Resident Evil 2: i migliori easter egg del survival horror Capcom

Le tracce di Nemesis, la foto di Rebecca Chambers, i riferimenti a Dead Rising: tutti gli Easter Egg scoperti nel remake di Resident Evil 2

speciale Resident Evil 2: i migliori easter egg del survival horror Capcom
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • Il remake di Resident Evil 2 è pieno di nemici da affrontare e puzzle da risolvere, ma anche di segreti nascosti da scoprire nel corso dell'avventura. Capcom ha inserito diversi riferimenti ad altri capitoli della serie (come Resident Evil 3 Nemesis, di cui si mormora l'arrivo di un remake, e Resident Evil 7 Biohazard) e ad alcuni dei sui brand più popolari (pensiamo a Dead Rising), strizzando l'occhio ai fan e ai giocatori di vecchia data. Mentre esploravamo le strade di Raccoon City ci siamo imbattuti nelle tracce di Nemesis, in una foto di Rebecca Chambers e in altre vecchie conoscenze. Ecco tutti gli Easter Egg scoperti finora nel remake del survival horror Capcom.

    Data di lancio originale

    All'inizio dell'avventura potete imbattervi nel primo Easter Egg: un riferimento alla data di lancio dell'originale Resident Evil 2. Lo troverete prima di entrare nella Stazione di servizio di Raccoon City, all'esterno dell'edificio.

    Appeso alla porta d'ingresso noterete un annuncio di lavoro intitolato "Staff Wanted", con al suo interno riportato il seguente numero di telefono: 1998-01-29. Se ci fate caso, si tratta della data di lancio giapponese dell'originale Resident Evil 2, titolo che ha fatto il suo debutto su PlayStation 1 proprio il 29 gennaio del 1998.

    Poster di Brad Vickers

    Brad Vickers è un membro del team RPD, squadra che comprende anche Chris Redfield e Jill Valentine. Era il pilota che li ha aiutati a fuggire nel primo gioco, per poi essere ucciso da Nemesis in Resident Evil 3. Nell'originale Resident Evil 2 può essere incontrato come zombie segreto, se il giocatore arriva al Dipartimento di polizia senza raccogliere nessun oggetto.

    Per quanto ne sappiamo, lo zombie di Brad non è presente nel remake di Resident Evil 2, ma abbiamo scoperto che alla seconda run è possibile trovare un Easter Egg dedicato a lui, all'ingresso della Stazione di polizia. Come potete vedere nell'immagine, si tratta di un poster in cui Brad Vickers fa da testimonial per il reclutamento di nuovi membri RPD.

    Ristorante Mikhail's Pierogis

    Mikhail Viktor faceva parte del team Umbrella inviato a Raccoon City per affrontare l'epidemia del T-virus in Resident Evil 3: Nemesis. È un soldato russo piuttosto eroico, morto in una violenta esplosione mentre combatteva contro Nemesis per dare a Jill Valentine e al suo collega Carlos la possibilità di fuggire.

    Nel remake di Resident Evil 2 gli è stato dedicato un Easter Egg. Dopo aver lasciato la Stazione di polizia attraverso il Garage, aprendo le persiane è possibile individuare un ristorante chiamato Mikhail's Pierogis, un chiaro riferimento a Mikhail di Resident Evil 3.

    Nemesis

    L'antagonista di Resident Evil 3 non era altro che una versione potenziata del Tyrant (noto come Mr. X) visto in Resident Evil 2, con una stazza simile e un talento innato nello sfondare le pareti. In effetti ci sono diversi muri attorno al Dipartimento RPD (come quello della doccia al secondo piano) che sembrano essere stati sfondati da qualcuno. Tuttavia non può trattarsi di Mr. X, dato che in quel punto dell'avventura non ha ancora fatto la sua comparsa nella Stazione di polizia.

    Facciamo notare che la fase iniziale di Resident Evil 3 ha luogo prima degli eventi di Resident Evil 2, e vede Jill Valentine impegnata a fuggire da Nemesis all'interno del Dipartimento RPD. L'obiettivo di Nemesis è quello di eliminare i membri S.T.A.R.S. Indovinate in quale stanza conduce la doccia? Proprio all'ufficio S.T.A.R.S.

    We do it!

    Nel 2015, molto prima del trailer ufficiale del gioco, il producer di Resident Evil Yoshiaki Hirabyashi è apparso su YouTube per rivelare che il remake di Resident Evil 2 era stato approvato da Capcom.

    Durante l'annuncio Hirabyashi ha esibito una parrticolare T-Shirt con la scritta "We do it!", per celebrare la grande notizia insieme ai fan. Il gioco finale fa riferimento a questa frase nella Reception Room, appena fuori dalla Main Hall. Guardando attentamente la parte inferiore del busto, infatti, potrete notare la presenza dell'iscrizione "We do it!".

    Le Bizzarre Avventure di Jojo

    Un aspetto divertente del remake di Resident Evil 2 è che contiene quasi ogni Easter Egg che era nel gioco originale del 1998. Proprio in quello stesso anno Capcom aveva pubblicato un picchiaduro basato sulla serie manga di Jojo, omaggiandolo con un riferimento che appariva su un armadietto nell'ufficio principale.

    Ora, 20 anni dopo, il medesimo Easter Egg (sempre nello stesso stile scritto a mano) può essere trovato in un armadietto nell'ufficio ovest al primo piano.

    Manichini di Resident Evil 7

    Ricordate i manichini senza braccia di Resident Evil 7? Se li avete trovati inquietanti, sarete felici di sapere che hanno fatto ritorno nel remake di Resident Evil 2.

    Queste possono essere trovate nel corso dell'avventura, nella piccola stanza accanto al Magazzino Est del terzo piano. Avrete bisogno della Chiave di Cuori per entrare in questo luogo, quindi potrete accedervi solo durante la campagna di Claire. Entrate e girate a destra per trovare tre manichini senza braccia, incluso uno con un coltello da combattimento conficcato sulla testa. Al contrario di quelli visti in Resident Evil 7, questi manichini non si muovono... beh, quantomeno pensiamo che non lo facciano.

    Foto di Rebecca Chambers

    Anche l'Easter Egg della foto di Rebecca Chambers è stato riproposto nel remake. Nell'originale si poteva trovare un rotolo di pellicola dopo aver usato la scrivania di Wesker per 50 volte. Sviluppandolo nella camera oscura si otteneva una foto di Rebecca in abbigliamento sportivo aderente.

    Nel remake dovrete raggiungere l'ufficio S.T.A.R.S., usare la scrivania di Wesker e aprire il cassetto per sbloccare una parte personalizzata per una delle vostre armi da fuoco. È inoltre possibile individuare un rotolo di pellicola nella parte posteriore dello stesso cassetto. Potrete sviluppare anche questo, ottenendo così una versione aggiornata della foto di Rebecca Chambers in tenuta sportiva.

    Dead Rising

    Ovviamente Resident Evil non è l'unica serie survival horror a tema zombie realizzata da Capcom. Basti pensare a Dead Rising e al suo irriverente protagonista, il fotografo Frank West. Lo stesso Dead Rising, d'altro canto, aveva già fatto riferimento a Resident Evil con il ristorante "Jill's Sandwiches", un Easter Egg inserito nel primo gioco della saga uscito nel 2006 su Xbox 360.

    Il remake di Resident Evil 2 ha restituito a sua volta il favore, includendo una citazione dedicata a Frank East tra i manifesti sparsi a Raccon City. Come potete vedere nell'immagine, si tratta nello specifico del seguente annuncio di lavoro: "Frank East: Freelance Photographer For Hire."

    Wellcome Leon

    Questo Easter Egg si prende gioco di un errore visto nell'originale Resident Evil 2. Nell'ufficio ovest vedrete uno striscione con la scritta "Welcome Leon". C'era anche nella versione del 1998, con la differenza che in quel caso era scritto in modo errato "Wellcome Leon", con una "L" di troppo.

    Non a caso, nel remake troviamo uno spazio tra la "L" e la "C", come se la lettera in mezzo fosse caduta da qualche parte: ed in effetti sulla scrivania potrete notare la "L" mancante.

    Che voto dai a: Resident Evil 2 Remake

    Media Voto Utenti
    Voti: 128
    8.6
    nd