Speciale Street Fighter Online

Leggi il nostro articolo speciale su Street Fighter Online - 1240

INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di

Quando in occasione del recente E3 ricevette l'invito per la presentazione a porte chiuse di Street Fighter Online, Ring reagì con un'occhiata a metà fra un "accettiamo solo perché ce lo offre una topa di proporzioni cosmiche" e il "sai che culo, sarà la solita minestra con Blanka controllato da un russo e Zangief da un brasiliano".Tempo presente. Osaka. Ring è attesa da Yoshiki Okamoto in persona, la mente dietro l'autoperpetrantesi serie Capcom. Ci accoglie con un sorriso sbilenco, a metà fra il "che cacchio di rivista è Ring, non avevamo chiamato EDGE?" e il "altro che solita minestra, fra poco farete pompini a tutto lo staff".
Anticipiamo che Ring sta ancora sputando peli pubici...E sciocchi noi a non aver fiutato nulla, almeno due gli indizi: 1- il buffet è poverissimo (la qualità del buffet è di norma inversamente proporzionale a quella del prodotto presentato). 2- davanti alla postazione da gioco c'è seduto un tizio identico a Yu Suzuki e che come tale ci viene presentato.Un curioso caso di fisiomonimia, pensiamo noi."La collaborazione con il Maestro Suzuki e AM2 nasce dal desiderio di realizzare qualcosa di davvero nuovo. La loro esperienza in campo tridimensionale è insuperata mentre Capcom dispone di mezzi, capacità e volontà per imporre un titolo. Poi c'è un'altra ragione..." Okamoto gongola ma Ring non si lascia impressionare, almeno fino a quando si avvicina alla postazione e, salutando con una pacca Yu, si accomoda sulla poltroncina. Una smorfia nervosa ci si dipinge in volto, a metà fra il "Dio mio, non è possibile" e il "speriamo che lo staff sia di poche persone".Quello che appare a schermo è senza equivoco l'area cittadina di Kowloon, da Shenmue 2 con amore."Ci serviva un ambiente urbano dettagliato e credibile. Ricostruire una nuova città avrebbe richiesto uno sforzo enorme mentre sfruttando il motore grafico di Shenmue, ottimizzato XNA, abbiamo una base solida dalla quale partire. Ogni server riproporrà varianti sul tema delle città di Shenmue, inoltre i centri abitati saranno grossomodo simili, facilitando l'orientamento su server diversi dal solito.La versione finale offrirà sia una modalità online che una offline. Ambedue sono fruibili singolarmente, ma è nell'uso di entrambe che si sfrutta al meglio il potenziale di Street Fighter Online". Okamoto spiega che SFO intende essere il simulatore di arti marziali definitivo, all'insegna della credibilità, senza colpi energetici o piroette a tre metri d'altezza. Ma d'altra parte, se c'è una cosa che le arti marziali richiedono, quella cosa é: Applicazione.  "Tutti i picchiaduro trascurano l'apprendistato, mentre SFO guiderà il lottatore non solo attraverso il perfezionamento dello stile, ma lo inviterà addirittura a crearne uno proprio".Ring prevede un retrogusto genitale sul fondo della bocca..."Durante le fasi offline, una volta creato il proprio combattente, al momento della registrazione dell'ID, si andrà in cerca di una scuola di arti marziali. Il lavoro in tal senso è notevole, pressoché tutti gli stili principali possiedono due scuole con inclinazioni ‘etiche' differenti. Altri stili minori, invece, offrono maestri solitari, magari da rintracciare tramite quest apposite. Le quest si sviluppano conversando con i PNG offline e portando a termine semplici compiti, oppure chattando online con altri giocatori, magari allievi di uno stile che vi attrae (vi forniranno una password da utilizzare offline, per abilitare nuovi scenari). Più una scuola marziale è esclusiva o potente, maggiore sarà lo sforzo richiesto per farsi accettare dal maestro.Offline si partecipa agli allenamenti e si acquisisce dimestichezza con la città, inoltre farete conoscenza dei PNG principali, che saranno una base comune per tutti i giocatori online, un punto di riferimento per calarsi nella parte"."Il sistema di combattimento è opera mia" interrompe Suzuki-san "come diceva Okamoto, sarà possibile perfezionare uno stile come il Kung Fu o il Savate e specializzarsi in quello soltanto. Nulla lo vieta, ma è negli stili misti che SFO offre il meglio. Raggiunto un certo livello di esperienza, si potranno studiare nuove tecniche marziali sino a creare uno stile personalizzato. È una cosa in apparenza complessa... e difatti lo è! L'utente occasionale si accontenterà di uno stile puro, o di un "Demix Style" (Stile Semi Misto) in cui viene offerta una lista di mosse predefinite in base ad un massimo di tre stili mixabili.Il giocatore più volenteroso potrà invece editare ogni tasto e combinazione, miscelando qualsiasi tecnica. Sarà possibile selezionare i calci dal Tae Kwon Do, la difesa dalla Boxe e le prese dall'Aikido. Naturalmente il rischio di sbilanciare lo stile esiste: in relazione alla stazza del lottatore, selezionata all'inizio del gioco, si definiranno anche le sue inclinazioni. Pretendere che un colosso di due metri applichi le rapide schivate dello stile della Mantide porta a risultati rovinosi. Allo stesso modo, un fisico snello ideale per il Viet Vo Dao è penalizzato da una difesa Muai Thai, votata all'incasso.Pensiamo che nasceranno vere e proprie palestre sui forum di tutto il mondo e, naturalmente, non mancheranno le guide ufficiali".Ring comincia a sbavare in maniera inopportuna. L'idea di miscelare svariati stili è attraente ma, joypad alla mano, ci accorgiamo di non combinare nulla di concreto, in combattimento."SFO, giocato in maniera Full Mixed, richiede un training notevole. All'inizio è indispensabile applicarsi in uno stile singolo, come nella realtà dopotutto. La soddisfazione di padroneggiare il proprio stile personale (diverso da quello di qualsiasi altro giocatore) sarà immensa. Inoltre i combattimenti risulteranno molto più variegati rispetto al solito."Prosegue Okamoto: "Ma il Full Mixed Style non è la sola punta di diamante di SFO... mirando a creare un simulatore di arti marziali, è indispensabile tenere a mente cose che di norma non sono previste nei giochi di lotta, la stanchezza in primis. Ogni mossa, che vada a segno o meno, possiede un coefficiente di difficoltà e un dispendio energetico distintivo: se un calcio volante girato è eseguibile senza problemi ad inizio incontro (ma con un avversario perfettamente in forma per scansarlo...), la stessa mossa può fallire dopo 3 minuti di lotta, oppure a seguito di ripetuti low kick alle cosce."  Un ghigno sulfureo compare sul faccione di Okamoto "SFO terrà conto degli impatti sul corpo ed eventuali prese di rottura potrebbero danneggiare in maniera seria un arto, compromettendo il proseguimento dell'incontro.Da notare che sul video comparirà la sola barra di energia. A conti fatti il giocatore dovrà desumere le condizioni di affanno del proprio atleta dai suoi movimenti. Può sembrare improponibile, ma i giocatori esperti impareranno a riconoscere la brillantezza di ogni movimento, e se l'high kick dopo due round non sarà più così ‘high', allora significa che è meglio mettere da parte le gambe e lavorare di braccia".Altra bomba in arrivo."In SFO, oltre a scontri e tornei contro la CPU in modalità offline, sarà possibile sfidare a piacere altri giocatori in apposite aree: cortili, vicoli malfamati, piazze, parcheggi, palestre o locali privati. Ma il clou del gioco consiste nei tornei internazionali che, partendo da selezioni sui singoli server, condurranno via via alla scalata del ranking mondiale. Semplicemente, sarà possibile diventare il giocatore più forte della terra!Questa prospettiva di notorietà dovrebbe spingere molti giocatori a formalizzare stili di lotta via via più efficienti e imprevedibili.Vincere i tornei porta inoltre vantaggi economici. SFO prevede una valuta fittizia (lo ‘zen') grazie alla quale personalizzare il look del proprio lottatore, pagare la retta delle palestre e acquistare il biglietto di trasferimento temporaneo ad altre città/server (in pratica un viaggio all'estero). I soldi possono essere recuperati anche tramite compiti/lavoretti/giochi oppure scommettendo sugli incontri."Da quanto osservato, SFO porrà molta enfasi sull'aspetto ‘sociale' del gioco. Si potrà assistere agli incontri degli altri giocatori semplicemente avvicinandosi loro ed entrando in modalità Osservatore. Così facendo si passa dalla terza persona usuale ad una visione laterale a pieno schermo dei due contendenti. Dopo una breve dimostrazione Okamoto ha reso noto che, oltre a scommettere su un atleta, è possibile tifare premendo i grilletti."Anche il tifo ha una sua ragione. Per acclamare un atleta bisogna premere ripetutamente i tasti, è una cosa in parte faticosa, quindi se non avete una buona ragione per farlo, non lo farete. Tuttavia, se avete puntato dei soldi, o sta combattendo un vostro amico, o ancora detestate l'avversario, allora vi darete un gran da fare a pestare sui pulsanti! Il tifo influenza in parte lo stato psicofisico del lottatore, l'atleta con maggiore incoraggiamento beneficerà di un bonus sulla resistenza e potrebbe essere in grado di reggere un pugno che l'avrebbe altrimenti mandato KO".Interessante il sistema di difesa. Suzuki mostra come il combattimento si sviluppi in maniera analoga a Virtua Fighter, con un movimento tridimensionale che mantiene i contendenti sempre uno di fronte all'altro. La parata si attua in genere portando lo stick all'indietro rispetto all'avversario e premendo il tasto relativo all'arto con cui si intende parare. Chiaro che premendo il tasto relativo ad una gamba per intercettare un calcio alto o parando un gancio destro con il proprio braccio destro, il risultato sarà pessimo. Per agevolare questo tipo di reazioni, SFO denota un ritmo leggermente più lento rispetto ad altri picchiaduro. Esiste poi lo ‘Zero Safe' che consiste nel rilasciare lo stick in modo che torni in posizione neutra (Zero, appunto) e poi eseguire la consueta manovra difensiva. Questa tecnica da campione consente alla parata, se andata a buon fine, di assorbire interamente il colpo senza conseguire traumi da difesa che, a lungo andare, possono compromettere la mobilità di un arto. Precisa poi Suzuki: "alcuni stili offrono invece una difesa piena, come la Boxe o il Muai Thai; per replicare questa attitudine all'incasso abbiamo inserito un tasto di parata (si noti che in questo modo si perde un tasto d'attacco - NdR). Nel caso della Boxe, poi, tenendo premuta la parata e muovendo lo stick si eseguono schivate sul tronco! Altri stili offrono una maggiore propensione alla parata e agevolano la contromossa o la proiezione, come nel caso del Judo. Qualcuno potrebbe trascurare del tutto le prese a vantaggio dei colpi d'impatto, altri potrebbero voler trascinare a terra lo scontro. Penso riusciate a intuire, adesso, la versatilità di uno stile Full Mixed".Il dinamico duo Okamoto-Suzuki non nasconde poi l'orgoglio per il modello economico dietro SFO. L'acquisto del gioco offre l'opportunità di creare un massimo di due atleti e di giocare gratis online. Si dà il caso, però, che le città/ server di livello avanzato richiedano un pagamento ulteriore per potervi accedere in via definitiva (è possibile soggiornarvi per tre giorni di prova). I server di livello superiore godranno di update specifici e forniranno comunque un parco utenti più appagante e una sfida maggiore, indispensabile per scalare il ranking mondiale dacché combattere con avversari di livello pari (o inferiore) concede vantaggi trascurabili dal punto di vista dell'esperienza. A pagamento saranno anche l'iscrizione ai tornei maggiori e i Pay Per View.Cascata di idee, SFO introduce anche questo. Pagando una somma definita come ‘irrisoria' , si potrà vedere su console l'intero svolgersi di un torneo di campioni (con tanto di telecronaca online), avendo inoltre la possibilità di scommettere e tifare come se ci si trovasse all'interno di un'arena. Non mancheranno DVD virtuali da acquistare, per rivedere i combattimenti in un apposito theatre mode.Un'opzione, quella di assistere agli incontri, tutt'altro che accessoria. Ci spiega Okamoto:"Il livello di un personaggio si alza combattendo e vincendo, ma le tecniche vanno acquisite tramite l'accumulo di Punti Esperienza. I PE si ottengono durante gli incontri o grazie all'allenamento: in ogni palestra (o comunque presso ogni maestro) è disponibile la lista di mosse relativa allo stile insegnato, ma badate, non è sufficiente avere PE in abbondanza per imparare una mossa!Facciamo un esempio: venire al corrente dell'esistenza di una mossa ci dà una percentuale base d'apprendimento, che varia in funzione della difficoltá/potenza del colpo in questione. Assistere alla sua esecuzione durante un incontro altrui aumenta le possibilitá di un 2%. Subirla in combattimento +3%, pararla +4%. Vederla in un Pay Per View offre addirittura un +15%! No, non c'è una ragione logica, solo ragioni economiche [ride]. Più volte assisteremo ad una tecnica, maggiori saranno le probabilità di impararla"."Come avrete capito è importante sostenere molti incontri e vederne altrettanti per non rischiare di spendere preziosi PE. Naturalmente, le mosse base di ogni stile sono molto semplici da imparare, sia chiaro, così ognuno potrà creare un Full Mix senza grosse difficoltà. All'inizio della modalità offline, per dire, una delle prime ‘supermosse' verrà appresa spiando con il binocolo un avversario [ride]".Okamoto ci fa sapere inoltre che la registrazione di un lottatore eccedente i due concessi di default, richiede un pagamento ulteriore (in denaro reale). Secondo Okamoto, gli utenti desidereranno provare svariati lottatori, di sesso diverso o con caratteristiche fisiche differenti."Puntiamo molto sulla personalizzazione dei lottatori. Il personaggio predefinito, come potete notare, è scialbo. All'interno del gioco, una T-Shirt bianca costa 100Zen, una canottiera che mostra i muscoli 1,000Zen, una canottiera con un teschio sopra, per esempio, ne costerà 10,000, un banale kimono bianco 5,000Zen. Se volete anche una cintura nera la pagherete 15,000Zen. Se poi desiderate una fascia rossa da mettervi in fronte, preparatevi, perché somigliare a Ryu costerà 1,000,000Zen!! Questo imporrà agli utenti il massimo impegno nel ‘fare gioco', per migliorare la propria immagine, incidendo così sul divertimento di tutti. Vincendo poi tornei specifici si otterranno feature esclusive, il torneo dell'Esercito (Lotta Militare) mette in palio nientemeno che la pettinatura di Guile [ride].Se per strada, incontrate un tipo agghindato come Akuma, state attenti perché significa che è un osso davvero duro! D'altra parte non è detto che un campione non decida di mantenersi esteticamente anonimo, magari inserendo nel suo carnet di mosse gesti atletici mediocri, questo per ingannare l'avversario e coglierlo di sorpresa. Tuttavia ciò sarà più fattibile quando introdurremo, a pagamento, l'update che offre fino a tre set di configurazioni marziali da alternare in combattimento (serviranno giocatori espertissimi per padroneggiare questa tecnica)".Prima del termine della presentazione, Ring domanda se i personaggi storici di Street Fighter appariranno in SFO. Okamoto risponde "SFO punta molto sul realismo, per questo non vedrete hadouken o mosse improbabili. Per quanto riguarda i personaggi dei vecchi Street Fighter, non sarà semplice trovarli, ma ci sono, così come Ryo Hazuki dalla saga di Shenmue. Nei server avanzati potrete incontrarli nel loro dojo, se ne hanno uno, oppure in qualche torneo segreto. Mmm... posso anticiparvi una chicca se promettete di non renderla pubblica" Ring si affretta a giurare sulla testa dei propri lettori... "al termine del primo torneo a pagamento, una volta decretato il vincitore, apparirà Ryu a sfidare il campione. E a controllare quel Ryu ci sarò io!".