Esport

Rainbow Six Siege: nuova mappa all'orizzonte, l'exploit di Clash, Ela Elite

A pochi giorni dall'uscita della stagione che chiude il Quarto Anno, insistono leak riguardo a una nuova mappa, oltre ai problemi di Clash.

speciale Rainbow Six Siege: nuova mappa all'orizzonte, l'exploit di Clash, Ela Elite
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Sono passati pochissimi giorni dall'uscita della stagione, Shifting Tides, che chiude ufficialmente il Quarto Anno di Rainbow Six Siege. Wamai e Kali sono nella disponibilità dei giocatori, i quali stanno iniziando a prendere confidenza con le nuove strategie permesse dai loadout dei due.
    Inoltre, ha aperto il nuovo Parco Divertimenti e piccoli, grandi aggiustamenti sono giunti sui server live. Lo shooter tattico targato Ubisoft, però, per la gioia dei fan sempre affamati di succulente novità, è un titolo in eterna evoluzione.

    Dopo i leak scoperti qualche settimana fa e relativi a quelli che dovrebbero essere i primi operatori dell'Anno 5, in queste ultime ore sta tenendo banco un'altra notizia davvero interessante.
    Anzi, per la verità sono due. La prima è la nuova sospensione dal servizio attivo dell'indisciplinata Clash. L'altra, invece, riguarda il leak di una nuova mappa che dovrebbe essere in qualche modo collegata con il Rainbow Six Invitational 2020, evento competitivo più importante della stagione esport di R6.
    Le novità comunque non finiscono qui: è arrivata anche Ela Elite (finalmente!).

    Clash, riconsegna il distintivo

    Secondo la notizia, diffusa poche ore fa dall'account Twitter ufficiale di Rainbow Six, Ubisoft ha sospeso nuovamente Clash su tutte le piattaforme in quello che sembra essere il tentativo di rimediare allo stesso exploit che ha colpito l'operatrice subito prima dell'uscita dell'Operazione Phantom Sight.
    In buona sostanza, all'epoca si presentò un problema abbastanza grave che addirittura rendeva l'operatore di difesa praticamente imbattibile. L'exploit permetteva ai giocatori che utilizzavano l'operatore britannico di sparare con l'arma pur mantenendo lo scudo ancora schierato e impedendo così agli attaccanti di colpirla.

    Clash, sotto questo punto di vista, è sempre stato un operatore abbastanza problematico da gestire. Essendo l'unico operatore di difesa ad avere accesso a uno scudo balistico completo, Clash presenta da sempre diversi problemi di bilanciamento, risulta molto spesso bannata nelle ranked e, di sicuro, non fa la felicità dei giocatori.
    Ora, a pochi giorni dall'arrivo di Shifting Tides, Clash è finita nuovamente al centro delle polemiche a causa del grave bug che i giocatori affermano essere lo stesso di cui vi abbiamo appena fatto cenno. In teoria, essendo già stato risolto nel recente passato, i ragazzi di Ubisoft Montreal non dovrebbero metterci molto a correre ai ripari con una soluzione rapida e indolore.
    Ubisoft ha informato i giocatori su Reddit riguardo alla decisione di rimuovere l'operatore di difesa, anche se le informazioni fornite non permettono di stimare il tempo di riposo forzato a cui è sottoposta Clash.

    La nuova mappa: Stadio

    Sappiamo che non ve ne fregava nulla di Clash e volevate conoscere i dettagli della possibile mappa che potrebbe essere introdotta nel map pool di Rainbow Six Siege.
    A parte gli scherzi, secondo quanto emerso nelle ultime ore, questa ipotetica nuova mappa (di cui esistono non solo degli screenshot ma addirittura dei video di prova) sembra essere collegata all'evento che tutti i fan della scena esport di Rainbow Six stanno aspettando: il Six Invitational 2020.

    Ora, non è chiaro se questa nuova location posta all'interno di uno stadio sia da collegarsi effettivamente all'Invitational oppure a qualche altro tipo di evento dedicato...Magari le Olimpiadi? Certo, proprio le Olimpiadi hanno già vissuto reali e tragici episodi di terrorismo nella loro storia, quindi non sappiamo quanto politically correct potrebbe essere oggigiorno prevedere un contenuto dedicato in game.
    Però, la skin di Mozzie con i colori e la bandiera australiana ci fa propopendere per un qualche tipo di evento a tema Olimpiadi, già peraltro scovato da un utente nipponico qualche tempo fa.

    Nel video che vi proponiamo si vedono chiaramente alcune skin particolari per Blitz, Sledge, Hibana, Mozzie, Caveira, Thermite.
    Secondo quando affermano leaker e fan, invece, questo ipotetico update parrebbe correlato a una sorta di evento speciale che verrà proposto proprio in concomitanza del Six Invitational di febbraio.

    La mappa trapelata si chiama semplicemente Stadium ed è essenzialmente ciò che vedete dai brevi video postati dall'utente Roly Noly: un mega stadio con una sorta di struttura di addestramento che sta per essere ultimata, posta al centro del campo.

    Il leader della squadra Raibow, Harry, fa una fugace comparsa all'inizio del match, mentre osserva la struttura da una gradinata. Sembra che Harry possa commentare in qualche modo la scelta degli operatori con qualche stringa vocale ad hoc. Lo stesso accadrà apparentemente per l'animazione MVP al termine della partita.
    Questa di Stadium pare essere una mappa atipica rispetto agli altri tipi di mappe viste sino a questo momento. A molti, in effetti, il centro di addestramento fatto in compensato e posto al centro dello stadio ricorda molto quello di Hereford Base.

    I fan dovranno ovviamente attendere una rivelazione ufficiale prima di poter mettere le mani sulla nuova mappa e sulle ipotetiche skin. L'attesa, comunque, non dovrebbe essere troppo lunga, dal momento che il Six Invitational 2020 si svolgerà come sempre a Montreal dal 7 al 16 febbraio.

    Infinte, a latere di queste interessanti novità, non possiamo non citare l'arrivo della skin elite dell'operatrice polacca Ela. Punk e totalmente fuori dagli schemi come il personaggio che ne beneficia, il bundle arriva ovviamente anche con le skin per le armi, il gadget e il chibi dedicato.

    Novità Esport e appuntamenti del weekend

    L'esport di R6, come sappiamo, non va mai in vacanza. La scorsa settimana ci sono stati due appuntamenti molto importanti: uno, per il nostro Paese, ha visto trionfare gli Outplayed nel primo campionato nazionale PlayStation all'EsportFest di Roma. L'altro, invece, è andato in scena in Croazia. Il cosiddetto "OGA Pit Minor" non era un evento di poco conto: 75.000 Dollari di prize pool e, soprattutto, un lasciapassare diretto proprio al Six Invitational 2020.

    Non per nulla le formazioni invitate erano alcune tra le più forti al mondo: PET Nora-Rengo (Asia-Pacifico); BDS Esport (Europa); G2 Esports (Europa); Team Secret (Europa); MIBR (America Latina); Team Liquid (America Latina);Luminosity Gaming (Nord America); Spacestation Gaming (Nord America). I G2 in piena crisi di risultati hanno abbandonato immediatamente il torneo battuti dai MIBR, così come i Nora-Rengo. La vittoria è andata al Team Liquid il quale, dunque, raggiunge le altre dieci formazioni già qualificate per l'evento di febbraio: TSM, Team Empire, Aerowolf, DarkZero Esport, FaZe Clan, Giants Gaming, NaVi, Ninja in Pyjamas, Reciprocity e Wildcard.

    Questo fine settimana, se non riuscite a dormire, si svolgeranno i Nationals nordamericani. Appuntamento sabato a partire dalle 22.30 per le finali di Eastern e Western Conference. Domenica, invece, a partire dalle 22.00 si scontreranno i vincitori delle due conference per il titolo nazionale. Come ogni altro Major, se vi collegherete a Twitch dovreste avere la possibilità di guadagnare i charm a seconda del tempo di visione.

    Non dimenticate che sempre domenica, a casa nostra, si svolgeranno le finali del campionato PC di Rainbow Six Siege, targato PG Esports!

    Che voto dai a: Rainbow Six Siege

    Media Voto Utenti
    Voti: 207
    7.6
    nd