Capcom ribadisce: Resident Evil 7 è un ritorno alle origini

di

Resident Evil 7 ha l'arduo compito di riconquistare quella fetta di utenti affezionati ai primi episodi della serie survival horror di Capcom. Essendo incentrati più sull'action che sulle componenti survival, gli ultimi capitoli hanno deluso profondamente i fan di vecchia data.

Masachika Kawata, producer di Resident Evil 7, ha affermato di voler cambiare rotta con questo nuovo capitolo, cercando di ammodernarlo dal punto di vista tecnico, ma incentrandolo sul concept originale della serie a cui appartiene. "Resident Evil 4, 5 e 6 erano più improntati sull'action e prendevano luogo su ambientazioni più ampie. Quindi, con il prossimo gioco non avevano intenzione di ingrandirle ancor di più", le sue parole al Reno Gazette-Journal. Al contrario, Capcom ha quindi voluto reintegrare quel senso claustrofobico che caratterizzava i primi capitoli, seppur adottando un nuovo sistema di telecamera. "In termini di prospettiva in prima persona e di telecamera fissa, quello che sei in grado di vedere può essere diverso, ma ciò che rimane è sempre un punto cieco irraggiungibile da entrambi i sistemi. Se guardate il gameplay, è avvertibile il classico feeling dei vecchi Resident Evil. Ci siamo chiesti cosa rendesse la serie tanto speciale; per questo ci siamo lasciati ispirare moltissimo dal primo episodio per la realizzazione di Resident Evil 7".

Resident Evil 7 uscirà il 24 gennaio per PC, PS4 e Xbox One. Quali sono le vostre sensazioni per il ritorno di una delle più amate serie prodotte da Capcom?

Quanto è interessante?
0