Esport

Overwatch League: Play of the Week, gli ultimi ritocchi

La fase Tre del campionato targato Blizzard finirà tra una settimana e i team si preparano per il rush finale, vediamo le migliori giocate del turno scorso

speciale Overwatch League: Play of the Week, gli ultimi ritocchi
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Manca solo una settimana alla fine della terza fase a gironi dell'Overwatch League, e il torneo ha oramai una fisionomia impensabile rispetto alle aspettative. Due dei grandi team delle fasi precedenti, Spitfire e Seoul, sono stati decisamente ridimensionati in confronto al passato, e solo New York regge il contraccolpo dei grandi cambiamenti generati nel meta di Overwatch. Nel mentre, Valiant, Gladiators e Uprising si impongono come alcune delle squadre più concrete e ostiche del torneo, confermandosi come realtà assolutamente valide e alternative al precedente dominio coreano. Vediamo ora le migliori giocate della settimana!

    Los Angeles Valiant vs Houston Outlaws (Map 1: Anubi) - Linkzr

    Linkzr sta rendendo molto più del passato, anche grazie al maggior affiatamento dell'intero team, e l'attuale posizione in classifica di Houston lo dimostra. Nella fondamentale sfida contro i Valiant, Linkzr è stato assolutamente determinante, con ottime giocate e splendide combinazione di squadra. Una delle azioni più intelligenti messe in scena dalla stella di Houston non prevede l'uso di ultimate o di giocate particolarmente imprevedibili, ma sintetizza la visione di gioco complessiva di questo fenomenale giocatore.

    Senza cadere nell'esca rappresentata dal tank avversario, grazie alla sua straordinaria agilità Linkzr si fionda su uno dei curatori nemici, eliminandolo con una certa facilità e lanciandosi subito contro la pericolosa Widowmaker avversaria, fuggita appena resasi conto dell'arrivo dell'avversario. Focus eccellente e prontezza magistrale, per un giocatore dall'intelligenza tattica piuttosto marcata.

    Los Angeles Gladiators vs London Spitfire (Map: Tutte) - Gladiators

    Tutta la partita dei Gladiators è un'eccezionale dimostrazione di compattezza e capacità individuali. Sebbene Londra vanti tra le sue fila giocatori magnifici, come Hooreg o Profit, le loro ottime giocate non hanno potuto nulla contro la forza dei Gladiators.

    Questo team ha infatti dimostrato più volte di poter ribaltare e contenere situazioni particolarmente complesse, grazie a una regia di squadra forse seconda solo a Boston, in questo girone. Bravi.

    Los Angeles Gladiators vs Houston Outlaws (Map 1: Voslkaya) - Fissure

    Originariamente considerato come uno dei personaggi meno rilevanti di Overwatch, Winston è diventato uno dei perni fondamentali intorno a cui far ruotare la scelta degli eroi di un team. Tra le motivazioni che convinsero la scellerata community dell'epoca della teorica inutilità di Winston, c'era la sostanziale debolezza della sua Ultimate, che era utilizzata più che altro per irrompere tra le fila avversarie e non per causare un danno specifico.

    Al contrario, perfezionandone l'uso, i membri dell'Overwatch League hanno messo in mostra delle azioni poderose, e questa settimana Fissure ce ne ha dato una dimostrazione: intervenendo molto avanti nella linea d'attacco nemico, elimina i due tank avversari attirandoli all'interno di una piccola stanza, e sfruttando così tutto il potenziale offensivo dell'ultimate di Winston. Così facendo, spezza sul nascere l'ennesimo attacco rivale, garantendo numerosi secondi preziosi ai suoi compagni.

    San Francisco Shock vs New York Excelsior (Map 4: Junktertown) - Danteh

    Il dominio di Genji e Tracer tra i DPS dell'Overwatch League sembra essere incontrastabile. La loro agilità e la loro adattabilità a ogni contesto li rendono personaggi perfetti per ogni genere di tattica e strategia. Questo ha portato spesso i giocatori a preferire questi eroi ad altri, e nonostante la comunque corposa presenza di Junkrat o Soldato, è raro vedere figure del calibro di Reaper o Sombra utilizzate nel torneo. Saltuariamente, però, alcune squadre azzardano delle nuove scelte, per sfruttare delle tattiche particolari, o certe conformazioni della mappa.

    Nel "quasi miracolo" di San Francisco, il momento più importante del match, quando gli Shock hanno iniziato a crederci fortemente, è rappresentato dalla combinazione perfetta dell'ultimate di Sombra con quella di D.va. Danteh, generalmente alle prese con Tracer, stavolta ricorre a Sombra per poter supportare con la sua ultimate i compagni di squadra più "potenti", cercando di sfruttare la particolare ampiezza della mappa. Tatticamente intelligenti, con una messa in atto priva di sbavature.

    Horror of the Week

    Anche questa settimana, mettiamo in mostra gli errori più clamorosi e le disattenzioni più divertenti dei giocatori e dei team dell'Overwatch League, per sottolineare che anche i più forti possono sbagliare!

    Profit, stanco di vivere, si suicida.

    Gli Spitfire dimenticano l'obiettivo del gioco: non perdere il punto da difendere. Ops.

    I Fusion sembrano non conoscere il personaggio di Winston, e caricano il nemico fino in base, condannando l'intero team.

    Eqo spreca tutta la sua ultimate cercando di eliminare un singolo dps nemico, cadendo nella sua trappola.

    Houston si addormenta e dimentica il compito di una squadra in difesa: proteggere il carico.

    Anche per questa settimana è tutto, restate sintonizzati sulle pagine della sezione esport di Everyeye.it per tutti gli aggiornamenti sugli spettacolari match della Overwatch League. Il prossimo weekend si preannuncia, del resto, davvero intenso.

    Che voto dai a: Overwatch

    Media Voto Utenti
    Voti: 233
    8.5
    nd