Spider-Man: alla scoperta di Mary Jane Watson, il grande amore di Peter Parker

Nell'Universo Marvel non sono solo gli eroi a fare la differenza: da grande amore dell'Uomo Ragno a CEO delle Stark Industries, la parabola di MJ.

speciale Spider-Man: alla scoperta di Mary Jane Watson, il grande amore di Peter Parker
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS4
  • PS4 Pro
  • Si dice da tempo immemore "che dietro ogni grande uomo c'è sempre una grande donna". Ciò vale tanto nella vita reale che in contesti di finzione, anzi: tutti i più supereroi hanno (o hanno avuto) alle loro spalle un amore che li ha guidati, spronati o semplicemente stimolati. Che sia per un supereroe o per una supereroina, la presenza di un legame sentimentale incarnato da una persona senza poteri, ma con un carattere che terrebbe testa a Thanos, rappresenta un modo per rimanere ancorati alla normalità e alla propria identità segreta. Il più delle volte, però, accade che il partner venga a conoscenza della vita "nascosta" del protagonista in questione, contaminando i due mondi e divenendo uno dei maggiori elementi di vulnerabilità dell'eroe, nonché un facile bersaglio per i suoi nemici. Mary Jane Watson è stata tutto questo e molto di più: parliamo del più grande amore di Spider-Man e probabilmente della più famosa fidanzata/moglie di un supereroe in tutto l'Universo Marvel, una vera e propria femme fatale che forse non rappresenterà il fulcro del Ragnoverso, ma certamente occupa un ruolo predominante nella psicologia di Peter Parker. MJ è una presenza (quasi sempre) imprescindibile nella vita dell'Uomo Ragno, e ciò determina una sua ovvia presenza nel videogioco di Insomniac Games in uscita il 7 settembre 2018 in esclusiva PlayStation 4. E dunque, dopo aver approfondito Mr. Negativo, Miles Morales, Wilson Fisk, Norman Osborn, Gatta Nera e Taskmaster, il nostro nuovo appuntamento alla scoperta dei principali attori dello Spiderverse prosegue con la più focosa delle amanti tra tutti i supereroi Marvel: Mary Jane "MJ" Watson.

    L'esordio

    Il personaggio di Mary Jane è stato concepito, ovviamente, da Stan Lee e illustrato per la prima volta d John Romita Sr. - uno dei principali disegnatori delle avventure di Spider-Man dei primi anni, che raccolse il testimone direttamente da Steve Ditko, creatore dell'Uomo Ragno ai disegni insieme a Stan Lee. MJ debuttò nel 1966, sul numero 42 di Amazing Spider-Man, e già allora fu destinata a entrare prepotentemente nella vita di Peter Parker per non andarsene (quasi) mai più. La sua figura, negli anni, si è peraltro emancipata sempre di più da quella dell'Uomo Ragno, al punto da rappresentare un personaggio a se stante nell'Universo Marvel: l'abbiamo conosciuta, al suo esordio, come studente liceale e compagna di Peter, ma col tempo MJ è ovviamente cresciuta diventando una modella e successivamente un'importante e apprezzata attrice cinematografica e televisiva. Quando facciamo la sua conoscenza, nel 1966, l'incontro con Peter viene combinato da Anne Watson e May Parker, rispettivamente le zie dei due giovani, che sono amiche da molto tempo: Mary Jane viveva infatti da tempo con la sua parente, dopo essere scappata di casa per sfuggire a un genitore violento e pericoloso. L'infanzia di MJ non è stata facile, poiché suo padre - uno scrittore fallito - picchiava spesso e volentieri sia la moglie che le figlie. Come i fan più affezionati ai fumetti di Spider-Man sapranno, tuttavia, Mary Jane Watson non è stata sin da subito il grande amore di Parker, nonostante alcune incarnazioni cinematografiche l'abbiano messa in questi termini. Nei suoi primi anni di presenza nel Ragnoverso, MJ dovette fare i conti con una presenza piuttosto ingombrante: Gwen Stacy.

    L'ombra di Gwen Stacy

    Citavamo, prima, l'incontro combinato dalle zie dei giovani: John Romita Sr., all'epoca, tratteggiò le fattezze della Nostra concependo un character design che rimane ancora oggi iconico e quanto mai imprescindibile. Con splendenti occhi verdi e una folta chioma di capelli rossi, ma anche con un fisico mozzafiato che le ha permesso di sfondare nel mondo dello spettacolo, Mary Jane è una ragazza di straordinaria bellezza, che colpisce profondamente il cuore e l'animo di Peter quando la incontra per la prima volta, aspettandosi tutt'altro che una beltà simile.

    Peraltro, in questa occasione la futura fidanzata e moglie di Spider-Man pronuncia una frase destinata a rimanere storica nell'Universo Marvel, al punto da venire ripresa e omaggiata persino nei fumetti Ultimate con Brian Michael Bendis: "ammettilo, Tigrotto... hai appena fatto centro!". Nonostante il suo aspetto (ma anche e soprattutto il suo carattere "focoso" e intraprendente) abbia fatto breccia nell'animo di Peter, come già detto MJ deve inizialmente vivere all'ombra di Gwen Stacy, primo amore del buon Parker. La Watson, infatti, rimane segretamente innamorata dell'eroe per molto tempo, ma in principio deve "accontentarsi" di svolgere il ruolo di buona amica e confidente - anche se, intanto, ha una relazione con Harry Osborn.

    Sarà ovviamente la celebre e drammatica morte di Gwen Stacy per mano di Goblin "a dare il la" al rapporto amoroso tra Parker e Watson. Quando, finalmente, tra i due scoppia l'amore, Mary Jane fa una rivelazione sorprendente: siamo nei numeri 257-259 della testata di Amazing Spider-Man e la ragazza rivela al fidanzato di aver sempre saputo che egli è l'Uomo Ragno - soltanto in alcune storie successive, ovvero in una graphic novel chiamata Parallel Lives del 1990, la questione viene approfondita, con MJ che spiega a Peter di non aver mai palesato il fatto che conoscesse la verità perché desiderava che fosse l'eroe a confessargliela, prima o poi. Insomma, d'ora in avanti l'aspirante attrice diventa il più grande amore di Spider-Man. Ma è proprio da questo momento che, inevitabilmente, iniziano anche i problemi.

    Il matrimonio

    Quando sei la fidanzata o la moglie di un supereroe, e vieni a conoscenza dell'identità segreta della tua dolce metà, la vita non può che essere in salita: nel corso di gran parte della sua esistenza, Mary Jane diventa uno dei principali bersagli dei villain che arrivano a scoprire l'identità segreta del loro nemico. Nonostante passino, in tal senso, degli anni piuttosto burrascosi - persino Harry Osborn, assunta l'identità del Goblin come suo padre, prende di mira la povera MJ attentando alla sua vita - l'amore tra i due li porta a superare ogni ostacolo, finché Peter e la sua fiamma arrivano addirittura a sposarsi. La loro unione concepisce persino una figlia, in una storia che vi abbiamo già raccontato in occasione dell'approfondimento su Norman Osborn: MJ porta in grembo una bambina che avrebbe dovuto chiamarsi May Parker (in onore alla zia di Peter, che in questo periodo è scomparsa e creduta morta dal nipote), ma il Goblin rapisce l'amata di Spider-Man e la avvelena, provocando la perdita della bambina. Nonostante tutto questo, il sentimento tra i due continua a essere forte per un certo periodo, durante il quale MJ rimane al fianco di Spider-Man anche in alcune avventure insieme ai Vendicatori: per qualche tempo, infatti, Peter trasferisce la sua famiglia nella Stark Tower, cosa che porta sua moglie a conoscere gli Avengers al gran completo, mentre durante la Civil War del 2007 la Nostra decide di appoggiare l'avvenimento clou legato all'arrampicamuri, e cioè il suo atto di smascherarsi in diretta TV mondiale come gesto simbolico per raffreddare le ostilità tra Iron Man e Capitan America. Siamo a ridosso della fine di un ciclo che ha rappresentato il periodo più florido in assoluto per la coppia Peter-MJ: a partire dagli anni successivi, la burrasca diventa più forte che mai.

    L'addio

    Vi abbiamo già raccontato che il 2008 è un anno particolarmente importante per il Ragnoverso: J. Michael Straczynski e Joe Quesada realizzano la celebre storia intitolata "Soltanto un altro giorno", un arco narrativo destinato a ridisegnare lo status quo dell'Uomo Ragno e dei suoi comprimari. Per salvare Zia May, che viene gravemente ferita da un colpo di pistola, Peter stringe un patto con Mefisto: May Parker torna in forze, ma in cambio Parker deve rinunciare al matrimonio e all'amore di Mary Jane. E così, nel ciclo successivo intitolato "Un nuovo giorno", lo Spiderverse risulta ridisegnato sostanzialmente, con un Peter di nuovo scapolo e che vive a casa di zia May, lontano dalla sua amata - con la quale il rapporto sarà, all'inizio, stranamente ostico - e con inediti nemici all'orizzonte: è in questo corso, infatti, che esordisce Mr. Negativo. Intanto Mary Jane va a vivere per un periodo in California per diventare un'attrice di successo, tornando a New York solo in occasione del nuovo matrimonio di zia May: siamo sempre nel 2008, con la saga di Dark Reign alle porte (ovvero il Regno Oscuro di Norman Osborn, diventato un leader governativo in seguito alla rocambolesca conclusione di Secret Invasion). In alcune storie trasversali durante il crossover con antagonista l'ex Goblin, i due tornano insieme e si intuisce che Mary Jane inizia a ricordare qualche dettaglio della sua vita precedente al patto tra Peter e Mefisto: l'avvenimento aveva cancellato dalla sua memoria persino l'identità segreta di Parker, ma la ragazza dà cenno di rimembrarla ugualmente quando vede l'Uomo Ragno salvare dei cittadini in TV e inizia a pensare a Peter.

    Una rossa indipendente

    Gli ultimi anni hanno caratterizzato una certa emancipazione per il personaggio di MJ: nel 2011 la testata di Spider-Man ha dato vita a una celebre storia chiamata Spider Island, nella quale un virus colpisce l'intera popolazione di New York, tramutando i cittadini in ragni e sviluppando in essi dei poteri ragneschi. Considerati i suoi trascorsi, anche intimi, con Peter, Mary Jane viene colpita dal virus ma non si trasforma in un aracnide: piuttosto, sviluppa degli avanzati poteri al pari del suo amato, e combatte al fianco di Peter nella battaglia finale per difendere dai mostri l'Empire State Building mentre Spider-Man cerca di attivare il funzionamento per la cura al virus. Purtroppo non c'è pace per quella che possiamo considerare una delle coppie più famose e travagliate del Marvel Universe: poco tempo dopo Spider Island inizia il corso di Superior Spider-Man imbastito dal discusso e controverso Dan Slott (che ha curato anche la sceneggiatura dello Spider-Man di Insomniac Games). Nei panni di Superior Spider-Man c'è il Dottor Octopus, che ha preso il controllo della mente di Peter e ha fondato le Parker Industries, ma lo scienziato decide che MJ è un elemento superfluo nella vita del suo nemico e sceglie di lasciarla. Soltanto in seguito, dopo aver preso nuovamente possesso del suo corpo, Peter rivela a Mary Jane che Doc Ock aveva controllato la sua mente. Ma questa volta la rottura è totale: stanca di rappresentare una vulnerabilità costante nella sua vita a causa dell'identità di Spider-Man, Mary Jane decide di tagliare definitivamente i ponti con il suo più grande amore. Uno status quo che, purtroppo per i fan della coppia, prosegue ancora oggi, con una Mary Jane sempre più emancipata: nel corso della Nuovissima Marvel, la Watson viene assunta da Tony Stark come assistente e addirittura assume la guida delle Stark Industries dopo gli eventi di Civil War II.

    La seconda guerra civile dei superumani, che ha visto Iron Man frapporsi a Capitan Marvel, si è conclusa con Tony Stark finito in coma farmacologico, con l'armatura passata alla giovanissima e geniale Riri Williams, che la indossa facendosi chiamare Ironheart. Intanto Mary Jane è a capo dell'azienda di Tony in sua assenza, coadiuvata da Amanda Armstrong, la madre biologica di Stark, e dall'intelligenza artificiale Friday.

    Spider-Woman

    Dicevamo che, col tempo, il personaggio di MJ si è emancipato parecchio dall'ingombrante figura del suo amato. Da un lato, come abbiamo visto, la rossa del Queens si è staccata dal Ragnoverso, dall'altro invece ne è rimasta sempre più invischiata, soprattutto negli universi alternativi. A seconda delle varie versioni in realtà parallele, Mary Jane ha spesso vestito i panni di Spider-Woman: su Terra-982, ad esempio, Peter e MJ hanno avuto una bambina chiamata Mayday Parker, e tutta la famiglia possiede poteri ragneschi. Le avventure di Spider-Man, Spider-Woman e Spider-Girl hanno popolato la testata dell'arrampicamuri, anche recentemente, con storie piuttosto interessanti, basate principalmente sull'apprensione dei due genitori nei confronti di una piccola e quanto mai inesperta May. Il Ragnoverso è caratterizzato da molteplici realtà parallele: nell'Universo Exiles, ad esempio, è Mary Jane ad essere la sola e unica Spider-Woman, in quanto viene morsa dal ragno radioattivo al posto di Parker, e sembra che nel suo cuore non ci sia spazio per il buon Peter dal momento che è lesbica.

    Tra cinema e videogiochi

    Mary Jane è ovviamente sbarcata sia al cinema che nel mondo dei videogiochi: resta memorabile e iconica l'interpretazione di Kirsten Dunst nella trilogia di Sam Raimi con Tobey McGuire nelle vesti dell'Uomo Ragno, mentre risulta del tutto assente nella serie di Amazing Spider-Man di Marc Webb, che ha preferito concentrarsi su Gwen Stacy (Emma Stone) - anche se pare che l'introduzione di MJ fosse nei piani iniziali della pellicola targata Sony. Infine, una misteriosa MJ (all'anagrafe Michelle) pare essere presente nella vita del Peter Parker di Spider-Man: Homecoming firmato Marvel Studios.

    La ragazza è interpretata dalla giovane Zendaya, ma non è ancora chiaro se si tratta effettivamente di Mary Jane Watson o di una omonima destinata a prenderne il posto e il ruolo, nonostante le recenti dichiarazioni di Kevin Feige lascino presupporre la seconda ipotesi. MJ ha fatto parte anche di alcuni dei principali videogiochi del franchise, ma il suo ruolo ricalcava principalmente lo status quo affibbiatole dai primi fumetti Marvel o dalla sua rappresentazione nei film di Raimi.

    Qualcosa, a quanto pare, cambierà proprio con lo Spider-Man di Insomniac Games, giacché la trama dell'esclusiva PS4 sarà ambientata in un universo parallelo e mai apparso in alcun comic o film Marvel, con alcune novità sostanziali rispetto al canone imposto finora dalla Casa delle Idee. Una delle innovazioni sarà proprio il ruolo di Mary Jane, la quale sarà peraltro un personaggio giocabile in alcune sequenze dai toni investigativi: nell'universo imbastito da Insomniac, infatti, Mary Jane sarà una reporter del Daily Bugle (un ruolo che ripercorre a suo modo le orme di Peter) e coadiuverà Spidey nel corso di alcune indagini. Una dinamica che somiglia un po' al duo Iris West-Barry Allen/Flash, ma che proietta il personaggio in una dimensione decisamente inedita rispetto a quanto visto finora in qualunque sua incarnazione mediale. Peter Parker e Mary Jane, il Tigrotto e la Rossa: un connubio destinato, per adesso, a non affievolirsi nelle avventure videoludiche del nostro amichevole Uomo Ragno di quartiere.

    Che voto dai a: Marvel's Spider-Man

    Media Voto Utenti
    Voti: 225
    8.2
    nd