di

A seguito del matrimonio tra Xbox e Activision-Blizzard, gli appassionati videoludici si sono domandati se un franchise gigantesco come Call of Duty sarebbe diventato esclusiva Microsoft o se invece la serie sparatutto potesse continuare ad esistere anche sulle piattaforme PlayStation.

Dopo ore di speculazioni e voci di corridoio, abbiamo finalmente una dichiarazione ufficiale da parte di Phil Spencer. Il leader di Microsoft Gaming è intervenuto con un post su Twitter per specificare che Call of Duty non sparirà dalle console PlayStation. A quanto pare Spencer e Sony hanno discusso dell'argomento nel corso di questa settimana, e Microsoft ha confermato che gli obblighi contrattuali saranno rispettati come da programma.

"Ho avuto un incontro positivo con i leader di Sony questa settimana. Ho confermato la nostra intenzione di onorare tutti gli accordi esistenti dopo l'acquisizione di Activision Blizzard e il nostro desiderio di mantenere Call of Duty su PlayStation. Sony è una parte importante del nostro settore e apprezziamo il nostro rapporto". A meno di future precisazioni, magari riguardanti contenuti specifici dei prossimi capitoli premium della serie, la discussione riguardo all'eventuale esclusività del brand di Call of Duty sembra a questo punto conclusa.

Spencer ha speso parole di apprezzamento verso Sony quando si è detto preoccupato per l'impatto che potrebbero avere sul mercato le azienda lontane dal mondo videoludico.

Quanto è interessante?
14