Sword Art Online Fatal Bullet: analisi del DLC Ambush of The Imposters

Il primo DLC di Sword Art Online: Fatal Bullet ci ha riportati nel mondo di Gun Gale Online per dare inizio ad una nuova ma deludente avventura...

speciale Sword Art Online Fatal Bullet: analisi del DLC Ambush of The Imposters
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Seguendo l'esempio dei suoi due più recenti predecessori e della maggior parte dei titoli prodotti oggigiorno da Bandai Namco Entertainment e dai suoi molteplici team di sviluppo, Sword Art Online: Fatal Bullet, lo scorso febbraio, è approdato sul mercato con un Season Pass che prometteva contenuti post-lancio atti soprattutto ad ampliare il non troppo soddisfacente canovaccio narrativo del prodotto. A distanza di tre mesi dall'uscita del gioco principale, lo sviluppatore ci propone finalmente Ambush of The Imposters, il primo di tre DLC episodici che dovrebbero raccontare una storia inedita ambientata nell'affascinante mondo di Gun Gale Online, ossia il VRMMORPG scelto da Kirito e compagni come scenario della loro ultima avventura. Incuriosi dalle promesse del colosso nipponico, ci siamo avventurati in questo primissimo contenuto aggiuntivo a pagamento, con la vana speranza che si rivelasse piuttosto corposo e che portasse sul piatto tante attività secondarie. Qualcosa, però, è andato storto.

    L'inizio di una grande(?) avventura

    Avviabile dal menu principale dopo aver sbloccato il "Bosco Dimenticato" e cronologicamente collocabile poco prima dello scontro finale a bordo della nave spaziale SBC Flügel, il DLC Ambush of The Imposters, almeno di primo acchito, appare quasi scollegato dalla trama principale, in quanto racconta al giocatore una storia inedita e priva di riferimenti agli eventi narrati in Sword Art Online: Fatal Bullet. La vicenda ha infatti inizio nella città principale di GGO, dove da qualche tempo si è sparsa la voce secondo cui alcune cosiddette ArFA-sys - NPC di supporto assegnate a ciascun giocatore - di natura ostile abbiano infine fatto la loro comparsa, seminando informazioni fasulle e attaccando i giocatori incauti. Attirati dal bizzarro fenomeno che sembra aver coinvolto in qualche modo persino l'ArFa-sys del nostro avatar, Kirito e compagni decidono - tanto per cambiare - di ficcanasare sulla faccenda e trovare una spiegazione dietro gli avvistamenti, che secondo le masse sarebbero soltanto l'inizio di una potenziale guerra tra il popolo della SBC Glocken, rappresentato dai giocatori del VRMMORPG, e quello della SBC Flügel, ossia tutte le varie tipologie di ArFa-sys.
    Completabile in meno di sessanta minuti, filmati inclusi, Ambush of The Imposters si è concluso bruscamente proprio quando la debole storia cominciava a ingranare, rivelandosi soltanto un misero preambolo di una nuova avventura che, quantomeno, appare intenzionata ad esplorare il passato di un personaggio chiave assai trascurato dalla trama principale, dando infine un senso ed un movente alle sue machiavelliche azioni. La durata complessiva dell'avventura, a giudicare da questo primo episodio assai deludente, potrebbe tuttavia rivelarsi eccessivamente esigua, non riuscendo di conseguenza a giustificare l'esoso prezzo cui DLC e Season Pass sono già proposti su PlayStation Store, Xbox Games Store e Steam.

    Come se non bastasse, com'era già avvenuto per i contenuti aggiuntivi di Sword Art Online: Hollow Realization, Ambush of The Imposters è affetto da un bilanciamento generale a dir poco incongruo, che pertanto complica l'esplorazione del nuovo dungeon anche ai livelli di difficoltà inferiore. Mentre lo scontro col boss finale del Tempio Dimenticato si è dimostrato una sfida banale e noiosa, il percorso compiuto per giungere al cospetto della mastodontica creatura ha più volte rischiato di interrompere in pochi istanti l'avanzata del nostro più che preparato team, costringendoci troppo spesso ad elaborare strategie fantasiose (e talvolta un po' vigliacche) che compensassero la scarsa intelligenza artificiale dei compagni.

    Campioni dell'anonimato

    Assieme al suddetto DLC, lo sviluppatore Dimps, nelle ultime settimane, ha diffuso un aggiornamento gratuito che, oltre a risolvere determinati problemi ed a elevare il livello massimo raggiungibile dai giocatori, ha portato con sé tre nuovi personaggi, qualche modalità inedita, e tutta una serie di nuovi oggetti che spaziano dall'inventario alle capigliature con cui personalizzare il proprio avatar.
    Per la gioia dei fan più sfegatati dell'anime omonimo, Fatal Bullet, com'era già successo per i quattro protagonisti di Sword Art Online Alternative: Gun Gale Online, ha accolto tre dei personaggi introdotti nel corso dell'evento Bullet of Bullets di Sword Art Online II: i campioni di GGO noti come Dyne, Yamikaze e Musketeer X.

    Seppur dotati di un innegabile carisma, i tre pistoleri leggendari che da questo momento potranno accompagnare i giocatori durante le loro scorribande ci sono parsi tuttavia dei meri manichini privi di alcun ruolo, in quanto il gioco non propone alcuna missione secondaria che li veda protagonisti, impedendo a chiunque non abbia visionato la seconda stagione dell'anime di comprenderne i dettagli fondamentali della caratterizzazione.
    Già più interessanti sono invece le nuove modalità aggiunte con l'update: il Deathmatch e lo stesso Bullet of Bullets. Come suggerito dal nome, il primo consente a due squadre di quattro utenti ciascuna di sfidarsi in vivaci scontri online all'ultimo sangue, dove i partecipanti potranno utilizzare sia i propri avatar personalizzabili che i classici protagonisti del brand.
    Inventato dallo stesso Reki Kawahara, autore di Sword Art Online, il Bullet of Bullets è invece una riproposizione abbastanza fedele dell'evento affrontato, nella serie, da Kirito e Sinon durante il noto incidente di Death Gun: utilizzando l'avatar, i giocatori parteciperanno a vere e proprie battle royale, in cui l'obiettivo sarà sconfiggere gli avversari e rimanere in piedi fino al termine della competizione. Piuttosto divertente e fedele all'originale, la modalità ha però un grosso difetto: è interamente offline. Di conseguenza, potrete affrontare Kirito e tutti gli altri personaggi del gioco, ma scordatevi (almeno per ora) di competere contro schiere di giocatori pronti a dimostrare il proprio valore all'interno di un'arena online.

    Sword Art Online: Fatal Bullet Che Ambush of The Imposters fosse soltanto il primo episodio di una storia narrata in tre parti, e che si svilupperà nei prossimi mesi, era chiaro fin dal principio, ma ci ha sorpresi non poco - e in senso prettamente negativo - scoprire l’esigua mole di contenuti posti sul piatto dal prodotto. Paragonata agli ottimi DLC di Hollow Realization, che offrivano 20 ore di gioco ciascuno, la nuova proposta di Bandai Namco si è dunque dimostrata insoddisfacente, portandoci a sospettare che la scelta di dividere in tre segmenti il contenuto aggiuntivo possa avere intaccato non poco la qualità (e quantità) dell’esperienza.

    Che voto dai a: Sword Art Online: Fatal Bullet

    Media Voto Utenti
    Voti: 16
    6.2
    nd