Esport

Overwatch: conosciamo i dodici team che parteciperanno alla Overwatch League

La pre-season prenderà il via il prossimo 6 dicembre, con gli exhibition match. Conosciamo meglio le dodici squadre che parteciperanno alla prima OWL!

speciale Overwatch: conosciamo i dodici team che parteciperanno alla Overwatch League
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Molto si è scritto sulla volontà di Blizzard di puntare fortemente sull'eSports e altrettanto si è detto sulle difficoltà dell'iniziativa Overwatch League. Sembrava, infatti, che la Lega - nata ambiziosamente per coinvolgere i giocatori di tutto il mondo - fosse in realtà destinata a rimanere confinata proprio nell'ambito regionale americano, a causa dell'incapacità di coinvolgere altre regioni come, per esempio, l'Europa. Come abbiamo già visto, Blizzard ha dovuto rivedere i propri piani tarandoli verso il basso e riconducendo il tutto a un livello più "realistico".
    Qualcosa, fortunatamente per Blizzard, si sta muovendo nella direzione voluta dal colosso californiano, anche se per questa prima stagione competitiva rimaniamo molto lontani dai proclami iniziali. L'intera stagione inaugurale si terrà sul suolo statunitense, con tutti i problemi burocratici connessi alla richiesta dei visti per l'ingresso negli States. Ciò, stando a quanto dichiarato, dovrebbe dare ai team extra-americani il tempo di trovare le necessarie sponsorizzazioni nei rispettivi paesi ed erigere le strutture adatte per ospitare squadre ed eventi connessi alla competizione.
    Gli sponsor iniziano pian piano ad arrivare. HP e Intel hanno stretto con Blizzard una partnership commerciale di durata addirittura pluriennale per assicurarsi la sponsorizzazione e la fornitura delle attrezzature per la Overwatch League. Inoltre, le dodici squadre che si sono assicurate lo slot nella competizione hanno sborsato un mucchio di soldi per poter partecipare.

    Seoul Dynasty

    Come abbiamo avuto modo di vedere qualche giorno fa, l'owner che si è aggiudicato il franchise di Seoul, guidato da una società con base nella Silicon Valley, ha svelato logo e nome del primo team extra-americano. Il proprietario e il fondatore del KSV, Kevin Chou, ha attinto molteplici risorse dalla sua società specializzata nello sviluppo di giochi mobile (la cui sede si trova sempre nella Silicon Valley) per formare il team esecutivo di KSV . KSV, infatti, significa letteralmente "Corea + Silicon Valley". Ora, come dicevamo, il team ha cambiato nome in Seoul Dynasty e il roster che volerà a Los Angeles il prossimo dicembre è composto dai Lunatic-Hai, già due volte campioni dell'OGN Overwatch Apex championships. I nomi dei membri della squadra verranno annunciati in pompa magna solo il prossimo 18 novembre.

    Florida Mayhem

    Misfits ha rivelato il nome della squadra che parteciperà alla prossima Overwatch League. La squadra, con base in Florida è stata ribattezzata Florida Mayhem.
    Ecco il roster completo dei Florida Mayhem.
    • Johan "CWoosH" Klingestedt: main tank
    • Tim "Manneten" Bylund: flex tank
    • Kevin "TviQ" Lindström: DPS
    • Andreas "Logix" Berghmans: hitscan
    • Sebastian "Zebbosai" Olsson: support
    • Aleksi "Zuppehw" Kuntsi: flex support
    • Vytis "Mineral" Lasaitis: head coach
    I Misfits sembrano aver scelto Junkrat come propria mascotte e lo stesso logo con una bomba e la palma (simbolo del sunshine state) sta a rappresentare le ambizioni riguardo al "future competitive impact" dei Florida Mayhem.

    New York Excelsior

    Il franchise di New York, di proprietà di Sterling.VC, è stato ribattezzato New York Excelsior e metterà in campo l'ex recorder di LuxuryWatch Blue. Con il tradizionale gusto upper class newyorkese, il comunicato stampa relativo all'annuncio ha dichiarato: "Excelsior rappresenta l'ambizione sconfinata della città, e l'appassionato impegno di una squadra impegnata a raggiungere il vertice e non a non mollare mai. "Excelsior" rappresenta l'eroico ottimismo e la positività di Overwatch, un gioco che permette a tutti di diventare un eroe". Lucio non poteva che essere la loro mascotte. Ecco chi saranno i New York Excelsior:

    • Joong "Janus" Hwa - Tank
    • Dong-gyu "Mano" Kim - Tank
    • Kim "Mek0" Tae Hong - Off-Tank
    • Kim "Pine" Do Hyeon - Flex
    • Park "Saebyeolbe" Jong Yeol - DPS
    • Hong "ArK" Yeon Joon - Support
    • Bang "JJoNak" Sung-Hyeon - Support
    • Kim "Libero" Hye Sung - DPS

    London Spitfire

    La seconda organizzazione extra-americana ha base a Londra ed è di proprietà dei Cloud9. Insomma, non proprio un team al 100% europeo. Questa organizzazione professionistica, infatti, non è europea bensì nordamericana, fondata a San Francisco e attualmente con base operativa a Los Angeles. In marzo, l'investitore principale Dan Fiden aveva addirittura affermato che la sua organizzazione era "il più importante gruppo eSports in Nord America". La mascotte scelta, ovviamente per ragioni di nazionalità, è la rappresentante più famosa dell'hero shooter Blizzard: Tracer. Sebbene non si conosca ancora il roster completo, sappiamo che la squadra dovrebbe esser composta da parte dei Cloud9 Kongdoo (alias l'ex team sudcoreano Kongdoo Panthera, acquistato da Cloud9) e da parte dei membri del team GC Busan.

    Los Angeles Gladiators

    Arriviamo alla prima squadra "di casa": i Los Angeles Gladiators. La squadra indosserà una divisa viola e bianca, un omaggio agli imperatori romani "ai quali i gladiatori hanno dedicato le loro battaglie", ha dichiarato il team nel comunicato stampa. Per quanto riguarda il logo, gli LA Gladiators sono rappresentati da un leone ruggente bianco su inciso su uno scudo di colore viola. E quindi Reinhardt non poteva davvero rappresentare scelta migliore per rappresentare la squadra losangelina la quale, comunque, non ha ancora ufficializzato il roster completo che parteciperà all'evento. I Los Angeles Gladiators sono di proprietà di KSE Esports, società che tra i co-founder annovera il presidente dei Denver Nuggets Josh Kroenke.

    Los Angeles Valiant

    Ebbene sì, sono ben due le squadre con base a Los Angeles e già si respira aria di derby. I Valiant annunceranno l'intero roster solo in occasione degli exhibition match di dicembre. Al momento abbiamo qualche certezza solo per i giocatori che terranno il ruolo di support nel team: Stefano "Verbo" Disalvo e Park "KariV" Young-seo, due ex membri del Team Immortal; mentre Benjamin "uNKOE" Chevasson e Terrence "SoOn" Tarlier sono gli altri due support della squadra che provengono direttamente dal Team Rogue.

    San Francisco Shock

    Altra squadra californiana ad assicurarsi un posto nella Lega è stata la San Francisco Shock.
    Il nome è stato ovviamente scelto come riferimento all'attività tellurica della zona di San Francisco, mentre i colori della squadra, ovvero arancione, grigio e giallo evocano il Golden Gate Bridge e la corsa all'oro della California. La squadra - di proprietà dell'organizzazione NRG - include tra le proprie fila: Jay "sinatraa" Won, Matthew "super" DeLisi, André "iddqd" Dahlström, Daniel "dhaK" Paz, Dante "Danteh" Cruz, Andrej "babybay" Francisty, Nikola "sleepy" Andrews, and David "nomy" Ramirez.

    Boston Uprising

    Di proprietà del gruppo Kraft, il quale possiede anche i New England Patriots, il neo formato team Boston Uprising vestirà in giallo e blu per omaggiare la livrea cittadina. Il roster ha già i suoi rappresentanti: Woo-yeol "Kalios" Shin, Yeong-jin "Gamsu" Noh, Kwon "Striker" Nam-Joo, Stanislav "Mistakes" Danilov, "Snow" Ceregatto, Jonathan "DreamKazper" Sanchez, Kristian "Kellex" Keller, Lucas "NotE" Meissner.

    Philadelphia Fusion

    L'organizzazione di proprietà di Comcast Spectacor, già detentore dei Philadelphia Flyers è stata ribattezzata Philadelphia Fusion. I colori del team saranno uguali ai "cugini" Philadelphia Flyers: saranno arancione, nero e bianco. Il nome "Fusion" deriverebbe, stando alle parole del CEO Dave Scott, dal fatto che il roster sarà composto da giocatori provenienti da realtà molto diverse tra loro e la squadra vuole porsi come un punto d'incontro comune con cui crescere e vincere.

    Dallas Fuel

    Passiamo, ora, ai team texani. Il primo rappresenterà l'essenza dello stato della stella solitaria: i Dallas Fuel. Il roster è formato in buona parte da giocatori provenienti dal Team Envyous: Timo "Taimou" Kettunen, Jonathon "HarryHook" Tejedor Rua, Sebastien "Chipshajen" Widlund, Christian "Cocco" Jonsson, Hwang "Effect" Hyeon e Pongphop "Mickie" Rattanasangchod. Il team può annoverare ben nove membri, cosa che permette una certa flessibilità nella formazione della squadra attiva e un buon grado di opzioni tattiche con cui mettere in difficoltà gli avversari.

    Huston Outlaws

    Gli Huston Outlaws non sono altro che gli OpTic Gaming sotto una nuova livrea. La famosissima organizzazione eSports statunitense ha annunciato il nome, marchio e team il 31 ottobre scorso. La squadra di Houston può vantare ben dieci giocatori. I giocatori porteranno una divisa nero-verde, colori originali del team OpTic. Il roster è così composto: Austin "Muma" Wilmot, Matt "Coolmatt" Lorio, Shane "Rawkus" Flaherty, Lucas "Mendokusaii" Hakansson, Jiri "LiNkzr" Masalin, Daniel "Bonik" Pence, Chris "bani" Bennell, Jacob "JAKE" Lyon, Matt "Clockwork" Dias, Alexandre "SPREE" Vanhomwegen.

    Shanghai Dragons

    L'ultimo team extra-americano a partecipare alla Overwatch League sarà la squadra di Shanghai, ribattezzata per l'occasione - senza grande fantasia - Shanghai Dragons. Il logo, un drago, naturalmente non può che rifars alle immagini tradizionali della cultura popolare cinese. I colori del team, rosso e giallo, sono stati scelti appunto "sottolineare la sua connessione con la nazione cinese". NetEase, il proprietario dei Shanghai Dragons, rischia però un potenziale conflitto di interessi. La società ha già un accordo con Blizzard per la pubblicazione e distribuzione di Overwatch sul suolo cinese. La sua presenza nella Overwatch League, in effetti, può dar luogo a un grande ritorno economico per la società in termini di revenues derivanti dal marketing e dalla pubblicità gratuita.

    Calendario e prossime competizioni

    Ciascuna delle 12 squadre si troverà a scendere in campo ben due volte a settimana. Nate Nanzer, responsabile organizzativo della Overwatch League, ha svelato il calendario durante il panel dedicato nel corso della BlizzCon 2017. Le partite saranno giocate quattro giorni alla settimana: giovedì, venerdì, sabato e domenica. Il programma, stando a quanto dichiarato, massimizza la capacità di raggiungere un pubblico internazionale e produrre sempre nuovi contenuti per mantenere alta l'attenzione dei fan.

    Le 12 squadre partecipanti saranno raggruppate in due divisioni; questo permetterà al pubblico di godere interamente del campionato. La Atlantic Division include Boston Uprising, Florida Mayhem, Houston Outlaws, London Spitfire, New York Excelsior, and Philadelphia Fusion. La Pacific Division invece comprende Dallas Fuel, Los Angeles Gladiators, Los Angeles Valiant, San Francisco Shock, Seoul Dynasty, e Shanghai Dragons.Ogni squadra giocherà 40 partite nel corso della regular season: 20 nella loro divisione e 20 nei match cross-division.
    Durante tutta la stagione regolare le squadre si sfideranno per guadagnarsi un posto nei playoff. La regular season sarà divisa in quattro fasi. Ogni fase coprirà cinque settimane che termineranno in una partita per l'assegnazione del titolo per quella fase. Tutte le fasi saranno giocate su otto mappe, un programma "ciclico" che consente di giungere, dopo cinque settimane, a resettare il map pool per ricominciare da capo e partire, così, con la nuova fase.

    Tutte queste informazioni saranno facilmente disponibili sul nuovo sito web della Overwatch League e sulla nuova applicazione mobile dedicata. Allo stesso modo, il merchandising della Overwatch League diventerà disponibile il 6 dicembre con l'inizio dei test match.
    Infine, Blizzard ha rivelato anche il pool prize bonus messo in palio:

    Stage title match bonuses:
    • Primo classificato: $100,000
    • Secondo classificato: $25,000

    Regular season placement bonuses:
    • Primo classificato: $300,000
    • Secondo classificato: $200,000
    • Terzo e quarto classificato: $150,000
    • Quinto e sesto classificato: $100,000
    • Settimo e ottavo classificato: $75,000
    • Nono e decimo classificato: $50,000
    • Undicesimo e Dodicesimo classificato: $25,000

    Championship playoffs placement bonuses:
    • World Champion: $1 million
    • Secondo classificato: $400,000
    • Terzo e quarto classificato: $100,000
    • Quinto e sesto classificato: $50,000
    • Totale: $1.7 milioni.

    Come potete notare, il prize pool della Overwatch League è forse uno dei più ricchi mai previsti per una competizione eSports. Tutto, insomma, pare ormai essere pronto per l'inaugurazione della prima, agognata stagione della Overwatch League. Non ci resta che attendere con trepidazione i primi exhibition match della pre-season che prenderanno il via il prossimo 6 dicembre alla Blizzard Arena.

    Che voto dai a: Overwatch

    Media Voto Utenti
    Voti: 240
    8.5
    nd