Jim Ryan contro Microsoft: inadeguata l'offerta per tenere Call of Duty su PlayStation

Jim Ryan contro Microsoft: inadeguata l'offerta per tenere Call of Duty su PlayStation
di

Continua a far discutere l'accordo stretto tra Microsoft e Activision-Blizzard che porterà Call of Duty a diventare una IP totalmente in mano al colosso di Redmond. Sebbene Phil Spencer abbia chiarito che lo sparatutto continuerà ad arrivare su PlayStation nei prossimi anni, Jim Ryan è intervenuto per puntare il dito contro il leader di Xbox.

Rivolgendosi a GamesIndustry.biz, Ryan ha definito "inadeguata" l'offerta di Microsoft di tenere Call of Duty su PlayStation per altri tre anni dopo la fine degli accordi esistenti. Non sappiamo quanti anni di collaborazione siano ancora previsti tra Activision e Sony in merito al franchise di Call of Duty, ma il presidente di Sony Interactive Entertainent è evidentemente preoccupato dei risvolti che potrebbe avere l'acquisizione del publisher da parte di Microsoft.

"Non avevo intenzione di commentare quella che intendevo una discussione d'affari privata, ma sento il bisogno di mettere le cose in chiaro perché Phil Spencer l'ha portata in pubblica piazza", ha dichiarato Ryan. "Microsoft ha proposto che Call of Duty rimanga su PlayStation solo per tre anni dopo la fine dell'attuale accordo tra Activision e Sony. Dopo quasi 20 anni di Call of Duty su PlayStation, la loro proposta è stata inadeguata su molti livelli e non ha tenuto conto dell'impatto sui nostri giocatori. Vogliamo garantire che i giocatori PlayStation continuino ad avere l'esperienza Call of Duty della massima qualità e la proposta di Microsoft mina questo principio".

La discussione sembra tutt'altro che finita, e staremo a vedere se nelle prossime ore arriverà una nuova replica da parte di Phil Spencer, che era già entrato in contatto diretto con Jim Ryan per rassicurarlo sulla questione Call of Duty.

Quanto è interessante?
17