Ratchet & Clank Rift Apart: la storia, la scomparsa dei Lombax e Nefarius

In vista dell'uscita di Ratchet & Clank Rift Apart, abbiamo deciso di ripercorrere con voi alcuni elementi centrali della storia della saga Insomniac.

Ratchet and Clank: la storia
Speciale: PlayStation 5
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS5
  • Cittadini della galassia Solana, il ritorno di Ratchet e Clank è a un tiro di Fucile a Flusso, motivo per il quale vogliamo celebrare l'universo che da quasi vent'anni è teatro di avventure folli, all'insegna di sparatorie fuori da ogni logica, momenti agrodolci e grasse risate. Rift Apart promette di essere il perfetto punto d'accesso per i neofiti, questo lo sappiamo, ma gli sviluppatori hanno detto che saprà fare la felicità di coloro che - con un sorriso stampato sul volto - hanno accompagnato la strana coppia d'eroi sin dal principio. In altre parole, ci sembrava doveroso soffermarci sulla figura di Ratchet e del suo amico e al contempo parlare di alcuni eventi chiave che vale la pena di conoscere per godersi pienamente la nuova avventura. In aggiunta, non potevamo non ripercorrere le origini e la storia del malvagio Dottor Nefarious, che oltre a essere il possibile main villain di Rift Apart è uno dei personaggi più iconici e divertenti della serie. Allacciate le cinture, cari dipendenti Gadgetron, stiamo scaldando i motori e la nave è in partenza.

    La Grande Guerra, le origini di Ratchet e le sue avventure

    Simpatico, coraggioso e maestro dell'Onnichiave, Ratchet è il protagonista della coloratissima serie di Insomniac ma la sua storia è ben meno allegra di quanto si pensi e ha inizio prima della sua nascita. Per parlarne in modo adeguato infatti è necessario rievocare la cosiddetta Grande Guerra, combattuta dai Lombax - originari del pianeta Fastoon - e il malvagio impero dei Cragmiti. Lungo e sanguinoso, il conflitto ha raggiunto un punto di svolta quando il valoroso Alister Azimuth e i suoi hanno sviluppato una sorta di arma definitiva: il Dimensionatore. Parliamo proprio di quello strumento che in Rift Apart darà vita al caos multidimensionale al centro degli eventi narrati e le cui funzioni potrebbero persino portare a degli importanti risvolti di trama. Con questa prodigiosa creazione i Lombax sono riusciti a spedire i Cragmiti in un'altra dimensione, e per questo sono diventati i salvatori della galassia Polaris. Alcuni anni più tardi però questi pelosi eroi hanno trovato il piccolo Percival Tachyon, l'ultimo dei Cragmiti, e con fare compassionevole se ne sono presi cura, crescendolo come uno di loro. In età adulta Tachyon è diventato uno dei più eminenti ricercatori del popolo di Ratchet e l'ha aiutato a sviluppare delle tecnologie a dir poco avveniristiche.

    Alcuni però dubitavano delle sue intenzioni e non volevano che il geniale ma infido inventore creasse dei nuovi armamenti. Tra gli scettici, a tal proposito, c'era proprio Kaden - il padre di Ratchet - che a differenza dell'amico fraterno Azimuth non riusciva a fidarsi di Tachyon. Alister però sapeva che la galassia fosse ancora un luogo pericoloso e voleva a tutti i costi evitare che altri seguissero le orme dei Cragmiti. Proprio per questo non ha esitato a fornire a Tachyon le più grandi tecnologie dei Lombax, compiendo un errore che avrebbe pagato a caro prezzo.

    Autoproclamatosi imperatore dei Cragmiti, il traditore Tachyon ha dichiarato guerra ai suoi benefattori e li ha costretti a usare il Dimensionatore per trasferirsi in una nuova dimensione e scampare alla sua furia. Mentre Azimuth è stato esiliato per i suoi fallimenti, Kaden e sua moglie sono stati eliminati dal nemico, il che ha irrimediabilmente segnato la vita di un Alister tormentato dai sensi di colpa.

    Prima di morire però Kaden ha inviato il figlioletto nella galassia Solana, nella speranza di donargli un'esistenza pacifica e lontana dalla tragedia dei Lombax. Il passato però non può essere realmente cancellato e la vita di Ratchet ne è la dimostrazione. Il Lombax è cresciuto su Veldin e ha cominciato a lavorare come meccanico ma spendeva il suo tempo libero nell'adorazione dei grandi eroi della galassia, come il Capitano Qwark. Tutto è cambiato quando si è imbattuto in Clank, un intelligentissimo robot che gli ha permesso di scoprire i piani del malvagio Presidente Drek, il leader dei Blarg.

    Tra incomprensioni e scontri a fuoco, Ratchet e Clank sono diventati amici per la pelle e nel loro cammino hanno imparato a non fidarsi dei ciarlatani, che nella serie di Insomniac sono certamente capeggiati dal pavido Qwark. Sconfitto il nemico grazie all'aiuto di Clank in versione gigante da battaglia, Ratchet ha continuato a salvare la galassia ancora e ancora, prima sventando la minaccia dei Protopet e poi i piani del Dottor Nefarious, che voleva porre fine alla vita organica e trasformare gli abitanti di Solana in robot assassini. Dopo aver spedito lo scienziato folle e il fido maggiordomo Lawrence su un asteroide lontano, la coppia d'eroi credeva di essersene sbarazzata per sempre ma come è ovvio non è stato così. La tempra dei salvatori galattici è stata messa a dura prova quando il perfido Tachyon è tornato col suo esercito di Drofidi per annientare Ratchet, che credeva essere l'ultimo della sua specie. Da qui l'inizio di una pericolosa avventura che ha spinto il dinamico duo a esplorare la galassia Polaris, in cerca del "segreto dei Lombax".

    Parliamo proprio del Dimensionatore, un'arma la cui storia è stata svelata a Ratchet dal supercomputer IRIS. Spaventato dal potere di questo strumento, Clank voleva impedirne l'utilizzo ma Ratchet era determinato a servirsene per riunirsi al suo popolo. Fortunatamente il Lombax è rinsavito ed è giunto pronto al confronto finale con Percival Tachyon, il quale però l'ha colto alla sprovvista quando gli ha proposto di raggiungere i Lombax nella nuova dimensione.

    Conscio di dover distruggere il Dimensionatore e annientare l'imperatore, Ratchet ha rifiutato e assieme a Clank ha sconfitto Tachyon una volta per tutte. Il peloso eroe non ha avuto il tempo di digerire l'accaduto, perché una volta tornato a casa ha assistito impotente al rapimento di Clank da parte degli Zoni, facenti parte di un popolo divino dagli scopi misteriosi. Per concludere la storia di Ratchet, del Dimensionatore e di Alister Azimuth, è necessario raccontarla dal punto di vista di Clank, una figura ben più importante e potente di quanto si possa credere.

    La storia di Clank, il Grande Orologio e la fine di Azimuth

    Per molti anni, i fan della serie hanno creduto che Clank fosse un semplice robot difettoso dell'esercito dei Blarg, il fido e sveglio aiutante di Ratchet. Grazie agli ultimi capitoli però Insomniac Games ha giustamente espanso il ruolo di questo personaggio, le cui vere origini sono a dir poco illustri. La madre di Clank è effettivamente il computer adibito alla gestione della linea produttiva dei robot da guerra ma il padre dell'eroe è nient'altri che Orvus, signore del Grande Orologio e primo fra gli Zoni. Questi ha infuso nel robot un'anima Zoni, giacché aveva per lui dei piani d'importanza cosmica. Clank è rimasto all'oscuro della propria natura per buona parte della carriera da eroe, che l'ha visto combattere una folta schiera di malfattori in compagnia del suo amico. Da citare è anche il successo nel mondo della olovisione, esploso quando ha cominciato a interpretare l'agente segreto Clank in uno show molto seguito in tutta la galassia Solana.

    Tra i fan di questo serial che molto deve ai film classici di James Bond vi erano anche il Presidente Galattico Phyronix e lo stesso Dottor Nefarious, che anche in battaglia non ha mai smesso di rivolgersi a Clank con la sua "identità televisiva". Nel corso di Ratchet & Clank "Armi di Distruzione" il robottino è stato avvicinato dagli Zoni, che ne parlavano come fosse una sorta di prescelto. Ciò ha causato alcuni momenti di tensione con Ratchet che, non potendo vedere gli esserini fluttuanti, credeva che il suo compare stesse perdendo qualche rotella. Usciti allo scoperto sul finire del gioco, gli Zoni hanno rapito Clank che, dopo diverse peripezie e incontri con l'infido Nefarious, ha conosciuto Sigmund, il Guardiano del Grande Orologio.

    Col passare del tempo ha appreso l'esistenza di suo padre Orvus, il creatore dell'orologio, e ha imparato a utilizzare un potente artefatto chiamato Cronoscettro, con cui poteva creare copie di sé stesso o deflettere i proiettili dei nemici. Nel frattempo, Ratchet ha fatto la conoscenza di Alister, che gli ha svelato la storia del padre e del suo sacrificio. Dilaniato dai sensi di colpa, Azimuth voleva usare il Grande Orologio per riavvolgere il tempo e riportare indietro i Lombax, un'idea che Clank considerava folle, nonché in grado di "spezzare" l'esistenza stessa. Sconfitto Nefarious per l'ennesima volta, Ratchet e Clank si stavano preparando a salutarsi per sempre, perché il robot sarebbe diventato il custode del Grande Orologio, ma è qui che Alister ha mostrato il suo vero volto. Senza battere ciglio, Azimuth ha colpito Ratchet con una sfera di energia e lo ha ucciso, pensando che se fosse riuscito a riavvolgere il tempo avrebbe riportato indietro anche lui. Sconvolto e disperato, Clank si è lanciato verso la Camera di Orvus e ha riavvolto il tempo di soli sei minuti, così da riportare in vita Ratchet e lanciarsi in battaglia contro un Azimuth accecato dall'ira. Il fiero guerriero Lombax è infine riuscito ad attivare la macchina ma ben presto ha realizzato che questa gli avrebbe dato solo morte e non i suoi amici scomparsi.

    Col Grande Orologio ormai in procinto di collassare assieme al multiverso, il prode combattente ha chiesto a Ratchet di prendersi cura di sé, per poi usare la sua gigantesca Onnichiave e arrestare il processo del riavvolgimento temporale. Il giovane Lombax non ha potuto far nulla, se non veder scomparire l'amico fraterno di suo padre in un'esplosione di energia che non gli ha lasciato scampo.

    A questo punto, era giunto il momento per Ratchet e Clank di dirsi addio ma il robot non poteva abbandonare il suo partner, non dopo ciò che era successo, ecco perché - una volta "promosso" Sigmund custode dell'orologio - è tornato al suo fianco. Insomma, se è vero che Ratchet & Clank è una serie dai toni scanzonati, non possiamo dire che negli anni sia stata avara di momenti agrodolci ed è per questo che non vediamo l'ora di scoprire cosa ci attende in Rift Apart. La presenza della Lombax Rivet e del Dimensionatore potrebbe significare molto per i risvolti narrativi del gioco e aprire a una nuova era di avventure appassionanti e fuori di testa. Adesso però è arrivato il momento di dedicarci a un argomento egualmente interessante ma decisamente più leggero, di cui onestamente volevamo parlare da tempo.

    Personalità e segreti del Dottor Nefarious

    Cattivoni patentati come Alonzo Drek e Tachyon tremano al cospetto del Dottor Nefarious, per carisma, genio criminale e... statura. Magistralmente doppiato da Riccardo Rovatti, il villain robotico ha una personalità a dir poco scoppiettante, che negli anni ha permesso agli sviluppatori di far ridere grandi e piccini. Il suo odio viscerale per il capitano Qwark è secondo solo al rapporto conflittuale col suo maggiordomo Lawrence, assieme al quale si è reso protagonista di alcune delle migliori scene della serie. Il suo sottoposto infatti è costretto - per ragioni contrattuali - a sostenere i suoi folli piani ma di contro non perde mai l'occasione di sfotterlo in maniera più o meno sottile. Per fare giusto un esempio, in Ratchet & Clank 3 il dottore si adira per l'ennesima volta, a causa dell'eroe che più disprezza al mondo: "Qwark, quello sfigato non ha nessuna possibilità di battere uno come me".

    Di tutta risposta, Lawrence non si lascia sfuggire l'occasione di gettare benzina sul fuoco: "se c'è qualcuno in grado di sconfiggere uno sfigato, quello è lei signore. Abbatterlo comunque è nell'elenco di cose da fare... dopo aver piegato la sua biancheria, è chiaro". Ciliegina sulla torta, Nefarious presenta dei problemini tecnici che si palesano tutte le volte che ha degli sbalzi d'umore. Se ad esempio è impegnato a inveire contro uno dei suoi oppositori, il suo cervello meccanico "crasha" e blocca ogni sua funzione. In compenso, mette in riproduzione un'appassionante soap opera - Lance & Janice - all'insegna di amori proibiti in famiglia e colpi di scena di quart'ordine.

    Se a ciò aggiungiamo la sua sfegatata passione per le serie TV come "Agente Segreto Clank", è facile capire perché Nefarious sia stato inserito nel reimagining del titolo originale per PS4 o perché sia, a tutt'oggi, uno dei cattivoni più amati dai videogiocatori. Ci auguriamo a tal proposito che Rift Apart non abbia trascurato i tratti più buffi del nemico e che anzi ci dia la possibilità di ritrovare anche Lawrence.

    Detto questo, veniamo a noi: quali sono le origini di Nefarious e perché è un robot? Per rispondere a questa domanda, il terzo capitolo della serie metteva a disposizione del giocatore una piccola collezione di splendidi olofumetti giocabili, incentrati sull'eterna lotta tra lo scienziato e il capitano Qwark. Il giovane Nefarious frequentava la stessa scuola di Qwark e da questi veniva bullizzato continuamente, si pensi a quando lo studente usava le mutande del dottore per pulire la lavagna durante le lezioni di biologia del professor Bozell.

    D'altra parte Qwark era molto più alto, forte e muscoloso ma anche per motivi anagrafici. Era infatti un ripetente "convinto" e mentre i suoi compagni erano poco più che adolescenti, lui aveva 26 anni. Tornando a noi, dopo alcuni anni Nefarious e il suo maggiordomo hanno cominciato a seminare il panico su Blackwater City, sguinzagliando i melmosi Ameboidi per la città. Grazie ai continui colpi di fortuna, il capitano Qwark ha sventato la minaccia e costretto il dottore a fuggire ma non è passato molto tempo prima che i due si rincontrassero, sul pianeta Magmos. Travestito da "avvenente" fanciulla, l'eroe ciarlatano ha bussato alla porta della base segreta del suo vecchio compagno di scuola che - accortosi del suo travestimento scadente - gli ha permesso di entrare per finirlo una volta per tutte. Durante uno scontro all'insegna dei ricordi del liceo, Nefarious è caduto nel macchinario che l'ha trasformato in un robot e al grido di "di chi sono queste chiappe?", ha preso coscienza della sua nuova natura.

    Da qui la sua "nobile intenzione" di strappare i popoli di tutto l'universo ai dolori della vita organica per renderli un esercito di obbedienti robot, mediante un macchinario di nuova concezione chiamato Biobliteratore. Fortunatamente, proprio come sosteneva il programma olovisivo "Criminali Oggi", i piani dello scienziato si sono rivelati dei sogni maniacali e nulla più, proprio perché Ratchet e Clank si sono sempre battuti per mandarli in fumo.

    Per sapere se riusciranno a sventarli ancora una volta in Rift Apart, non ci resta che attendere pochi giorni: l'appuntamento con il gioco next-gen e il buon Nefarious è ormai dietro l'angolo. Volete saperne di più sul prossimo episodio della serie? Date un'occhiata alla nostra anteprima di Ratchet e Clank Rift Apart e al nostro speciale su Ratchet & Clank, il primo grande passo per la next-gen.

    Che voto dai a: Ratchet & Clank Rift Apart

    Media Voto Utenti
    Voti: 23
    8.7
    nd