The Sandbox: un Metaverso dalle potenzialità infinite

Tra i tanti metaversi in fase di creazione, The Sandbox è già uno dei più intriganti. Come funziona e quali sono le sue prospettive?

The Sandbox: un Metaverso dalle potenzialità infinite
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Pc
  • L'Era del metaverso è arrivata. Nelle ultime settimane si è del resto parlato spesso di argomenti come realtà virtuale e blockchain, divenuti più popolari che mai. Il futuro su cui punta Mark Zuckerberg con Meta assieme a investitori, sviluppatori e artisti è però ancora alquanto vago. Definire un orizzonte chiaro, allo stato attuale, potrebbe dunque risultare arduo, eppure - rimanendo entro i limiti della blockchain - troviamo già esempi illustri di approcci ibridi e ludici volti a garantirne una maggiore diffusione e popolarità, anche tra coloro che non si sono ancora avvicinati a questa dimensione. Uno dei più promettenti è The Sandbox: scopriamo insieme in cosa consiste.

    Quando videogame e blockchain si uniscono

    Il progetto attuale nasce da due titoli per smartphone chiamati rispettivamente The Sandbox, pubblicato nel 2011 e scaricato su oltre 10 milioni di dispositivi Android, e The Sandbox Evolution, prodotto del 2019 e anch'esso con oltre 10 milioni di download su smartphone.

    In entrambi i videogiochi, gli utenti potevano sbizzarrirsi con la creazione di un mondo 2D in pixel-art, sia seguendo specifici obiettivi sia agendo in completa libertà. The Sandbox, oggi come allora, è un gioco tanto bello da vedere quanto intuitivo da giocare. Quest'avventura è servita come base agli sviluppatori e ai publisher di Pixowl che, mantenendo la medesima esperienza ludica dove ogni utente può creare il suo mondo e condividerlo con la community, intendono imporsi sul mercato "garantendo ai creatori la vera proprietà delle loro opere come non-fungible-tokens (NFT) e premiandoli per la loro partecipazione all'ecosistema". Il nuovo mondo di The Sandbox è ben definito sotto ogni punto di vista: un'esperienza 3D che pesca dal concept dall'omonimo titolo per smartphone, però in voxel art (ovvero pixel volumetrici), ed è pullulante di contenuti user-generated accessibili a tutti, sia in forma di arte sia come modalità di gioco personalizzate.

    Per costruire gli asset di gioco, The Sandbox si affida al software proprietario e gratuito VoxEdit. Il suo utilizzo è semplice e non mancano numerosi tutorial firmati Pixowl per fornire agli artisti le nozioni base ed essenziali del programma. Una volta creato il contenuto d'interesse, che sia esso una spada, un ciliegio in fiore, un dinosauro o un negozio, l'utente potrà esportarlo sul Marketplace ufficiale per permettere a chiunque di acquistarlo come NFT.

    Si introduce così il concetto di ASSET, NFT registrati con standard ERC-1155 su Ethereum. L'ASSET verrà caricato in una rete IPFS, InterPlanetary File System, un protocollo e rete peer-to-peer per archiviare e condividere dati identificandoli con un codice univoco, su piattaforma decentralizzata. Verrà poi registrato sulla blockchain per dimostrare la sua proprietà da parte del creatore e, in caso di acquisto, dall'acquirente.
    Oltre agli ASSET, l'utente potrà creare modalità di gioco in maniera completamente gratuita grazie al Game Maker sviluppato appositamente per il Metaverso di The Sandbox. Chiunque avrà modo di accedere a tale strumento, il quale non richiede alcuna abilità di programmazione e include guide e utility per l'apprendimento rapido e semplificato. Esattamente come gli ASSET, anche i giochi possono essere monetizzati richiedendo ai giocatori una tassa per parteciparvi. Per praticità, identificheremo i giochi come GAMES, anch'essi registrati come Smart Contract sulla blockchain Ethereum con standard ERC-1155.

    Le LAND e le azioni da svolgere

    ASSET e GAMES, a loro volta, si collocano in appezzamenti di terreno dalla dimensione pari a 96x96x128 metri, vale a dire 3072x3072x4096 voxel, detti LAND. Il Metaverso di The Sandbox è formato esattamente da 166.464 LAND contenuti in una mappa unica.

    Una volta in possesso di un riquadro, anche questo registrato come NFT ma su ERC-721, gli utenti potranno eseguire le azioni elencate di seguito. Ve le riassumiamo in maniera più semplice e schematica possibile ai fini di una maggiore chiarezza espressiva.

    Giocare e creare giochi: all'interno di un LAND è possibile dare vita allo spazio sociale che si desidera, da un ambiente per chattare con altri utenti fino a un mondo fantastico dove combattere con draghi e mostri.
    Guadagnare token: un utente può decidere se limitare l'accesso al LAND facendo pagare il biglietto in SAND, oppure affittarlo ai creatori di GAMES, rendendo gli appezzamenti una fonte di entrate passive. Allo stesso modo, i proprietari di GAMES potranno monetizzarli per pagare l'affitto e trarne profitto.
    Partecipare alla governance del Metaverso: possedere un appezzamento LAND permette di prendere parte al processo decisionale di The Sandbox che, da piattaforma nata per mano della community, riceve novità e cambiamenti a seconda del volere della comunità stessa.
    Ospitare concorsi ed eventi: l'utente può preparare attività personalizzate grazie alle quali ottenere ricompense speciali.

    L'acquisto di LAND, come succede per gli asset finanziari, rappresenta un vero e proprio investimento in formato digitale. Acquistandone più di uno sarà possibile accedere a un ESTATE, gruppo di appezzamenti in formato 3x3, 6x6, 12x12 o 24x24. Più ESTATE gestiti da più giocatori in futuro potranno divenire un DISTRICT o Distretto. Per formarlo è necessario che ci siano almeno due proprietari ben distinti che avranno diritto a promulgare speciali regole di governance per ogni esperienza all'interno del Distretto. Così facendo, in The Sandbox potranno emergere organizzazioni autonome decentralizzate, o DAO.

    SAND e altri token

    Già nominato più volte, SAND, o $SAND è il vero fulcro su cui si basa The Sandbox. Si tratta di un token ERC-20 disponibile dall'agosto 2020 e utilizzato per qualsiasi transazione interna all'ecosistema del videogioco. Giocatori, sviluppatori e publisher utilizzeranno SAND come valuta di The Sandbox, trasferibile un numero illimitato di volte per transazioni P2P come l'acquisto o la vendita di LAND o ASSET, o anche l'accesso a GAMES. Caratteristica chiave del token è la potenziale crescita nel valore a causa della sua limitata disponibilità: si contano, infatti, 3 miliardi di $SAND per gli utenti.

    Qualsiasi transazione in SAND prevede una tassa di transazione del 5%, di cui il 50% va allo Staking Pool e la parte restante alla Foundation. La Foundation è costituita dai fondatori stessi di The Sandbox e tali entrate permettono di supportare l'ecosistema di The Sandbox offrendo continuamente esperienze di gioco e contenuti aggiuntivi di alta qualità. Lo Staking Pool, invece, è una porzione di SAND progettata come fondo per pagare gli interessi di staking degli utenti.

    Per ottenere SAND ci sono vari metodi, oltre alle meccaniche in-game dette in precedenza. Il più semplice prevede l'acquisto attraverso piattaforme di exchange come Binance, Crypto, Huobi e Poloniex. In altre parole, sarà necessaria una spesa iniziale in valuta reale.

    Altri metodi per guadagnare SAND all'interno di The Sandbox consistono nell'iscrizione al programma Ambassador della piattaforma, con il compito di educare la community e moderare i canali social, oppure nell'offrire feedback sui vari servizi firmati The Sandbox. Altrimenti, ci saranno anche concorsi e sfide interne al gioco, o ancora il programma Referral con cui ottenere il 10% del valore degli acquisti effettuati dagli utenti invitati nei loro primi 30 giorni dopo l'iscrizione. Altri token ERC-20 della piattaforma sono GEMS e CATALYSTS ed entrambi servono a definire il livello di un ASSET e la sua rarità. I CATALYSTS sono quattro (Common, Rare, Epic, Legendary) e stabiliscono quante Gemme possono avere, quanti attributi e quante copie rendere disponibili nel Marketplace; le Gemme, invece, sono cinque (Power, Defence, Speed, Magic e Luck) e sono necessarie al fine di attribuire specifiche caratteristiche a un ASSET. Per esempio, un dinosauro Legendary sarà disponibile in sole 200 copie e avrà quattro slot GEM. Ponendone due di tipo Power e due Defence, l'acquirente saprà che quell'ASSET offrirà tali performance in un suo gioco.

    L'economia di The Sandbox

    Gli sviluppatori hanno posto dei limiti all'economia di The Sandbox: esiste un numero specifico di LAND, non soggetto ad aumenti futuri, e anche una quantità specifica di SAND. In aggiunta, le LAND sono state vendute agli investitori interessati in una serie di round già giunti a conclusione. The Sandbox ha infatti suddiviso le sue 166.464 LAND in tre partizioni: anzitutto la quantità disponibile a tutti gli utenti, pari a 123.840 LAND (ovvero il 74% del totale), poi le LAND di proprietà di The Sandbox (il 10% del totale), e infine una riserva di 25.920 LAND (ovvero il 16%, distribuita esclusivamente a partner, content creator e giocatori come ricompensa).

    La prima partizione è stata venduta in 5 round di prevendita distinti, a partire da un prezzo ridotto del 40% rispetto al listino, il quale ammonta a 48 Dollari. Conclusi i round, avvenuti tra il 4 dicembre 2019 e il 12 novembre 2020, l'intero pool di LAND è stato venduto a giocatori e investitori.
    La politica seguita è stata quella del "chi prima arriva, meglio alloggia", come si suol dire. Un modo intelligente per premiare chi ha voluto investire su The Sandbox già dalla sua nascita.

    Partner e iniziative di The Sandbox

    Tra gli investitori figurano anche nomi importanti appartenenti all'industria videoludica e non solo. Sin dal febbraio 2020, The Sandbox ha continuato ad annunciare regolarmente partnership con molteplici realtà: il tutto è iniziato con giochi arcade e RPG come Light Trail Rush, Crypto Sword & Magic e League of Kingdoms. Il primo gigante che ha voluto investire su The Sandbox è stato Atari, il quale ha sfruttato il Game Maker interno per ricreare giochi iconici come Pong, Centipede, Asteroids e Super Breakout. Nel settembre 2020 si sono unite ben 7 realtà differenti: dal wallet Arkane Network a Cointelegraph, passando anche per il marketplace Lootex e per la piattaforma Community Gaming.

    I tanti investitori di The Sandbox

    Le grandi sorprese sono giunte dal settembre 2020 in poi, quando The Sandbox annunciò la collaborazione con The Smurfs (da noi conosciuti come i Puffi), per la creazione di villaggi a tema su LAND e ASSET speciali dedicati alla community di creatori. O ancora, alla lista si sono aggiunti F1 DeltaTime, il browser Opera e altri grandi nomi come CryptoKitties, Shaun the Sheep, RollerCoaster Tycoon World e Square Enix, tutti proprietari di LAND esclusive. A fine 2020, invece, The Sandbox ha svelato la partnership con CoinMarketCap lanciando una campagna educativa sul videogioco e sulle sue meccaniche di compravendita di NFT, distribuendo 10 milioni di token SAND come ricompensa ai primi 40.000 utenti.

    Nel 2021 The Sandbox ha poi annunciato la partnership strategica con il noto portale South China Morning Post, con il leggendario rapper Snoop Dogg, con la gaming venture Pixelynx fondata da Richie Hawtin e deadmau5, e con Skybound Entertainment per portare The Walking Dead nel Metaverso The Sandbox, tra ASSET, avatar e iconici personaggi del fumetto. A oggi, persino il Manchester City e gli Avenged Sevenfold possiedono una serie di LAND all'interno di The Sandbox.

    A inizio novembre 2021, The Sandbox ha svelato un round di investimenti per un totale di 93 milioni di Dollari, guidato dal Softbank Vision Fund 2. Grazie a questo budget aggiuntivo, l'ecosistema e Metaverso di The Sandbox potrà espandersi più rapidamente: al momento si prevede il coinvolgimento di migliaia di creatori e di artisti, senza contare sei studi di sviluppo e la creazione di nuovi posti di lavoro attraverso il modello play-to-earn.Risulta dunque evidente la portata del Metaverso ancora in fase di sviluppo e popolazione, che allo stato attuale conta oltre 30.000 utenti attivi mensilmente, di cui il 50% passa più di un'ora al giorno in-game. Oltre 100 artisti hanno venduto NFT per un totale di 2,2 milioni di $SAND e The Sandbox ha pagato più di 2,5 milioni di $SAND a circa 30.000 content creator, creatori di ASSET tramite VoxEdit e di giochi con Game Maker.

    Il fattore "ecologia" giocherà inoltre a favore di The Sandbox. La partnership annunciata con Polygon lo scorso giugno ha consentito ai creatori del titolo di migrare a nuove soluzioni NFT eco-friendly che utilizzano cento volte meno energia rispetto allo standard precedente. Oltretutto, The Sandbox ha iniziato ad acquisire carbon credits per compensare le emissioni con rimozioni di carbonio tramite piattaforme basate su blockchain, come Nori e Offsetra, fornendo la massima trasparenza a utenti e investitori. Infine, è stata rinnovata la collaborazione con WeForest impegnandosi a cedere l'1% del ricavato dalla vendita di LAND, calcolata per ogni ettaro acquistato dagli utenti, per proteggere e ripristinare le foreste in Etiopia, Zambia e Brasile.
    Il tutto ha portato alla conferma del lancio della Alpha di The Sandbox, pianificato per il 29 novembre 2021: si tratterà di un evento aperto a tutti i giocatori su base pluri-settimanale, con durata prevista fino al 20 dicembre 2021, seguendo sempre il modello play-to-earn.

    Nel corso di questo test, i giocatori potranno acquistare un ticket NFT chiamato "The Alpha Pass", necessario per accedere alle 18 esperienze interne a The Sandbox sviluppate dalla Foundation stessa. Vivendole interamente sarà possibile aggiudicarsi fino a 1000 $SAND e 3 NFT esclusivi. Anche i giocatori senza Pass potranno vivere 3 delle 18 esperienze selezionate e divertirsi con altri giocatori nell'Alpha HUB tra quest, chat e altro ancora. Questi ultimi, però, non riusciranno ad accedere alle ricompense.
    Per acquistare l'Alpha Pass sarà necessario partecipare al Raffle esclusivo per i possessori di LAND, oppure tentare la fortuna con i contest avviati sui canali Discord e Twitter di The Sandbox. Una terza soluzione consiste nel far proprio l'Alpha Pass su OpenSea, sperando che altri utenti decidano di venderli.

    Quanto può crescere The Sandbox?

    I margini di crescita e il potenziale di The Sandbox sono notevoli e ci permettono di comprendere come questa piattaforma possa candidarsi come un nuovo Metaverso ricco di esperienze ludiche e sociali, dove unirsi al resto della community e creare nuovi contenuti sempre più intriganti. L'interesse di partner cruciali è evidente e già dimostrato, nel corso di soltanto due anni, da colossi appartenenti a mercati differenti. I punti di forza di accessibilità, chiarezza negli intenti del team e della politica "dalla community, per la community" serviranno a guidare lo sviluppo di questo promettente Metaverso.

    Il test dell'Alpha sarà essenziale in quanto consentirà a chiunque di intuire le possibilità offerte da The Sandbox, oltre che alla Foundation per comprendere come muoversi verso il rollout graduale e globale nel primo trimestre del 2022. Dopodiché, la roadmap ufficiale prevede il lancio dei primi concerti virtuali con deadmau5 e Snoop Dogg nella prima metà del prossimo anno, assieme al gioco ufficiale di The Walking Dead.

    Sempre nella prima metà del 2022 dovrebbe vedere la luce la DAO, ovvero la governance dei giocatori verso la decentralizzazione di The Sandbox. Alla fine del 2022, dunque, il gioco dovrebbe approdare su smartphone e arricchirsi con i token della community. La visione a lungo termine per i prossimi due lustri è di "diventare uno dei principali Metaversi aperti", pareggiando i modelli centralizzati dei rivali e superandoli con migliaia di esperienze migliori, lanciando NFT tramite ASSET e coinvolgendo sempre più community.

    The Sandbox è insomma certamente una delle realtà basate su blockchain più interessanti da osservare e a cui prendere parte già da oggi. Sarà in grado di soddisfare le aspettative?

    Quanto attendi: The Sandbox

    Hype
    Hype totali: 6
    72%
    nd