Esport

Rainbow Six Siege: al via un'altra grande stagione di eSport

La scena competitiva di Rainbow Six Siege non si ferma mai: anche in Italia riparte una grande stagione di eSport per i pro player di R6.

speciale Rainbow Six Siege: al via un'altra grande stagione di eSport
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • La scena competitiva dello shooter tattico made by Ubisoft Monteral non accenna ad arrestarsi: oltre alla decima stagione della Pro League, la quale si sta avviando verso una più che degna conclusione in Giappone verso metà novembre, la stagione è ripartita ufficialmente anche nel nostro Bel Paese, con due campionati che si preannunciano intensi e spettacolari, dedicati tanto agli utenti PC che alla sempre più nutrita compagine console.
    Da un lato, infatti, troviamo il torneo organizzato da PG Esports il quale giunge, per così dire, alla sua seconda edizione mentre, dall'altro, ESL Italia inizia la sua nuova avventura con Rainbow Six Siege con la prima assoluta del campionato italiano PlayStation 4.

    La competizione, insomma, promette di infiammare il suolo italiaco e scacciare i primi freddi stagionali. Sino a dicembre, quindi, lo sparatutto tattico di Ubisoft riempirà i palinsesti Twitch per quasi tutta la settimana, per la gioia dell'enorme bacino d'utenza che anche in Italia segue con grande passione il titolo. Cosa ci aspetta nei prossimi mesi?

    Gli operatori di casa nostra, su PC

    No, non stiamo parlando di Alibi e Maestro, bensì delle formazioni che hanno deciso di confrontarsi nei due campionati che abbiamo citato in apertura.
    Il campionato targato PG è ufficialmente ripartito, dopo il successo riscosso nella "stagione inaugurale dei Nationals", culminata a Roma a fine luglio. Questa seconda edizione promette nuove sfide tra i migliori giocatori e le migliori formazioni nostrane. I Mkers, detentori del titolo e forti di una qualità tecnica davvero ineccepibile, puntano ovviamente a mantenere l'asticella della qualità a un livello estremamente elevato. Chi potranno essere, in questo torneo invernale i pretendenti al trono nazionale?

    A sfidarsi tornano ovviamente le migliori squadre della scena competitiva italiana di cui vi parlammo in occasione dell'avvio del Summer Split. Oltre ai campionissimi Mkers, tornano dunque i Qlash, i Samsung Morning Stars (forti di un'aggiunta appena arrivata e di assoluto valore: Jessica "Jess" Bolden, coach australiana già al lavoro con i - nuovi - Penta), i Notorius Legion, gli Outplayed, gli Italian Gaming Project (per gli amici gli IGP) e i due team recentemente promossi grazie al sistema del Promotion Tournament: Cyberground Gaming e Goskilla Academy.

    Le squadre sono pronte a competere per guadagnarsi in primis un posto alla finalissima dal vivo e quindi il titolo di Campioni Italiani. Il torneo viene, come di consueto, trasmesso sul canale Twitch di Tom Clancy's Rainbow Six ogni martedì e mercoledì per ben otto settimane. Come è andata, dunque, la prima giornata?
    Beh, iniziamo dai campioni in carica. I Mkers si sono portati a casa una vittoria non semplicissima (per sette a cinque) contro i neo promossi Cyberground Gaming.

    I Samsung Morning Stars hanno avuto vita più facile (per sette a tre) contro i Notorious Legion, nonostante una defaillance sul finale di match che rischiava di far tornar sotto i NLE. I match più combattuti (e finiti entrambi con un pareggio sono stati invece quelli tra i QLASH e gli altri neo promossi, i Goskilla Academy e tra i Outplayed e gli IGP, quest'ultimo - forse il più spettacolare della giornata - trasmesso anche in streaming.

    Il campionato italiano targato ESL e Sony PlayStation

    Una delle novità più gradite del panorama nazionale è stata, senza dubbio, la nascita del primo campionato italiano dedicato all'ammiraglia di casa Sony, la quale peraltro avrà presto la sua degna erede.

    Annunciato ufficialmente a inizio settembre, l'iniziativa esport ha chiamato a raccolta i migliori giocatori console, i quali si sono sfidati in intensi playday prima che potessero esser decretati gli otto team ufficiali del campionato.

    Ora, finalmente, il torneo - che si concluderà a Roma, con un imperdibile evento dal vivo che assegnerà il titolo di primi campioni nazionali (console) ed un montepremi in palio di 10.000€, sta per aprire i battenti. Domani sera (giovedì 10 ottobre), infatti, i pretendenti al titolo inizieranno la loro avventura. Alcuni nomi sono noti: Cyberground Gaming, Notorious Legion, Outplayed. Altri, invece, potrebbero farsi un nome: DNGxIGP (progetto cross-organizzazione?), Team Amelia (squadra fondata dall'ex portiere di molte squadre e della Nazionale, Marco Amelia, che ha partecipato con scarso successo alla Summer Season di LoL in EVC), Manguste Esports (anch'essa già su LoL), eVolute Gaming e iRFlow Gaming. Sintonizzatevi alle 18:00 sui canali ESL per assistere al campionato dedicato alla console della Casa di Tokyo.

    Pro League, verso l'Invitational 2020

    Veniamo, ora, alla scena internazionale. Quella, per intenderci, a cui ambiscono tutti i team. Ora le migliori formazioni del circuito mondiale sono focalizzate su un unico obbiettivo come dicevamo: raggiungere le finali autunnali della Pro League. Dopo il ritorno dalla pausa estiva, come se la stanno cavando i team delle quattro Regioni in cui si suddivide il massimo torneo dedicato allo shooter tattico di Ubisoft?

    Al momento, l'unica squadra già qualificata è quella statunitense dei DarkZero, che ha creato il vuoto nei confronti delle inseguitrici.

    Per quanto riguarda l'Europa, lo scontro è accesissimo: i Giants guidano ancora la classifica, mentre nelle posizioni di rincalzo se la giocheranno Na'Vi, attualmente secondi, i redivivi G2 e il Team Empire ora quarto. Anche nella regione LATAM i giochi sono tutt'altro che fatti. Ninja in Pjigiamas e FaZe sono i più accreditati per volare in Giappone in questo momento, anche se il vantaggio è risicatissimo.

    Ai playoff per la regione APAC, invece, a partire dal 19 ottobre se la giocheranno queste formazioni: Cyclops e Nora Rengo per il Giappone; Cloud9 e Trippy per la Corea del Sud; Xavier e Aerowolf per il Sud Est asiatico; Fnatic e Wildcard Gaming per l'Australia e la Nuova Zelanda.

    Ovviamente, chi volerà nella terra del Sol Levante, non lo farà per la sola gloria (e il vil denaro) ma anche per assicurarsi un posto all'appuntamento più ambito in assoluto: l'Invitational di Montreal 2020.

    A questo proposito, Ubisoft ha annunciato che i biglietti per assistere al Six Invitational 2020 sono ora disponibili su Ticketmaster. La quarta edizione del Six Invitational si svolgerà, come sappiamo, a Montreal il prossimo febbraio. Sono disponibili due diverse tipologie di biglietti: il Pass Operatore (da 95 Dollari) e quello Elite (da 240 Dollari).

    Che voto dai a: Rainbow Six Siege

    Media Voto Utenti
    Voti: 198
    7.6
    nd