Esport

Overwatch League: i Magnifici Sette in corsa per aggiudicarsi il titolo

Si apre la quinta settimana del campionato, decisiva per assegnare il titolo della Fase 1. Seoul a rischio, Shanghai pronti a cambiare il roster.

speciale Overwatch League: i Magnifici Sette in corsa per aggiudicarsi il titolo
Articolo a cura di
Giovanni Calgaro Giovanni Calgaro è avvocato per sbaglio, ma tuttologo per passione, cresciuto a pane e videogiochi sin dalla più tenera età. Allevato da un commodore 64 non ha mai smesso di stupirsi per l'immensità della forma d'arte videoludica, tanto da sentire molto presto il bisogno di sfruttare l'amore per la scrittura per raccontare, far conoscere ai più e condividere questa meravigliosa passione. Potete sempre trovarlo su Facebook e Twitter, sempre che non sia in qualche aula di tribunale.
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Ci siamo. Sta per aprirsi ufficialmente la quinta settimana di torneo, quella decisiva per l'assegnazione del titolo della Fase 1. Vi starete chiedendo per quale motivo è così importante, per le dodici franchigie, vincere un titolo all'apparenza così "parziale" e distinto dalla finalissima della Stagione Inaugurale. Beh, semplice: il premio in denaro elargito alla fine di ogni Fase. I finalisti, infatti, potranno attingere da un ricco prize pool di 125.000 dollari e, in questo momento, quei soldi fanno un gran comodo a tutti.
    Ben sette squadre, attualmente, sono in corsa per il podio. Ovviamente, viste le prestazioni non esattamente esaltanti (per non dire di peggio), i Dallas Fuel, i Florida Mayhem, i San Francisco Shock, i Los Angeles Gladiators e i poveri Shanghai Dragons possono dirsi ormai esclusi dalla corsa per le finali della Fase 1.
    Invece, la "triade coreana" composta dai London Spitfire, dai New York Excelsior e dai Seoul Dynasty rimangono ai vertici della classifica della Overwatch League, anche se nessuna squadra (come abbiamo visto negli ultimi due weekend) è da considerarsi inarrestabile. Subito dietro alle teste di serie, infatti, rimangono in scia delle formazioni da non sottovalutare: Houston Outlaws, Boston Uprising, Los Angeles Valiant e Philadelphia Fusion, pronti a colpire e tentare il colpo gobbo. In questo momento, stando a quanto riportato dagli analisti, Londra e New York possiedono le migliori possibilità di disputare le finali, mentre i Seoul Dinasty sono dati in netto calo rispetto alle esplosive performance iniziali. Inoltre i ragazzi della franchigia di Seoul sono sottoposti a una pressione non indifferente, che potrebbe davvero pesare in questa ultima tornata prima della Fase 2.

    Settimana difficile per Seoul, poca pressione su New York e Londra

    I Dynasty sono costretti a racimolare due vittorie questo fine settimana (contro le californiane Los Angeles Valiant e San Fransisco Shock) per poter sperare di restare in corsa. Da notare che i Los Angeles Valiant si presenteranno all'incontro con il morale alto e senza nulla da perdere, visto che un'eventuale vittoria li porterebbe a pareggiare la classifica, raggiungendo al terzo posto provvisorio i Dynasty. I coreani (di Seoul), però, possono contare su una migliore statistica "map record". Ciò significa che i losangelini avrebbero bisogno di incamerare una vittoria secca per 4 a 0 per annullare la differenza che li separa dai Dynasty.
    Le altre formazioni con qualche possibilità si presentano per la volata finale ovviamente più agguerrite che mai, anche se si prospetta loro un weekend pieno di insidie e imprevisti. Gli Houston Outlaws, rivelazione di questa prima parte di campionato, dovranno affrontare una bestia nera come i London Spitfire, cosa che (dopo l'altra sconfitta rimediata proprio contro i Seoul Dynasty) potrebbe arrestare il trend della franchigia texana.

    Quest'ultima, però, dovrà anche vedersela con una rivale diretta come i Boston Uprising, risorti dalle loro ceneri come l'Araba Fenice. Con la loro striscia positiva (ricordiamo che i ragazzi di Boston sono stati anche in grado di provocare la prima e, al momento, unica sconfitta della franchigia londinese) potrebbero ribaltare la classifica meglio di un voto di Alessandro Borghese. Da ultimi, ci sono anche i Philadelphia Fusion pronti a partecipare alla festa. Forti del loro parziale di 5 vittorie e 3 sconfitte, potrebbero avvantaggiarsi con una vittoria "facile" sui Gladiators e tentare l'impresa contro i Seoul Dynasty. Chi, invece, al momento può dormire tranquillamente tra due guanciali foderati di morbida piuma d'oca è la franchigia londinese e quella newyorkese.

    Le due formazioni "occidentalmente coreane", infatti, potranno affrontare i match della quinta settimana in maniera relativamente rilassata. Come abbiamo già detto, i londinesi dovranno vedersela prima di tutto con gli Outlaws. Un'eventuale sconfitta contro i texani non pregiudicherebbe loro la possibilità di disputare i match per il titolo. New York, invece, avrà un impegno leggero contro i Florida Mayhem, formazione che langue nei piani bassi della classifica e che, sino a questo momento, non ha dato alcun segno di aggressività. Nemmeno il big match tra le prime due in classifica dovrebbe contare qualcosa, ai fini dell'accesso alle battute conclusive della Fase 1. O, meglio, potrebbe contare solamente per ciò che attiene alla possibilità di staccare un biglietto diretto per la finalissima e saltare, dunque, la semifinale.

    Una ragazza salverà Shanghai?

    Della situazione disastrosa dei poveri ragazzi cinesi abbiamo già ampiamente discusso nelle scorse settimane. Gli Shanghai Dragons sono l'unica squadra della Overwatch League ancora ferma a zero vittorie. È evidente che qualcosa, al di là delle polemiche, non funziona nel clan cinese. Metodi di allenamento sbagliati, abitudini scorrette, mancanza di comunicazione nel team, problema di ambientamento all'ambiente californiano, carenza di sinergia e la strana scelta di non arruolare i veri campioni cinesi (i Miraculous Youngster, ormai sciolti per focalizzarsi su PlayerUnknow's Battlegrounds) sono tutti elementi passati al vaglio di analisti e pubblico.
    Il team, nel corso degli intervalli non si muove dal palco, non entra negli "spogliatoi" per sentire le indicazioni degli allenatori come fanno tutti gli altri. Si accontentano di comunicare attraverso il microfono delle cuffie attendendo l'inevitabile. Da questi comportamenti, risulta ancor più evidente lo stato emotivo e mentale degli atleti che, con tutta probabilità, stanno solo attendendo la fine della prima Fase per correre ai ripari e tentare di ripartire. Eppure, i ragazzi cinesi godono del favore incondizionato del pubblico e non solo dei propri tifosi. E questo è stupendo. Il merchandise della franchigia sta infrangendo ogni record di vendita e, all'ingresso della squadra nell'Arena, gli spettatori la accolgono calorosamente con ovazioni di incoraggiamento e applausi, senza distinzioni di casacca.

    Ora, però, l'organizzazione cinese guarda già al futuro. E pensa di arruolare una giocatrice, la prima per la Overwatch League. Per di più coreana. Kim "Geguri" Se-yeon è una ex componente degli ROX Orcas, specializzata nell'utilizzo della combattente russa Zarya. Geguri, comunque, sembra che non sarà l'unica a unirsi al roster di Shanghai. Assieme a lei dovrebbero arrivare altri due rinforzi: l'ex tank degli Element Mystic, Lee "Fearless" Eui-SeoK e il flex Cheon "Ado" Ki-hyun.
    I tre giocatori sudcoreani, pare, saranno solo una parte del ricambio deciso dai vertici. Un quarto giocatore cinese, al momento non confermato, dovrebbe completare la lista degli acquisti dei Dragons. Ecco, tutto molto bello, sulla carta: la prima quota rosa nel torneo, il riscatto della squadra con nuovi innesti, l'incubo trasformato in una favola a lieto fine. Chissà, però, se tale operazione darà i propri frutti. A pensarci bene, se le modifiche al roster (come si è detto) si sono rese necessarie per cercare di colmare le lacune nella comunicazione del team, introdurre tre giocatori che proprio non parlano il mandarino potrebbe creare ulteriore confusione. A meno che i tre coreani non imparino in fretta qualche parola chiave in mandarino da sfruttare nel corso dei match per coordinarsi con gli altri compagni di squadra. Non ci resta che stare a guardare, quando i nuovi innesti faranno il loro debutto a partire dalla Fase 2. Tanto, peggio di così per gli Shanghai Dragons non potrà certo andare.

    Gli imperdibili del weekend: i Magnifici Sette

    Come abbiamo visto in apertura, quello che sta per aprirsi sarà un fine settimana incandescente. C'è in palio il titolo della Fase 1 e ben 125.000 sonanti dollaroni da intascare. E, sovvertendo ogni previsione iniziale e l'"inerzia coreana", sono addirittura sette le formazioni papabili per giocarsi il podio. Potrebbe addirittura rendersi necessario guardare la differenza nella "map record" per capire l'esatta posizione in classifica delle franchigie. Per farla breve: quali sono i match che proprio non potete perdervi questo fine settimana?
    Da tenere d'occhio, come già accennato, il percorso dei Seoul Dynasty che dovranno vincere per forza contro i due team californiani: Los Angeles Valiant e San Francisco Shock, due formazioni che hanno tutte le carte in regola per fare un bello sgambetto alla Tigre asiatica.

    Un altro percorso da osservare attentamente è quello degli Huston Outlaws, la vera rivelazione di questa prima parte di campionato. I texani potrebbero salire in cattedra e mettere in fila i London Spitfire e i Boston Uprising, questi ultimi loro rivali diretti per un posto nelle posizioni che contano.
    C'è, inoltre, il big match tra le prime due della classifica che già promette grande spettacolo ed emozioni a non finire: London Spitfire contro i New York Excelsior. La competizione, insomma, è ancora apertissima. Non sappiamo chi si aggiudicherà il titolo, ciò che è certo è che questa quinta settimana di campionato sarà forse la più bella e intensa disputata sino a questo momento.

    Che voto dai a: Overwatch

    Media Voto Utenti
    Voti: 198
    8.5
    nd