Bandai Namco contro la guerra in Ucraina: donati 100 milioni di yen a Save the Children

Bandai Namco contro la guerra in Ucraina: donati 100 milioni di yen a Save the Children
di

Alla luce della spaventosa crisi umanitaria causata dall'invasione russa dell'Ucraina, il Gruppo Bandai Namco ribadisce la propria contrarietà alla guerra e si impegna a donare 100 milioni di yen a Save the Children.

Nell'annunciare questa lodevole iniziativa a sostegno della popolazione ucraina, i curatori dei social di Bandai Namco riferiscono appunto che il Gruppo ha deciso di effettuare una donazione da 100 milioni di yen a Save the Children, a supporto della causa portata avanti da chi sta facendo fronte alla crisi umanitaria delle vittime della guerra in Ucraina e di tutti coloro che cercano rifugio fuori dal Paese.

"Speriamo che le comunità colpite da questa crisi possano tornare al più presto a vivere in pace", si chiude il comunicato che preannuncia la donazione a Save the Children da 100 milioni di yen, corrispondenti al tasso di cambio attuale a circa 780.000 euro.

Nei giorni scorsi, anche altri colossi dell'industria videoludica hanno preso posizione contro la guerra in Ucraina, annunciando donazioni a enti impegnati nel supporto ai rifugiati e bloccando le vendite dei propri giochi, prodotti e servizi in Russia e Bielorussia: tra questi, citiamo a titolo d'esempio Activision Blizzard, CD Projekt, Nintendo, Sony, Microsoft, Electronic Arts, Take-Two e tante altre aziende del settore.

Quanto è interessante?
6