Esport

Playerunknown's Battlegrounds: come si è evoluto il gioco negli ultimi mesi?

Playerunknown's Battlegrounds in pochi mesi ha infranto ogni record ed è proiettato verso il futuro. Come è cambiato il titolo Bluehole dal suo debutto?

speciale Playerunknown's Battlegrounds: come si è evoluto il gioco negli ultimi mesi?
Articolo a cura di
Disponibile per
  • iPhone
  • iPad
  • Mobile Gaming
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PlayerUnknown's Battlegrounds è stato, senza ombra di dubbio, il più grande successo del 2017. Con oltre 20 milioni di copie vendute su Steam ancor prima che il gioco possa dirsi completo, sembra che tutti siano in fermento, desiderosi di salire sul carro dei vincitori. Come abbiamo già detto in altri articoli organizzatori di eventi, piattaforme di streaming, squadre professionistiche e, soprattutto, i competitor diretti si sono gettati in una gara senza esclusone di colpi che ha visto l'improvviso fiorire di tornei, leghe, eventi dedicati con pool prize milionari.
    In qualità di titolo ad accesso anticipato, però, PlayerUnknown's Battlegrounds si evolve in continuazione. Il gioco, sin dalla sua uscita avvenuta nei primissimi mesi del 2017 ha ricevuto una innumerevole quantità di modifiche e aggiustamenti che hanno, inoltre, aggiunto sempre nuovi contenuti e migliorato pian piano l'esperienza di gioco. In vista della (ormai imminente?) uscita della versione completa del titolo, abbiamo provato a fare un riassunto di alcune tra le migliori aggiunte di questi mesi di presenza sul mercato.

    Ottimizzazione delle prestazioni

    Quando PlayerUnknown's Battlegrounds fu pubblicato lo scorso marzo soffriva di criticità davvero pesanti. Indipendentemente dal tipo di hardware, il titolo presentava enormi problemi di rendering e improvvisi (e devastanti) cali del frame rate.

    Fortunatamente, le cose sembrano essere migliorate, dopo i numerosissimi aggiornamenti dedicati all'ottimizzazione dell'esperienza di gioco. Ovviamente il titolo di Bluehole Inc. è ancora ben lungi dall'essere perfetto, ma il team di sviluppo è riuscito - lavorando sodo - a imboccare la giusta via. Già con il primo e il secondo aggiornamento si è visto un netto miglioramento delle prestazioni complessive di PlayerUnknown's Battlegrounds. Di sicuro, il crescente successo del titolo in campo internazione ha giovato in termini di risorse e impegno profuso dalla squadra deputata allo sviluppo; cosa che ha condotto a una innumerevole quantità di piccole correzioni di bug e miglioramenti che continuano ad accompagnarci ancor oggi.

    Prospettiva in prima persona

    Una delle funzionalità più richieste dai giocatori e dai fan, ovvero la possibilità di giocare PlayerUnknown's Battlegrounds come uno shooter in prima persone, è giunta solo in agosto. Portando il titolo dalla terza alla prima persona ha offerto un'esperienza sicuramente più coinvolgente, precisa e, soprattutto, hardcore. La modalità in prima persona, da allora, è diventata la modalità di gioco preferita dalla maggior parte dei giocatori, e sembra essere la modalità di gioco principale sfruttata in ambito eSport.

    Nuove armi

    PlayerUnknown's Battlegrounds ha ricevuto un discreto numero di aggiunte all'arsenale dal suo arrivo, e alcune di esse hanno cambiato il modo di giocare, spostando le strategie e le scelte dei giocatori. Armi come il Vector hanno contribuito ad aggiungere più varietà ai match, mentre l'Mk14 (una sorta di crasi tra un fucile d'assalto e un fucile da cecchino) e il Mini-14 sono diventate delle armi "must pick" se trovate sul campo. Nel momento attuale ci sono circa venticinque armi principali (se contiamo le due ultime arrivate) e relativi accessori da applicare, diverse armi da fianco e granate che è possibile recuperare nel corso del match. Il team, inoltre, ha costantemente rivisto e bilanciato la percentuale di danno, la potenza e le caratteristiche delle varie armi.

    Quality of life

    Tra gli innumerevoli aggiornamenti che PlayerUnknown's Battlegrounds ha ricevuto nel corso di quest'anno, si sono susseguiti tantissimi piccoli update dedicati a rendere l'esperienza di gioco sempre più piacevole e a combattere l'enorme quantità di cheater.
    Il team ha aggiunto un tasto di scelta rapida per contrassegnare la posizione sulla mappa, sono state aggiunte nuove animazioni (mancano ancora, comunque, le più importanti) che hanno dato un po' più naturalezza ai personaggi, miglioramenti all'effettistica ambientale, calibrazione della visuale spettatore e nuove opzioni cosmetiche come skin, costumi e così via. Senza contare, ovviamente, l'imminente arrivo della nuova mappa desertica.

    Il futuro e la scena competitiva

    Il team di sviluppo, in queste settimane, è alle prese con la tanto attesa patch 1.0, la quale dovrebbe rappresentare la versione "definitiva" del prodotto. La deadline prevista, ovvero la fine del 2017, si sta avvicinando a grandi falcate e Bluehole non sembra avere un attimo di respiro, impegnata nel rispettare le stringenti scadenze che dovrebbero portare al debutto ufficiale del titolo e all'arrivo dello stesso su console. Xbox One, infatti, accoglierà PlayerUnknown's Battlegrounds in versione Game Preview il prossimo 12 dicembre.

    Inoltre, come abbiamo accennato in apertura, in nell'ultimo periodo PlayerUnknown's Battlegrounds è oggetto di attenzione, specialmente sul fronte eSport. Nel corso dei mesi sono stati organizzati molti eventi dedicati che hanno messo in palio ricchi montepremi. Questi, ovviamente, hanno attirato non solo nuovi sponsor e interessati investitori, ma anche giocatori e team professionistici che, in alcuni casi, hanno addirittura reclutato (o fatto migrare) giocatori da altre competizioni per poter imbastire squadre adatte a competere in PlayerUnknown's Battlegrounds. I team più famosi al mondo stanno anche reclutando giocatori direttamente dalla community per iniziare a dominare nei più disparati formati: solo; duo e squad. Nulla viene lasciato al caso, dunque: Team Liquid; Most Wanted; Gorila; Tempo Storm sono solo alcuni dei team coinvolti nel trambusto (positivo) che si è creato attorno al titolo firmato Bluehole. Quest'ultima aveva in testa sin dall'inizio un debutto in pompa magna sulla scena professionistica. Forse, però, non pensavano potesse avvenire tutto così presto e così velocemente.

    Che voto dai a: PlayerUnknown's Battlegrounds

    Media Voto Utenti
    Voti: 97
    6.5
    nd