Nintendo eShop: i consigli della redazione per un Natale Indie su Switch

La ciurma di Everyeye.it ha spulciato lo store di Nintendo alla ricerca dei giochi indie per le festività natalizie, all'insegna di stile e qualità.

Nintendo eShop: i consigli della redazione per un Natale Indie su Switch
Articolo a cura di

Se avete scelto di trascorrere le festività natalizie all'insegna di una scorpacciata videoludica, le cucine del Nintendo eShop, che da molto tempo sfornano costantemente numerosissime produzioni di differente natura, sono il luogo adatto in cui far man bassa di acquisti. Oltre ai giochi ben più noti, appartenenti al mercato dei cosiddetti "tripla A" - e che sicuramente balzeranno facilmente agli occhi di gran parte del pubblico - non manca un ampissimo ventaglio di opere indipendenti che meritano senza dubbio la vostra attenzione.

Come è ormai da tradizione, la redazione di Everyeye.it ha pensato di suggerirvi quattro titoli indie da recuperare nel periodo natalizio, così da aiutarvi a compiere una selezione che si allontani un po' dai lidi più mainstream. Giochi di ambizioni differenti, tutti accomunati però da un'unica caratteristica: la fusione tra stile e qualità. Eccovi dunque i nostri consigli, ma prima di lasciarvi alla lettura vi suggeriamo di utilizzare lo spazio dei commenti per proporre i vostri giochi imperdibili da vivere nel corso delle feste.

Streets of Rage 4 - Alessandro Bruni

Riportare sugli scaffali una serie leggendaria come Streets of Rage non è certo un'impresa da poco, a maggior ragione considerando i 25 anni trascorsi dall'uscita del terzo capitolo, ultimo atto di una trilogia che rappresenta una pagina importantissima del gaming anni ‘90.

Malgrado gli enormi rischi dell'operazione, il rissoso revival sviluppato da Dotemu, Lizardcube e Guard Crush Games si è rivelato non solo un piccolo gioiello intriso di nostalgia, ma un titolo capace di infondere nuova linfa in un genere ormai lontano dai fasti di un tempo. Con un gameplay tanto immediato quanto appagante, arricchito con meccaniche inedite e trovate brillanti, Streets of Rage 4 si dimostra capace di sostenere senza sforzo la pesante eredità dei suoi predecessori, grazie ai meriti di una proposta che trasuda passione e rispetto (lo dimostra la nostra recensione di Street of Rage 4).

A supporto dell'ottimo lavoro svolto dagli sviluppatori sul versante ludico troviamo un comparto artistico d'eccezione, capace di reinterpretare a dovere lo stile dei capitoli classici e lo spirito degli anni ‘90. Un elogio che possiamo tranquillamente estendere anche all'accompagnamento musicale, che non manca di esaltare le gesta marziali dei protagonisti con un assortimento di sonorità che spaziano dal synthwave al nu jazz.

Vale la pena di sottolineare che sull'ibrida di Nintendo il gioco si comporta in maniera impeccabile, con un frame rate solidamente ancorato alla soglia dei 60 fps e senza rinunce tecniche degne di nota. Insomma, se siete alla ricerca di un buon modo per movimentare il cenone, sappiate che Streets of Rage 4 supporta la coop (fino a quattro giocatori in locale) e si adatta piuttosto bene alle pause tra una portata e l'altra.

Monster Boy and the Cursed Kingdom - Davide Leoni

Monster Boy and the Cursed Kingdom è un gioco d'azione e avventura realizzato con il supporto di Ryuichi Nishizawa, autore della serie Wonder Boy, una delle IP SEGA più celebri e amate degli anni '80.

Non si tratta di un remake di Wonder Boy in Monster World, nonostante si ispiri apertamente a questa produzione, bensì di un nuovo gioco della serie (de volete saperne di più, eccovi la recensione di Wonder Boy and the Cursed Kingdom). Un'avventura epica che vi terrà compagnia per oltre 15 ore: lo scopo dell'utente sarà quello di aiutare Jin a salvare il regno di Monster World, sconfiggendo perfidi nemici e scovando tesori nascosti in quello che si presenta come un action platform dallo stile rétro.

Date le sue indiscutibili qualità, siamo certi che riuscirà a conquistare i cuori di tutti i giocatori nati e cresciuti nell'epoca degli 8-bit e delle sale giochi. Monster Boy and the Cursed Kingdom si contraddistingue poi per un comparto estetico di assoluto impatto, con animazioni disegnate a mano e cutscene in stile anime.

Restando in tema, il gioco viaggia con una risoluzione di 1080p a 60 fps in modalità TV e di 720p a 60fps in formato portatile, senza contare il supporto per il Rumble HD. Da segnalare infin la colonna sonora composta da nomi come Yuzo Koshiro, Motoi Sakuraba, Michiru Yamane, Keiki Kobayashi e Takeshi Yanagawa. Certamente un piccolo gioiello che vale la pena riscoprire su Nintendo Switch.

Towerfall - Marco Mottura

Towefall è uno di quegli instant classic che non invecchiano proprio mai, e che anzi continuano a restare mostruosamente attuali e irrinunciabili anche a distanza di diversi anni. Il segreto del successo del cult marchiato Matt Makes Games (per approfondire, leggetevi la recensione di Celeste, altra celebratissima opera del medesimo team indie), pubblicato in origine nel 2013 e sbarcato su Nintendo Switch nel 2018, sta tutto nel suo gameplay diabolicamente soddisfacente.

Parliamo di una sfida multiplayer all'insegna dei riflessi e della pura abilità, perché in questo action basta una singola freccia ben scoccata - oppure un salto sulla testa - per essere messi fuori dai giochi. Le modalità sono molteplici, eppure in linea di massima Towerfall si gioca al meglio di un tot di round in cui l'ultimo a rimanere vivo si aggiudica un punto. Aspettatevi testa a testa micidiali, mantenuti ulteriormente sul filo da un sistema di bilanciamento non sempre condivisibile ma funzionale. A dispetto di una grafica quasi elementare e dì controlli semplicissimi, Towerfall nasconde un inestimabile tesoro di gameplay, potenzialmente capace di regalarvi centinaia di ore di duelli leggendari.

L'edizione Switch è oltretutto la più completa di sempre: include tutti i contenuti della versione originale e il DLC Dark World, oltre a una serie di funzionalità esclusive su cui troneggiano senza dubbio gli inediti testa a testa per ben sei giocatori. Insomma, con 19.99€ potreste regalarvi uno dei titoli multiplayer più acclamati degli ultimi anni, candidato con la giusta compagnia a diventare uno dei tormentoni indiscussi delle imminenti festività (e non solo).

Cuphead - Giuseppe Arace

Cuphead è la concretizzazione di un sogno in formato digitale. È una delle rappresentazioni più pura di un progetto indipendente realizzato con tanto sudore e altrettanta passione da Studio MDHR, dei fratelli Chad e Jared Moldenhauer.

Abbiamo più volte speso fiumi di parole sulle nostre pagine per elogiare i meriti di Cuphead, e vale la pena riassumerli brevemente: parliamo di un piccolo miracolo visivo e ludico che ha assunto le sembianze di uno sparatutto in salsa action-platform bidimensionale, con un piglio visivo tratto a piene mani dai cartoni animati del secolo scorso (il nostro speciale su Cuphead e i cartoon anni 30 è a portata di click). Arduo, appagante e graficamente sbalorditivo, l'opera di Studio MDHR è una gemma la cui unicità ludica e visiva supera persino la sua rarità artistica.

Complice un port impeccabile per l'ibrida di Nintendo (potete leggere qui la nostra recensione di Cuphead su Switch), il gioco è diventato negli anni un vero fenomeno, tanto da portare alla realizzazione non solo di un attesissimo DLC The Delicious Last Course in arrivo il prossimo anno, ma persino di una serie animata che debutterà su Netflix.

E tutto questo successo, francamente, incarna solo il meritocratico coronamento di un capolavoro imprescindibile, disponibile in sconto sull'eShop di Nintendo a 13.99 euro fino al 30 dicembre. Un regalo di Natale perfetto per chi ama le sfide, la voglia di superarsi, l'originalità artistica e la chirurgica precisione del gameplay.