Esport

Overwatch: Play of the Week, la resa dei conti

La Fase 3 della Overwatch League si è ormai conclusa. Nonostante sia stata la più divertente, ha confermato gli equilibri in campo...

speciale Overwatch: Play of the Week, la resa dei conti
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Switch
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • In una delle settimane più divertenti e ricche dell'Overwatch League, abbiamo assistito a grandissime giocate di campioni oramai affermati, ma soprattutto abbiamo potuto tifare la nostra squadra preferita contendersi finalmente il primato di questo stage. Vediamo le migliori giocate che hanno permesso ai New York Excelsior di ottenere la vittoria, e alle altre squadre di impensierirli!

    New York Excelsior vs Boston Uprising (Map3: Volskaya) - Saebyeolbe

    "Sono la miglior Tracer al mondo". Così si è espresso, sprezzante, di fronte ai microfoni di tutto il mondo, il giovane campione di New York, dopo aver vinto la finale del terzo stage contro i Boston Uprising. Sebbene giocare con figure come Jjonak e Pine possa rendere più semplice il compito di una Tracer, è innegabile che Saebyeolbe ci ha davvero messo tutto se stesso per poter dare conferma delle sue convinzioni.

    Come coronamento di una stagione esaltante, il DPS dei New York Excelsior ha messo in fila una quintupla contro l'avversario più ostico, nel momento più importante, nella mappa più difficile (in cui Boston è rimasta imbattuta per tutto lo stage): una clamorosa miscela di conoscenza enciclopedica delle meccaniche del gioco, dei suoi spazi e delle sue regole, e un trionfo di pura e semplice abilità. Gustatevi la straordinaria giocata della "miglior Tracer al mondo".

    Los Angeles Valiant vs New York Excelsior (Map 1: Junkertown) - Pine

    "Non ha senso": ecco il commento più frequente dei telecronisti e degli analisti dell'Overwatch League, una volta di fronte alle clamorose giocate di Pine. Sebbene il suo senso di posizione e di gioco di squadra non sia forse tra i migliori (motivo per cui non sempre parte da titolare nella rosa di New York), la sua straordinaria abilità con i personaggi di Widowmaker e McCree lo rende talmente rilevante da essere in grado di cambiare da solo persino alcune partite dell'Overwatch League, come più volte analizzato durante la trasmissione e nei commenti dei post-partita.

    Voglio dire, guardate cosa riesce a fare in una semifinale del torneo, contro alcuni dei giocatori più forti al mondo: uno, due, tre, quattro avversari di fila, senza battere ciglio, eliminando ultimate avversarie e supporti logistici fondamentali per conquistare l'obiettivo. Semplicemente, fuori parametro. Semplicemente, Pine.

    New York Excelsior vs Los Angeles Valiant (Map 1: Anubi) - Jjonak

    A giudicare dalle reazioni dei commentatori tecnici e dei fan, Saebyeolbe e Pine sembrano trainare il team di New York in ogni occasione. In realtà, la vera e assoluta marcia in più a disposizione dei pluricampioni risiede qualche linea dietro i tank, tra le sapienti mani di Jjonak.

    Il modo in cui quest'ultimo utilizza Zenyatta lo trasforma sostanzialmente in un doppio personaggio, per i suoi compagni: da un lato, non fa mai mancare le cure necessarie e supportare quanti non possono usufruire di quelle di Mercy, e dall'altro riesce a inanellare una serie di colpi talmente precisi e potenti da trasformarlo in una sorta di McCree con abilità mediche e di supporto. Un giocatore pazzesco, per senso di gioco, visione d'insieme e per abilità con mouse e tastiera. Il miglior giocatore del torneo, contro cui persino un Genji in ultimate rischia di perdere miseramente.

    Shanghai Dragons vs New York Excelsior (Map 4: Route 66) - Geguri/Ado

    Annoverando tra le loro fila tutti questi campioni, sono dunque invincibili, questi New York Excelsior? Se si osserva con attenzione la sfida contro gli Shanghai Dragons, non sembrerebbe, anzi. Contro l'unica squadra senza una sola vittoria in tutto il torneo, sembrava che New York dovesse semplicemente allenarsi in vista dei playoff: invece i dragoni cinesi hanno venduto cara la pelle, mettendo in mostra i loro nuovi acquisti, che hanno saputo tener testa in una situazione di enorme difficoltà contro alcuni dei migliori giocatori al mondo.

    Ado e Geguri hanno infatti resistito contro Saebyeolbe, Pine e Meko in uno scontro tesissimo e difficile, e sono persino riusciti a portare a casa le uccisioni necessarie per poter addirittura ribaltare la situazione e conquistare il punto. New York riuscirà poi a riprendersi, vincendo per 3 a 1, ma siamo ben lontani dalle scoordinate disfatte di inizio stagione, per gli Shanghai Dragons.

    Terror of the Week

    Come da tradizione, anche durante l'ultima fase di questo stage non sono mancati i grandi errori e le cattive coordinazioni tra i vari team, e di seguito vi offriamo le più assurde e divertenti!

    Fearless forse pensava di essere Brigette, e attira per sbaglio una D.va in ultimate.

    Soon non tiene conto del level design, e si lascia eliminare continuando a camminare contro il muro.

    Munchkin si dimentica della gravità, e lancia la sua ultimate contro se stesso.

    Il cattivo coordinamento tra compagni annulla completamente una delle ultimate più forti del gioco.

    Anche per questa settimana è tutto, restate sintonizzati sulle pagine della sezione esport di Everyeye.it per tutti gli aggiornamenti sugli spettacolari match della Overwatch League.

    Che voto dai a: Overwatch

    Media Voto Utenti
    Voti: 257
    8.2
    nd