Super Mario Maker 2: i migliori cinque livelli ad obiettivi

Cinque livelli basati sulle condizioni di vittoria fra i migliori presenti sul network di Super Mario Maker 2.

speciale Super Mario Maker 2: i migliori cinque livelli ad obiettivi
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Switch
  • Non neghiamo di aver faticato nel fare ricerca per compilare questa specifica top 5. Se avete già smanettato un po' con l'editor di Super Mario Maker 2, dovreste capire il perché: le clear condition (o condizioni di vittoria) studiate dalla Grande N per titillare le fantasie dei maker sono infatti svariate e molto dissimili fra loro, e ad oggi non esistono filtri per catalogarle con criterio. Di lavori amatoriali che utilizzano questa nuova feature con ingegno, qua e là tra i server, se ne possono trovare già tantissimi; e d'altro canto, per i motivi sopraelencati, scremarli fino ad arrivare a una cinquina risulta più che mai un'impresa ai limiti dell'impossibile.

    Più che mai, insomma, prendete questa lista dei cinque migliori stage ad obiettivi come una selezione ragionata ma difficilmente indicativa dell'infinita ricchezza creativa che l'impiego di questa funzione porta in dote. Detto ciò, non commettete l'errore di trascurare questo quintetto di produzioni, a loro modo tutte particolari e alquanto stimolanti.

    5° posizione: Pollice tricolore

    Quando abbiamo steso la classifica dei cinque migliori livelli made in Italy abbiamo deciso nostro malgrado di sacrificare l'opera del creator Volto intitolata im bad with names, che, nonostante possegga un nome terrificante, può certamente farsi vanto di un contenuto ludico piuttosto interessante. Oggi però ci viene offerta l'opportunità di dedicargli un piccolo -ma meritatissimo- spazio, siccome lo stage, ambientato nel deserto di Super Mario 3D World, investe il giocatore di un compito imperativo: quello di eliminare le quattordici Piante Serpiranha sparse nello scenario prima di toccare l'asta di fine percorso.

    ID DEL LIVELLO: P5Q-K9K-42G

    Sarebbe una condizione di vittoria come ce ne sono tante, se le suddette piante carnivore dallo stelo zigzagante non fossero state disposte dall'autore con grande giudizio fra le varie aree dello stage. Per estirparle sarebbe necessario saltar loro in testa finché il loro gambo non risulti completamente ritratto: un'azione che tuttavia Mario non potrà sempre eseguire, laddove sarà invece costretto ad adottare qualche altro stratagemma.

    Per esempio, talvolta sarà necessario balzare su una fila di Serpiranha per raggiungere quelle poste più in altro; in altre istanze bisognerà invece colpire "da remoto" una pianta troppo rialzata, sfruttando la pesantezza di un Twomp in caduta. Il livello è di quelli difficili e intransigenti, il che è comunque giustificato da un level design ben impostato, che sa perfettamente come gratificare gli utenti più capaci.

    4° posizione: L'opera da un soldo

    Brother, Can You Spare A Coin? rappresenta invece l'esatto contrario del livello precedente: sfoggia un titolo buffo, a suo modo stuzzicante, ma in fatto di offerta ludica è quanto di meno elaborato si possa immaginare.

    Eppure ve lo (stra)consigliamo per via del suo concept, uno dei più ironici fra quelli che abbiamo scorto lungo i server di Mario Maker 2: a Mario serve una singola moneta d'oro - per fare cosa, non ci è dato sapere - e l'unico modo per recuperarla è quello di percorrere una location piena zeppa di coin che tuttavia, paradossalmente, l'idraulico non può in alcun modo intercettare.

    ID DEL LIVELLO: FWR-3W8-FVG

    Nella composizione dello statunitense Multitap, le sabbie di Super Mario Bros. 3 tracimano di soldi ingabbiati tra le strutture tubolari, di allettanti dobloni arginati da alcuni blocchi invisibili nonché di tante altre ricchezze crudelmente negate al nostro baffone in cerca di spiccioli. Si tratta di una classica sfida trolleggiante, che però non mira a far impazzire l'utente - come nel caso di alcuni livelli infernali - quanto piuttosto a imbastire una micro-narrazione lineare, con tanto di finale a sorpresa. Se volete farvi quattro risate, trovate il codice di questo splendido contributo sotto il relativo screenshot.

    3° posizione: Il salto proibito

    Persian 13, un maker canadese, ha scelto una delle clear condition più adoperate dai creativi per realizzare il suo No jump treasure hunt!, ovverosia l'impossibilità di completare il livello qualora l'avatar stacchi i piedi da terra, fosse anche per una volta soltanto.

    A differenza di molti lavori dello stesso stampo, però, l'autore ha creato qualcosa di davvero particolare, che per molti versi può facilmente essere visto come un tributo a Captain Toad, il personaggio "non saltellante" nato in Super Mario 3D World (non a caso, è anche lo stile grafico scelto per comporre lo stage). Non è forse un caso che il personaggio - il quale può essere proprio Toad: basta selezionarlo dal menù delle impostazioni - venga subito agghindato con un elmetto da esploratore, cortesia del nuovo power up del Super Martello.

    ID DEL LIVELLO: 1GN-K4D-HJG

    Chiaramente non si tratta di un mero omaggio estetico: con l'attrezzo il personaggio deve avanzare spaccando muri e colpendo nemici, mentre per superare scalini e burroni ha la necessità di affidarsi a blocchi serpentini, nuvolette in moto verticale e altre superfici in movimento. In una sfida del genere il level design fa più che mai la parte del leone, ed è un piacere constatare che quello di No jump treasure hunt! non lesini di soluzioni molto efficaci, perfette per mettere alla prova chi sta giocando passo dopo passo.

    2° posizione: Flipper dei Funghi

    Appartiene al catalogo di Super Mario World una fra le migliori creazioni di Mario Maker 2 in fatto di creatività e colpo d'occhio. Se Boom Boom Pinball figura in questa lista è ovviamente perché prima di solcare il traguardo è necessario che Mario soddisfi una condizione di vittoria ben precisa: deve cioè sconfiggere Boom Boom, il Koopa picchiatore al servizio di Bowser.

    Sarebbe ordinaria amministrazione se l'obiettivo non fosse stato messo all'interno di un contesto unico come quello costruito da Smeed, l'autore svedese di questo stage. Boom Boom si trova infatti incastrato al centro di una versione "mariesca" di un classico flipper, situato completamente al di fuori dell'area entro cui l'idraulico è in grado di saltellare.

    ID DEL LIVELLO: 0XM-KQS-0LF

    Ciò significa che il nostro eroe dai folti baffi non potrà metterlo KO come da tradizione, ossia balzandogli in testa per tre volte. Dovrà invece colpirlo con tre Koopistrici, lanciandoli uno dopo l'altro all'interno della strana struttura arcade, che funziona proprio come un "biliardino elettronico" da bar o da sala giochi anni Ottanta e Novanta.

    A spingere le palline acuminate verso il bersaglio ci penseranno un trampolino che funge da stantuffo, delle ruote di gomma che sostituiscono i respingenti e soprattutto due piani oscillanti a mo' di alette, che possono essere manovrate da Mario aizzando due Twomp posti esattamente sopra le piattaforme. Un'idea semplicemente geniale.

    1° posizione: Mario-vania

    Spesso i lavori che meriterebbero il maggior numero d'interazioni finiscono invece col perdersi fra i meandri del network di Super Mario Maker 2. È anche normale (ad oggi il gioco conta più di cinque milioni di contributi fan made) ma, quando ne abbiamo l'occasione, ci fa sempre piacere suggerirvi qualche perla trascurata come Exploring the Desert.

    È oltretutto un bell'esempio di come una clear condition apparentemente banale - la sfida consiste nel collezionare otto medaglioni da dieci prima di recarsi all'uscita - possa donare grande carattere a uno stage, a patto di declinarla come si deve all'interno del setting.

    ID DEL LIVELLO: WFC-SNY-K8G

    Che è poi quello che ha fatto il realizzatore del livello, l'americano Otterz: in estrema sintesi, ha preso le otto "monetone" e le ha sparse in un'ambientazione di Super Mario 3D World strutturata per spronare il giocatore a un backtracking intelligente, dove il ritrovamento di specifici oggetti e power up è la chiave per accedere a zone precedentemente bloccate da impedimenti altrimenti impossibili da rimuovere. Exploring the Desert è quindi una sorta di metroidvania in miniatura che, facendo leva su scelte di game design ragionate ed efficacissime, coinvolge fino all'ultimo soldo conquistato. Assolutamente da non sottovalutare.

    Che voto dai a: Super Mario Maker 2

    Media Voto Utenti
    Voti: 47
    7.6
    nd