Sorare: il Fantacalcio del futuro stile FUT basato su NFT e Blockchain

Il primo fantasy game dedicato al calcio che usa la blockchain e gli NFT per collezionare e vendere le figurine dei propri campioni.

Sorare
Speciale: PC
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • Noi italiani siamo un popolo di poeti, navigatori, santi e allenatori di calcio. Nel Bel Paese, infatti, ci sono più di 60 milioni di allenatori e commissari tecnici (quando gioca la Nazionale) pronti a schierare fantomatici undici in campo, abili nel dispensare consigli tattici su questa o quella squadra e a fare calciomercato meglio dei vari Marotta, Maldini e compagnia bella.

    Il Fantacalcio è entrato nella vita di tutti noi nel lontano 1990 (come "Serie A-Fantacalcio") e da allora nulla è stato come prima: è cambiato, soprattutto, il modo di vivere le partite; dalle radioline sintonizzate su "Tutto il calcio minuto per minuto" siamo passati alle app sullo smartphone per vedere live la squadra del cuore o per controllare in tempo reale le prestazioni dei propri fantagiocatori. In questi trent'anni il fantasy game dedicato al calcio si è trasformato in qualcosa di più di un semplice gioco domenicale per sfidare gli amici, perché come ha dichiarato tempo fa il suo inventore Riccardo Albini (chi scrive ha avuto la fortuna di lavorare con lui) il Fantacalcio era "un social network nato molto prima dei social network".

    Nel futuro di FUT, Football Manager e del Fantacalcio ci sono gli NFT?

    Nel nostro futuro di fantallenatori, manager virtuali e giocatori potrebbe esserci molto di più: un Fantacalcio 4.0 che sfrutta la blockchain per entrare in una nuova dimensione, quella del collezionisimo di nuova generazione basato sugli NFT (ecco cosa sono gli NFT, i non fungible token). Sorare è un nome che dirà ben poco agli appassionati di videogiochi. Si tratta di una startup francese nata nel 2018 e divenuta famosa in pochissimo tempo per aver dato una nuova dimensione economica a questa tipologia di giochi.

    Gli investimenti e i risultati finora ottenuti sembrano dare ragione all'intuizione del duo parigino Nicolas Julia e Adrien Montfort, rispettivamente CEO e CTO di Sorare. I due giovani imprenditori, grandi appassionati di calcio, sono riusciti a conquistare un buon numero di tifosi (a fine del 2021 gli utenti registrati erano 600.000) con una versione del Fantacalcio che punta sulle carte digitali da collezionare e vendere attraverso lo scambio di token crittografati. Infatti, il crescente utilizzo della tecnologia blockchain per gli ambiti più disparati e gli Smart Contract di Ethereum hanno permesso al team di tracciare le basi di quello che sembrava un sogno irrealizzabile.

    Investimenti record per Sorare

    Questo fantasy game si è trasformato in pochissimo tempo in un business in costante crescita, e le potenzialità economiche del progetto Sorare sono riuscite ad attirare fondi del calibro di Accel Partners, Benchmark, Headline e un "angel investor" come Alexis Ohanian (Mr. Reddit). Lo scorso settembre Sorare, poi, ha raccolto un finanziamento da 680 milioni di dollari da società come SoftBank, Atomico, Bessemer Ventures, D1 Capital, Eurazeo, IVP e Liontree. Grazie a questo investimento di Serie B (il più importante ottenuto finora in Europa), Sorare ha raggiunto una valutazione di 4,3 miliardi di dollari.

    La startup ha registrato a inizio del 2021 una crescita sorprendente e la sola vendita delle carte collezionabili ha generato una cifra pari a 150 milioni di dollari. Il numero degli utenti mensili attivi è aumentato in un solo anno di circa 34 volte, mentre le vendite hanno fatto registrare un + 51%. È curioso notare come tra gli investitori non ci siano solo società e fondi ma anche giocatori di calcio del calibro di Gerard Piqué (consulente strategico), Antoine Griezmann, André Schürrle, César Azpilicueta ed ex calciatori come Rio Ferdinand e Oliver Bierhoff. Diversi calciatori, poi, giocano regolarmente sulla piattaforma di Sorare: lo stesso Griezmann (famoso per essere un fan della serie Football Manager) è tra i più attivi.

    Più di di 200 squadre e molta Serie A

    Attualmente, sono 225 i club con licenza ufficiale presenti, ma il numero è destinato ad aumentare già nei prossimi mesi. Nella lunga lista ufficiale delle squadre di Sorare, ci sono squadre prestigiose come Real Madrid, Barcellona, Liverpool, Inter, Milan, Juventus, Roma, Lazio e molti altri team della nostra Serie A (sono 12 per ora).

    Sorare ha siglato anche delle partnership esclusive con LaLiga e Bundesliga (sono 39 le leghe inserite) per rendere disponibili tutte le carte dei calciatori delle squadre spagnole e tedesche. Tra gli atleti troveremo anche superstar del calibro di Lionel Messi, Cristiano Ronaldo, Robert Lewandowski e Zlatan Ibrahimovic, perché le società di calcio sono alla ricerca di nuovi modi per monetizzare la passione dei fan e, grazie all'utilizzo dei token non-fungibili, i tifosi potranno acquistare e scambiare oggetti digitali collezionabili ispirati ai giocatori che militano nelle proprie squadre del cuore. Pensiamo, per esempio, a quello che succede già da diversi mesi nei campionati NBA e WNBA con il progetto digitale Top Shot creato da Dapper Labs, dove gli utenti possono acquistare i video con le azioni salienti degli incontri, messe in vendita sotto forma di asset digitali unici e non riproducibili (NFT) attraverso la tecnologia blockchain.

    Si gioca in 5!

    Il fantacalcio di Sorare è davvero semplice: ogni manager costruisce la propria rosa acquistando le carte dei calciatori, messe all'asta direttamente dalla piattaforma o dagli altri manager. Come in FUT, si aprono dei pacchetti di card per creare formazioni composte da 5 giocatori: un portiere, un difensore, un centrocampista, un attaccante e un altro giocatore extra. Iscrivendosi, ogni fantallenatore riceverà gratuitamente delle carte "comuni" per partecipare alle sfide e ai tornei settimanali nelle varie leghe.

    Per poter giocare è necessario soddisfare determinati requisiti come per esempio l'età dei giocatori o la regione in cui gioca il loro club e altro ancora. In base alle prestazioni reali ottenute dai calciatori sul rettangolo di gioco (gol, assist, ammonizioni, espulsioni, vittorie, sconfitte, clean sheet e altro ancora) le squadre otterranno un certo punteggio e potranno salire o scendere nelle varie classifiche. Più alta è la posizione raggiunta da un manager, migliori saranno i premi in carte che è possibile accaparrarsi (per poi guadagnare tramite la vendita).

    La nuova era del collezionismo

    Le carte sono il cuore pulsante di Sorare e la loro disponibilità cambia in base alla rarità (ci sono quattro livelli). Prendiamo per esempio Leo Messi: per ogni stagione della Pulga argentina verranno create 1000 card per l'edizione limitata, 100 per quella rara, 10 per quella super rara e una per quella unica. Ogni carta, oltre a essere a tiratura limita (c'è un numero di serie), è caratterizzata da un punteggio medio (che riguarda le ultime 5 partite), bonus e punti XP.

    Il valore economico di una carta dipende dalla rarità, dallo status del calciatore (titolare o panchinaro), dal potenziale che è in grado di esprimere (l'età è un fattore da considerare), senza dimenticare i possibili infortuni o i futuri trasferimenti. Per fare soldi è importante scovare qualche giovane talento che potrebbe diventare una stella in uno dei principali top team europei o vendere qualche titolare o fenomeno al momento giusto. Sorare, infatti, oltre ad affidarsi a statistiche ufficiali per quanto riguarda le prestazioni sul campo, è molto attenta a tutto ciò che ruota attorno al mondo del calcio. È importante ricordare che più le carte vengono usate e più migliorano e aumentano di valore. Oltretutto, se abbiamo molti amici, semplicemente invitandoli possiamo ottenere alcune carte in regalo. I premi assegnati durante le sfide giornaliere, invece, permettono di ottenere altre card e ricompense in denaro, indicate nel relativo montepremi sia in ETH che in Euro.

    È iniziata la "tokenizzazione" del calcio?

    Oltre al puro collezionismo, il punto di forza di Sorare è rappresentato dal calciomercato, che permette agli utenti di acquistare e vendere le proprie carte per migliorare i punteggi della propria squadra ma anche di realizzare le famose "plusvalenze". Le carte vengono vendute singolarmente o in bundle mentre le offerte funzionano come in FUT.

    Rispetto alla creatura di EA, però, le card possono essere messe in vendita per un periodo di tempo (2 giorni) e il prezzo base è stabilito dal venditore (la cifra del rilancio è decisa da Sorare). È sempre possibile fare un'offerta diversa rispetto a quella prestabilita, anche perché certe card non sono alla portata di tutti.

    Per esempio, quella rara dedicata a Diego Maradona in edizione limitata si può acquistare a un prezzo di 1.939.062,38 euro, quella rara di Federico Chiesa a 2.904.232,86 euro, mentre Leo Messi e Kylian Mbappé rispettivamente a 29.056,86 e 22.384,98 euro.

    Se non abbiamo a disposizione qualche milione di euro da investire, possiamo sempre tentare il venditore con un'offerta sensibilmente più bassa. Sorare consente anche di collezionare e possedere carte dedicate alle Leggende (che possono essere utilizzare solo in tornei speciali): oltre a Maradona troviamo Zidane, Van Basten, Cannavaro, Platini, Shevchenko, Ronaldo Luís Nazário de Lima, Cruijff, Beckenbauer e altri ancora. Prima di fare un qualsiasi tipo di offerta, consigliamo caldamente di usare uno strumento come Sorare Data che permette di verificare i trend del mercato, i calciatori più richiesti e moltissimo altro.

    Come faccio a comprare qualche carta? La risposta è semplice. Per farlo è necessario aggiungere criptovaluta Ether al proprio conto, e a questo scopo possiamo usare Ramp Network, un servizio che permette di inserire rapidamente fondi utilizzando la propria carta di credito o di debito, oppure un wallet digitale come MetaMask per trasferire la somma di ETH che si desidera utilizzare direttamente da exchange crypto come Kraken e Coinbase.

    Prima di addentrarsi nei meandri di questo sistema di gioco, tuttavia, suggeriamo di approfondire ulteriormente l'argomento blockchain e le meccaniche di mercato, poiché anche i giochi basati sugli NFT possono rappresentare un investimento non esente da rischi. A questo proposito, ricordiamo che tutti i nostri contenuti in merito sono da considerare a fine esclusivamente informativo e divulgativo.

    Sorare La voglia di NFT sta investendo un po' tutte le software house del settore videoludico: non ci stupiremmo di vederli implementati già nella prossima edizione di FIFA (FUT in primis) o nel nuovo Football Manager. Nel frattempo, chi ama il Fantacalcio (o in generale i fantasy game sportivi) ed è affascinato dalle potenzialità della blockchain e degli NFT, può provare la piattaforma di Sorare che offre la possibilità di collezionare le figurine dei propri idoli (senza essere costretti a spendere dei milioni di euro!) e di guadagnare anche del denaro (criptovalute) dal calciomercato. L'idea nel complesso ci è piaciuta, anche se abbiamo avuto la sensazione che Sorare sia all'inizio di un percorso piuttosto lungo e impegnativo.

    Quanto attendi: Sorare

    Hype
    Hype totali: 4
    25%
    nd