Xenoblade Chronicles Definitive Edition: approfondiamo il combat system

Il sistema di combattimento di Xenoblade Chronicles potrebbe mettere in soggezione i nuovi giocatori, ma non c'è nulla di cui preoccuparsi.

speciale Xenoblade Chronicles Definitive Edition: approfondiamo il combat system
Articolo a cura di
Disponibile per
  • Switch
  • Se avete letto la nostra recensione di Xenoblade Chronicles Definitive Edition, saprete che il titolo di Monolith giunto in esclusiva su Nintendo Switch offre un combat system che si distacca dai classici canoni dei giochi di ruolo giapponese. Presentando un ibrido action che pesca a piene mani dagli impianti degli MMO, l'opera nasconde dietro a un'apparente semplicità delle meccaniche complesse e stratificate: sebbene il gioco introduca gradualmente i vari elementi di gameplay e sia ricco di tutorial consultabili in qualsiasi momento, l'impatto iniziale può essere leggermente ostico. Cerchiamo quindi di fare chiarezza sul funzionamento degli scontri in Xenoblade e sul modo con cui preparare al meglio il proprio party per avere la meglio sui pericoli dell'ambientazione.

    Attacchi e abilità

    A differenza dei classici JRPG, in Xenoblade il combattimento avviene in tempo reale: piuttosto che prendere parte a incontri casuali che ci trasporteranno in un'arena appositamente circoscritta per i duelli, tutto avverrà senza transizioni all'interno della mappa di gioco. Mostri e nemici sono visibili durante l'esplorazione e per iniziare un combattimento basterà avvicinarsi ai bersagli.

    Non tutti i mob avranno tuttavia un atteggiamento aggressivo nei nostri confronti, soprattutto se le creature saranno di livello inferiore al nostro: in questo caso, spetterà dunque al giocatore estrarre l'arma e attaccare per primo. Così facendo, avremo la possibilità di incitare la squadra tramite l'esecuzione di un QTE. Queste piccole prove a tempo, eseguibili anche nel mezzo della battaglia, serviranno per aumentare il livello di tensione del team, ovvero il morale dei 3 lottatori, rappresentato graficamente dal ritratto dei protagonisti vicino le loro statistiche. Incrementando questo parametro i membri del gruppo affronteranno con maggiore intensità lo scontro, migliorando ad esempio la capacità di infliggere un colpo critico.

    Una volta dato il via al combattimento, il leader del party - l'unico di cui avremo il diretto controllo - eseguirà gli attacchi in automatico, a condizione che si trovi nel giusto range di azione. È fondamentale capire quindi che in Xenoblade la priorità assoluta va data al posizionamento rispetto al nemico, non solo per mettere a segno gli auto-attacchi, ma anche per sfruttare al meglio le Tecniche. Quest'ultime sono abilità che, dopo l'attivazione, avranno bisogno di un periodo di ricarica prima di poter essere selezionate nuovamente.

    Molte Tecniche posseggono degli effetti bonus in base alla parte del nemico che colpiremo: ad esempio se Shulk eseguirà un "affondo ardito" stando di fianco al proprio bersaglio, non solo causerà del danno ma ne abbasserà anche le statistiche della difesa fisica. Un punto esclamativo all'interno del cerchio dell'abilità segnalerà la possibilità di infliggere un malus aggiuntivo dettato dal posizionamento.

    L'abilità centrale dei personaggi è quella "speciale" che rende unico ogni protagonista. Nel caso di Shulk sbloccheremo ben presto i poteri della Monade che lo renderanno in grado di prevedere il futuro, in maniera tale da donargli un breve lasso di tempo con cui potrà prepararsi adeguatamente per contrastare le offensive mortali dei nemici. Evitando la disfatta si incorrerà anche in un significativo bonus dell'intensità del party. Le abilità speciali sono un incentivo non da poco per sperimentare tutti i personaggi giocabili , selezionandoli come leader da comandare in prima persona.

    Le combo e assalti di gruppo

    Alcune abilità permetteranno di concatenare degli specifici status, ovvero fiaccamento, atterramento e stordimento. Passando da uno all'altro potremo eseguire l'unica combo disponibile in Xenoblade, e progressivamente indeboliremo la capacità offensiva e difensiva del bersaglio. Per riuscire a stordire un nemico è quindi fondamentale coordinare bene la propria squadra, a partire dalle Tecniche selezionabili in battaglia.

    Ad esempio il giocatore può fiaccare il nemico con Shulk e poi attendere che la CPU esegua una specifica abilità per passare all'atterramento e poi stordire definitivamente l'avversario. C'è una finestra di tempo entro cui infliggere il malus successivo, rappresentata da una barra ad esaurimento nella parte alta dello schermo, e sebbene l'intelligenza artificiale non sia sempre responsiva, nella maggior parte dei casi tenterà di portare avanti le combo iniziate dal giocatore.

    Altro elemento da tenere in considerazione durante un combattimento è la barra di gruppo, un indicatore tripartito che, se caricato al massimo, consentirà di lanciarsi in degli Assalti di Gruppo. Questi sono degli attacchi combinati che non solo fermeranno momentaneamente il tempo di gioco, ma permetteranno anche di eliminare tutte le attese per la ricarica delle Tecniche.

    Inoltre, combinando Tecniche dello stesso colore si aggiungeranno dei moltiplicatori bonus al danno, scatenando offensive devastanti contro i malcapitati. Da notare però che la barra di gruppo è utilizzabile anche come strumento difensivo, perché una singola unità consente di rianimare un compagno caduto: nel caso fosse il giocatore a raggiungere 0 HP, la presenza di almeno un terzo della barra permetterà alla CPU di provare a rimettere in sesto il protagonista. Se così non fosse, si incorrerà nella sconfitta e il party verrà teletrasportato all'ultimo punto di interesse incontrato. Per ricaricare la barra di gruppo sarà necessario eseguire correttamente varie azioni, come i QTE di affinità, colpi critici e attivare gli effetti aggiuntivi delle Abilità.

    Particolarità e punti di contatto

    Ogni scontro in Xenoblade Chronicles è totalmente indipendente dagli altri. Questo perché i punti vita si ripristineranno in automatico terminata la battaglia, eliminando così la necessità di dover ricorrere a oggetti consumabili durante o fuori dagli scontri. La presenza di abilità specifiche per curarsi e l'assenza di MP - rimpiazzati dal tempo di ricarica delle Tecniche - permettono una transizione fluida tra uno scontro e l'altro, senza il bisogno di interrompere l'esplorazione per tornare in villaggi e punti di ristoro.

    Invece, un punto di contatto significativo con la tradizione degli MMO consiste nel concetto di "Ira" solitamente conosciuto come "Aggro". Rappresentata da un cerchio rosso sotto ai personaggi, l'ira indica verso quale membro è rivolta l'attenzione dei nemici e quali saranno i bersagli dei loro attacchi.

    Se l'ira sarà concentrata sul protagonista, sarà quasi impossibile spostarsi da un posizionamento frontale rispetto al nostro avversario. È importante quindi conoscere i vari personaggi e capire a quale categoria appartengono. Reyn, ad esempio, è quello che classicamente potremmo definire un Tanker: grazie alle sue Tecniche infatti sarà in grado di attirare tutta l'ira su di sé, inoltre i suoi elevati HP e le ottime statistiche difensive gli permetteranno di incassare ingenti danni senza problemi.

    Esperienza e crescita

    In Xenoblade la progressione del personaggio tiene conto di più fattori. Al termine di ogni scontro guadagneremo infatti i punti "esperienza", "tecnica" e "abilità". I primi ci consentiranno di salire di livello e, come la tradizione ci insegna, ad ogni level-up corrisponderà un incremento delle statistiche numeriche sia offensive che difensive. Su questa progressione non avremo nessun tipo di controllo diretto.

    Discorso diverso per i punti tecnica. Questi saranno dei punti spendibili nel potenziamento delle proprie tecniche, ognuna delle quali sarà potenziabile dieci volte, richiedendo sempre più PT da un traguardo all'altro. Infine i punti abilità saranno spendibili all'interno dell'albero abilità attivo in quel momento. Ogni personaggio disporrà inizialmente di 3 skill tree che diventeranno 5 progredendo con la storia.

    Ognuno di questi non solo garantisce determinate abilità passive ma anche dei bonus consistenti che aumenteranno man mano che investiremo i PA. Selezionando un determinato albero daremo una forte virata allo stile di gioco di ogni protagonista, creando così delle vere e proprie "sottoclassi". Inoltre tramite l'affinità tra i vari personaggi sarà possibile connettere i rami per condividere le abilità , sempre che queste siano compatibili tra di esse: la compatibilità sarà dettata dalla forma all'interno degli alberi.

    Equipaggiamento e agilità

    Per concludere, è necessario mettere in evidenza l'importanza dell'equipaggiamento. Tanto le armi, quanto le armature, modificheranno non di poco le statistiche dei personaggi. Così, pur non avendo controllo sulla crescita numerica tra un livello e l'altro, potremo incrementare determinati parametri con l'equipaggiamento giusto. Inoltre, molti oggetti disporranno di incavi in cui posizionare delle gemme, che garantiranno ulteriori bonus. Non manca anche la possibilità di crearle su misura, sfruttando l'etere recuperato durante l'esplorazione.

    È chiaro che per Xenoblade Chronicles Definitive Edition gli sviluppatori abbiano creato un impianto di gioco pensato per essere estremamente personalizzabile, invogliando così i giocatori a sperimentare il più possibile. Si può dare origine a build diversissime tra di loro, ognuna dotata delle sue caratteristiche vincenti, va però sottolineato come ci sia un parametro che assume un'importanza ben più marcata rispetto agli altri: la statistica dell'agilità.

    Questa racchiude due caratteristiche di solito separate tra di loro, ovvero la capacità di mettere a segno gli attacchi e l'abilità di schivare i colpi dei nemici. Investire da subito in equipaggiamento e alberi abilità pensati per potenziare l'agilità è una scelta vincente e, nel caso doveste trovare difficoltà nel superare alcune sezioni della storia principale o qualche missione secondaria, dare priorità a questa statistica vi aiuterà a capovolgere la situazione in vostro favore.

    Nonostante il combat system di Xenoblade Chornicles Definitive Edition sia sostanzialmente invariato rispetto a quanto visto originariamente su Wii, l'esperienza complessiva è ancora in grado di regalare una sfida adeguata a tutti i tipi di utenti. L'invito è quindi quello di non lasciarsi spaventare dalla mole di informazioni che rischia di sovrastare il giocatore nelle prime sessioni e sperimentare il più possibile con un JRPG atipico ma allo stesso tempo tremendamente classico: motivo per cui Xenoblade Chornicles è un capolavoro senza tempo.

    Che voto dai a: Xenoblade Chronicles Definitive Edition

    Media Voto Utenti
    Voti: 23
    9
    nd