Metroid, la storia di Samus: dalla nascita su NES al debutto su Switch

Facciamo il punto delle vicissitudini interstellari della cacciatrice di taglie Samus Aran, protagonista della celebre serie Metroid.

Metroid, la storia di Samus: dalla nascita su NES al debutto su Switch
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Switch
  • L'uscita di Dread segna un momento fondamentale nell'evoluzione del brand di Metroid. A diciannove anni di distanza dall'uscita dell'ultimo capitolo in due dimensioni, Metroid Fusion, il quinto episodio delle avventure di Samus Aran si pone l'arduo compito di raccogliere una pesante eredità per portarla al suo compimento (a proposito, eccovi la recensione di Metroid Dread). Con più di trentacinque anni di distanza dall'uscita del primo titolo su NES, la storia di Metroid si è arricchita enormemente: tra spin-off, remake ed episodi esterni al medium videoludico, è facile perdere l'orientamento in questa colossale opera sci-fi. Cerchiamo quindi di ricostruire, in ordine cronologico, tutta la storia di Metroid dagli albori fino a Dread.

    Il Manga - Le origini

    Nonostante il debutto ufficiale di Samus sia avvenuto nel 1986 su NES, le origini della protagonista sono state approfondite in un manga pubblicato tra il 2002 e il 2004. Nelle pagine dei primi capitoli si viene introdotti alla tragica storia di Samus: originaria della colonia KL-2, affiliata alla Federazione Galattica, la giovane perde in tenera età i genitori in seguito a un brutale attacco dei Pirati Spaziali capitanati dal mostruoso Ridley - un essere simile a un drago umanoide che deve il suo nome al regista di Alien, Ridley Scott.

    Come unica sopravvissuta della colonia, Samus viene salvata e cresciuta dai Chozo, una razza di creature aliene simili ad uccelli. Dopo undici anni di allenamento sul pianeta Zebes, i Chozo accolgono definitivamente la ragazza come appartenente alla loro razza e vedono in lei la futura salvatrice della Galassia. Un compito che la porterà a scontrarsi ripetutamente con i Pirati Spaziali, con Ridley e con Mother Brain, il super computer a capo della fazione avversaria.

    Metroid Zero Mission

    Le avventure videoludiche di Samus prendono il via nel 1986 con Metroid, ma il suo remake Zero Mission presenta una versione molto più dettagliata e approfondita della narrativa. Nell'anno 20x5 i Pirati Spaziali hanno attaccato un centro di ricerca della Federazione Galattica per impossessarsi di alcuni esemplari di una razza aliena conosciuta come Metroid. Questi esseri, simili a meduse volanti, sono estremamente pericolosi perché in grado di assorbire l'energia vitale di qualsiasi creatura vivente. Samus, ormai una cacciatrice di taglie, viene inviata dalla Federazione su Zebes, dove i Pirati Spaziali stanno compiendo delle ricerche sui Metroid nel tentativo di trasformarli in potenti armi biologiche.

    Samus esplora Zebes fin nelle sue profondità, affronta i generali dei pirati spaziali - tra cui il corpulento Kraid e il suo acerrimo rivale Ridley - fino ad arrivare a Mother Brain. Proprio dove l'originale si interrompeva, Zero Mission aggiunge una sezione tutta nuova: Samus privata della sua tuta si ritrova ad esplorare le rovine di Chozodia su Zebes, scopre una nuova armatura Chozo e batte Mecha Ridley, un robot costruito sulle sembianze della sua nemesi. Il finale vede Samus in fuga da Chozodia e la distruzione della nave dei Pirati Spaziali: con essa, andranno perdute anche tutte le ricerche effettuate sui Metroid.

    Metroid Prime

    Il passaggio alle tre dimensioni, avvenuto nel 2002 su Gamecube, presenta leggere inconsistenze rispetto alla timeline ufficiale ma è comunque considerabile come canonico. Nell'incipit di Prime, Samus risponde al segnale di aiuto di una navicella che orbita intorno al pianeta Tallon IV: si tratta in realtà di una stazione di ricerca

    dei Pirati Spaziali, intenti a portare avanti esperimenti su un potente materiale radioattivo denominato Phazon. Dopo essere stata attaccata da alcuni parassiti, Samus perde tutte le sue abilità ed è costretta ad atterrare sul pianeta. Qui incappa nelle rovine di un antico insediamento Chozo e scopre il motivo della loro caduta: l'impatto con un meteorite ha generato il già citato Phazon, una sostanza altamente mutagena in grado di corrompere la materia. I Chozo, consci del potere distruttivo della stessa, si sono sacrificati rinchiudendo il veleno nel cuore del corpo celeste, impedendo l'accesso a chiunque avrebbe provato ad appropriarsene. Nell'esplorare il luogo, la cacciatrice di taglie si imbatte negli avamposti dei Pirati Spaziali e si scontra con Ridley, ora nella sua forma Meta. Nelle profondità di Tallon IV scopre poi il Metroid Prime, un Metroid modificato geneticamente dal prolungato assorbimento di Phazon. Samus esce vittoriosa dal cruento scontro con il mostro, ma il finale segreto di Metroid Prime svela che in realtà qualcosa è sopravvissuto, e una mano esce dal brodo primordiale in cui si era decomposto il Metroid.

    Metroid Prime 2: Echoes

    Nel secondo capitolo di Prime, Samus arriva su Aether rispondendo a una richiesta di aiuto da parte del team bravo, una squadra di marine della Federeazione Galattica inseguiti dai Pirati Spaziali. La protagonista si ritrova in un ambiente ostile, ricco di minacce contaminate dal Phazon e scopre che dallo scontro con il Metroid Prime si è originato un suo doppio negativo, Samus Oscura. La daualità è il tema centrale di Echoes: entrando a contatto U-Mos, ultimo superstite dei Lumoth, Samus viene a conoscenza della storia del pianeta: Aether è stato colpito da un meteorite, simile al Leviatano che rappresentò la rovina di Tallon IV.

    L'impatto ha creato una discrepanza spazio temporale, una realtà parallela dove esiste una copia oscura di Aether, abitata dagli Ing, una razza di insetti malvagi. La missione di Samus è quella di ripristinare Aether al suo antico splendore facendo collassare la realtà parallela. L'obiettivo è raggiunto una volta che l'Imperatore Ing e Samus Oscura cadono sotto i colpi della cacciatrice di taglie, che riesce così a salvare il pianeta e la razza dei Luminoth, ora pronti a uscire dallo stato di ibernazione cautelare imposto da U-Mos. Il finale segreto di Echoes rivela che però la minaccia del Phazon non si è ancora esaurita, e Samus Oscura si rigenera nuovamente sulla superficie di Aether.

    Metroid Prime 3: Corruption

    Sei mesi dopo Samus e tre altri cacciatori di taglie spaziali sono richiamati sulla nave spaziale G.F.S. Olympus dall'Ammiragio Dane, che li incarica di indagare sull'origine di un virus che ha infettato il network dei super computer organici usati dalla federazione, le unità Aurora. Presto si scopre che dietro a questo attacco ci sono in realtà i Pirati Spaziali in combutta con Samus Oscura: gli stessi assaltano la

    Olympus e fanno schiantare tre Leviatani, ovvero i meteoriti al Phazon che avevano distrutto l'ecosistema di Tallon IV e Aether. Samus sopravvive al terribile attacco svegliandosi dopo un mese di coma, scoprendo di essere in grado di assorbire il Phazon e sfruttarne il potenziale offensivo a suo vantaggio. Nel corso del gioco Samus distrugge tutti i semi presenti nei Leviatani e sconfigge gli altri tre cacciatori di taglie ormai corrotti dal veleno. Così facendo però, mette a rischio la sua incolumità, aumentando pericolosamente il livello di contaminazione da Phazon. Verso la fine dell'avventura, rubando una nave leviatano, Samus raggiunge Phaaze, l'origine di tutto il Phazon presente nell'universo. Sulla superficie del pianeta c'è un ultimo fatale scontro con Ridley, ora nella sua versione Omega. Samus lo sconfigge, distrugge Phaaze e con esso tutto il Phazon presente nell'universo, eliminando così la minaccia che stava corrompendo la sua tuta. Finita questa saga la cacciatrice spaziale è pronta per tornare sui suoi passi alla ricerca degli ultimi Metroid sopravvissuti, ma nel finale segreto è possibile intravedere la navicella di Sylux che pedina di nascosto gli spostamenti di Samus. Che il cacciatore di taglie conosciuto su Nintendo DS nello spin-off Metroid Prime: Hunters possa effettivamente essere la minaccia principale di Prime 4?

    Samus Returns

    Riprendendo le fila dell'avventura principale, Samus torna a caccia di Metroid in "The Return of Samus", pubblicato su Game Boy nel 1991. Anche in questo caso, la versione più completa degli accadimenti è stata raccontata nel remake uscito nel 2017 su 3DS (qui trovate la recensione di Metroid Samus Returns). Samus viene inviata dalla Federazione Galattica sul pianeta natale dei Metroid, SR388, dopo che una spedizione di Marine ha confermato la presenza delle creature. La missione questa volta consiste nell'esplorare le profondità del posto, eliminando qualsiasi Metroid sopravvissuto.

    Samus arriverà a sterminare tutta la razza aliena, compresa la Regina, ma non riuscirà a uccidere l'ultimo sopravvissuto: un Metroid appena nato che, vedendo Samus immediatamente dopo essere uscito dal suo uovo, riconoscerà nella cacciatrice di taglie una figura materna. Tornata sulla superficie insieme alla larva, Samus si scontra per l'ennesima volta con Ridley, dotato di una nuova armatura bionica. Il pirata spaziale è intenzionato a portare avanti i piani di Mother Brain, vedendo nell'ultimo sopravvissuto della stirpe dei Metroid la possibilità di creare una controffensiva alla Federazione. Lo scontro

    vede per l'ennesima volta la sconfitta del mostruoso antagonista, la cui energia viene assorbita dal cucciolo e trasferita a Samus. La cacciatrice torna quindi vittoriosa alla base operativa portando con sé l'ultimo Metroid sopravvissuto, ora tenuto sotto osservazione in un centro di ricerca della Federazione. Il finale di Samus Returns aggiunge tanto rispetto all'originale: non solo è possibile vedere per la prima volta il Parassita X infettare un organismo di SR388, ma nella galleria fotografica si sblocca una sequenza di immagini che svelano la reale origine dei Metroid. Questi sono in realtà un'arma creata artificialmente dagli stessi Chozo per contrastare il Parassita X, l'originale predatore Alfa del pianeta. Ben presto però i Metroid diventano una minaccia per i Chozo, e la nuova emergenza porta a divisioni interne alla società. Il leader dei Chozo guerrieri uccide il capo della fazione pacifica, iniziando così un'era di violenza, terrore e guerra.

    Super Metroid

    Super Metroid, pubblicato nel 1994 su Super Nintendo, riprende esattamente da dove si era interrotto il capitolo precedente. Il terzo episodio della saga vede Samus di nuovo all'inseguimento dei Pirati Spaziali su uno dei pianeti abitati dai Chozo, ovvero Zebes. Ridley ha infatti sottratto la larva di Metroid dal laboratorio della Federazione e ha riportato la creatura nei centri di ricerca dei Pirati per creare l'arma biologica definitiva. Samus, proprio come nella prima missione, attraversa la superficie di Zebes e le sue profondità, sconfiggendo i generali dei Pirati Spaziali e arrivando infine nei laboratori segreti dell'organizzazione. Qui viene attaccata da un Metroid gigantesco, che però si ferma poco prima di assorbire completamente la sua energia vitale.

    Il mostro è in realtà la larva di Metroid ormai cresciuta che però riconosce ancora in Samus una figura materna. Questo legame si rivelerà determinante nello scontro finale con Mother Brain. Il capo dei Pirati Spaziali in procinto di giustiziare Samus, è interrotto dal Metroid che ne assorbe l'essenza e la trasferisce sotto forma di energia alla cacciatrice di taglie. Mother Brain giustizia la creatura aliena scatenando la furia di Samus, ora più determinata che mai nei suoi propositi. Il finale vede la distruzione di Zebes, l'annientamento dei Pirati Spaziali e l'estinzione dei Metroid, anche se le avventure della bionda eroina sono ancora lontane dalla conclusione.

    Metroid: Other M

    Sebbene non rientri nella numerazione ufficiale dei capitoli in due dimensioni, anche il capitolo Other M offre interessanti dettagli sull'evoluzione psicologica di Samus e sulla storia del personaggio. Gli eventi di Super Metroid si dimostrano tanto traumatici da costringere Samus a un periodo di rianimazione in un centro della Federazione. Dopo un mese di riabilitazione la protagonista è pronta a tornare in azione e risponde a una richiesta d'aiuto proveniente da un laboratorio di ricerca spaziale conosciuto come Stazione Arca. Qui incontra il Settimo Plotone di Marine della Federazione guidato da Adam Malkovich, una vecchia conoscenza con cui Samus aveva stretto una profonda amicizia in passato.

    Investigando il laboratorio Aran scopre le oscure macchinazioni della Federazione Galattica, le cui intenzioni si dirigono pericolosamente nella direzione intrapresa dai Pirati Spaziali. Durante la convalescenza gli scienziati della Federazione hanno infatti estratto dalla donna parte del DNA Metroid acquisito dalla larva, con l'intento di ricreare i parassiti sotto forma di arma biologica da usare a proprio vantaggio. Adam Malkovich prova di non essere parte di queste macchinazioni, distruggendo il laboratorio di contenimento dei Metroid ma perdendo così la vita. La cacciatrice di taglie, ormai disperata, affronta per la seconda volta la Regina dei Metroid, portando alla seconda estinzione la razza aliena.

    Metroid Fusion

    Metroid Fusion, quarto capitolo della saga e prequel diretto di Dread, riprende da dove si era interrotta la narrazione di Super Metroid. Durante una missione di scorta sul pianeta SR388, l'eroina cresciuta dai Chozo viene infettata dal Parassita X (lo stesso mostrato nel finale di Samus Returns). Questa contaminazione porta gravi problemi al suo sistema immunitario, tanto da farle perdere il controllo della navicella spaziale portandola a schiantarsi contro una fascia di asteroidi. Samus viene soccorsa sulla stazione orbitale BSL e salvata dai medici della Federazione, ma le conseguenze sono disastrose. Parte della sua tuta è stata rimossa perché completamente infetta e in più è stata resa immune al Parassita X grazie a un vaccino creato dal DNA della larva Metroid.

    Una volta ripresa conoscenza, Aran viene nuovamente inviata sulla stazione BSL per indagare riguardo ad alcune esplosioni: a guidarla nella missione c'è un'intelligenza artificiale che la cacciatrice rinomina "Adam", per onorare la memoria del suo amico caduto. Ben presto Samus scopre che tutto il centro di ricerca è stato compromesso dall'esposizione al Parassita X, un organismo in grado di replicare le sembianze del suo ospite. Una variante letale che ha preso la forma dell'eroina, l'SA-X, è il motivo principale della caduta della stazione. La situazione, già disperata, si

    rivela in realtà molto più complessa: la protagonista si imbatte in un altro laboratorio utilizzato per allevare Metroid, scoprendo che l'SA-X è in grado di clonarsi autonomamente e che ben dieci esemplari la stanno braccando. Le intenzioni della Federazione, determinata a studiare tanto i Metroid quanto il parassita SA-X per creare armi sempre più potenti, vanno contro l'etica di Samus: la cacciatrice di taglie decide di disobbedire agli ordini dell'intelligenza artificiale, che si rivela essere la coscienza del vero Adam caricata su una rete neurale dopo la sua morte fisica. Con l'aiuto del suo compagno, Samus innesca la sequenza di autodistruzione della stazione, fugge sulla sua navicella e abbandona la struttura poco prima che collassi e impatti rovinosamente sul pianeta SR388. Sarà veramente questa la fine del Parassita X e dei Metroid?

    Metroid Dread

    Dread è il compimento della saga, e il quinto capitolo riprende proprio dal finale di Fusion. Il titolo su Switch è una vera e propria celebrazione dell'essenza di Metroid, e la sua trama raccoglie più di tre decenni di suggestioni e intrecci narrativi, portandoli a una degna conclusione senza lasciare nulla in sospeso.

    Gli appassionati di lunga data troveranno tutte le risposte alle domande poste con i precedenti quattro capitoli. E sebbene Dread rappresenti la chiusura di un cerchio che ha visto le storie dei Chozo, di Samus e dei Pirati Spaziali incontrarsi senza sosta, non si tratta dell'addio definitivo alle avventure di Samus. Con Dread si chiude il primo capitolo della saga: il futuro di Metroid non è mai stato così radioso.

    Che voto dai a: Metroid Dread

    Media Voto Utenti
    Voti: 35
    8.9
    nd