L'autore di Star Citizen difende Anthem: BioWare può ancora sistemarlo

L'autore di Star Citizen difende Anthem: BioWare può ancora sistemarlo
di

Nel corso di un'intervista pubblicata sulle pagine di Newsweek, Chris Roberts ha discusso dei problemi di Anthem e delle critiche mosse a Electronic Arts e ai ragazzi di BioWare, specie dopo la pubblicazione da parte di Jason Schreier dell'ormai famoso articolo che ne ripercorreva il sofferto periodo di sviluppo.

"Ho giocato ad Anthem e ci sono un sacco di cose belle all'interno di quel titolo", ha dichiarato l'ideatore del ciclopico progetto di Star Citizen prima di aggiungere che "ha al suo interno cose che funzionano molto bene, ma anche cose che non funzionano come dovrebbero e cose che non funzionano affatto. Somiglia molto a ciò che sto cercando di fare con Star Citizen, è un progetto a sviluppo continuo, l'iterazione di un qualcosa che migliorerà col tempo. Spero solo che EA e BioWare non si arrendano, devono impegnarsi a svilupparlo e migliorarlo per farlo funzionare".

Nel fotografare il delicato periodo vissuto da BioWare, Roberts ci invita a guardare a No Man's Sky e alla passione profusa da Sean Murray e dal suo team di sviluppo per superare le criticità del titolo di lancio tramite la pubblicazione di aggiornamenti che hanno contribuito ad evolvere il progetto: "C'erano solo 13 persone a sviluppare No Man's Sky e guarda cosa sono riusciti a tirare fuori. [...] Il problema iniziale era che le aspettative dei giocatori erano così lontane dalla realtà, hanno immaginato tutte queste cose extra che non potevano entrare nel gioco. Hanno subito un'enorme quantità di critiche, ma si sono impegnati e hanno continuato ad aggiornarlo e a migliorarlo. Ora la percezione di quel gioco è cambiata e la stessa cosa può succedere con Anthem".

Lo stesso boss di Cloud Imperium Games ammette però che "parte del problema è che Anthem si porta dietro la cattiva nomea di EA e le persone sono predisposte a criticarlo perchè ritengono che EA rovini tutto. La gente ricorda poi il problematico sviluppo di Mass Effect Andromeda e crede che EA abbia indotto ancora una volta BioWare a rispettare delle tempistiche di lancio troppo stringenti. Non so se questa cosa sia vera o meno, ma di certo l'articolo di Kotaku ha contribuito a gettare benzina sul fuoco e ad alimentare i toni già accesi di questa discussione".

Quanto al futuro di Anthem, i vertici di BioWare sembrerebbero intenzionati a "cambiare passo" e superare questa crisi: la sussidiaria canadese di Electronic Arts si è infatti messa alla ricerca di un nuovo Loot System Designer che contribuisca a migliorare l'endgame del kolossal sci-fi che, nel frattempo, continua ad essere criticato dagli appassionati, come dimostra l'impietosa bocciatura ottenuta in un recente sondaggio indetto tra gli utenti di Reddit.

FONTE: Newsweek
Quanto è interessante?
9