Super Mario 3D World + Bowser's Fury: riscopriamo un platform con i fiocchi

Pronto a tornare su Switch insieme alla nuova avventura Bowser's Fury, Super Mario 3D World è un gioiello del platform da (ri)scoprire a tutti i costi.

Super Mario 3D World + Bowser's Fury: riscopriamo un platform con i fiocchi
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Switch
  • Quando i titoli principali di una serie videoludica ammontano a una ventina, è normale che alcuni di essi debbano rinunciare alle luci della ribalta. Nel caso specifico dei platform di Mario, oltre allo snobbatissimo Super Mario Sunshine, Super Mario 3D World è senz'altro l'iterazione meno ricordata dai fan, quella quasi mai chiamata in causa quando si tratta di decantare le lodi del franchise o stilare personali classifiche di gradimento. D'altra parte non c'è da stupirsi: il gioco nasce come killer app per Wii U, la pecora nera dei sistemi domestici targati Nintendo, motivo per cui, di riflesso, non è mai riuscito a intercettare un pubblico particolarmente vasto o fervente.

    Eppure, Super Mario 3D World è un episodio magistrale, una "puntata" che chiunque apprezzi le avventure salterine dell'idraulico in salopette dovrebbe trovare il modo di recuperare e approfondire. Fortuna vuole che la transizione della softeca U su Nintendo Switch proceda tutt'oggi implacabile, tanto che, il prossimo 12 febbraio, chiunque possegga l'hardware ibrido non potrà più accampare scuse. Anche perché 3D World tornerà sugli scaffali con in spalla qualche sorpresa: se avete letto la nostra anteprima di Super Mario 3D World per Nintendo Switch sapete bene quanto la nuova modalità Bowser's Fury prometta di fare -letteralmente - fuoco e fiamme. Che è poi solo la ciliegina su una torta davvero speciale.

    Quattro gatti

    C'è da dire che pur essendo nato nel 2013, anni prima che l'interesse verso l'allora nuova console si spegnesse del tutto, Super Mario 3D World fu comunque guardato di traverso sin dai tempi del reveal, senza particolare curiosità e con un pizzico di pregiudizio.

    In molti -quasi tutti - pensarono a un gioco di piattaforme in tono minore, forse a causa di quel "3D" nel nome che tanto sembrava suggerire un legame stretto con Super Mario 3D Land (ve lo ricordate? Ecco la nostra recensione di Super Mario 3D Land), grazioso capitolo tascabile uscito in precedenza su Nintendo 3DS. Chi ha poi avuto l'occasione di provarlo "paddone alla mano" sa perfettamente che così non è, ed anzi che 3D World desideri proporre una formula tutta propria, in fin dei conti estranea alle logiche degli altri esponenti della produzione platform regolare.

    È chiaro che non si tratti di un prodotto rivoluzionario e audace quanto un Mario 64 o un Galaxy giacché, in termini puramente strutturali, è innegabile una certa affinità con le opere del filone classico, che vede in Super Mario Bros il fiero antesignano. Si ha difatti a che fare con dei mondi tipicamente distribuiti in stage che altro non sono se non dei percorsi che, da un punto d'inizio, tendono a svilupparsi in modo abbastanza lineare verso la consueta bandierina di fine corsa.

    L'avatar è tradizionalmente accompagnato da una camera virtuale che procede su binari, assecondando l'azione passo per passo; la stessa opzione d'impersonare Luigi, Peach e Toad (più un ulteriore personaggio segreto) al posto di Mario, sfruttandone le rispettive peculiarità fisico-motorie, non è un'opportunità realmente inedita, già abbozzata in Super Mario Bros. 2. Le virtù di Super Mario 3D World risiedono altrove: nell'assoluta ricchezza delle idee e dei contenuti che popolano i livelli, e nella maniera creativamente ineccepibile di metterli in atto.

    Si pensi ai costumi del protagonista e agli oggetti trasformanti, non soltanto generosi per varietà e numero, ma anche valorizzati da interi scenari -o parti di essi- disegnati attorno alle specificità dei singoli power-up. L'emblema dell'esperienza è senza dubbio rappresentato dalla tuta da gatto, che consente al nostro di arrampicarsi agilmente sopra alberi, costruzioni e pareti, favorendo la composizione di scenari con uno sviluppo verticale insolito e particolarmente ben congegnato.

    Merita di essere citata anche la Doppia Ciliegia, che crea fino a cinque cloni dell'eroe al fine di dar vita a prove di stampo puzzle eccezionalmente elaborate, appassionanti come di rado nei trascorsi "marieschi". Più ci si addentra nel Regno delle Fate, il vivace macro-setting di Mario 3D World, più si ha l'impressione che le trovate fuoriuscite dal cilindro di Nintendo EAD non conoscano limiti. È una ricchezza di situazioni esemplare, che con grande naturalezza è capace di portare il giocatore dall'avanzamento tridimensionale imperante a sezioni concepite quasi fossero in due dimensioni, per poi incoraggiarlo a vestirsi da felino e scattare lungo un tracciato à la Mario Kart, e ancora spingerlo sul dorso del dinosauro Plessie per affrontare delle gare acquatiche a scorrimento frontale. È qui, per giunta, che si celano i primissimi diorami dedicati al prode Captain Toad, missioni rompicapo cui dobbiamo la successiva release dello stupendo spin-off Treasure Tracker (qui la nostra recensione di Captain Toad Treasure Tracker).

    Giocato in solitaria, insomma, Super Mario 3D World regala una campagna che è intrattenimento puro e longevo, supportato dal solito carico di collezionabili per completisti e da un post-game incredibilmente soddisfacente. La chicca è che il titolo dà la possibilità di esperire la medesima avventura anche in compagnia di fino a tre amici, attraverso un multiplayer locale formalmente cooperativo, eppure chiazzato di una genuina e burlesca competizione. Chi dei due, tre o quattro beniamini in campo sta ottenendo un punteggio più alto viene infatti incoronato dal software - non è per modo di dire: una corona spunta subito sulla sua testa! - il che, va da sé, innesca una sorta di sfida nella sfida, per cui raggiungere il traguardo sani e salvi importa tanto quanto battere i propri sodali in termini di performance.

    Siamo quindi dalle parti di un comparto multigiocatore di matrice simile a quella di New Super Mario Bros. Wii, messo però al servizio di un game design assai più sfolgorante e sfaccettato, garante di un divertimento potenzialmente inesauribile. L'edizione originale di 3D World prevedeva inoltre una progressione asincrona con i Mii di altri videogiocatori provenienti dal resto del mondo, le cui run precedenti venivano replicate in forma fantasma. Un offline camuffato da esperienza in rete; elemento che invece sarà presente - seppur con dei paletti - nella versione in uscita il prossimo mese.

    Novità... furiose

    Riguardo all'online del nuovo Super Mario 3D World per Switch si sa, in buona sostanza, che consentirà la collaborazione a distanza solamente con i membri della propria lista amici. È di sicuro un'aggiunta che potrebbe fare la felicità di molti - specie in un periodo come quello che ci stiamo ritrovando a vivere - cui andranno a sommarsi, com'è ovvio, tutte le opportunità offerte dall'attuale ammiraglia di Kyoto sul fronte del local co-op, dalla modalità TV con quattro Joy-Con alla connessione di più dispositivi via wireless.

    Delle altre novità vale la pena citare un Photo Mode tutto nuovo, pensato anche per ridare un senso pratico ai timbri racimolabili durante il viaggio, mentre ulteriori modifiche inerenti al gameplay sono, per ora, solamente supposte, in attesa di hands-on. Dai trailer mostrati, soprattutto, parrebbe che lo spostamento di Mario e di tutta la sua cricca sia stato riprogrammato per risultare più rapido che in principio, quasi a voler rendere i ritmi di gioco un tantino più pimpanti.

    Basterebbe quanto scritto sin qui a inserire il "rinato" Super Mario 3D World tra le fila delle conversioni da tenere in serissima considerazione, senza nemmeno tirare in ballo quello che è senz'ombra di dubbio il piatto forte del pacchetto che la Grande N è a un passo dal consegnarci. Naturalmente parliamo di Bowser's Fury, add-on che, a giudicare dalle premesse, sembra sovvertire la ricetta del gioco base in favore di una più libera struttura open world a isolotti interconnessi, prestito evidente dell'acclamato Super Mario Odyssey (ecco la recensione di Super Mario Odyssey). Catapultato fra gli atolli di una regione, Sgattaiolago, minacciata da un misterioso male color bitume,

    Mario dovrà balzellare in lungo e in largo a caccia dei Solegatti, cimeli necessari a spezzare la maledizione che grava sulla cosiddetta Gigacampana, unico mezzo utile a contrastare un re dei Koopa mai così mastodontico e furibondo. La missione vedrà il nostro baffuto paladino barcamenarsi con un partner alquanto atipico, quel Bowser Junior che, volendo, potrà essere manovrato direttamente da un secondo utente, ad assicurare, qui come in 3D World, una modalità cooperativa in presenza a sostegno del single player. Inutile negare, comunque, che a destare grande curiosità siano specialmente le "fasi di berserker" incentrate sulla rabbia del nero rettile antagonista, prove di resistenza a tempo che richiamano alla mente i cicli di luna insanguinata visti in The Legend of Zelda: Breath of the Wild. Soprattutto, sarà interessante capire come si svolgeranno i momenti di contrattacco: sotto questo aspetto, le immagini dell'ormai ribattezzato Super Saiyan Mario - un Mario Gatto enorme, dorato e crinuto - sono già tutto un programma.

    Super Mario 3D World + Bowser's Fury Super Mario 3D World è un platformer che avrebbe meritato ben altra sorte. Non è un episodio spartiacque, ma un titolo che sa comunque superare ogni più rosea aspettativa iniziale, investendo il giocatore con un’ondata di sorprese ludiche da far strabuzzare gli occhi. Fra ritocchi alla già spassosa componente multiplayer e una proposta aggiuntiva, Bowser’s Fury, come mai sembrano essercene state nella storia del franchise, non c’è dubbio che, a febbraio, i possessori di Nintendo Switch potrebbero avere più di un valido motivo per indossare i panni da micione e “sgattaiolare” fra le nuove e vecchie meraviglie di 3D World, che sia o meno per la prima volta.

    Che voto dai a: Super Mario 3D World + Bowser's Fury

    Media Voto Utenti
    Voti: 21
    8
    nd