The Elder Scrolls Online Flames of Ambition: tour del dungeon The Cauldron

Abbiamo visitato il dungeon The Cauldron nella nuova espansione dell'MMO di Zenimax, tra trappole e nemici. Ecco cosa ci aspetta!

The Elder Scrolls Online Flames of Ambition: tour del dungeon The Cauldron
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
  • Xbox One X
  • PS4 Pro
  • PS5
  • Stadia
  • Xbox Series X
  • Il prossimo 8 marzo (il 16 per Xbox e PlayStation) uscirà Flames of Ambition, dungeon pack introduttivo alla nuova stagione di The Elder Scrolls Online (qui il nostro speciale sul DLC Cancelli dell'Oblivion di ESO). I due dungeon inclusi nel pacchetto sono Black Drake Villa, in cui si visitano gli archivi di una antica villa nel tentativo di salvare dei tomi preziosi da un incendio, e The Cauldron, dove è richiesto di metter fine ai rituali diabolici dell'Order of the Waking Flame. Nel consueto appuntamento con gli sviluppatori poco prima dell'uscita del DLC, abbiamo fatto un rapido tour in The Cauldron mentre ci venivano illustrate le sue caratteristiche: vi anticipiamo sin da subito che si tratta di un sotterraneo piuttosto standard, presentando al suo interno cinque boss (l'ultimo dei quali può essere affrontato in hard mode) e qualche semplice puzzle ambientale, come da tradizione.

    Contesto narrativo e primi boss

    Il racconto di The Cauldron vede il ritorno di Lyranth, un personaggio apprezzato dagli appassionati già visto in Imperial City.

    Lyranth è una Dremora (un tipo di Daedra, esseri che abitano nel piano dell'Oblivion) che raramente si immischiano nelle questioni dei mortali: in questo caso, tuttavia, sembra interessarsi alla richiesta di Drathas, un elfo oscuro che ha riportato la scomparsa di alcune persone nei pressi del suo villaggio ed è intenzionato a ritrovare suo zio e suo padre. Ovviamente Lyranth ha altre motivazioni, probabilmente legate al coinvolgimento dell'Order of the Waking Flame, un gruppo di cultisti adoratori dei Daedra responsabile dei rapimenti. La prima parte del dungeon è ambientata in una caverna ampia costellata di arbusti e alti funghi, l'aspetto è simile a quello della regione di Morrowind (il dungeon si trova a Deshaan, proprio una delle zone di Morrowind). Questo è il luogo in cui vengono raccolti i prigionieri e pertanto, sparsi lungo l'ambientazione, si possono osservare delle gabbie dietro palizzate sorvegliate da cultisti e creature daedriche. Il primo boss è Oxblood the Depraved, un grosso mostro che possiede gabbie tutt'intorno, alcune delle quali pendono anche dalla volta sopra la sua arena, a suggerire a quali torture possano essere andati in contro i prigionieri.

    Il boss è piuttosto semplice e dà vita a un combattimento poco dinamico, in cui le uniche vere minacce sono le terribili flatulenze di Oxblood. Bisogna inoltre tenere sotto controllo delle melme verdastre ai bordi dell'arena: se ingurgitate dal nemico, questo entra infatti in uno stato di furia che lo rende più difficile da fronteggiare. La battaglia non risulta particolarmente creativa, tuttavia funge da efficace riscaldamento per la seconda parte del dungeon, dove le cose si fanno un tantino più complesse. Qui i cultisti, difatti, hanno punteggiato il terreno con delle trappole magiche che bloccano sul posto chi le calpesta.

    ZeniMax Online si appoggia spesso a soluzioni di design che consentono anzitutto di testare una minaccia in un posto relativamente sicuro, in maniera tale da farci giungere più preparati quando incontreremo il medesimo pericolo durante i combattimenti o nel corso di una boss fight. Anche in The Cauldron lo schema è lo stesso: le trappole si fanno sempre più dense via via che ci sia avvicina allo scontro col boss, un combattimento che è in buona parte basato sulla capacità di identificare ed evitare la minaccia.

    Il boss è Taskmaster Viccia, un'imponente elfa oscura incaricata di condurre i prigionieri nei luoghi più interni delle caverne. Lo scontro con questa creatura, anche se non particolarmente brillante, è perlomeno più attivo del primo: si basa su una tattica di toccata e fuga, in cui occorre schivare grossi attacchi ad area e le trappole statiche, per poi attaccare Viccia a testa bassa fin quando non è a terra esanime.

    La terza parte del Dungeon

    La terza parte del dungeon comincia ad acquisire toni che ricordano i luoghi dell'Oblivion. Permangono le caratteristiche di Morrowind, come i funghi giganti, però tutto intorno al percorso scorre un flusso di lava.

    Ci si accorge di essere arrivati al cospetto di un grosso santuario interno quando si viene interrotti da una porta in pietra serrata da un incantesimo. Lyranth riesce a dissolverlo, ma viene catturata da Baron Zaudrus, un grosso Daedra nonché il boss finale di The Cauldron. Anche la terza boss fight, che avviene subito dopo la scena della cattura, la annovereremmo tra quelle meno riuscite: si combatte in un isolotto in mezzo a un fiume di lava, mentre un Molten Guardian, un golem di lava e roccia, evoca incantesimi di fuoco e lancia getti di magma contro gli aggressori. Nelle parti finali dello scontro, il nemico inizia a sdoppiarsi e a velocizzare i suoi movimenti, ma ciò non riesce a migliorare un duello scarsamente intrigante dal punto di vista delle meccaniche e del design del boss.

    Superato il Molten Guardian si arriva nel quartier generale dell'Order of the Waking Flame. Gli stendardi dei cultisti si vedono da lontano, i mostri diventano più numerosi e forti. La quarta boss fight è in un'arena circondata da alti templi. Al centro si trova la prigione in cui è stata intrappolata Lyranth: non un normale luogo di reclusione, ma una sfera d'energia alimentata da cinque pilastri.

    Questo è il combattimento più orientato al puzzle dell'intero dungeon, dal momento che è richiesto di spargere un fluido infiammabile e di creare una striscia che collega la base della prigione al centro dell'arena e uno dei pilastri che l'alimentano ai lati. Le scariche d'energia emesse dalla gabbia danno infatti fuoco al liquido e consentono di distruggere i generatori. Quando uno di questi viene distrutto, si attiva uno sciame di mostri. La boss fight - che è più che altro un combattimento a ondate - è molto schematica, ma può essere gestita liberamente dal party (per esempio si può provocare l'esplosione di due generatori contemporaneamente e affrontare più assalti tutti insieme).

    Nella parte finale del dungeon, quando oramai si capisce di essere arrivati nel santuario più interno, gli sviluppatori tornano a telegrafare alcune meccaniche, questa volta rappresentate da pilastri di lava distruttibili che bloccano dei passaggi. Il combattimento con Baron Zaudrus, l'unico che ci ha pienamente soddisfatto in The Cauldron, prevede infatti di fuggire da muri di fuoco che ruotano attorno a un perno centrale, mentre l'avversario continua a colpire con le sue abilità e a evocare pilastri di lava per bloccare gli spostamenti.

    È finalmente una battaglia imprevedibile, che richiede coordinazione e che si svolge in un setting affascinante: un santuario interno dedicato al Principe della Distruzione e circondato da altissime colonne.

    The Elder Scrolls Online Blackwood The Cauldron è sicuramente un dungeon che beneficia della consueta cura per i panorami che ormai contraddistingue The Elder Scrolls Online. Rispetto ad altri sotterranei che abbiamo provato in passato, tuttavia, ci è sembrato meno interessante dal punto di vista delle meccaniche e del design dei boss. Non abbiamo avuto occasione di provare Black Drake Villa, e pertanto ci auguriamo che almeno questo dungeon, che da quanto ci è stato detto possiede una struttura un po’ meno canonica, possa rivelarsi all’altezza delle aspettative. Infine, contemporaneamente a Flames of Ambition, arriverà una patch che modificherà il sistema dei Champion Point, per questioni di bilanciamento e prestazioni, nonché un aggiornamento tecnico volto a migliorare la stabilità del codice. E ovviamente noi saremo sempre pronti a rituffarci, ogni volta che sarà necessario, nel mondo di The Elder Scrolls Online per testarne tutte le novità.

    Quanto attendi: The Elder Scrolls Online Blackwood

    Hype
    Hype totali: 11
    71%
    nd