mass Effect Legendary Edition

    Media Voto Utenti
    Voti: 59
    8.3
    nd