Red Bull Factions: l'e-Sport secondo Red Bull

Un torneo di League of Legends, quattro team giunti da tutta Italia e un pubblico finalmente protagonista sono gli ingredienti del Red Bull Factions!

speciale Red Bull Factions: l'e-Sport secondo Red Bull
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc

È già qualche anno che gli E-Sport sono esplosi nel mondo, mentre in Italia la scena sembra muoversi molto più lentamente. Le prime iniziative interessanti e alcuni tornei di rilievo, tuttavia, cominciano a farsi largo anche nel Bel Paese e finalmente sponsor e nomi importanti si stanno gettando nella mischia. A fare da rompighiaccio non potevano che essere League of Legends (uno dei MOBA più giocati e sicuramente quello più seguito in assoluto) e Red Bull, che già da qualche tempo sembra voler abbracciare tutti i tipi di sport, quelli elettronici inclusi. Così, per celebrare la Games Week, al teatro principe di Milano, questo week end si sono disputate le finalissime della Red Bull Factions, un evento di che ha visto competere più di 600 giocatori in tutta Italia, con una formula divertente e spettacolare.

A tirar di fioretto

Un piccolo riassunto per chi non sapesse di cosa stiamo parlando. Red Bull Factions è un torneo esclusivo, organizzato da Red Bull per l'appunto, dove team da tre giocatori (contro i cinque solitamente coinvolti nelle partite di League of Legends) erano pronti a sfidarsi sulla mappa Twisted Treeline. Le fasi eliminatorie di qualificazione si sono svolta da agosto a metà settembre, e hanno eletto i quattro team giunti poi sul palco della finalissima.

Piuttosto che avere a disposizione l'intero roster degli eroi, però, i giocatori dovevano limitarsi a selezionare personaggi facenti parte della stessa fazione di League of Legends, mischiando le carte del meta. È stata sicuramente un'idea vincente, un'iniziativa che ha portato varietà e interesse in una scena che fin troppo paludata, e che ha saputo mettere in seria difficoltà i team coinvolti, abituati ad altri standard e a tattiche e strategie diverse. iDomina, Next Gaming, Team Forge e Sushi si sono dunque sfidati in una serie di partite dall'alto tasso adrenalinico e dal ritmo incredibile, con un buon quantitativo di pubblico accorso per l'occasione nonostante il clima non esattamente favorevole. La scelta della location, che ha offerto una cornice incredibile allo spettacolo, sarebbe potuta essere forse più oculata, magari scegliendo un'arena proprio nei pressi della Games Week, utile per attirare un numero ancor più grande di fan e magari anche qualche curioso. Il calore del centinaio di persone accorse sul posto ad ogni modo si è fatto sentire, mentre il tifo e le esultanze ad ogni giocata portata a termine con successo hanno di fatto completato il cerchio di una serata eccelsa. Certo, se paragoniamo questo evento ad altri similari sparsi in giro per l'Europa, si nota ancora un abisso come qualità organizzativa e afflusso di pubblico ma, come dicevamo in apertura, sono primi passi importantissimi e promettenti, non solo per la community di LOL ma per tutti i fan degli E-Sport.

Tutto nelle mani del pubblico

Se il pubblico giunto sul posto poteva far sentire il proprio "peso" attraverso il tifo in diretta, anche gli spettatori da casa, su Twitch in particolare, hanno svolto un ruolo determinante per la riuscita della serata. Red Bull Factions prevedeva infatti che le fazioni con cui i team dovevano sfidarsi, e conseguentemente gli eroi a disposizione per ogni match, fossero scelti direttamente dagli spettatori, attraverso un sondaggio prima della competizione. Una trovata davvero eccellente per far sentire gli spettatori parte integrante dell'evento. In questo modo gli scontri sono risultati ancora più imprevedibili e il primo match tra iDomina e Next Gaming è stato l'esempio più lampante. I giocatori hanno dovuto adattarsi velocemente alle scelte del pubblico, trovandosi addirittura spiazzati in alcune circostanze e venendo favoriti o sfavoriti da decisioni non dipendenti dalla loro volontà.

Quando però il talento scorre nelle vene non c'è difficoltà che tenga, e il team Forge ha dimostrato senza troppi problemi di essere al momento un gradino sopra a tutti gli altri, dominando la finale per 2-0 ed uscendo imbattuto dall'intero torneo. La multigaming con sede a cagliari non è nuova nel panorama di League of Legends, avendo partecipato addirittura alle Challenger Series del MOBA targato RIOT. 4G Vanez, TzeeD e 4G Jiizuké si portano a casa il primo premio, con una prestazione incredibile sotto ogni punto di vista. Ci si poteva aspettare qualcosa in più in termini di risultati dai ragazzi di Next Gaming, che in altre occasioni hanno sempre dimostrato di avere grandi qualità, messe in ombra questa volta forse proprio dal formato inedito. A Lucca, comunque, li rivedremo sicuramente protagonisti nel Torneo Nazionale Italiano.
A tenere caldi gli animi, oltre agli immancabili cosplay, ci hanno pensato laSabrygamer, in una inusuale veste di presentatrice, e Terenas, Paolocannone e Sarengo al commento tecnico, divertenti e coinvolgenti al punto giusto. Red Bull Factions ha dimostrato, ancora una volta, che gli E-sport in italia sono stati sdoganati e che con la giusta competenza si possono arrivare ad organizzare manifestazioni originali e di successo come questa. È solo l'inizio, ovviamente, ma il futuro ci serba grandi cose.

Che voto dai a: League of Legends

Media Voto Utenti
Voti: 67
7
nd