Esport

Rainbow 6 Siege: i trucchi per Thorn ed i primi leak dell'Anno 7

I trucchi per usare al meglio Thorn, l'ultimo Operatore dell'Anno 6 di Rainbow Six Siege e diamo uno sguardo ai leak sull'Anno 7.

Rainbow 6 Siege: i trucchi per Thorn ed i primi leak dell'Anno 7
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Operazione High Calibre (per saperne di più ecco la nostra anteprima di R6 Siege High Calibre) ha fatto il proprio debutto in Rainbow Six Siege appena qualche settimana fa, con il suo carico di contenuti: il rework della mappa australiana Outback, diversi fix e aggiustamenti agli operatori e, soprattutto, un nuovo operatore: Thorn. Noi vi diamo qualche consiglio per utilizzare al meglio il nuovo difensore e il suo gadget unico. Non solo: proviamo a dare un'occhiata ai primi leak riguardanti la prima Season dell'Anno 7 che stanno comparendo online.

    Thorn

    L'ultima arrivata nella squadra Rainbow, l'irlandese Thorn, è una combattente di stazza media con una dotazione piuttosto interessante si compone innanzitutto di una mitraglietta, l'UZI K50G altrimenti conosciuto come SMG5 MK2, un'arma addirittura inedita per Rainbow Six Siege, una creazione derivata direttamente dall'arma realmente esistente, l'UZI appunto, opportunamente modificata.

    Quest'ultima, pur essendo molto compatta, è comunque un'arma calibro .50. Ciò significa che è un'arma ad alto potenziale, in grado di aprire dei fori importanti nelle pareti distruttibili, in modo tale da creare linee di tiro interessanti per la difesa, soprattutto in ottica di combinazione con il gadget unico della combattente. Quindi è sicuramente un'arma da non sottovalutare.

    In alternativa, per l'operatrice è stato aggiunto al loadout un fucile a pompa in dotazione agli operatori tedeschi del GSG9, ovvero l'M870. Come arma da fianco, invece, Thorn potrà contare sulla 1911 o la C75 automatica. Le utilità secondarie, invece, sono state scelte appositamente per aumentare al massimo la capacità dell'operatore di creare trappole, colli di bottiglia e imboscate per gli attaccanti: filo spinato e scudo tattico.

    Le cariche Razorbloom

    Il gadget di Thorn è la carica Razorbloom. Questa è una granata che può essere lanciata e si appiccica alle superfici, funzionando sorprendentemente bene come una trappola per tutti gli ignari attaccanti che hanno la sfortuna di passarci accanto. Quando un attaccante entra nel raggio di una carica Razorbloom, inizierà un countdown. In questo momento, gli avversari potranno scegliere di subire l'esplosione, cercare di scattare e oltrepassarla oppure tornare indietro. Il "ticchettio", in sostanza, porta a scardinare la certezza dell'avversario mandandolo in confusione ed esponendolo, così, ad eventuali contrattacchi dei difensori.

    La cosa migliore per il team in difesa, dunque, è quella di mettere ancor più in difficoltà gli avversari usando oggetti e utility fatte apposta per impedire il libero movimento, come filo spinato e altri oggetti. Riguardo alle sinergie, infatti, le cariche Razorbloom funzionano molto bene anche con, il Banshee di Melusi, lo scudo elettrificato di Clash o le mine Gu di Lesion.

    Di contro, però, le cariche possono essere distrutte se gli attaccanti se ne accorgono e si mantengono a debita distanza, attaccandole con un po' di sano piombo, con gli esplosivi da lancio, con i laser del drone di Twitch e l'Argus di Zero. Inoltre, le cariche possono essere "viste" dallo scanner di IQ e disabilitate dalle granate EMP di Thatcher. Le cariche possono essere posizionate su quasi tutte le superfici. Ciò consente al giocatore che utilizza Thorn di sbizzarrirsi, piazzandole posizioni chiave in cui si è sicuri di avere un vantaggio sul nemico e, soprattutto, certi che gli attaccanti passeranno da quelle parti.

    Ad esempio si possono piazzare le Razorbloom sopra le due porte che danno verso i siti delle bombe, magari dietro a uno stipite o dietro a un elemento ambientale o, ancora, sul soffitto. Insomma, pensate a dove di solito non guarderà un attaccante e posizionatele. In questo modo potrete sfruttare al meglio il numero limitato di questi gadget in dotazione e massimizzare il risultato.

    Usate l'UZI K50G!

    Thorn è arrivata con una nuova arma chiamata UZI K50G, come abbiamo anticipato poco fa. Quest'arma ha un impatto potente che è in grado di fare dei buchi importanti su pareti, pavimenti e soffitti. Usatelo a dovere (anche lo shotgun va benone, intendiamoci) per creare nuove linee di tiro ed eliminare gli attaccanti nel punto in cui meno se lo aspettano. Questa è l'abilità più sottovalutata di Thorn (o meglio, l'equipaggiamento) come difensore. Tra l'altro, combinata con il sensore di Pulse potrebbe dare il via a combo molto interessanti.

    I leak dell'Anno 7: Flubber e il map rework

    Thorn ha appena sistemato le proprie cose nel suo nuovo armadietto nel QG della squadra Rainbow, eppure, ai giocatori e a tutti gli appassionati del tactical shooter targato Ubisoft, come sempre questo non basta. Da poco, in rete, si stanno diffondendo leak e anticipazioni - come sempre da prendere con le dovute pinze - sulla prima stagione del settimo anno di Rainbow Six.

    La prossima stagione verrà sicuramente presentata con i consueti fuochi d'artificio al Six Invitational 2022. Ecco cosa si sa della nuova stagione di Rainbow Six, inclusi tutti i leak e dettagli sul nuovo operatore, sul rework della prossima mappa e sulla data d'uscita.

    Il prossimo operatore ha il nome in codice...Flubber? Ovviamente non si sa ancora molto sul prossimo combattente della squadra Rainbow, tranne il suo "nome". Un leak pubblicato su Twitter dall'utente "Script" ha affermato che l'operatore ha il nome in codice Flubber. Ovvio che non sarà il nome finale, comunque appare piuttosto curioso, dato che ci ricorda il film con Robin Williams e la gelatina senziente chiamata appunto Flubber. Chissà, magari l'Operatore potrà sparare una sostanza gelatinosa per tappare eventuali falle nelle barriere fisiche dei difensori.

    Altri leak hanno anche svelato qualcosa sul gadget: un oggetto chiamato Kiba Barrier, ma chiaramente non sappiamo ancora il suo funzionamento. Dato che di recente abbiamo avuto un certo numero di operatori specializzati in "barriere", tra cui l'attaccante Osa (leggetevi il nostro speciale su Rainbow Six Siege Operazione Crystal Guard) e il difensore Goyo (che sarà oggetto di rework in un aggiornamento futuro), Flubber potrebbe ricoprire comunque entrambi i ruoli nel Team Rainbow.

    Sempre lo stesso utente, però, ha pubblicato anche un altro placeholder, come si chiamano di solito, "Flubber_HoleBlocker", cosa che ha fatto nascere qualche interessante teoria, come quella secondo cui Flubber potrebbe essere un "post breach denial", ovvero che si potrebbe occupare di riparare o, in qualche modo, mettere una pezza alle pareti danneggiate.

    Dopo il rework della mappa Outback, uscito nell'Operazione High Calibre in concomitanza con Thorn, ora pare non ci saranno nuove mappe all'orizzonte per l'inizio del prossimo anno. Ci potranno, però, esser dei rework. Secondo gli ultimi leak, pare che nella prima season dell'Anno 7 che vedremo in occasione del Six Invitational 2022, conosceremo il rework di mappe poco popolari come Tower o Consolato.

    Come abbiamo già detto, la Stagione 1 dell'Anno 7 e, in realtà, tutta la road map per l'intero anno, verrà svelata come da tradizione al Six Invitational (che dovrebbe tornare a Montreal, dopo esser stato disputato lo scorso maggio a Parigi). Il Six Invitational 2022 si svolgerà dall'8 al 20 febbraio. Dopo il reveal, i giocatori potranno testare le nuove modifiche per circa tre settimane prima che i nuovi contenuti andranno live all'inizio di marzo 2022.

    Che voto dai a: Rainbow Six Siege

    Media Voto Utenti
    Voti: 239
    7.6
    nd