Esport

Call of Duty League: oltre alle franchigie torneranno gli Open Bracket?

Call of Duty League: oltre alle franchigie torneranno gli Open Bracket?
di

Come sappiamo, la Call of Duty League è ormai realtà e inizierà con la stagione 2020, portando un bel po' di novità, a partire dal formato a franchigia.

A seguito delle lamentele dei molti appassionati, timorosi di vedersi esclusi dalla trasformazione elitaria del settore competitivo, però, è stata resa pubblica anche un'informazione interessante: gli Open Bracket torneranno, per la gioia delle squadre che non sono all'interno della lega ormai chiusa a doppia mandata.

Ora, nonostante nessun team proveniente dall'Open Bracket sia mai riuscito a vincere un evento importante, questo formato ha comunque dato alle squadre amatoriali la spinta per continuare a competere nella speranza di poterlo fare. Motore di questa realtà è stata la storica Major League Gaming la quale, purtroppo, si è defilata da Call of Duty.

Secondo una recente dichiarazione, viene dunque esplicitato che la scena amatoriale sarà ancora una parte importante dei piani della nascente lega. Speriamo non si riveli una sorta di “Path to Pro” come quello di Overwatch, che ha portato molte squadre minori a sospendere i propri sforzi nell'hero shooter in quanto inutili.

Si sostiene che i tre livelli del rinnovato sistema sono: i giocatori professionisti, i giocatori amatoriali e la community. Non è chiaro come o quando questi eventi avranno luogo, ma i tornei online e LAN sono apparentemente confermati.

Continuare la tradizione delle Open Brackets è ottimo non solo per la community ma anche per i giocatori. Presumibilmente, gli eventi Open Bracket inizieranno contemporaneamente alla stagione CDL 2020.

Quanto è interessante?
3