E3 2016

Road to E3 2016: Sony

Sony si prepara alla fiera di Los Angeles con un forte carico di esclusive sia dai suoi studi occidentali che da quelli orientali, oltre che da due novità hardware del calibro di Playstation 4 NEO e Playstation VR

speciale Road to E3 2016: Sony
INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

Con questo articolo inauguriamo una serie di speciali dedicati che ci accompagneranno fino all'E3 di Los Angeles. In ogni puntata cercheremo di presentarvi i titoli principali che i publisher porteranno alla fiera, e di fare qualche pronostico su possibili annunci inediti. Non perdetevi le prossime puntate dedicate a Microsoft, Nintendo, Bethesda, EA, Ubisoft.

Road to the Greatness Tour è un camion tutto blu e serigrafato con le mascotte attuali di Playstation 4: Ryu di Street Fighter 5, Nathan Drake di Uncharted 4. Qualche giorno fa era a Memphis, mentre leggete ha appena lasciato Lincoln nel Nevada. Arriverà anche a Los Angeles, probabilmente in concomitanza con l'E3 2016, dove sicuramente raccoglierà un bel carico di novità.
Quest'anno la più importante fiera di videogiochi al mondo (benché ridimensionata per presenze, ha ancora un fascino inarrivabile per la Gamescom di Colonia) si terrà nella città californiana dal 14 al 16 Giugno e avrà senza dubbio Sony per protagonista. Con oltre 40 milioni di Playstation 4 distribuite in tutto il mondo ed un'annata ricchissima di esclusive nonostante un Natale fiacco, la casa nipponica si presenta in quel di Los Angeles con ben poco da ribaltare (questo spetta a Microsoft) e molto da confermare.
Sarà dura anzi durissima proporre uno spettacolo come quello andato in scena 12 mesi fa, quando in meno di 2 ore era stato ripresentato The Last Guardian, annunciato Horizon Zero Dawn di Guerrilla, avviato il Kickstarter di Shenmue III ed introdotto il remake di Final Fantasy VII. Più o meno un fac-simile dell'E3 2005, all'alba di Playstation 3, solo con qualche nota di concretezza maggiore.
Quest'anno ci aspettiamo un ritorno dei pesi massimi di cui sopra (specie The Last Guardian, caduto nel frattempo in un silenzio catatonico), un ruolo da protagonista per Playstation VR, una demo giocabile di Gran Turismo Sport annunciato nel frattempo, ma anche molte novità che sono trapelate più o meno convintamente in queste ultime settimane: la Playstation 4 NEO, il God of War nella terra dei vichinghi ed il nuovo progetto del secondo team in seno a Naughty Dog (The Last of US 2, Crash Bandicoot o qualcos'altro?).

Playstation 4 NEO

Mentre la current gen corre spedita verso il terzo compleanno (Playstation 4 e Xbox One hanno debuttato nel Novembre 2013), il PC alza di anno in anno la barra tecnica/grafica per quanto riguarda i videogiochi. Ce ne accorgiamo sopratutto nei titoli multipiattaforma: se già nel 2013 quest'ultima era diverse spanne sopra le debuttanti console, nel 2016 complice la rincorsa alla VR la forbice si è ulteriormente allargata.
Ecco perché negli ultimi mesi ha preso sempre più forza l'ipotesi che un restyling nel design di Playstation 4, una riduzione del costo dei componenti ed una più semplice integrazione con il visore Playstation VR possa essere accompagnata da un hardware più performante (una CPU da 2.1 GHz ed una scheda video AMD dal doppio della potenza). Il supporto 4K sarebbe una mossa marketing strabiliante, che avrebbe senza dubbio ricadute sia sui televisori Bravia che sulla diffusione dei nuovi Blu Ray 4K, ma è ovvio che si tratterebbe di un supporto pensato solo per i contenuti multimediali: per il rendering in tempo reale dei videogiochi che occorrerebbe un hardware ancora più performante di quello che al momento viene lasciato intendere dai rumor.
Lasciando da parte i moduli aggiuntivi del N64 e il Mega CD, esperimenti ancestrali che non hanno mai convinto il pubblico, sarebbe la prima volta che un Hardware casalingo si ripresenta sul mercato migliorato nella componentistica e con un notevole scarto di potenza rispetto alla versione base. Nulla a che vedere, insomma, con le edizioni "slim" a cui siamo abituati, pensate per ottimizzare i processi di costruzione e ridurre i costi produttivi, ma che per l'utente rappresentano soltanto un'alternativa estetica.
Staremo a vedere all'E3 2016 se Playstation 4.5 prenderà davvero forma, convinti che Microsoft non resterà affatto a guardare!

La esclusive occidentali

Horizon avrà sicuramente una presenza molto importante all'E3, in vista del suo lancio nel corso dell'Autunno (anche se alcuni voci vogliono un rinvio al 2017: Sony lascerà anche quest'anno sguarnita la stagione natalizia di esclusive di peso?): ci aspettiamo una demo giocabile, che sarà anche data in pasto alla stampa. Il titolo, per chi fosse rimasto indietro, è un action game open-world, ambientato in un futuro in cui le grandi metropoli tecnologiche sono cadute in rovina e l'umanità è tornata in contatto con la natura, organizzandosi in tribù di cacciatori, costretta a scontrarsi con animali meccanici irruenti e brutali.
Aloy ed il suo arco sembrano perfetti per aprire con il botto la conferenza, ma nel suo prosieguo sarebbe bello vedere i nuovi videogiochi di Sony Santa Monica, Quantic Dream e Naughty Dog. Il primo studio potrebbe presentare God of War 4, che potrebbe abbandonare l'Olimpo ed il Mediterraneo per fare rotta verso i ghiacci del Nord: Kratos guadagnerà una folta barba ed un'ascia come arma principale, mentre il pantheon guidato da Odino sarà il suo nemico giurato. Una nuova affascinante trilogia vichinga si prospetta all'orizzonte?
Aspettiamo con ansia anche nuovi aggiornamenti su Detroit Become Human, il nuovo videogioco di David Cage che racconta la vita da clandestina dell'androide Kara in una Detroit futuribile dove i robot benchè senzienti sono dei meri schiavi nei confronti degli umani. Dopo il travolgente filmato di annuncio non abbiamo saputo più nulla: scontato almeno un altro trailer all'E3 2016.
E se poi Naughty Dog, al termine della conferenza, dovesse annunciare Crash Bandicoot? Siamo abbastanza convinti di questo: Sony e Activision (che - salvo smentite ufficiali - detiene i diritti della mascotte della prima Playstation) sono più vicine che mai grazie agli accordi di esclusiva per Destiny e Call of Duty, mentre a Playstation 4 manca un'offerta rivolta agli utenti più giovani ora che i titoli 18+ hanno tirato a bordo i giocatori adulti. Se a queste considerazioni aggiungiamo i misteriosi tweet delle diverse filiali nazionali di Sony, dichiarazioni dei dirigenti ed il ritorno in sala di registrazione del doppiatore di Neo Cortex, comincia a prendere piede l'ipotesi di un reboot su Playstation 4. Speriamo solo che al timone ci sia veramente Naughty Dog e che non si riduca tutto ad una statuetta per Skylanders!

Le esclusive orientali

Se gli sviluppatori occidentali stanno cucinando delle pietanze buonissime, quelli orientali non sono da meno. Anzi, dopo una generazione precedente decisamente sottotono, il successo di PS4 sta facendo riemergere la voglia di rischiare e di portare avanti tripla-A che puntano alto in termini qualitativi.
The Last Guardian, Shenmue III, Gran Turismo Sport, Ni-Oh, Yakuza 6, Persona 5, NieR Automata, Gravity Rush 2, Final Fantasy VII Remake ed Ace Combat 7 sono tutte esclusive dagli occhi a mandorla.
In conferenza Sony parlerà senza dubbio di Gran Turismo Sport e The Last Guardian, mentre è dubbia la presenza di update importanti per Shenmue III e Final Fantasy VII visto che i publisher sono altri (rispettivamente Sega-Ys Net e Square Enix). Di Gran Turismo Sport ci attendiamo un bel listone dei modelli di auto presenti, una dimostrazione del funzionamento con Playstation VR e ci piacerebbe l'annuncio della beta per quest'inverno.
Incrociando le dita The Last Guardian sarà pubblicato nel corso del 2016. La nuova avventura sviluppata dal Team ICO e da Fumito Ueda recupera le atmosfere ed il colpo d'occhio che hanno reso grandi ICO e Shadow of the Colossus, immergendoci in un mondo caduto in rovina, dove svettano le reliquie e le rovine di civiltà antichissime. Il gameplay è basato sul rapporto fra il giovane protagonista dell'avventura e lo strano grifone che lo accompagna, una creatura maestosa e fragile al contempo, probabilmente l'ultima della sua specie. Sintesi delle meccaniche viste nei due precedenti lavori del team, The Last Guardian dovrà convincerci riguardo alla solidità delle meccaniche di gioco ed alla varietà di situazioni, ma ci ha già rapito per quel che riguarda la meravigliosa direzione artistica.
Vista l'esperienza intimistica che regala, il gioco difficilmente avrà una presenza importante e corposa nel corso della conferenza, ma probabilmente a porte chiuse o sullo showfloor sarà possibile testare una demo accompagnata da un paio di cuffie con cui immergersi nell'atmosfera sognante. Da Los Angeles, però, ci basterebbe tornare a casa con una data di uscita confermata, promessa, marchiata a fuoco!