Esport

Artifact: Valve punta sull'esport? Twitch potrà dirci se sarà un successo

Artifact: Valve punta sull'esport? Twitch potrà dirci se sarà un successo
di

Artifact, il gioco di carte targato Valve basato sull'universo di Dota 2, sembra voler irrompere sulla scena esport per conquistare giocatori attraverso un ambiente altamente competitivo.

In questo senso, le visualizzazioni del gioco su Twitch potrebbero servire come parametro per misurare il successo e prevedere il futuro del gioco di carte targato Valve. Artifact ha lasciato un segno immediato su Twitch con 5.07 milioni di ore di osservazione a novembre. Magic: The Gathering, ad esempio, ha accumulato 6.12 milioni; Hearthstone ne ha collezionate un totale di 16.99 milioni.

Anche se questi numeri non sono nemmeno paragonabili a giochi come League of Legends o Fortnite, una volta che ci si avvicina a una competizione o all'uscita di una nuova espansione, i numeri iniziano a cambiare. I giochi di carte, rispetto ad altri titoli più movimentati, non riescono a ottenere nemmeno dagli influencer grossi numeri.

Hearthstone, ad esempio, ha un numero irresistibile di spettatori grazie a una manciata di influencer. La “qualità” del proprio pubblico lo premia, rendendolo uno dei più visti sulla piattaforma. Il pubblico di giochi di carte digitali, quindi, è molto influenzato dall'atmosfera competitiva offerta dai tornei su larga scala.

In questo senso, Valve ha tentato di anticipare i tempi: già all'inizio di quest'anno, addirittura prima che il pubblico potesse leggere qualcosa di ufficiale su Artifact, il colosso di Gabe Newell ha rilasciato le prime informazioni riguardo al debutto del titolo nell'esport. La competizione avrà luogo all'inizio del 2019 con un montepremi di 1 milione di Dollari.

Sebbene non siano stati ancora rilasciati molti dettagli, potrebbe valere la pena aspettare che Artifact si sviluppi prima come un esport che attendere un (possibile? Improbabile?) sorpasso su Hearthstone o su altri card game.

Quanto è interessante?
4