Esport

Rainbow Six Siege: Road to Invitational 2020, Battle Pass e nuova mappa

La strada per il Six Invitational canadese di metà febbraio è davvero iniziata con i fuochi d'artificio: ecco le principali novità dell'update.

Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • La community di Rainbow Six Siege è in fermento, dopo che i ragazzi di Ubisoft Monteral hanno pubblicato un corposo aggiornamento con un tema ben preciso, dedicato all'appuntamento più importante della stagione competitiva dello shooter tattico più popolare del momento. I leak che si sono susseguiti nel corso delle scorse settimane sono stati confermati dall'arrivo dell'evento speciale che ha preso il via nella giornata di mercoledì.
    Il "Road to Six Invitational" apporta un bel po' di novità che, di sicuro, faranno la gioia di tutti gli appassionati. L'aggiornamento include un nuovo Battle Pass, skin inedite e una nuova mappa, oltre a consentire a tutti i giocatori di poter utilizzare (all'interno della nuova mappa) qualsiasi operatore presente nel roster, indipendentemente dall'acquisto.

    Le principali novità

    L'evento, disponibile per un periodo di tempo limitato (comunque piuttosto esteso, dato che si parla di cinque settimane), come dicevamo è dedicato a un appuntamento che la nutrita schiera di appassionati di Rainbow Six Siege sta attendendo con trepidazione: il Six Invitational 2020. Quello che può essere considerato il "mondiale" dello shooter tattico targato Ufisoft, come di consueto si svolgerà a Montreal a metà febbraio, dal 7 al 16, per l'esattezza.
    Come sappiamo l'Invitational non è solo dedicato all'"esport". Durante la manifestazione, infatti, Ubisoft intende celebrare a tutto tondo i traguardi raggiunti dal titolo e dalla propria fedele community con panel dedicati, incontri con gli sviluppatori e contest ovviamente a tema "Six Universe".
    Per coinvolgere ancora di più i giocatori, quest'anno Ubisoft Montreal ha fatto le cose in grande: con questo nuovo update ha voluto ribadire ancora una volta quanto le iniziative legate all'anima competitiva del titolo rivestano primaria importanza per il team di sviluppo e, ovviamente, per lo stesso futuro del gioco.

    Dunque, cosa ci attende una volta completato il download dell'aggiornamento? Anzitutto una nuova mappa: Stadio. La location situata in Grecia, di cui vi avevamo già parlato lo scorso dicembre, rappresenta una sorta di campo di addestramento sui generis per la squadra Rainbow. Nel bel mezzo di uno stadio di calcio in rovina, infatti, Harry ha deciso di far erigere una costruzione high tech con cui mettere alla prova le abilità dei propri uomini.

    La mappa, pur ricordando (molto alla lontana) alcuni scorci della vecchia Hereford, si discosta da tutto ciò che abbiamo visto sino a questo momento. L'edificio all'interno dello Stadio si articola su diversi piani asimmetrici ed è un vero e proprio guazzabuglio di stanze, scale, pareti distruttibili e percorsi possibili. Quello che colpisce di più è l'ingente presenza di vetrate - antiproiettile - che vanno a creare situazioni tattiche e linee visive del tutto inedite.

    La mappa è disponibile per tutti; inoltre (pur essendo libera) condivide le stesse regole della ranked mode: ovvero fase di pick & ban e round di tre minuti, penalità . La feature più interessante, però, è un'altra, come abbiamo anticipato in apertura: nello Stadio tutti gli operatori sono sbloccati. Ciò significa che i giocatori possono selezionare, indipendentemente dall'acquisto, uno qualsiasi tra i combattenti usciti in questi quattro anni.

    Inoltre, nello Stadio, alcuni specifici combattenti beneficiano di un'estetica speciale: Blitz, Caveira, Hibana, Mozzie, Sledge e Thermite sfoggiano infatti skin con i colori dei loro paesi di origine. La collezione, poi, può essere sbloccata anche attraverso il nuovo Battle Pass.

    Il Battle Pass, le caratteristiche

    L'arrivo del Battle Pass dedicato alla Road to Invitational (che terminerà in concomitanza con le finali del torneo, il 16 febbraio 2020) potrebbe far storcere il naso a buona parte dei giocatori. Il pass infatti, come ormai siamo abituati a vedere in altri game as a service, si compone di un percorso gratuito e di uno, invece, Premium a pagamento.

    Nel percorso free è possibile comunque guadagnare, ogni cinque livelli, oggetti cosmetici come cui copricapi, skin per le armi, ciondoli e Alpha Pack.
    Il percorso a pagamento, invece, garantisce una ricompensa esclusiva per ogni livello (sono 35 in tutto) ma costa la bellezza di 1.200 Crediti R6. Esiste anche un pacchetto ulteriore (venduto a 2.400 Crediti R6) che, oltre a sbloccare il percorso premium, vi fa guadagnare ben 12 livelli istantaneamente.

    L'acquisto del Pass contribuirà anche al prize pool finale dell'Invitational. L'anno scorso, con i ricavi dei Set esclusivi, il montepremi fu di ben 2 milioni di Dollari. Quest'anno potrebbe addirittura essere ancora più alto. Chi ha acquistato il season pass dell'Anno IV, può comunque beneficiare del 30% di sconto (l'esborso diminuisce sino a 840 Crediti per la versione liscia e 1680 per quella ultra) in fase d'acquisto, oltre che un 30% di boost nel guadagno di punti.

    Questi si ricevono giocando a qualsiasi tipo di partita multiplayer. Vincere round singoli e match fornisce un sacco di Battle Points: +120, partita vinta; +60, per ogni round vinto; +100 per un match perso. Un 25% di boost lo si guadagna, invece, partecipando a partite libere e classificate.
    Le sfide non mancano e consentono, una volta soddisfatti i requisiti, di racimolare un bel po' di punti.

    L'Invitational 2020, primo contatto

    A Montreal si incontreranno sedici tra le migliori formazioni di Rainbow Six Siege al mondo. In concomitanza con il reveal dell'evento a tempo limitato, è stato svelato anche il nome dell'ultima organizzazione che mancava all'appello. Con una certa sorpresa i G2, afflitti da una parabola discendente che li ha riportati tra gli umani e reduci da un bel po' di magre figure, sono stati invitati a partecipare direttamente da Ubisoft. Quindi, nonostante risultino carenti di merito, potranno comunque giocarsi le loro chance. Non dimentichiamo che sono pur sempre i detentori del titolo 2019.

    Definite le sedici formazioni, sono stati resi pubblici anche i quattro gruppi in cui sono suddivise. Il Gruppo A è forse quello più affascinante, per l'alto tasso tecnico delle squadre. Troviamo infatti il Team Empire, i DarkZero Esports, i FaZe e i Fnatic.

    I Na'Vi delle meraviglie, Team SoloMid, SpaceStation e Rogue formano il Gruppo B mentre, Giants Gaming, Ninja in Pyjamas, Team Liquid e MiBR sono abbinati al Gruppo C. Infine Reciprocity, Wildcard, BDS Esport e G2 Esports sono nel Gruppo D. Forse un debutto troppo morbido per i G2 ma le sorprese sono dietro l'angolo.

    Che voto dai a: Rainbow Six Siege

    Media Voto Utenti
    Voti: 228
    7.7
    nd