E3 2018

Spider-Man: alla scoperta di Electro, lo scintillante villain del Ragnoverso

Scopriamo il più elettrizzante dei villain di Spider-Man, che nell'esclusiva PS4 darà vita a una memorabile rivolta all'interno del RAFT...

speciale Spider-Man: alla scoperta di Electro, lo scintillante villain del Ragnoverso
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS4
  • PS4 Pro
  • Abbiamo già elogiato più volte il valore antologico dell'immaginario concepito da Insomniac Games per Spider-Man PS4. L'avventura di Peter Parker, che arriverà sui nostri scaffali il 7 settembre 2018 in esclusiva per l'ammiraglia Sony, permetterà ai giocatori di familiarizzare con protagonisti, villain e comprimari dello Spiderverse a tutto tondo, da quelli principali fino alle figure più secondarie: sfidiamo il grande pubblico, poco addentro la Lore fumettistica dell'arrampicamuri, a conoscere per esempio Yuriko Watanabe, capitano della Polizia di New York nonché superumano che veste i panni di Wraith. Nel caso di Electro, però, la musica è del tutto diversa: pur non rappresentando una nemesi di prim'ordine per l'Uomo Ragno, lo scintillante antagonista è senza dubbio tra i più celebri, sia per la quantità e la qualità delle storie Marvel in cui compare che per il suo ruolo preponderante in The Amazing Spider-Man 2: Il potere di Electro, il cinecomic di Marc Webb con Andrew Garfield nei panni di Parker, in cui il criminale è stato interpretato da un convincente Jamie Foxx. L'ultimo trailer gameplay mostrato da Sony, nel corso dello showcase E3 2018 di PlayStation, ha portato sotto le luci della ribalta proprio Electro, che sembra essere il responsabile del grave incidente che ha portato alla rivolta dei prigionieri nel RAFT, il carcere di massima sicurezza che Spidey ha contribuito a riempire. Insomma, l'occasione è ghiotta per approfondire, com'è ormai nostro solito, la storia editoriale di Maxwell "Max" Dillon, l'elettrizzante supercriminale deciso a incenerire il nostro arrampicamuri preferito.

    Le origini di Electro

    Nonostante il suo nome sia ormai legato in maniera imprescindibile a quello di Spider-Man, la storia editoriale di Electro è piuttosto ampia. Il personaggio fu creato dai leggendari Stan Lee e Steve Ditko e debuttò sul numero 9 della testata di Amazing Spider-Man nel febbraio del 1964. Electro si è ben presto affermato come uno dei villain Marvel più apprezzati, al punto da ostacolare persino le gesta dei Fantastici Quattro e a rappresentare il primo, vero nemico di Daredevil - l'incontro tra i due, peraltro, fu raccontato nuovamente nel 2001 con grande maestra da Jeph Loeb e Tim Sale in Daredevil: Giallo, una toccante storia che ci porta nella psiche e nel cuore di un Matt Murdock che ricorda la defunta Karen Page.
    Ma torniamo ad Electro: il suo vero nome è Maxwell Dillon e, a differenza dell'iconografia datagli da Jamie Foxx nel film targato Sony con Andrew Garfield, il personaggio non è un uomo di colore, ma un americano bianco dai capelli biondi. Max, un ingegnere elettrico, riceve i suoi poteri tramite una mutazione genetica, avvenuta a causa di un fulmine che colpisce i cavi che stava riparando: l'incidente lo rende una vera e propria batteria umana, permettendogli di incanalare l'energia elettrica e di creare impatti devastanti e fulminei. All'inizio, tuttavia, i suoi poteri non sono particolarmente sviluppati ed è costretto a rubare equipaggiamenti elettrici dalle Stark Industries per ricaricarsi; la svolta avviene quando Magneto, storico villain degli X-Men, lo reputa degno di unirsi alla sua Confraternita dei Mutanti Malvagi, sicuro del fatto che il vero potere di Dillon si sarebbe presto manifestato. Il momento tanto atteso, infatti, non si fa attendere troppo: subito dopo essere stato reclutato, Maxwell utilizza i suoi poteri per far fuori un ladro, segnando il suo primo vero omicidio in quel frangente.
    È così che assume il nome di Electro e, per l'occasione, il criminale sceglie una vittima illustre: J. Jonah Jameson, il direttore del Daily Bugle, il quotidiano newyorkese che scredita continuamente Spider-Man e a cui, paradossalmente, Peter vende le foto che si scatta da solo per racimolare un po' di denaro. Il villain, quindi, irrompe nella redazione del giornale e rapisce Jameson, il quale non perde occasione per coinvolgere la reputazione di Spider-Man credendo che il suo assalitore sia proprio l'arrampicamuri sotto mentite spoglie. Quando poi si confronta per la prima volta con Electro, l'Uomo Ragno per poco non ci rimette la vita: soltanto utilizzando dei supporti di gomma, isolando il potere del suo avversario, riesce infine a sconfiggerlo.

    I Sinistri Sei

    Come già detto, Electro si confronta con Daredevil in una delle prime scorribande del Diavolo di Hell's Kitchen: il criminale tenta di infiltrarsi nel Baxter Building, dimora dei Fantastici Quattro - per i quali, peraltro, Matt Murdock aveva iniziato a lavorare come legale.
    in seguito avviene un altro importante step nella carriera criminale di Max Dillon: entra a far parte dei Sinistri Sei, lo storico supergruppo composto da villain che desiderano eliminare Spidey. Egli è stato, inoltre, il primo nemico in assoluto a entrare nella formazione originale dei Sinister Six, ennesima occasione in cui può confrontarsi con Parker per poi perdere temporaneamente i poteri. In seguito, sotto il controllo del potente Dottor Destino, Dillon si scontra con i Fantastici Quattro durante il matrimonio tra Reed Richards e Sue Storm. Viene ovviamente sconfitto e, in seguito a ciò, torna a scontrarsi con Daredevil in un arco narrativo nel quale viene assunto da un gruppo chiamato Emissari del Male, dove affianca villain minori come Gladiatore, Stilt-Man, Leap-Frog e Matador.
    Negli anni successivi Electro continua a entrare e uscire dalle varie formazioni dei Sinistri Sei, arrivando ad accettare l'ennesimo invito da parte del Dottor Octopus in un piano preposto a eliminare definitivamente Spider-Man, e alleandosi poi con Mysterio in una nuova "versione" dello storico gruppo di villain: i Sinistri Sette. In questo frangente siamo nel pieno della celebre Saga del Clone, in cui Kaine - il clone instabile di Peter Parker - inizia a uccidere i suoi nemici senza pietà, incutendo in Dillon un certo timore. Nel corso delle sue scorribande criminali l'antagonista arriva a interagire persino con il clan della Mano, i ninja che si frappongono spesso e volentieri a Daredevil, e arriva a scontrarsi addirittura con il Venom, uscendo vivo dallo scontro per miracolo.

    Tra Spider-Man e Avengers

    L'ennesimo ciclo di faccia a faccia con Spider-Man (piuttosto celebre, in tal senso, la sua alleanza con Avvoltoio) Electro entra in una nuova formazione: i Sinistri Dodici, guidati da Green Goblin, che si battono con i Fantastici Quattro, Daredevil alcuni Avengers come Capitan America e Iron Man. Inizia, da qui, un percorso che porta Max Dillon a scontrarsi con varie comunità di supereroi, affrontando anche i New Avengers e Luke Cage poco prima che scoppiasse la celebre Civil War.

    Il villain di Spider-Man ha un ruolo anche nella guerra civile dei superumani e in altri crossover del decennio scorso: nel conflitto tra i supereroi, appunto, si ritrova a fronteggiare l'Uomo Ragno, Iron Man e lo S.H.I.E.L.D. in compagnia di altri criminali, mentre in Secret Invasion appare al fianco di Hood per combattere un gruppo di Skrull. Il declino di Electro comincia in un ciclo chiamato La Sfida: il villain inizia a patire dei gravi problemi fisici che gli causano squilibri nei suoi poteri, ma viene curato e potenziato dal Pensatore Pazzo. Si allea con il nuovo direttore del Daily Bugle, Dexter Bennet, ma in seguito a uno scontro con l'Uomo Ragno il palazzo viene distrutto.

    Max Dillon, dopo questi avvenimenti, decide di allearsi con il Camaleonte e con la moglie di Kraven il Cacciatore per vendicarsi di Spidey, e si unisce nuovamente ai Sinistri Sei (convocati ancora una volta da Octopus) in "Fino alla Fine del mondo": si tratta di una delle ultime storie che precedono il corso di Superior Spider-Man curato dallo sceneggiatore Dan Slott, in cui persino i Vendicatori si alleano con l'arrampicamuri per sconfiggere l'ennesima formazione di supercattivi del Ragnoverso.
    In seguito a quest'ultimo scontro Electro viene scagliato nello spazio da Thor e, quando torna per vendicarsi del Dio del Tuono, viene sconfitto proprio da Superior Spider-Man (ovvero Doc Ock nel corpo di Parker). Umiliato e provato da questo confronto, Dillon si allea con la Gatta Nera mentre (nei più recenti cicli editoriali della Marvel Comics) prendono corpo le Parker Industries; quando la Gatta lo tradisce, tuttavia, Electro viene sopraffatto da Spider-Man e Silk, ma evade grazie ad un uomo vestito di rosso che si rivelerà essere lo Sciacallo, antagonista della recente saga intitolata Il Complotto del Clone. Nel corso della Nuovissima Marvel, infatti, Max Dillon perde definitivamente il suo status quo: l'identità di Electro passa a una donna chiamata Francine Frye, che ne eredita i poteri mischiando il DNA di Maxwell alla sua saliva con un bacio, nel corso di una serie di esperimenti condotti proprio dallo Sciacallo, il quale stava tentando di clonare Dillon.
    Il declino di Electro nell'attuale assetto editoriale del Ragnoverso, tuttavia, sembra non impensierire particolarmente i ragazzi di Insomniac, che nella loro avventura hanno riversato una formazione inedita dei Sinistri Sei in cui compare Mr. Negativo. A quanto pare, Max Dillon e gli altri cattivi che appaiono nel più recente trailer gameplay, sono comandati da un altro villain che muove le fila da dietro le quinte. I guai per Spidey, partiti a suon di scintille, sono praticamente solo iniziati...

    Che voto dai a: Marvel's Spider-Man

    Media Voto Utenti
    Voti: 354
    8.3
    nd