Spider-Man: alla scoperta di Silver Sable, la mercenaria del Ragnoverso

Da sovrana di una nazione a letale mercenaria, fino alla frequente alleanza con Spider-Man: scopriamo Silver Sable.

speciale Spider-Man: alla scoperta di Silver Sable, la mercenaria del Ragnoverso
Articolo a cura di
Disponibile per
  • PS4
  • PS4 Pro
  • Silver Sable è comparsa a gran sorpresa nell'ultimo story trailer dedicato a Spider-Man, l'ormai imminente esclusiva PlayStation 4 in uscita il 7 settembre 2018. Con la sua presenza, ancora una volta, il team di Insomniac Games ha dimostrato quanto acuminate sono le frecce al proprio arco, dando prova di saper pescare sempre più addentro al Ragnoverso e amalgamare il tutto in una sceneggiatura originale e che si prospetta di grande interesse. Silver Sable non è tra i personaggi più conosciuti dell'Universo Marvel, anche per i fan dell'arrampicamuri: a meno che non siate conoscitori esperti delle storie ragnesche, sappiate che si tratta di un celebre comprimario del buon Peter Parker che ha popolato assiduamente soprattutto le vicende degli ultimi anni. Ora è arrivato il momento di dare vita a un altro dei nostri appuntamenti volti a scoprire la storia editoriale di tutti i protagonisti che faranno parte del videogioco targato Sony: passiamo dunque in rassegna tutto ciò che occorre sapere su Silver Sable.

    Origini controverse

    La letale Silver Sable è un personaggi dai toni e dai caratteri ambigui: il suo ruolo ufficiale è quello di mercenaria, un titolo che l'ha vista porsi spesso e volentieri in conflitto con altri eroi, ma tra la sue gesta annoveriamo anche diverse scorribande come alleata di Spider-Man. Il suo vero nome è Silver Sablinova e, in realtà, è la protettrice di Symkaria : si tratta una nazione limitrofa a quella di Latveria - la celebre dimora del Dottor Destino, storica nemesi dei Fantastici Quattro.
    Silver Sable fu creata da Tom DeFalco (ai testi) e da Ron Frenz (ai disegni) e comparve per la prima volta nel numero 265 di Amazing Spider-Man, nel giugno del 1985. Dopo essere apparsa in svariate storie del nostro Spidey, nel 1992 ottenne anche una serie standalone, intitolata Silver Sable & The Wild Pack, scritta da Gregory Wright e illustrata da Steven Butler; la testata, tuttavia, venne chiusa nel 1995 dopo 35 numeri, poiché non riscosse un successo particolarmente significativo. Subito dopo la cancellazione, la Sablinova è apparsa saltuariamente in varie testate fino al 2006, quando la Marvel Comics annunciò una serie chiamata Sable and Fortune.

    Le origini di Silver Sable, come già anticipato, sono da ricercarsi nella nazione di Symkaria: la famiglia della nostra è composta da suo padre Ernst Sablinov, suo zio Morty e una cugina di nome Anna. La madre di Silver fu uccisa di fronte alla figlia da alcuni nemici di suo padre, un gruppo sulle tracce di un dipartimento militare filo-nazista probabilmente appartenente all'Hydra: in seguito a questo evento, Ernst decise di addestrare la ragazza al combattimento, con Sable che iniziò a dedicare la propria esistenza a diventare una guerriera implacabile, sopprimendo le proprie emozioni e cedendo a un unico sentimento: la rabbia. Dopo alcuni anni passati da mercenaria, tra l'amore per un assassino chiamato Foreigner (finito poi con un divorzio) e l'aiuto di suo zio Morty come supporto logistico durante le sue missioni, arriva il primo incontro con Spider-Man, caratterizzato da un improbabile team-up: una cellula dell'Hydra prende di mira l'istituto frequentato da Anna, e sia Spidey che Silver Sable si occupano di risolvere la situazione.

    Con e contro gli Avengers

    Gli anni successivi sono caratterizzati da ulteriori alleanze con vari eroi Marvel: oltre all'arrampicamuri, Silver collabora anche con Paladin, Solo, Capitan America, Punisher, Daredevil, Luke Cage, Venom e Deadpool per sconfiggere nemici del calibro di Jack O' Lantern, il Sinistro Sindacato, Sabretooth e il Teschio Rosso con l'Hydra al seguito: tutte nemesi che, in un modo o nell'altro, hanno minacciato la sicurezza e la stabilità di Symkaria.

    Il suo ruolo di protettrice della nazione confinante con Latveria la porta ad intessere relazioni politiche con Victor von Doom, alias il Dottor Destino: periodicamente, a cadenza annuale, i due organizzano una cena diplomatica per discutere dell'assetto sociale e politico delle rispettive nazioni. Le occasioni si sono poi tramutate, molto spesso, in aspre battaglie tra i due regnanti, divisi da concezioni di sovranità estremamente differenti tra loro. Silver Sable fonda anche un gruppo di agenti segreti chiamati Branco Selvaggio, che nel corso degli anni ha cambiato spesso e volentieri sia formazione che nome, trasformandosi poi in The Cat, in compagnia del quale ha affrontato personalità come Madcap e gli Eroi in Vendita.

    La nostra Silver si ritrova anche coinvolta in alcune saghe crossover come Shadowland, il ciclo narrativo in cui un oscuro Daredevil diventa il leader del clan della Mano: in questo frangente, per riportare sulla retta via il giustiziere di Hell's Kitchen e annientare la Mano, Sablinova si allea con Misty Knight, Paladino e Shroud per affrontare i propri nemici.
    L'arco narrativo più importante per la mercenaria di Symkaria è Fino alla fine del mondo, celebre storyline narrata in Amazing Spider-Man nel 2012 e che ha coinvolto anche diversi membri degli Avengers in un'operazione su vasta scala ordita dal Dottor Octopus: Silver Sable, in questo frangente, si allea con l'Uomo Ragno per assaltare le varie basi di Doc Ock dopo aver salvato sia Spider-Man che la Vedova Nera in seguito alla sconfitta dei Vendicatori per mano dei Sinistri Sei. Esattamente come accade a Rhino, di cui vi abbiamo già raccontato in occasione del suo approfondimento, Silver Sable perde apparentemente la vita quando il villain la trascina sott'acqua durante l'esplosione di una delle basi di Octavius: Madame Web, celebre comprimario del Ragnoverso in grado di vedere il futuro tra gli angoli della grande tela del destino, asserisce tuttavia che in realtà Sablinova potrebbe essere ancora viva. La sua perdita, come quella di Rhino, ha gravi ripercussioni sulla psicologia di Peter, che ancora volta si ritrova a provare una profonda inadeguatezza di fronte alla morte di qualcuno che non è riuscito a salvare.

    Nei più recenti cicli editoriali della Marvel , Silver Sable è tornata sotto le luci della ribalta e pare invischiata nelle nuove macchinazioni di Norman Osborn, che nelle ultime incarnazioni fumettistiche di Amazing Spider-Man viene posseduto da Carnage , diventando Red Goblin. Ancora non ci è chiaro quale degli archi narrativi fin qui descritti abbia effettivamente ispirato la caratterizzazione di Silver Sable nello Spider-Man di Insomniac Games: dalle immagini, e dal trailer in cui ha debuttato, sembra che la mercenaria e il suo Branco Selvaggio rappresenteranno un grattacapo notevole per il nostro povero Spidey, già coinvolto in una strenua crociata contro una versione tutta videoludica dei Sinistri Sei...

    Che voto dai a: Marvel's Spider-Man

    Media Voto Utenti
    Voti: 367
    8.3
    nd