5 giochi da non perdere se amate Resident Evil: da Dead Space a The Evil Within

5 giochi da non perdere se amate Resident Evil: da Dead Space a The Evil Within
di

Quando si parla di survival horror, Resident Evil è probabilmente il primissimo nome che viene in mente. La serie Capcom è ancora oggi tra le più famose del panorama videoludico, con uscite costanti nel corso degli anni. Ma se li avete ormai giocati tutti e ne volete ancora, ci sono valide alternative a cui rivolgersi.

Di seguito vi citiamo 5 giochi da non perdere se amate Resident Evil e che potrebbero regalarvi molte soddisfazioni se ancora non li conoscete:

Cold Fear

Sebbene l'opera targata Ubisoft sia ormai piuttosto datata (è stata pubblicata nel 2005 su PS2, Xbox e PC nel 2005), Cold Fear meriterebbe di essere riscoperto. Oltre a riprendere lo stile di Resident Evil 4 in termini di telecamere, il titolo Ubisoft colpisce per la sua ambientazione incentrata su un'enorme nave da cargo dispersa nell'oceano: il continuo oscillare delle inquadrature a causa della forza del mare rende più complicato prendere correttamente la mira aumentando così la tensione trasmetta dall'avventura. Anche solo per questa particolare idea vale la pena dare una chance a Cold Fear.

Daymare

Forse il brand più legato di tutti all'icona Capcom: l'originale Daymare 1998 nasce infatti come remake amatoriale di Resident Evil 2 sviluppato dal team italiano Invader Studio, in un'epoca in cui il vero Resident Evil 2 Remake ancora non era stato annunciato dalla compagnia nipponica. Dopo alcuni incontri con la stessa Capcom, Invader Studio dà vita ad un'IP nuova di zecca che riprende tantissimo lo stile e le atmosfere di Resident Evil: oltre ad inquadrature in terza persona, Daymare 1998 punta forte sul senso di sopravvivenza e sulla risoluzione di enigmi sempre più elaborati che richiamano alla serie il leggendario brand Action/Horror. Nel 2023 arriva anche il prequel: la nostra recensione di Daymare 1994 Sandcastle vi rivela nel dettaglio tutto ciò che volete sapere sul gioco.

Dead Space

Probabilmente il nome più popolare ed importante tra quelli citati. La serie di Dead Space inizia nel 2008 grazie agli sforzi di Electronic Arts e della fu Visceral Games: pur ricalcando l'impostazione dei moderni Resident Evil, l'avventura con protagonista l'ingegnere Isaac Clarke mette fortemente l'accento sull'orrore ed il terrore grazie alla splendida ambientazione dell'USG Ishimura e la caratterizzazione dei Necromorfi, tra i nemici più atroci ed inquietanti mai visti in un survival horror. Dopo un decennio di pausa, il franchise torna in scena nel 2023 con Dead Space Remake, una scelta assolutamente imperdibile per ogni amante del genere.

The Evil Within

Altra serie strettamente legata all'opera Capcom: dietro la nascita di The Evil Within c'è infatti Shinji Mikami, il papà di Resident Evil in persona, che ha sviluppato il progetto quando era ancora parte di Tango Gameworks. Il primo episodio della serie ha numerosi richiami al franchise di riferimento, in particolare a Resident Evil 4, e mescola continuamente azione, atmosfere horror e risoluzione di rompicapi dando vita ad un mix magari imperfetto ma comunque efficace. The Evil Within 2, invece, punta in maniera più marcata sull'azione a parziale discapito delle atmosfere, dimostrandosi però un seguito efficace e curato. Entrambi i giochi, dunque, meritano la vostra attenzione.

Tormented Souls

Realizzato da Dual Effect ed Abstract Digital, Tormented Souls è ispirato più agli originali Resident Evil per PS1 anziché i moderni successori: lo stile adottato per scenari ed enigmi, così come la gestione dell'inventario e le inquadrature utilizzate, catapultano i giocatori all'epoca della prima PlayStation mettendoli davanti ad un survival horror vecchia scuola dove la sopravvivenza ha il ruolo principale rispetto all'azione. Al netto di un comparto tecnico molto datato, l'avventura con protagonista Caroline Walker potrebbe soddisfare i più nostalgici. Il tutto senza dimenticare che Tormented Souls 2 arriverà nel 2024, pronto ad offrire altri inquietanti orrori ai fan.