Esport

Overwatch Open Division: i Samsung Morning Stars vincono e convincono

Lo scorso weekend ha portato a nuove vittorie per i Samsung Morning Stars. L'unica macchia è stata la sconfitta degli AKademy.

speciale Overwatch Open Division: i Samsung Morning Stars vincono e convincono
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Altro giro, altra corsa per la nuova stagione della Overwatch Open Division. Le giornate scorrono e i Playoff si fanno sempre più vicini. Questo weekend si è disputato, come abbiamo visto, un nuovo turno. Nella giornata di sabato le due squadre dei Samsung Morning Stars hanno affrontato gli elo.Tick formazione che, sino al fatidico appuntamento con i Morning Stars guidati da coach "Nightslayer", si trovavano ancora a punteggio pieno.
    Cun buon parziale di 3 a 1 i ragazzi di Bergamo si sono aggiudicati la vittoria e sono volati a quota sette vittorie consecutive: un percorso decisamente confortante per il prosieguo della competizione.
    Tutt'altro discorso, invece, deve esser fatto per ciò che concerne i ragazzi dell'AKademy. Sabato, infatti, la neo-formata squadra in seno alla scuderia bergamasca è stata stoppata per la seconda volta dall'inizio della competizione nonostante gli AKademy abbiano comunque venduto cara la pelle. Con un risultato finale di 3 a 2, infatti, gli avversari ChiliMonster Gaming sono riusciti a mettere loro i bastoni tra le ruote. La sconfitta li ha fatti precipitare in classifica e, soprattutto, li ha portati ad affrontare l'ottavo match della stagione non esattamente a cuor leggero. Serviva dunque una prestazione di carattere e, come vedremo, è ciò che sono riusciti a tirare fuori dal cilindro.
    Nel pomeriggio di domenica, quindi, I Morning Stars Blue si sono trovati di fronte gli Shu's Money Crew, formazione di alta classifica con il medesimo score dei bergamaschi.
    Gli AKademy, invece, hanno affrontato i Prelude, altra squadra messa esattamente come loro: 5 vittorie e 2 sconfitte. I neo-acquisti della formazione di Bergamo sono riusciti a tirar fuori tutto il carattere di cui sono dotati, portandosi a casa il match con un imperioso 3 a 0.

    Blue vs. Shu's Monkey Crew: Torre di Lijiang

    La prima mappa del match è stata la famigerata Torre di Lijiang. Pronti, via: il primo punto di controllo è andato subito agli Shu's Monkey Crew, i quali sono riusciti a tenerlo con le unghie e con i denti sino al fatidico 100%. Vani sono stati i tentativi di penetrare le loro difese da parte di Najini, DragonEddy, Nisa, Tae, Chubz e Dridro.
    Per il secondo round, invece, la Zarya di DragonEddy e il Doomfist di Tae sono riusciti a tenere a bada gli avversari seminando morte e distruzione, permettendo così ai compagni di mantenere saldamente il controllo del punto. 1 a 1 e bomba gravitonica al centro.
    La stessa storia si è ripetuta anche per il terzo round: Samsung Morning Stars Blue sugli scudi. La grande difesa (a cui hanno contribuito affondi non esattamente convinti degli avversari) hanno permesso ai bergamaschi di controllare in scioltezza il punto e bloccare ogni velleità degli Shu sul nascere.

    Mappa 2: Gibilterra

    Sul parziale di 1 a 0, le formazioni si sono spostate su Gibilterra. Gli Shu's Monkey hanno tentato in tutti i modi di spostare i payload il più avanti possibile ma hanno passato davvero cinque brutti minuti davanti al muro eretto dai Blue. "Di qui non si passa" sembravano urlare in coro il Winston di Chubz e la D.Va di DragonEddy, che hanno bloccato gli avversari alla curva prima dell'ingresso nell'hangar sino allo scadere del tempo. I bergamaschi non hanno nemmeno concesso un checkpoint alla formazione avversaria. Al cambio campo tutto s'è fatto semplice per i Blue: hanno scortato sino alla meta con azioni fulminee, triturando qualsiasi cosa gli si parasse loro davanti.

    Mappa 3: Horizon

    In Horizon, gli Shu's Monkey Crew hanno avuto una grande reazione, dettata probabilmente dall'orgoglio. La mappa è stata combattuta punto a punto ed è stata sicuramente quella più sofferta dai Morning Stars che, riportatisi in parità dopo il vantaggio iniziale maturato dagli avversari, non sono riusciti a completare il sorpasso al round supplementare. Il match, quindi, con gli Shu rientrati in partita, si è spostato verso King's Row per quello che sarebbe stata l'ultima location di questa grande sfida.

    Mappa 4: King's Row

    Il buon momento degli Shu's si è lentamente affievolito su King's Row. In difesa non hanno retto, permettendo ai Blue di prendere velocemente possesso del payload. Poi, i checkpoint sono caduti in mano bergamasca uno dopo l'altro. Tranne l'ultimo, quello più vicino al respawn degli Shu. Lì i ragazzi sono riusciti a mantenere il punto, impedendo ai Blue di prendersi il 3 a 0 secco.
    I bergamaschi, al cambio campo, sono riusciti a far perdere un bel po' di tempo agli avversari nella conquista del payload e nei primissimi metri della scorta. Questo ha permesso di attestare l'ultima resistenza all'interno della forgia, appena passato il checkpoint. Gli Shu non sono riusciti ad andare oltre la chicane. Game, set, match ai Blue, che si portano a casa l'ottava vittoria consecutiva e vola in testa alla classifica.
    Ora mancano solamente due giornate alla conclusione della stagione regolare. Poi ci saranno i Playoff. Vedremo se i Morning Stars Blue, questa volta, riusciranno a far meglio della loro precedente avventura.

    Che voto dai a: Overwatch

    Media Voto Utenti
    Voti: 226
    8.5
    nd