PlayStation: nuovi giochi indie, da Disco Elysium a Operation Tango

A metà settimana sono stati annunciati sette giochi indie in arrivo su console PlayStation, tra questi ci sono delle gradite sorprese.

PlayStation: nuovi giochi indie, da Disco Elysium a Operation Tango
Articolo a cura di

A seguito di alcuni giorni piuttosto caldi sul fronte Xbox, tra l'acquisizione di Bethesda e la pioggia di grandi giochi in arrivo su Game Pass, nella giornata di ieri è stata Sony a "rubare" la scena, prima con l'intrigante story trailer di Returnal e poi con un annuncio a sorpresa del grande Shuhei Yoshida, che ci ha consigliato di tener d'occhio i canali ufficiali di PlayStation in attesa dell'apparizione di ben 7 titoli indipendenti. Come era lecito aspettarsi, alcuni di questi hanno fatto un vero e proprio debutto mentre altri erano già dei "volti noti", uno su tutti l'acclamato Disco Elysium, che finalmente approderà sulle console Sony in versione Final Cut (qui la nostra recensione di Disco Elysium). Senza indugiare oltre, andiamo a scoprire qualcosa in più su questi prodotti tanto colorati quanto interessanti.

Operation Tango

A fare da apripista alla carrellata di giochi ci ha pensato l'Operation: Tango di Clever Plays, il collettivo con base a Montreal a cui dobbiamo Leap of Fate, un frenetico roguelite a tema cyberpunk. La nuova fatica del team indipendente permetterà ai giocatori di calarsi nei panni di due partner alla pari, che dovranno aiutarsi l'uno l'altro per portare a termine missioni ad alto rischio e salvare il mondo. Parliamo in sostanza di un'avventura cooperativa asimmetrica e quindi vissuta da due punti di vista completamente differenti. Nel raggiungere il caveau situato in un edificio high tech - dopotutto il gioco è ambientato in un futuro non troppo lontano - l'abile agente Angel dovrà far disattivare i sistemi di sicurezza all'hacker Alistair che, muovendosi in un mondo digitalizzato, potrebbe aver bisogno che la partner aggiunga delle piattaforme nel percorso virtuale su cui sta avanzando.

Comunicare col proprio compagno, studiare le interfacce futuristiche e abituarsi ad agire "sotto pressione", saranno requisiti fondamentali per portare a casa la pelle, sebbene gli sviluppatori abbiano pensato un'esperienza capace di adattarsi al livello di abilità dei giocatori.

Inoltre, dagli evocativi paesaggi naturali, fino alle carrozze della metropolitana e agli appartamenti di lusso, Operation: Tango sembra vantare una direzione artistica di pregio, peraltro ispirata al corto "Hyper Reality" di Keiichi Matsuda e dai tratti vicini allo stile di Robert Valley, famoso per aver curato le animazioni degli iconici video dei Gorillaz. Siamo molto curiosi di vedere un gameplay esteso di questo titolo, che d'ora in poi terremo d'occhio con ancor più attenzione.

Puzzling Places

Vedere la scena evocativa di un puzzle che lentamente prende forma può essere una gran bella sensazione, una sensazione che i ragazzi di Realities.io vogliono portare al livello successivo con il particolarissimo Puzzling Places.

L'opera prima del team capitanato da Daniel Sproll - che l'ha fondato nel 2016 con l'obiettivo di rendere esplorabili luoghi reali attraverso la realtà virtuale - è nata grazie a un fortunato incidente, che vi raccontiamo perché intimamente connesso alla natura del progetto. In pratica, un errore della pipeline ha fatto si che i pezzi di un modello realizzato tramite la fotogrammetria si mischiassero in modo disordinato, ed è nel rimetterli a posto che i creativi hanno avuto il colpo di genio: dar vita a un puzzle game in 3D che permettesse ai giocatori di ricostruire posti da cartolina, e in realtà virtuale per giunta!
In arrivo su PlayStation VR nel corso del prossimo inverno, Puzzling Places offrirà innumerevoli oggetti super dettagliati e dotati di volume e profondità, che quando assemblati nel modo corretto produrranno un soddisfacente "click" di volta in volta. Man mano che l'attacco d'arte prenderà forma, sarà possibile cominciare a udire i suoni tipici di quella specifica ambientazione, in modo da arrivare allo splendido risultato finale con ancor più soddisfazione. Trattasi insomma di un'esperienza rilassante e meditativa, in grado di catturare i neofiti con brevi puzzle da 50 pezzi, e i veterani con delle scene capaci di tenere impegnata un'intera famiglia per qualche giorno.

Chicory A Colorful Tale

Di Chicory: A Colorful Tale ci ha parlato Greg Lobanov, il director dell'avventura targata Finji che arriverà su PS4 e PS5 entro la fine della primavera. Fulcro assoluto dell'esperienza è la peculiare meccanica di pittura, che consente al giocatore di esprimere al massimo la propria creatività, una caratteristica questa che ha influenzato la storia, il word e il puzzle design della produzione. In questo viaggio per restituire colore al mondo sarà possibile dipingere ovunque e collezionare decorazioni da apporre in ogni dove, così da modificare in modo permanente gli scenari. A tal proposito, questi offriranno diverse side quest da completare, giacché sono abitati da molti NPC, e una serie di attività di contorno quali la consegna di lettere o lezioni in una scuola d'arte.

In occasione dell'approdo su PlayStation, i ragazzi di Finji non si sono lasciati sfuggire l'occasione di supportare le feature di DualSense, tra la possibilità di usare il touchpad per dipingere e le speciali vibrazioni che si attiveranno durante la produzione delle proprie opere. Per avanzare più agevolmente in quest'avventura piena di possibilità, sarà possibile avvalersi del sistema Game Help di PS5 per ottenere preziosi consigli sul dafarsi, una feature questa che renderà il gioco accessibile ai più piccini.

Where the Heart Leads

Armature Studio non ha bisogno di presentazioni, poiché è stata fondata da alcuni membri chiave dietro al franchise di Metroid Prime. Dopo aver portato la coppia Bayonetta + Vanquish su PS4 e Xbox One, il team di Austin si è lanciato nello sviluppo di Where the Heart Leads, la cosiddetta "avventura narrativa surreale" che raggiungerà le console Sony il prossimo 13 luglio.

Il giocatore vestirà i panni di Whit Anderson, un marito e padre che nel salvare il cane di famiglia verrà catapultato suo malgrado in un memorabile viaggio nel tempo. Si ritroverà quindi nella posizione di poter modificare gli eventi del suo passato e del futuro, alterando - assieme alla sua - le vite degli altri.

Per assicurarsi di conferire la piena libertà decisionale all'utenza, Armature ha realizzato dei testi che nel complesso superano le 600.000 parole (è più de Il Signore degli Anelli), ma è chiaro che nelle circa 10 ore necessarie a completare una run, Whit vivrà solo una parte dei possibili risvolti narrativi. Centinaia di scelte e dozzine di finali possibili non avrebbero potuto che condizionare pesantemente l'andamento dell'avventura, come nel caso di una delle scelte chiave mostrate nel trailer.

Vendere la proprietà di Rene, moglie di Whit, significherebbe acquisire tranquillità economica e - con ogni probabilità - anche coniugale, mentre compiere una scelta più azzardata potrebbe compromettere seriamente il rapporto tra i due. A tal proposito le differenti meccaniche di gioco, che si ispirano a titoli del calibro di Heavy Rain, Xenogears e Vagrant Story (qui la nostra recensione di Vagrant Story), vengono affiancate da una direzione artistica e "registica" di grande impatto, influenzata come è dai film di David Lynch, Wes Anderson e Nicolas Winding Refn.

Nour Play With Your Food

Parlare di Nour: Play With Your Food senza averlo potuto provare è una piccola impresa, poiché si tratta del prodotto più particolare e sperimentale tra i 7 mostrati nella giornata di ieri.

Considerarlo un videogioco tradizionale è difficile, difatti i suoi stessi creatori lo definiscono una colonna sonora interattiva. Nel trailer è possibile vedere dei tostapane che - azionati in malo modo - si surriscaldano fino a esplodere, espellendo al contempo le fette di pane che contenevano a ritmo di musica. Dai cocktail più improbabili ai piatti pieni di delizioso sushi, i giocatori potranno realizzare delle preparazioni fuori di testa e, nel farlo, daranno vita a brani musicali di vario genere. Tanto per cominciare, ogni volta che un ingrediente farà il suo ingresso sulla scena emetterà un suono, si pensi alle dolci note del flauto per i marshmallow o alle note alte di un pianoforte a coda prodotte dai cubetti di ghiaccio. Dal canto nostro siamo rimasti incuriositi dalle parole dell'audio engineer Maximilian Mueller, che ha descritto nel dettaglio una delle tante scene del gioco. In "tritacarne", gli ingredienti verranno generati in un ambiente apparentemente tranquillo ma dall'aria sinistra e non a caso: quando il giocatore ruoterà la maniglia dello strumento per macinarli, finirà per "tritare" i loro stessi suoni, il che potrebbe portare alla composizione di un brano heavy metal. Insomma, i presupposti per un'esperienza intrigante e fuori dagli schemi sembrano esserci tutti ma prima di pronunciarci oltre vogliamo aspettare di mettere le mani su Nour.

Heavenly Bodies

Di Heavenly Bodies, l'ispirato spatial puzzler basato sulla fisica di 2 pt Interactive, non sapevamo poi così tanto. Nei mesi scorsi lo abbiamo visto in più occasioni ma alla fine dei filmati faceva sorgere in noi sempre la stessa domanda: quali sono i compiti che dovrà svolgere il nostro cosmonauta?

Ebbene, il director del gioco Alexander Perrin ha infine risposto a questo interrogativo, complice la pubblicazione di un delizioso trailer pensato per mostrare 2 delle 7 missioni del gioco. Come era lecito aspettarsi, la vera difficoltà dell'esperienza è da ricercarsi nell'assenza di peso, una condizione che - siamo pronti a scommetterlo - riuscirà a strapparci tante risate e imprecazioni. Grazie ai tasti dorsali di DualSense sarà possibile controllare le braccia e le gambe del cosmonauta, così da aggrapparsi agli appigli, esplorare i moduli delle stazioni spaziali e portare a termine obiettivi legati alla manutenzione o all'assemblaggio di strutture. In realtà i compiti di cui sopra sono soltanto quelli della missione "Data", che ad esempio differisce profondamente da "Minerals".

In questa passeggiata nello spazio bisognerà prendere il comando di un veicolo per avvicinarsi cautamente a dei grossi asteroidi ed estrarre dei minerali preziosi. Nonostante possa sembrare semplice, tale missione cambia completamente volto nel video di gameplay, che non tarda a mostrarne la reale complessità.

Ciliegina sulla torta, sottoporsi a quelli che sembrano essere dei veri e propri test di pazienza sarebbe più facile e divertente se in compagnia di un amico e infatti Heavenly Bodies offrirà una modalità co-op in locale per permetterci di farlo. Inutile dirlo, sentiamo il bisogno di giocarlo al più presto.

Disco Elysium The Final Cut

Disco Elysium è stato una delle grandi rivelazioni del 2019, un GDR atipico che ci ha lasciati di stucco quando ci siamo risvegliati sul pavimento di un hotel di periferia nei panni d'un uomo provato e privo di memoria.

Nel decadente e al contempo affascinante teatro degli eventi narrati - la città di Revachol - gli appassionati del genere si sono ritrovati a vivere un'avventura diversa da qualunque altra, priva dei classici combattimenti ma ricchissima di personaggi, organizzazioni e vicende capaci di spaziare dall'onirico al politico, dall'investigativo al tragicomico. La grande varietà dell'opera di ZA/UM la si deve anche a quel che è un sistema di dialoghi allo stato dell'arte, il vero motore di una lunga indagine capace di tenere i giocatori incollati allo schermo per più di 40 ore. Il fatto che la Final Cut permetterà a una vasta utenza di recuperare questa perla - infatti non la vedremo solo su PlayStation ma anche su Xbox, Stadia e Switch - ci riempie il cuore di gioia, anche per i nuovi contenuti che offrirà. Oltre al supporto per il controller e alle migliorie grafiche e prestazionali dedicate a PS5, infatti, la versione completa di Disco Elysium avrà quest e sviluppi di trama inediti, nuovi cittadini e un'area extra, senza contare che ora tutti i personaggi saranno doppiati.