Quanto è realistico Farming Simulator 22? Parlano gli agricoltori italiani

Farming Simulator 22 ritorna in versione Platinum Edition: per l'occasione, abbiamo realizzato un piccolo viaggio alla scoperta del mondo agricolo.

Farming Simulator 22: quanto è realistico? #AD
Speciale: Multi
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS5
  • Stadia
  • Xbox Series X
  • Cosa accade quando una famiglia di agricoltori si appassiona a Farming Simulator? Ci siamo avventurati tra le risaie del vercellese - luogo particolarmente caro a chi scrive - per cercare di scoprire qualcosa di più del rapporto tra la serie di Giants Software e la realtà del settore. Con la Platinum Edition di Farming Simulator 22 divenuta disponibile lo scorso 15 novembre 2022, abbiamo in particolare approfittato di una fase poco concitata della coltivazione del riso per farci raccontare il livello di realismo proposto dal gioco.

    Un incipit dal quale si è generata a cascata una miriade di riflessioni sul presente e il futuro dell'agricoltura in Italia, raccontata da chi vive la realtà dei campi da generazioni. Il resoconto della nostra missione esplorativa condotta in quel delle risaie piemontesi vi attende nelle prossime righe: buona lettura!

    Aziende di famiglia

    "Abbiamo visto l'espansione Platinum all'ultima fiera di settore: c'era uno stand dedicato a Farming Simulator 22 ed era possibile giocarci". I nostri interlocutori - padre agricoltore e figlio adolescente - sono grandi appassionati della serie di Giants Software, oltre che esperti coltivatori di riso.

    La loro frequentazione dei campi virtuali è iniziata con Faming Simulator 17 ed è fedelmente proseguita nel corso degli anni, sino all'acquisto di Farming Simulator 22, preordinato in vista delle festività natalizie.

    Nell'ultimo anno, il gioco si è tramutato in una sorta di appuntamento fisso serale che coinvolge anche madre e fratello più piccolo, che di recente ha iniziato a sua volta a sperimentare con gli strumenti agricoli del videogioco. Dopo una giornata dedicata rispettivamente al lavoro e allo studio, padre e figlio riprendono le redini dell'azienda virtuale, in una delle tante mappe esplorate sin dal Day One. Alla guida di veicoli e macchinari troviamo il più giovane, attrezzato di volante e pedaliera studiati appositamente per dare il meglio nella serie Giants Software. Il genitore invece consiglia, commenta e suggerisce, direttamente dal divano di casa.

    Un'istantanea che racchiude al suo interno una marea di suggestioni: il nonno paterno - a sua volta veterano dei campi di riso - avrebbe mai immaginato di poter osservare figlio e nipote dilettarsi con trattori virtuali nel salotto domestico? Purtroppo, dopo la consueta attività condotta tra capannoni e risaie, il veterano agricoltore si è diretto immediatamente a casa e non abbiamo avuto modo di domandarglielo, ma in compenso abbiamo potuto indagare sulle ragioni che spingono un coltivatore e un futuro Perito Agrario a frequentare i campi virtuali di Farming Simulator 22 anche dopo un'intera giornata trascorsa alle prese con l'agricoltura reale. La risposta è semplice ma genuina: "Il nostro non è un lavoro, è una passione: altrimenti non riusciresti a farlo".

    Nonostante l'assenza di una modalità multiplayer in locale, Farming Simulator 22 - che offre invece la possibilità di coltivare in compagnia online - si trasforma così in un'esperienza da condividere in famiglia, prima di sedersi a tavola per la cena.

    Simulazione realistica: il marchio di Farming Simulator

    A motivare la passione di veri agricoltori per la produzione di Giants Software è l'estremo realismo che è possibile ritrovare al suo interno. Le dinamiche del simulatore - che vi avevamo raccontato nella nostra recensione di Farming Simulator 22 - riproducono infatti la reale complessità del settore primario, senza tralasciare nemmeno i dettagli più minuziosi.

    Il sistema di guida del gioco, ad esempio, ripropone con efficacia le differenze che contraddistinguono le numerose tipologie di macchinari agricoli. Dai trattori alle mietitrebbie, passando per rimorchi ed escavatori, l'ultima iterazione della serie delinea un feeling credibile e molto curato per tutti i veicoli inclusi nel suo variegato garage. Anche sul fronte dell'estetica e delle specifiche, il simulatore riproduce con fedeltà il lavoro svolto da marchi del calibro di John Deere o New Holland. "L'editor rispecchia le opzioni di personalizzazione proposte dalle officine. - ci raccontano - Ovviamente c'è più libertà nella scelta dei colori, ma per il resto è tutto molto realistico". Anche il listino prezzi dei macchinari inclusi in Farming Simulator 22 è aderente al mondo reale, al punto che fino a qualche mese fa - prima che l'inflazione e gli effetti della guerra in Ucraina colpissero anche questo settore - era possibile utilizzare il gioco per farsi un'idea dei costi effettivi delle diverse configurazioni proposte.

    A seguito di un utilizzo intenso, i macchinari richiedono inoltre un corrispondente livello di manutenzione. Un'esigenza che è possibile monitorare tramite un'apposita barra indicatrice, che vedremo svuotarsi col passare delle settimane di lavoro. Un dettaglio di rilievo, che costringe gli agricoltori digitali a includere i costi di ammortamento all'interno dei propri piani di sviluppo. L'elemento economico, del resto, è centrale in Farming Simulator 22. Con l'introduzione della possibilità di controllare un'intera filiera produttiva - novità assoluta nella storia di Farming Simulator - l'ultima iterazione della serie ha rimescolato le carte in tavola, consentendo ai giocatori di dedicarsi non solo ai campi, ma anche alla produzione di farina o vino.

    Inclusa nel pacchetto si trova anche la possibilità di ricorrere al sistema bancario per la richiesta di un prestito. Un elemento il cui impatto era stato originariamente sottovalutato dal nostro interlocutore più giovane. "Una sera mi sono visto recapitare un messaggio legato a un debito enorme. - ci racconta il padre - A mezzanotte in punto il gioco ti recapita le cambiali e abusare dei prestiti potrebbe non essere una buona idea. Dopo i primi esperimenti, ora è chiarissimo anche a mio figlio!".

    Sul fronte del realismo, il duo ha una sola critica da muovere al gioco. A quanto pare, l'interazione tra veicoli agricoli e automobili è dipinta dall'ultimo Farming Simulator in maniera fin troppo "gentile", con gli agricoltori che possono esigere il predominio assoluto della carreggiata senza troppe conseguenze!

    Agricoltura in costante evoluzione

    Come noto, a cadenza periodica gli autori di Giants Software provvedono ad introdurre nel gioco nuovi veicoli, macchinari e dinamiche di gameplay. Ad incuriosirci in modo particolare è però l'attenzione dedicata dalla software house allo sviluppo tecnologico che sta plasmando l'agricoltura 4.0. Di fronte a un trattore equipaggiato con un display interattivo incredibilmente dettagliato, ci viene ad esempio spiegato come il veicolo in questione sia sul mercato soltanto da pochi mesi.

    Con il DLC gratuito Precision Farming, il gioco ha accolto un'ampia serie di innovazioni legate alla pratica dell'agricoltura di precisione. Filosofia produttiva che tende a coniugare resa agricola e sostenibilità ambientale, si è diffusa sempre di più tra gli addetti ai lavori. In particolare, la Politica Agricola Comune (PAC) condotta dall'Unione Europea sta incentivando l'adozione di pratiche agricole tecnologicamente avanzate.

    Nei campi reali così come in quelli virtuali hanno cominciato a farsi strada soluzioni high tech sinceramente affascinanti. Sistemi di mappatura satellitare sono in grado di tratteggiare sullo schermo di un tablet i confini dei nostri appezzamenti, mostrando non solo la posizione e l'attività condotta da ciascun macchinario, ma anche il grado di vigore delle coltivazioni che stanno nascendo nei campi.

    Lo stato del terreno e del seminato può inoltre essere riconosciuto da appositi sensori collocati nella sezione anteriore dei veicoli agricoli, che procedono così con operazioni mirate di aratura o fertilizzazione. Anche la lotta alle infestanti è ormai condotta con precisione stupefacente, talvolta persino grazie all'utilizzo di droni.

    Come detto, molti di questi ritrovati sono stati introdotti in Farming Simulator 22 con il DLC Precision Farming, che ha posto un grande accento sull'agricoltura smart e sull'ecosostenibilità del settore primario. I giocatori che lo desiderano possono persino monitorare il punteggio ambientale della propria attività in-game, calcolato sulla base di fattori come i livelli di azoto presenti nel terreno o la percentuale di utilizzo di strumenti di precisione per le operazioni di diserbo.

    I passi avanti compiuti negli ultimi anni dalla tecnologia in campo agricolo sono francamente impressionanti, ma sembra che il futuro possa riservare ulteriori sorprese. "Nel giro di un decennio, - ci raccontano - i trattori senza cabina potrebbero diventare la normalità", mentre nelle fiere di settore stanno trovando sempre più spazio droni imponenti, con dimensioni superiori anche ai due metri di diametro. Per ora sono solo strumenti in fase di studio o sperimentazione, ma le prospettive per una loro futura adozione sembrano essere incoraggianti.

    Agricoltura e dintorni

    L'alternarsi delle stagioni in-game - canonizzato nella serie proprio da Farming Simulator 22 - spinge i giocatori a pianificare con attenzione le attività da condurre sui propri campi virtuali. Proprio come nella realtà, non è possibile seminare il riso in pieno inverno o procedere con la raccolta dell'uva in primavera. Oltre ai vincoli tracciati dal flusso delle stagioni, anche il meteo ha la sua importanza all'interno del titolo. Nei giorni di pioggia, ad esempio, è impossibile dedicarsi al lavoro nei campi.

    Nella natura dipinta da Giants Software non c'è però il rischio di ritrovarsi senza nulla da fare. Oltre alla gestione delle filiere produttive, alla quale abbiamo già accennato, Farming Simulator 22 dedica ampio spazio anche alla pratica dell'allevamento. Per chi lo desidera, un'ampia fauna di animali da reddito attende tra i pixel. Anche in questo caso, il realismo rappresenta la parola d'ordine. Ogni specie, ad esempio, necessita di una specifica dieta per poter crescere in salute. "Le mucche sono tra gli animali più difficili da allevare, - ci racconta il nostro appassionato più giovane - perché hanno un'alimentazione composta da molte percentuali diverse di nutrienti".

    Nel momento in cui il raccolto è finalmente pronto, è invece necessario valutare con attenzione le proposte avanzate dai possibili acquirenti. Dopo mesi trascorsi a far crescere il grano, ad esempio, i diversi mulini presenti nella mappa potranno proporci prezzi differenti, ma non è detto che l'offerta più alta sia anche quella più conveniente: "Bisogna valutare la distanza dei campi dal mulino, ma anche tanti altri fattori". I siti di stoccaggio consentono anche di immagazzinare il proprio raccolto, nella speranza di un futuro aumento del prezzo del prodotto che si è coltivato.

    E sempre in termini di realismo, laddove non arrivano gli sforzi di Giants Software è possibile fare affidamento sulla creatività della community. Molto più vasta e attiva di quanto si potrebbe immaginare, la schiera di appassionati di simulazione agricola è infatti costantemente al lavoro sulla realizzazione di nuove Mod. "Le ambientazioni del gioco sono ispirate soprattutto agli USA e alla Germania, - ci spiegano - ma destreggiandosi tra le Mod è possibile trovare di tutto".

    Tra i contenuti confezionati dalla community di Farming Simulator 22, ad esempio, non poteva mancare una Mod ispirata proprio alle risaie del Nord Italia. Quest'ultima trasporta nel gioco i panorami agricoli custoditi tra le rive del Po e quelle del fiume Sesia, dove ogni anno si producono spighe di riso delle più pregiate varietà esistenti al mondo.

    Che voto dai a: Farming Simulator 22

    Media Voto Utenti
    Voti: 10
    6.9
    nd