Activision e il caso molestie: l'indagine indipendente 'assolve' i dirigenti

Activision e il caso molestie: l'indagine indipendente 'assolve' i dirigenti
di

Stando a quanto emerso nell'indagine indipendente sul caso molestie di Activision Blizzard avviato dal consiglio di amministrazione, i massimi dirigenti della compagnia non avrebbero minimizzato o ignorato le accuse di molestie emerse in questi mesi da dipendenti ed ex membri del colosso videoludico.

Nel documento redatto e depositato dalla SEC, i membri della commissione d'indagine indipendente incaricata di accertare le possibili responsabilità delle alte sfere di Activision Blizzard sulla spinosa questione delle accuse di molestie spiegano che, in base alle prove raccolte, i dirigenti della compagnia non sarebbero intervenuti per 'insabbiare' o minimizzare l'accaduto.

In un passaggio della documentazione prodotta dalla commissione d'indagine, si legge infatti che "il consiglio e i suoi consulenti esterni hanno stabilito che non ci sono prove che suggeriscano che i dirigenti senior di Activision Blizzard abbiano mai intenzionalmente ignorato, o tentato di minimizzare, i casi di molestie di genere che sono stati segnalati. Il lavoro svolto non ha portato alla luce alcuna prova, diretta o indiretta, a sostegno della tesi secondo la quale uno o più dirigenti abbiano nascosto informazioni al Consiglio".

Nell'indagine, emerge anche l'estraneità dei membri del consiglio di ammistrazione in attività di depistaggio o minimizzazione dei casi di molestie. Prendendo spunto dall'analisi svolta dai consulenti esterni, il board di Activision Blizzard intende mettere presto ai voti la proposta di elaborare un rapporto per rafforzare ulteriormente gli sforzi della compagnia nella prevenzione di abusi e molestie, come pure nella difesa dei dipendenti.

FONTE: IGN.com
Quanto è interessante?
4