Osservati speciali: 5 giochi per Switch molto interessanti per il 2024

Dalla riedizione di Shin Megami Tensei V a Monster Hunter Stories: alcuni dei giochi più interessanti in uscita nel 2024 emersi dall'ultimo Partner Direct.

Osservati speciali: 5 giochi per Switch molto interessanti per il 2024
Articolo a cura di

Quella in corso si sta rivelando un'annata molto particolare per il nostro medium preferito. Se da una parte ci ritroviamo a parlare di ristrutturazioni interne e licenziamenti, (qui lo speciale dedicato agli ultimi eventi legati ai PlayStation Studios), dall'altra il calendario delle uscite si sta facendo sempre più affollato, tant'è che le date di lancio di diversi prodotti piuttosto attesi finiscono sempre più spesso per accavallarsi.

Mentre i giocatori di tutto il mondo fremono già all'idea di cimentarsi con Unicorn Overlord (qui la prova di Unicorn Overlord), Dragon's Dogma 2, Rise of the Ronin, Eiyuden Chronicle: Hundred Heroes, Stellar Blade e tutti gli altri prodotti che a cavallo tra i mesi di marzo e aprile 2024 invaderanno il mercato, il Nintendo Direct tramesso lo scorso 22 febbraio ci ha fornito un corposo assaggio delle esperienze ludiche che vivremo tra l'estate e la fine dell'anno corrente. Cinque titoli in particolare hanno colto la nostra attenzione, e di seguito ve ne spieghiamo le ragioni.

Shin Megami Tensei V: Vengeance (21 giugno)

Inauguriamo la nostra rassegna con la riedizione di Shin Megami Tensei V, ispirato RPG a turni di casa Atlus che, dopo i tre anni trascorsi in esclusiva nella dimensione di Nintendo Switch, giungerà presto su tutte le altre piattaforme attualmente in commercio. Anziché limitarsi a effettuare una "banale" conversione per PC, Xbox e console della famiglia PlayStation, il colosso nipponico ha cercato di ampliare il più possibile il prodotto, introducendo nuove aree, demoni inediti e persino una route narrativa assente nell'edizione originale.

Intitolata Shin Megami Tensei V: Vengeance, la nuova versione del titolo Atlus chiamerà gli utenti a compiere un'importante scelta che, sin dalle battute iniziali della campagna, determinerà il percorso imboccato dal racconto. Mutuato integralmente dall'edizione lanciata nel 2021, il "Canone della Creazione" narrerà la storia che abbiamo già vissuto attraverso l'originale SMT V, mentre il "Canone della Vendetta" offrirà un intreccio completamente inedito, tant'è che questo coinvolgerà personaggi mai visti prima, nuovi luoghi da esplorare, e addirittura introdurrà un'enigmatica schiera di demoni chiamati Qadištu.

Da parte nostra siamo molto curiosi di scoprire come e quanto questa seconda route differirà dalla prima, e soprattutto di mettere alla prova le performance tecniche del titolo, che sulle altre piattaforme dovrebbe vantare un frame rate più stabile ed elevato. Sarà davvero così? Lo scopriremo il 21 giugno.

Monster Hunter Stories (estate 2024)

Dato il grande successo riscosso qualche anno fa da Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin (qui trovate la recensione di Monster Hunter Stories 2), eravamo assolutamente certi che il capostipite del filone Stories sarebbe presto o tardi tornato sulla scena, e alla fine il tempo ci ha dato ragione. A sorpresa, però, abbiamo appreso che il titolo originariamente pubblicato in esclusiva su Nintendo 3DS nel non troppo lontano 2016 approderà nel corso della prossima estate anche su PC e PlayStation 4, oltre che su Nintendo Switch.

Squisitamente a turni, il gioco di ruolo chiederà a tutti gli appassionati del franchise di Capcom di mettere da parte l'arte venatoria di Monster Hunter, al fine di stringere dei solidi legami con le belve feroci che per anni abbiamo cacciato senza sosta. I giocatori diverranno stavolta dei Fantini e, introducendosi di volta in volta nelle tane di mostro per cercare le uova delle loro creature preferite, alleveranno dei "Monstie" sempre più forti e, in sella ai loro alleati, avranno la possibilità di esplorare un regno piuttosto vasto.

Per la gioia dei fan storici, non solo la remastered sarà completamente doppiata (in inglese e giapponese), ma il publisher ha confermato che il pacchetto includerà sin dal principio tutti i contenuti che al tempo non giunsero in Occidente, come ad esempio i Black Riders e tutte le novità proposte dall'aggiornamento 1.30.

Gundam Breaker 4 (generico 2024)

Dopo i numerosi passi falsi compiuti da New Gundam Breaker, che tra le altre cose aveva tramutato le frenetiche missioni della serie in gare competitive anche piuttosto ripetitive, pensavamo che il filone "Breaker" fosse ormai un capitolo chiuso (per tutti i dettagli rileggete la recensione di New Gundam Breaker). Si direbbe però che lo sviluppatore Crafts & Meister e la stessa Bandai Namco siano determinati a riscattarsi, perché il neo annunciato Gundam Breaker 4 pare aver accantonato la componente dating sim e le varie trovate deludenti di New Gundam Breaker per abbracciare totalmente la straordinaria formula originale del franchise.

Come comunicato dal colosso nipponico, gli utenti potranno combinare i pezzi di 250 GUNPLA differenti per dar libero sfogo alla fantasia e creare dei Mobile Suit personalizzati, che una volta ultimati potranno essere testati nelle missioni per giocatore singolo o nella modalità multiplayer cooperativa. Missione dopo missione, l'hack'n'slash ci vedrà alle prese con orde di mecha sempre diversi, che dovremo appunto fare a pezzi per acquisire i loro componenti e potenziare le nostre build. Gundam Breaker 4 introdurrà poi una meccanica del tutto nuova, che nel mezzo delle battaglie consentirà di utilizzare due armi differenti per concatenare combo devastanti e semplificare la ricerca dei pezzi migliori. Potendo personalizzare i kit con parti sempre nuove e armi di ogni tipo, senza dimenticare vernici e le immancabili decalcomanie, realizzare GUNPLA unici e inarrestabili si prospetta più divertente che mai.

Sword Art Online Fractured Daydream (generico 2024)

Dal momento che il recente Sword Art Online: Last Recollection ha sancito la conclusione delle vicende ambientate nel cosiddetto "Gameverse" di SAO, inscenando sui nostri schermi un finale più che soddisfacente, non ci saremmo mai aspettati di vedere così presto un nuovo tie-in del brand (qui trovate la recensione di Sword Art Online: Last Recollection). Presentato dalla stessa Bandai Namco come "un'avventura focalizzata sul multiplayer su larga scala", Fractured Daydream racconterà una storia originale che, stando a quanto svelato finora, vedrà collidere tutti i mondi virtuali e le linee temporali di SAO, creando un setting unico e parzialmente inesplorato.

Generato come conseguenza di un bizzarro malfunzionamento, questo mondo finora inedito ripoterà in vita persino i personaggi deceduti, allo scopo di rimescolare le carte in tavola e formare delle alleanze precedentemente impensabili. Sviluppato in Unreal Engine dai ragazzi di Dimps, che in passato avevano confezionato il tie-in di SAO ambientato nel mondo di GGO (siete a un click di distanza dalla recensione di Sword Art Online: Fatal Bullet), l'action RPG porrà per la prima volta l'accento sul multiplayer online, non a caso il gioco in uscita su PC, Switch, PS5 e Xbox Series X/S supporterà il cross-play.

Interpretando i loro beniamini preferiti, che questa volta verranno pescati dai film e dalle prime tre "stagioni" di SAO, gli utenti potranno quindi unire le forze con un massimo di 20 giocatori provenienti da ogni angolo del pianeta e sfidare i minacciosi boss previsti dai raid, anche perché collaborare sarà letteralmente l'unico modo per sopravvivere ai pericoli presentati da questo mondo instabile. Considerando che la struttura "ibrida" dei giochi di SAO ne ha sempre limitato il potenziale, puntare tutto sulla componente multiplayer potrebbe essere la soluzione idelae per offrirci un'esperienza complessivamente diversa da quelle cui ci aveva abituati il Gameverse.

Ender Magnolia: Bloom in the mist (generico 2024)

Tra le più gradite sorprese dello scorso Nintendo Direct non possiamo non includere il nuovo metroidvania attualmente in via di sviluppo presso le fucine di Live Wire e Adglobe, sodalizio giapponese che soltanto nel 2021 ha saputo incantarci col meraviglioso Ender Lilies: Quietus of the Knights (nel caso non lo conosciate ancora, recuperate la recensione di Ender Lilies: Quietus of the Knights).

Intitolato Ender Magnolia: Bloom in the mist e ambientato diverse decadi dopo i fatti raccontati in Ender Lilies, il nuovo progetto appena svelato dai due studi nipponici ci catapulterà in un'ammaliante realtà post-apocalittica e brulicante di nemici formidabili.

A proposito dell'impianto narrativo abbiamo appreso che lo sfrenato desidero di espandere i propri domini ha spinto un re sciagurato (di cui al momento ignoriamo l'identità) a creare gli Homunculi, forme di vita artificiali non molto diverse dalle macchine e sempre pronte a eseguire la volontà del sovrano. Provocata da un recente incidente, la fuoriuscita di vapori tossici provenienti dal sottosuolo ha però privato tanto gli uomini quanto Homonculi della capacità di ragionare, che per tutta risposta sono diventati estremamente pericolosi. Indossando i panni di Lilac, graziosa "Sintonatrice" in grado di purificare gli infetti, e avvalendoci dell'aiuto di spiriti e macchine amichevoli che lotteranno al nostro posto, dovremo setacciare tutto il regno e respingere le legioni di Homunculi che purtroppo stanno diffondendo il terrore in ogni dove.

Contraddisto dalle medesime illustrazioni bidimensionali che ci fecero innamorare del primo episodio, Bloom in the mist trascinerà l'utente in un mondo cupo e affascinante, spronandolo ad acquisire la bellezza di trenta abilità uniche dai propri compagni di viaggio per elaborare uno stile di lotta unico e personale. Atteso su PC e console nel corso del 2024, il titolo verrà pubblicato in Early Access su Steam il prossimo 25 marzo, motivo per cui non dovremo attendere poi molto per scoprire se i ragazzi di Live Wire e Adglobe riusciranno di nuovo a centrare il bersaglio.